Cospirazioni tra teoria e pratica | Di Klaus Hartmann

Un commento di Klaus Hartmann.

Con l’abbattimento del virus chiamato “SARS-CoV-2” e l’allentamento del “cabaret Corona”, anche il tempo delle proteste contro il “regime Corona” sta volgendo al termine. Indipendentemente da quanto reale o esagerata fosse la minaccia del virus, non si può negare il timore che sotto la bandiera della “protezione della salute”, i diritti umani e di base, compresi i diritti sociali, possano essere permanentemente sospesi o limitati. Sarebbe ingenuo supporre che le classi dirigenti non abbiano considerato nelle loro “misure” anche l’aspetto dell'”esperimento dell’obbedienza”, da cui si potrebbe trarre il “beneficio collaterale” in direzione di una ricostruzione reazionaria dello Stato.

Una forte indicazione di ciò è il clima sociale in cui la discussione è stata condotta su tutti gli aspetti della questione, o semplicemente non è stato permesso di condurla. Questo clima era caratterizzato dall’intolleranza, dal restringimento del corridoio di opinioni “consentito” e dall’esclusione di tutte le voci che non rendevano omaggio alla “narrazione ufficiale”. Ciò è tanto più degno di nota in quanto la discussione medico-scientifica non può assolutamente essere chiusa e vengono costantemente aggiunte nuove scoperte. Anche nel dibattito sui virus, la “cultura” sospetta e il conformismo sono nemici del pensiero libero e scientifico.

Una parola chiave che indica gli sforzi per mettere la gente in riga è la parolaccia “teorico della cospirazione”, e questo sembra essere un effetto collaterale e una conseguenza piuttosto grave della pandemia. Più spesso che mai, ha perseguitato la stampa, la radio e la televisione, in alcuni giorni ci è stata imposta dall’ora dei telegiornali.

“Sulla scia del virus corona, le teorie cospirative stanno attualmente vivendo un boom”, secondo il “Fokus” del 26.04.2020, lo “Spiegel” avverte il 10.05.2020 di una “alleanza di imbecillità” e nel “taz”, il senatore degli Interni di Berlino, Geisel (SPD), parla di “disprezzatori del sistema”. Il sistema immunitario contro le “stronzate” sembra essere indebolito: il 20 per cento degli elettori ritiene che “i politici e i media stiano deliberatamente esagerando il pericolo del virus corona per ingannare il pubblico”, dimap infranta scoperta per conto della rivista mediatica NDR ZAPP. Dallo stesso istituto, la rivista ARD Kontraste ha scoperto che il 38 per cento degli intervistati conosce almeno alcuni dei loro parenti, amici e conoscenti che credono che i politici stiano usando il virus corona come pretesto per limitare le libertà civili. Silvio Duwe della rbb conclude che i “demo sull’igiene” sono “alimentati da miti cospirazionisti”.

Un altro esempio di molti: “Nel vortice delle teorie cospirative: Dalla crisi della corona si sono diffuse numerose teorie di cospirazione”, riferisce ARD-“rapporto Mainz” del 27.05.2020. La moderazione di Fritz Frey: “Con la crisi della corona torna un fenomeno ben noto – le teorie di cospirazione. Molte di queste storie di spiegazione del mondo parlano di poteri oscuri, poteri che vogliono condurci – come marionette – alla nostra rovina. A volte la mano oscura appartiene ad Angela Merkel, a volte ad una società farmaceutica ebraica o semplicemente a Bill Gates”.

Se si dice “teorico del complotto”, bisogna dire “antisemita”.

I giornalisti di Magonza hanno (per loro stessa ammissione) “incontrato due uomini che sono riusciti a uscire”. Rainer Rupp lo riassume: “Ora la teoria del complotto è già contagiosa e altamente pericolosa per il beneducato tedesco Michel. È una setta, o una dipendenza, da cui si può uscire solo con l’aiuto di un pensiero politicamente corretto e controllato”.

Probabilmente non porta da nessuna parte a rintracciare il segreto della “mano oscura della Merkel”, perché probabilmente è stato creato dagli sciocchi Mainzers appositamente per la loro relazione. Ma cosa sappiamo dell’appartenenza religiosa delle aziende farmaceutiche? Di solito non è né noto né interessante. I leader mondiali del settore sono Roche, Novartis, Astrazeneca, GlaxoSmithKline, Eli Lilly, Johnson & Johnson, Pfizer, Bayer, Merck, Sanofi e Hoffmann-La Roche. Ti ricorda qualcosa? Non proprio.

Ma non importa, gli ufficiali professionisti dell’antisemitismo possono andare d’accordo senza gli ebrei. Un “giornale socialista” chiamato “Neues Deutschland” (in tutta serietà) rivela come funziona: “In questa luce, la teoria del complotto di Corona, anche se gli ebrei non sono menzionati per nome, risuona con uno stereotipo antisemita – graziosamente accettato da coloro che odiano gli ebrei. Va bene, chiunque dubiti del corso ufficiale di Corona è un antisemita.

L’effetto diffamatorio di questa argomentazione sull’omicidio colposo è fuori discussione, ma cos’altro potrebbe esserci dietro il discorso di carnevale di Magonza sulla “società farmaceutica ebraica”? Attualmente, le macchinazioni di “Big Pharma” sono al centro delle critiche. La gente a Magonza (e altrove) pensa che la protezione più efficace contro questo è dichiarare le persone criticate come ebrei? E non sarebbe anche questa una ricetta di successo per gangster di ogni tipo? Basta mettere un ebreo (vero o falso) a capo di un’organizzazione criminale, e non avrete né accuse né condanne da temere, e sarete immuni da qualsiasi critica? Ecco come funziona l'”antisemitismo oggi”, nelle migliori mani dei “cacciatori di antisemitismo” professionisti. Il fatto che la lotta urgentemente necessaria contro il vero odio esistente per gli ebrei sia minata, addirittura sabotata, è qualcosa di cui il governo non si preoccupa affatto.

E’ da qui che deve venire la sicurezza dello Stato

“Le numerose manifestazioni contro le restrizioni di Corona hanno suscitato le critiche di quasi tutti gli attori politici”, secondo ARD, e messo in guardia “contro la radicalizzazione, le tendenze antidemocratiche e le teorie cospirative”. Di fronte al pericolo di questo nuovo crimine, il presidente dell’Ufficio federale di polizia criminale è stato richiamato alla ribalta: Egli vede, come ci si aspetta da lui, anche un “potenziale minaccioso”, soprattutto in previsione del “pericolo di problemi economici per molti cittadini tedeschi”!

Di conseguenza, la 212a sessione della Conferenza dei Ministri dell’Interno dal 17 al 19 giugno 2020 a Erfurt ha avuto all’ordine del giorno il punto 3: “Denunce false mirate, teorie cospirative e campagne di disinformazione”. “Si osserva “con attenzione che l’attuale pandemia di Corona viene sfruttata da estremisti, teorici della cospirazione e agenti dell’intelligence di stati stranieri”, che gli estremisti stanno abusando della crisi di Corona per “i loro scopi anti-costituzionali”, e che si cerca di “suscitare paura e disordini nella popolazione”. Il rapporto è apparso sulla televisione ARD con il titolo “Un caso per l’Ufficio per la tutela della Costituzione?”, perché i servizi segreti nazionali “vogliono presentare presto un rapporto speciale sulla situazione”.

Sono proprio i “fact-checkers” che vogliono combattere i “teorici della cospirazione” che non sono avari con le “notizie false”: “Ken Jebsen è un ex moderatore che ha perso il suo lavoro alla rbb quasi dieci anni fa dopo dichiarazioni antisemite”, il “Faktencheck von Jonas-Mueller-Töwe” su t- online. Su questa accusa, diffusa all’epoca dal pubblicista Henryk M. Broder (“Die Welt”, prima di quel “St. Pauli-Magazin”) nel suo blog “Die Achse des Guten” (L’Asse del Bene), si poteva già leggere il 09.11.2011: “KenFM: RBB chiama “infondate” le accuse di antisemitismo contro Jebsen.

Da questo si potrebbe concludere: “Tutto è binario diviso in bene e male, nero o bianco o rosso o blu. …e interpretando e reinterpretando i simboli in modo errato, come si conviene”. Wulf Rohwedder, che formula questo, non critica il modo in cui funzionano i “fact checkers”, ma è uno di loro: Wulf Rohwedder, e di conseguenza mette in guardia sulla pagina “Tagesschau” “in modo molto differenziato” contro “pillole, maschere e illumina”.

La caratteristica unanime delle “teorie cospirative” è la “chiara immagine del nemico”, dice, e come prova si legge: “Sono proprio i tempi di crisi che gli estremisti e i servizi segreti stranieri usano per i loro sforzi di spingere un cuneo nella società”. Questo “teorico della cospirazione” con la chiara immagine del nemico è però Roger Lewentz (SPD), il ministro dell’Interno della Renania-Palatinato.

Accuse giustificate o argomenti di omicidio colposo?

Il 17.06.2020 la cabarettista Lisa Fitz ha spiegato nel “SWR Spätschicht” (SWR Late Shift) come funziona l’umore dei principali media:

“Credo che Corona sia un test di intelligenza. Quello che sta succedendo al momento è completamente fuori controllo, la gente dice quello che pensa prima ancora di averlo formato. E i media e lo Stato vengono discriminati in preda al panico per tenere il coperchio della pentola del vapore in modo che la marmaglia non riceva alcun potere. Perché… Silenzio! No, il silenzio non è il primo dovere del cittadino, ma il cittadino ha il diritto di esprimere la sua opinione. Ma in qualche modo, oh, non so, ragazzi, l’atto dei teorici della cospirazione è un po’ finito, non è vero? Non so, sì, sono sempre i teorici della cospirazione radicale di destra, gli agitatori e gli oppositori della vaccinazione che indossano cappelli di alluminio e – tutti nello stesso vaso, si capisce, non c’è più niente di differenziato, o: esopopopulisti antisemiti con la cospirazione – rozzi! Kruden deve sempre dirlo, kruden – molto importante! – teorie cospirative kruuhuhuden”.

Già nel 2009 l’Associazione dei liberi pensatori aveva deciso: “Chiunque dubiti delle interpretazioni della realtà decretate dai principali media è escluso come ‘teorico della cospirazione’ dalla formazione ‘consentita’ dell’opinione”. E un po’ più tardi: “C’è un numero crescente di iniziative e di siti che esaminano criticamente le informazioni fornite e la loro interpretazione, che cercano informazioni alternative. Questo fenomeno non è passato inosservato anche ai monopolisti dell’opinione pubblica, che ovviamente non se ne stanno con le mani in mano. Anche in questo campo cercano di farsi coinvolgere dalla disinformazione, soprattutto spingendo argomenti esoterici e oscuri o contenuti fascistoidi, vogliono compromettere la lotta per un’informazione veritiera, escluderla dal discorso serio ed eliminarla”.

Se si guarda al fenomeno senza intento infiammatorio e indottrinante, ci si rende conto: nessun crime thriller può fare a meno della “teoria della cospirazione”. Ma si chiama “approccio investigativo” o “ipotesi di lavoro”. Alcune persone aggredite rispondono: “Più pericolosi dei teorici sono i cospiratori”, e il dottor Diether Dehm, membro del Bundestag per la sinistra, dice: “Se ci sono cospirazioni, c’è sempre bisogno di una buona teoria per mettersi sulle loro tracce”.

Cospirazioni – molto reale

Perché la storia è piena di cospirazioni: accordi segreti per scopi criminali (politici), vere e proprie cospirazioni. La più antica che si conosca si chiama così: la cospirazione catalana, a Roma nel 64 a.C., quando la senatrice Catalina osò una rivolta infruttuosa contro Cicerone. E se si crede alla storia biblica, il tradimento di Gesù ai Romani da parte del proverbiale “bacio di Giuda” non era forse una cospirazione?

Dobbiamo la parola magica “teoria della cospirazione” nel pubblico dei media al servizio segreto statunitense CIA, che voleva mettere la museruola a tutti i critici della versione ufficiale dell’assassinio di Kennedy nel 1963 – come si può leggere nel documento CIA #1035-960 con il soggetto “Criticism of the Warren Report”: “Questa tendenza di opinione non è una preoccupazione del governo statunitense, inclusa la nostra organizzazione”, poi sono stati dati consigli su come trattare con “critici sgradevoli” e come contrastarli. Perché: “Le teorie della cospirazione hanno ripetutamente messo la nostra organizzazione [CIA] sotto sospetto (…) L’obiettivo (…) è (…) screditare le affermazioni dei teorici della cospirazione, così come prevenire la diffusione di tali affermazioni in altri paesi. (…) usano tecniche di propaganda, (…) sottolineano che parti dei colloqui cospirativi sembrano essere deliberatamente prodotti da propagandisti comunisti”.

I fascisti tedeschi avevano bisogno del Reichstag in fiamme nel 1933 per aumentare il loro terrore contro tutti i sinistrorsi, inventarono nel 1939 il “raid sul trasmettitore Gleiwitz” come pretesto per l’attacco alla Polonia, gli USA iniziarono la loro guerra in Vietnam nel 1964 con il fasullo “incidente del Tonkin”, la NATO finse un “massacro di Račak” nel gennaio 1999 per creare un pretesto per la loro aggressione contro la Jugoslavia. Questi pochi esempi dimostrano quanto siano indispensabili dubbi e indagini indipendenti per andare a fondo delle vere e proprie cospirazioni dei governanti.

Come riassume la professoressa Sabine Schiffer, scienziata dei media: “Al ‘9-11’, il termine è stato usato principalmente per allontanare le critiche o i dubbi sulla teoria ufficiale della cospirazione. Si trattava quindi di un termine denunciante che in realtà non aveva più nulla a che fare con una cospirazione che poteva essere sottesa e non ancora provata, ma che assumeva semplicemente il significato di rifiuto di rispondere alle domande. In altre parole, esattamente ciò che tutto il giornalismo è, o dovrebbe essere, e tutta la scienza indipendente”.

Il socialdemocratico di sinistra Hermann Scheer, membro del Bundestag e membro del comitato esecutivo del partito SPD, deceduto il 14 ottobre 2010, in un’intervista: “Esiste naturalmente un termine di omicidio “teoria della cospirazione”, e si suppone che esso escluda tutti i sospetti, i fatti sospetti concreti ecc. che esistono in questo contesto, e con il quale si suppone – indirettamente con questo termine di omicidio – che non ci siano cospirazioni. Ma naturalmente ci sono cospirazioni – naturalmente! E il modo migliore per distrarre dalla cospirazione è una “oh teoria della cospirazione” – tirata fuori dal nulla, in qualche modo fantasticare su di essa o su qualcos’altro. Ma – gli eventi che sono ora ragionevolmente documentati sono tutt’altro che teorie di cospirazione, erano cospirazioni! Il compito rimane quello di prendere precauzioni istituzionali, tutte legate alla trasparenza, affinché una democrazia possa proteggersi dal suo indebolimento. Il nemico è all’interno, oggi più che mai. E non più all’esterno. È più che mai dentro di sé”.

Ma che dire della “corona”, le attuali “teorie di cospirazione”? Questo sarebbe un argomento per un dosaggio supplementare.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Shutterstock / Sumandaq

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort