La realtà della cospirazione | Di Simone Hörrlein

L’affermazione che esiste un’agenda globale per le vaccinazioni è respinta dai politici e dai media come teoria della cospirazione – ma è vero.

Un commento di Simone Hörrlein.

Nota sull’articolo: Il seguente testo è apparso per la prima volta su “Rubikon – Magazin für die kritische Masse”, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

Con l’uso ampiamente diffamatorio della parola “teoria della cospirazione” tutti coloro che vogliono difendere lo status quo politico hanno ottenuto un successo di pubbliche relazioni. Basta usare il termine contro un solo avversario – è già marchiato, e per tutti gli altri non è necessario discutere le teorie in modo fattivo. Al suo interno, si tratta di un’agenda politica non pubblica sulla quale tutti i non iniziati possono solo speculare all’inizio e per la quale possono raccogliere prove. Non c’è bisogno di andare molto indietro nella storia per trovare un esempio di tale agenda. La richiesta “vaccinazione per tutti” è una realtà. Così è la campana mediatica con cui questo piano deve essere ancorato nella mente della gente e convertito dai contemporanei “esitanti”. I documenti dell’UE mostrano cosa c’è veramente dietro.

I teorici della cospirazione stanno diventando sempre più numerosi e mettono in pericolo – così fa eco all’armonia tra politica e “media di qualità” – la nostra democrazia tollerante e pluralista.

Ai tempi di Corona, le teorie cospirative sono in aumento, fantasticando su un programma di vaccinazioni e sulla necessità di carte di immunità. Secondo le assurde e confuse teorie di un numero crescente di portatori di cappelli in alluminio, istituzioni internazionali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), filantropi finanziariamente forti come Bill Gates e l’industria dei vaccini hanno cospirato per raggiungere questo obiettivo.

Cosa c’è dietro queste affermazioni?

Sono davvero solo stupide teorie cospirative o c’è davvero una cospirazione che ha in mente interessi completamente diversi da quelli di tutto il nostro benessere?

Se i nostri rappresentanti dei media della stampa, della radio e della televisione hanno la loro strada, allora la questione è chiarissima: chiunque faccia queste “stronzate” non può essere altro che un teorico della cospirazione, un destrorso, un nazista o una specie di estremista. Ma forse è anche una persona gravemente disturbata mentalmente che, se gli sarà permesso, presto intraprenderà azioni violente contro lo Stato di diritto o contro cittadini innocenti.

Perché una cosa è sempre più chiara: chi ha un’opinione diversa da quella “pubblicata” nella tollerante e pluralista Germania è un “fuorilegge”. Come tale, viene prima ignorato, poi ridicolizzato e infine combattuto con ogni possibile mezzo di propaganda. Scienziati e medici come Wolfgang Wodarg, Sucharit Bhakdi, Stephan Hockertz, Stefan Homburg e più recentemente anche Hendrik Streeck, che con il suo studio Heinsberg è stato in grado di generare per la prima volta dati significativi.

Questo continuo restringimento dello spazio del dibattito, come lo chiama Rainer Mausfeld, è andato avanti per un bel po’ di tempo. Ma ai tempi di Corona le cose si stanno lentamente facendo difficili per i guardiani della “libertà di opinione”. Per i documenti attuali della Commissione UE si veda

Un programma di vaccinazione è una realtà. Ad esempio, esiste un calendario delle vaccinazioni perfettamente pianificato il cui obiettivo è quello di “vaccinazioni di routine per tutti”.

Questo piano d’azione non è stato ideato dai nostri rappresentanti eletti, ma da un illustre gruppo di signore e signori della Commissione UE e dell’OMS. Nell’attuazione del piano sono coinvolte anche numerose ONG, fondazioni private e imprese attive a livello internazionale. Tutti questi individui e gruppi non hanno alcuna legittimità per decidere qualcosa per noi. Come si presenta questo calendario delle vaccinazioni e quali misure saranno adottate,

Le azioni e i progetti da realizzare si trovano in dettaglio nei seguenti documenti:

  • “Rapporto Flash finale della riunione plenaria del Comitato per la sicurezza sanitaria” – Dicembre 2019 Riunione plenaria del Comitato per la sicurezza sanitaria
  • “Roadmap sulla vaccinazione” del marzo 2019
  • Dieci azioni per la vaccinazione per tutti” – Programma d’azione in 10 punti per “Vaccini per tutti”, adottato al Global Vaccine Summit del settembre 2019

Con molto anticipo – tutti e tre i documenti perseguono lo stesso obiettivo: aumentare la copertura vaccinale nell’UE. Dice letteralmente:

“Le vaccinazioni per tutti e contro tutto devono essere rese possibili”.

Chi, dopo aver letto i documenti di cui sopra, crede ancora che un programma di vaccinazione globale non sia altro che una teoria cospirativa di stupidi portatori di cappelli di alluminio o che la vaccinazione sia solo per la protezione della nostra salute, crede anche a Babbo Natale.

Ma cosa c’è scritto in questi documenti?

Una cosa è chiara dal contenuto ed è motivo di preoccupazione: la strategia vaccinale, che mira a rendere possibili “vaccinazioni per tutti”, è già in pieno svolgimento senza che il cittadino medio se ne accorga minimamente. Secondo il rapporto della sessione plenaria del Comitato per la sicurezza sanitaria del dicembre 2019, tutti i partecipanti – 22 Stati membri dell’UE, Norvegia e Serbia, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), l’Agenzia esecutiva per la salute dei consumatori, la salute, l’agricoltura e l’alimentazione (Chafea), l’Ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS/Europa) e la DG ECHO, AMBIENTE e SANTE della Commissione europea – hanno votato a favore dell’ulteriore attuazione della cosiddetta roadmap delle vaccinazioni.

Questo piano comprende alcune misure e progetti interessanti

Ad esempio, è in corso una gara d’appalto per uno studio di fattibilità sullo sviluppo di una carta comune di vaccinazione dell’UE, che secondo la Roadmap sulle vaccinazioni diventerà obbligatoria per tutti i cittadini dell’UE già nel 2022.

Quindi, se Jens Spahn si ritira dalla carta di immunità, ciò non significa che non verrà, perché, dopo tutto, il diritto dell’UE ha la precedenza sul diritto nazionale. E poiché Spahn sta attuando solo ciò che i sussurratori dell’UE gli sussurrano all’orecchio, le sue dichiarazioni sulla carta d’immunità non sono altro che sedativi per cittadini sconvolti.

Al fine di garantire a tempo debito la disponibilità di un vaccino sufficiente per tutti noi, è già in corso un bando di gara per uno studio di fattibilità sulla costituzione di scorte fisiche di vaccini. Sono personalmente preoccupato per l’invito a presentare proposte di progetti pubblicato dalla Direzione generale per la ricerca e l’innovazione (DG RTD) nel luglio 2019, che contrasterà l’atteggiamento esitante nei confronti dei vaccini.

Tali misure non solo sono altamente immorali, ma, a mio parere, rasentano già la manipolazione.

Ma non è tutto. È inoltre in fase di progettazione un portale europeo di informazione sui vaccini (EVIP), che sarà creato dall’ECDC con il sostegno dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA). Il portale, si dice, “fornirà “informazioni obiettive, trasparenti e aggiornate sui vaccini e le vaccinazioni, i loro benefici e la loro sicurezza, e il processo di farmacovigilanza”.

La farmacovigilanza consiste nel rilevare, documentare e valutare le reazioni avverse ai farmaci. Questo non si sposa perfettamente con il fatto che ci verranno somministrati vaccini completamente nuovi che non sono stati sufficientemente testati? Ora hanno senso anche le richieste del top virologo Christian Drosten e del suo sponsor Bill Gates, che entrambi sostengono pubblicamente una più facile approvazione della nuova tecnologia del vaccino. Chi ha bisogno di costose sperimentazioni cliniche quando si può avere una sperimentazione sul campo gratuita con l’intera popolazione?

Un altro organismo che dovrebbe spingere le vaccinazioni in tutta Europa è la Coalizione per i vaccini: Secondo il documento della sessione plenaria, si tratta di un gruppo di 16 membri che – sotto la guida del Comitato permanente dei medici europei (CPME), della Federazione europea degli infermieri (EFN) e del Gruppo farmaceutico dell’Unione europea (PGEU) – stanno pianificando impegni per fornire al settore sanitario informazioni adeguate sulle vaccinazioni. Il fatto che si tratti di organizzazioni esclusivamente europee, mentre gli attori puramente nazionali sono assenti, è certamente una pura coincidenza.

E poi c’è l’azione comune (SÌ) sulla vaccinazione. Secondo il rapporto della riunione, sta già attuando un gran numero di obiettivi chiave della tabella di marcia per la vaccinazione: Ad esempio, sta sviluppando meccanismi sostenibili per la cooperazione e la comunicazione tra gli Stati membri e le altre parti interessate per facilitare l’attuazione di una politica globale di vaccinazione. Gli obiettivi di questa politica di vaccinazione sono di migliorare il tasso di copertura vaccinale in Europa e di rafforzare i programmi nazionali di vaccinazione.

Quindi c’è davvero – ascoltate e stupitevi – qualcosa di simile a una politica di vaccinazione globale e a programmi di vaccinazione nazionali che probabilmente vedremo nel prossimo futuro. Perché non ne abbiamo sentito parlare dai nostri rappresentanti eletti o dai nostri media di qualità? Dopo tutto, questa mania di vaccinazione colpisce il nostro diritto fondamentale all’integrità del nostro corpo.

Il Vaccine Confidence Project sottolinea anche che il tutto dovrebbe diventare una questione globale. Il progetto sta conducendo uno studio per catturare l’umore della popolazione mondiale riguardo alla pandemia di corona e per conoscere gli atteggiamenti nei confronti della vaccinazione in generale e dei nuovi vaccini Covid-19 in particolare. La dichiarazione di Bill Gates alla televisione tedesca che vuole vaccinare sette miliardi di persone ha finalmente un senso in questo contesto.

L’Ufficio regionale dell’OMS per l’Europa, che ha riferito alla sessione plenaria sullo stato di avanzamento delle attività, compreso il processo di revisione del Piano d’azione europeo per la vaccinazione, ha concluso che occorre dedicare più tempo alla vaccinazione, in quanto questo è l’unico modo per ottenere finalmente la carta di vaccinazione dell’UE prevista per il 2022 nella “Roadmap sulla vaccinazione”. Vale la pena di leggere questo documento, che illustra in dettaglio l’intero percorso della tabella di marcia per la vaccinazione.

Probabilmente è previsto anche un sistema di informazione sulle vaccinazioni a livello europeo, in cui saranno memorizzati tutti i dati possibili. Nel 2016, l’ECDC ha condotto un’indagine nell’UE su un sistema paneuropeo sul modello del sistema dei Centri americani per il controllo delle malattie (CDC). Il documento “Immunisation Information systems in the EU and EEA” mostra i risultati di questa indagine e l’intera portata di ciò che ci verrà ora imposto nel contesto di questa crisi politica della corona. Raccomando a tutti di leggere questo documento, particolarmente interessante è il punto 3.8 Uso del SII nella pratica. La versione inglese del documento è disponibile qui.

Il Vaccine Summit del 12 settembre 2019, al quale sono stati invitati 400 partecipanti di alto livello provenienti da tutto il mondo, tra cui Nanette Cocero, Presidente del Vaccine Group di Pfizer Biopharmaceuticals; Seth Berkley, Head of the GAVI Vaccine Alliance; Joe Carell, Executive Director for Global Policy presso la Bill & Melinda Gates Foundation; Jason Hirsch, Public Policy Manager di Facebook, per citare solo alcuni degli illustri ospiti, hanno dato un’occhiata altrettanto da vicino.

Ma il grande successo è il piano in 10 punti per “Vaccini per tutti”, che è stato adottato al Vaccines Summit e che è stato anche approvato dalle parti interessate nella sessione plenaria del Comitato Salute. Le 10 azioni del piano sono molto ambiziose. Dice letteralmente:

“I successi duramente conquistati nelle vaccinazioni non devono solo essere sostenuti, ma devono essere fatti sforzi per fare di più e fare meglio”.

La seguente traduzione del documento “10 Azioni verso la vaccinazione per tutti”, che non ha praticamente nulla a che fare con la partecipazione democratica, mostra come si voglia diventare migliori. L’originale inglese si trova qui.

DIECI AZIONI VERSO LA VACCINAZIONE PER TUTTI

  1. Promuovere la leadership politica globale e l’impegno per la vaccinazione. Promuovere una collaborazione e partnership efficaci – internazionali, nazionali, regionali e locali – con le autorità sanitarie, gli operatori sanitari, la società civile, le comunità, gli scienziati e l’industria, per proteggere tutte le persone in tutto il mondo attraverso una copertura immunitaria sempre elevata.
  2. Assicuratevi che tutti i paesi abbiano strategie nazionali di vaccinazione e che le attuino. Assicurare che tutti i Paesi rafforzino la loro sostenibilità finanziaria in linea con i progressi verso l’assistenza sanitaria universale e non lascino indietro nessuno.
  3. Stabilire forti sistemi di sorveglianza per le malattie a prevenzione vaccinale, in particolare quelle da eliminare ed eradicare in tutto il mondo.
  4. Affrontare le cause alla radice che fanno esitare le persone a farsi vaccinare. Aumentare la fiducia nella vaccinazione. Pianificare e realizzare interventi basati sull’evidenza.
  5. Sfruttare le possibilità offerte dalle tecnologie digitali per rafforzare la sorveglianza nell’attuazione dei programmi di vaccinazione.
  6. Ottenere continuamente tutti i dati sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini e sull’impatto dei programmi di vaccinazione attraverso la ricerca in corso.
  7. Continuare gli sforzi e aumentare gli investimenti, compresi nuovi finanziamenti e programmi di incentivazione, nella ricerca, nello sviluppo e nell’innovazione per nuovi o migliori vaccini e per le tecnologie di somministrazione dei vaccini.
  8. Ridurre i rischi di carenza di vaccini: attraverso il miglioramento dei sistemi di monitoraggio della disponibilità, previsione, acquisto, consegna e stoccaggio dei vaccini, e attraverso la collaborazione con i produttori e tutti i partecipanti alla catena di distribuzione. Obiettivo: utilizzare al meglio o aumentare la capacità produttiva esistente.
  9. Permettere agli operatori sanitari e ai media di informare il pubblico in modo efficace, trasparente e obiettivo. Combattere le informazioni false e fuorvianti, anche attraverso la collaborazione con le piattaforme dei social media e le aziende tecnologiche.
  10. Adattare e integrare l’immunizzazione nell’agenda globale per la salute e lo sviluppo attraverso una Renewed Immunization Agenda 2030.Q

Quindi non si può parlare di teorie di cospirazione.

L’idea di una vaccinazione globale contro ogni malattia infettiva immaginabile non è nata dal cervello malato dei teorici della cospirazione, ma dal cervello malato di un gruppo di persone, la maggior parte delle quali non conosciamo nemmeno. Questo scenario è stato perfettamente pianificato e orchestrato, come confermano in modo impressionante tutti i documenti, che ogni membro della stampa può trovare con pochi clic.

A mio avviso, si pone ora la questione di quando i nostri rappresentanti eletti e i media hanno pianificato di informarci sulla politica globale di vaccinazione dell’UE e sulla relativa tabella di marcia per le vaccinazioni?

Quando avremmo dovuto imparare che “la vaccinazione per tutti e contro tutto” dovrebbe presto diventare una realtà anche per noi europei?

E quando avrebbe fatto sapere il signor Spahn che presto avremmo dovuto dimostrare queste vaccinazioni in qualcosa di simile a una tessera di vaccinazione dell’UE? Quando l’RKI ci avrebbe detto che i dati dell’applicazione corona avrebbero potuto essere inseriti in un sistema di informazione sulle vaccinazioni a livello europeo? L’RKI ha partecipato al suddetto sondaggio dell’ECDC per la Germania. Sarebbe anche interessante sapere quali conseguenze si aspettano coloro che rifiutano le vaccinazioni di routine previste e un passaporto di questo tipo.

E dove sono le notizie su questi eventi dell’UE, dove – a nostra insaputa e senza il nostro consenso – vengono prese decisioni importanti che riguardano la salute, l’integrità fisica e la libertà di scelta di tutti noi? Cari giornalisti, avete fallito miseramente!

Vogliamo davvero vivere in un mondo in cui tecnocrati non eletti, privati miliardari e aziende internazionali usano mezzi sleali come la propaganda e la manipolazione a nostre spese per combattere i propri interessi? Non lo voglio!

Di cosa si tratta in realtà, della nostra salute o dei nostri interessi finanziari?

Dobbiamo speculare un po’ su questo. Proviamo un esperimento di pensiero.

Che dietro il mantra che un “ritorno alla normalità” sarebbe di nuovo possibile solo se ci fosse un vaccino contro Covid-19, in realtà ci sono interessi finanziari non è assurdo. L’industria farmaceutica sta producendo sempre meno innovazioni e i brevetti in scadenza stanno causando perdite di vendite a causa di farmaci contraffatti, i cosiddetti generici. Programmi di vaccinazione con vaccinazioni di routine per l’intera popolazione mondiale sarebbero quindi una soluzione intelligente a questo crescente problema. Le aziende farmaceutiche e biotecnologiche di tutto il mondo si stanno affrettando a sviluppare vaccini, l’UE sta finanziando numerosi progetti a questo scopo e il denaro di molti investitori sta attualmente confluendo – come dimostrano i prezzi delle azioni – anche in sviluppatori di vaccini e produttori di sostanze attive contro le malattie infettive di ogni tipo. L’OMS fornisce anche un documento che elenca tutti i candidati al vaccino Covid-19.

Anche Bill Gates sembra saperlo, perché l’uomo che, insieme all’OMS, ha proclamato il Decennio dei vaccini ha già investito in numerose aziende produttrici di vaccini come misura precauzionale. Gates e la sua fondazione hanno anche un ruolo di primo piano nella roadmap globale dei vaccini, che non ispira molta fiducia in vista dei suoi investimenti.

Una società in cui il signor Gates ha investito anche denaro è la società tedesca CureVac AG. L’azienda, che sta sviluppando un vaccino contro la SARS-CoV-2, è per l’80% di proprietà del fondatore di SAP Dietmar Hopp. Con la sua dievini Hopp BioTech Holding GmbH & Co. KG, Hopp investe da 14 anni in aziende biotecnologiche private, con un successo finora modesto.

Ma Corona potrebbe cambiare le cose: Se CureVac riuscirà a portare il suo vaccino a maturità sul mercato, i programmi globali di vaccinazione dovrebbero garantire che gli investimenti di Hopp e Gates siano finalmente ripagati con un interesse composto.

E in effetti le possibilità non sembrano essere negative, perché secondo una notizia apparsa su Manager Magazin del 15 giugno 2020, Hopp vuole portare l’azienda alla borsa statunitense del Nasdaq nel prossimo futuro. Ma per poter approfittare di un aumento del prezzo delle azioni, le prospettive di vendita di milioni di dosi di vaccino dovrebbero essere positive. Per quanto riguarda il vaccino, che è attualmente in fase di sperimentazione in uno studio di Fase 1 e che dovrebbe entrare nella Fase 2 in autunno, le prospettive non sono probabilmente negative. Tuttavia, il previsto studio della fase 2 richiederà individui affetti da SARS-CoV-2, che, secondo gli attuali dati RKI, non sono più disponibili. Una lettura interessante in questo contesto è il Corona Bulletin del RKI del 18 giugno 2020.

Forse è per questo che abbiamo sempre bisogno di nuovi hotspot? È possibile che il nostro governo sia quindi interessato a che il SARSCoV-2 continui a diffondere la paura e il terrore tra la popolazione?

Può essere che l’assurdo obbligo di indossare le maschere sarà mantenuto, anche se tutti sanno che queste maschere non fermeranno un virus? Non lo sappiamo. Ma quello che sappiamo è che la prevista IPO sarà sovvenzionata con il denaro dei contribuenti tedeschi. Sì, il governo tedesco sta mettendo sul tavolo un misero 300 milioni di euro per una quota del 23 per cento di CureVac, mentre i piccoli imprenditori e i liberi professionisti colpiti dal blocco potranno passare in secondo piano. Quello che sappiamo anche noi: Esiste un disegno di legge in vigore, il “Disegno di legge sulla continuazione dell’applicazione di regolamenti e ordinanze della situazione epidemica di rilevanza nazionale di fronte alla pandemia di Covid 19”, che considera come certe decisioni possano essere mantenute dopo la fine della pandemia. Quindi una cosa sembra chiara: Purtroppo, la verità e ciò che ci viene venduto come verità hanno poco in comune.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta su Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Fonte dell’immagine: Shutterstock / Pixelvario

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort