Trattare con la Russia nella “migliore tradizione tedesca”! | Di Rainer Rupp

Un commento di Rainer Rupp.

All’inizio della settimana, i ministri degli Esteri dell’Organizzazione del Terrore del Nord Atlantico (NATO) hanno tenuto la loro riunione annuale, questa volta in videoconferenza con la corona. Nel mirino dell’attacco NATO i politici sono sempre stati quei paesi che non si sono ancora volontariamente sottomessi alle richieste della comunità occidentale senza valore e hanno rinunciato alla loro sovranità nazionale nell’interesse delle società finanziarie transnazionali. Questo vale soprattutto per la Russia e la Cina. Come previsto, proprio all’inizio della conferenza il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha addirittura portato esplicitamente alla ribalta il principio guida dei guerrieri occidentali di aggressione, ovvero che “Cina e Russia rappresentano una minaccia crescente per l’alleanza occidentale”.

Nella logica degli espansionisti militaristi questo è logico. Perché se i russi con armi pesanti della NATO vengono spostati sempre più vicino alla pelliccia, e anche i carri armati tedeschi sul confine estone/russo a soli 160 chilometri da San Pietroburgo si esercitano ad attaccare, — no, scusatemi, — difendendo il mondo libero, allora i militari russi potrebbero diventare nervosi e fraintendere e reagire militarmente in modo eccessivo agli sforzi pacifici delle democrazie occidentali per un mercato libero e sfrenato e il diritto al massimo sfruttamento. Ecco perché l’Organizzazione Terroristica del Nord Atlantico deve urgentemente aggiornarsi per essere meglio preparata a tali situazioni.

Di conseguenza, il precetto della conferenza è: “Armamento, non sicurezza reciproca attraverso la negoziazione”. Questa è anche l’opinione del ministro della guerra tedesco Annegret Krampf-Knarrenbauer. Anche per questa signora, infatti, è radicata l’idea che le orde russe incolte provenienti dalle profondità della Siberia capiscano una sola lingua, quella dei Knute. Ecco perché il cricket maker è profondamente convinto che a noi tedeschi “nella migliore tradizione tedesca” dovrebbe essere permesso di negoziare con i russi solo da “una posizione di forza”.

Nella migliore tradizione tedesca, negoziare solo da una posizione di forza? Chi non sente un brivido lungo la schiena quando sente queste parole dalla bocca del ministro della guerra tedesco non conosce le peggiori tragedie della storia tedesca. Con questo argomento, cioè che la pace può essere garantita solo da una posizione di forza, la popolazione in Germania è stata ripetutamente ingannata per prepararsi alla prima e alla seconda guerra mondiale. Se questo pericoloso gioco del destino è in linea con “la migliore tradizione tedesca”, come sostiene la signora Knarrenbauer, allora, di fronte a questo cinismo sprezzante della signora della CDU del Saarland, l’unica cosa che mi viene in mente è il detto del pittore Max Liebermann, che il 30 gennaio 1933 disse in una determinata occasione: “Non posso mangiare tanto quanto vorrei vomitare”.

Affinché nessuno creda che l’indicibile citazione dei fabbricanti di armi sia falsa o fuori contesto, si riporta quanto segue dal verbale della 194a sessione del Bundestag tedesco, 19° mandato, a Berlino mercoledì 25 novembre 2020, alle pagine 24467 e 24468. (Il link al documento ufficiale è qui)

In questa sessione, la parlamentare dell’FDP Dr. Marie-Agnes Strack-Zimmermann ha invitato i fabbricanti di armi a spiegare cosa intendeva quando una settimana prima, nel suo discorso di apertura all’Università Helmut Schmidt di Amburgo, aveva parlato della “necessità di imporre verità scomode alla popolazione tedesca su ciò che sta accadendo, soprattutto in materia di politica di sicurezza”. Ha invitato i costruttori di carrelli a nominare ora queste verità, che “a suo parere la popolazione non conosce ancora e ha bisogno di sapere con urgenza”.

Dopo un discorso introduttivo, senza senso, di quasi cento parole, il ministro Knarrenbauer è diventato un po’ più specifico e ha detto: che

“Per quanto riguarda l’architettura della sicurezza (noi) da un lato vediamo che le minacce sono cresciute anche nel nostro quartiere, e che dall’altro vediamo che siamo ancora fortemente dipendenti dalle capacità della parte americana, per esempio. Chi vuole contrastare queste minacce per poter condurre un buon negoziato da una posizione di forza della vecchia tradizione tedesca, e non solo con la parte americana, deve investire di più (militarmente) e fare di più in Europa.

Il Dr. Alexander S. Neu di DIE LINKE ha poi posto una domanda all’AKK:

“Signora Ministro, lei ha appena sollevato la questione del denaro. Secondo il SIPRI, gli Stati europei membri della NATO spendono per i loro eserciti circa 279 miliardi di dollari, quattro volte di più della Federazione Russa e 20 miliardi di dollari in più rispetto alla Federazione Russa e alla Repubblica Popolare Cinese messe insieme. Quante volte ancora gli Stati membri europei, Germania compresa, dovrebbero spendere per generare un senso di superiorità?

A questa domanda ha risposto il fabbricante di armi:

“Indipendentemente dalla cifra da lei menzionata, è un dato di fatto che la parte russa ha investito massicciamente nella modernizzazione delle sue forze armate, che ha nuove armi, che la minaccia è diventata molto più evidente. Su questo punto raccomanderei un colloquio con i colleghi dei Paesi baltici, della Svezia, dell’Europa centrale e orientale. Se vogliamo venire da una posizione di forza in questo caso nelle trattative – comprese quelle per il disarmo – allora dobbiamo rafforzare la nostra posizione. Anche questa è sempre stata una buona tradizione della politica estera tedesca, e dovrebbe rimanere tale anche in futuro.

Il verbale contiene poi la seguente osservazione: “Applausi dalla CDU/CSU e dal Dr. Eberhard Brecht [SPD].

Due giorni dopo l’indicibile dichiarazione dell’AKK nel Bundestag, il 27 novembre il ministero della difesa russo ha preso la parola con un commento del suo portavoce, il generale maggiore Igor Konaschenkow. Ecco il testo che vale la pena leggere:

“Non volevamo affrettarci a rispondere, perché ci aspettavamo che i politici sensibili in Germania correggessero il ministro stesso, considerando i risultati che il rispetto di tali appelli aveva portato. Purtroppo non è stato così”.

“Non è la prima volta che dobbiamo concludere che le dichiarazioni dei singoli politici della Repubblica Federale Tedesca riguardo all’instaurazione di un dialogo con la Russia ricordano i tentativi di un alunno delle scuole elementari di compensare la sua ignoranza dell’argomento con il volume di sciocchezze articolate”.

“La signora Annegret Kramp-Karrenbauer ha ricoperto solo recentemente la carica di Ministro della Difesa tedesco. Come il suo predecessore, tuttavia, dimostra l’incapacità di proporre qualcosa di significativo per il reale consolidamento della sicurezza in Europa”.

“Dobbiamo ricordare alla signora Kramp-Karrenbauer che, tra tutte le cose, la “buona posizione della politica estera tedesca” da lei recentemente proposta al Bundestag, per condurre il dialogo “da una posizione di forza”, ha portato in diverse occasioni nel XX secolo a tragiche conseguenze per il mondo intero, per la Germania e per il popolo tedesco”.

Sempre due giorni dopo, il 29 novembre, Mariya Sakharova, portavoce del Ministero degli Esteri russo, ha commentato anche la dichiarazione dell’AKK sulla necessità di trattare con la Russia. La signora Sakharova si è occupata prima di tutto della “dipendenza” della Repubblica Federale Tedesca dagli USA, che l’AKK ha sottolineato. Qui di seguito il testo del Ministero degli Esteri russo:

“Finora la Germania si è trovata in una posizione dubitatamente buona, ma certamente molto interessante – quella di ‘paese dipendente nel settore della sicurezza’. Sorprendentemente, questa non è la mia conclusione. Cito la stessa Annegret, che ha ammesso che senza gli USA, la RFT è completamente instabile in ambito militare.

“Di quale ‘posizione di forza’ possiamo parlare allora? Ovviamente non si intende la propria forza. Oppure Kramp-Karrenbauer ha le chiavi del Pentagono? Se si giudica dal modo in cui gli ambasciatori americani parlano con i loro omologhi tedeschi, è vero il contrario.

“Guardiamo i fatti”.

“La Germania è la patria del più grande contingente americano (dopo il Giappone) Questa è la prova del carattere della presenza statunitense nella RFT. Perché in altri paesi del continente europeo ci sono un numero di volte inferiore di basi americane”.

“Cosa si può dire della ‘forza della politica estera tedesca’, visto che Washington ha picchiato il Cancelliere, mentre Berlino ha solo sorriso ‘forte’?

“Recentemente, la Germania ha espresso insoddisfazione per i piani degli Stati Uniti di trasferire parzialmente le truppe americane in altri paesi. È forte, non c’è niente da dire”.

“Oppure prendiamo come esempio le scorte di armi nucleari statunitensi accumulate in Germania. Questo può essere un punto di forza, ma non è uno dei nostri. Naturalmente Berlino è autorizzata ad aderire alle “commissioni nucleari congiunte” degli Stati membri della NATO (condivisione del nucleare), ma solo sotto controllo, sebbene questo evento sia in realtà in contraddizione con lo spirito e la lettera del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari.

“Se la forza c’è, ma non è la tua, se non puoi controllarla, e se non te la lasciano avere mentre hai paura di perderla, allora è un segno di dipendenza. In parole povere, la posizione è debole”.

Non resta che aggiungere: Quando i russi hanno ragione, hanno ragione!

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine:  photocosmos1/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort