Nonostante Corona, il regime americano intensifica la guerra economica contro l’Iran

Un commento di Rainer Rupp.

A metà marzo, 25 organizzazioni statunitensi per i diritti umani e gli aiuti hanno chiesto all’amministrazione Trump di porre fine alle sanzioni contro l’Iran nel bel mezzo della crisi COVID 19, perché il virus si era manifestato come particolarmente devastante in Iran. Al momento dell’appello, in Iran c’erano 21.638 casi confermati e 1.685 morti per corona. Al 7 aprile, secondo i dati ufficiali di Teheran, il numero di infezioni era di 62.589 e il numero di morti quasi 4.000 (1).

Nell’appello congiunto delle 25 organizzazioni statunitensi, tra cui la “J Street” ebraica non sionista, si afferma che le sanzioni statunitensi peggiorerebbero indubbiamente la situazione nel Paese, perché indebolirebbero l’economia iraniana e renderebbero più difficile l’importazione dei prodotti medici necessari per combattere la malattia. L’appello, che chiedeva l’immediata sospensione delle sanzioni per almeno 120 giorni come misura minima, è stato indirizzato sia al presidente Trump che ai suoi ministri delle Finanze, Steven Mnuchin e al segretario di Stato Mike Pompeo.

Sarebbe anche nell’interesse degli Stati Uniti se l’ulteriore diffusione del virus in Iran venisse frenata. Allo stesso tempo, questo sarebbe un forte gesto umanitario per gli oltre 80 milioni di iraniani colpiti dalla pandemia. Le sanzioni renderebbero più difficile per la gente comune in Iran assicurarsi beni e servizi di base per sopravvivere alla crisi”, ha detto la lettera. (2)

Ma anche l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, che è stata Primo Ministro del Cile dal 2014 al 2018, aveva chiesto la fine delle sanzioni statunitensi di fronte alla crisi di Corona, non solo contro l’Iran, ma anche contro Cuba, Venezuela e altri Paesi puniti dall’egemone statunitense per non aver voluto sottomettersi. La dichiarazione di Bachelet del 24 marzo 2020 si è anche concentrata sulla preoccupazione che le sanzioni statunitensi avrebbero avuto un impatto negativo sulle importazioni di attrezzature e forniture mediche essenziali per combattere la malattia. (3)

Pochi giorni prima, il 19 marzo 2020, il presidente iraniano Hassan Rouhani aveva fatto un appello al popolo americano per convincere il governo di Washington a revocare le sanzioni Usa contro l’Iran in vista della diffusione esplosiva di gravi malattie corona con molti morti nel suo Paese. Le sanzioni illegali degli Stati Uniti indebolirebbero l’economia iraniana e quindi la sua capacità di combattere il virus. L’appello diceva letteralmente: “Le sanzioni stanno letteralmente uccidendo persone innocenti”.

Qui è importante sapere che le sanzioni statunitensi contro l’Iran, ad esempio, non riguardano solo le esportazioni dagli Stati Uniti, ma anche da altri Paesi verso l’Iran. A causa del loro potere di mercato e del loro ampio controllo sul sistema finanziario internazionale in rete, i governanti criminali del regime statunitense si arrogano il diritto del più forte di imporre pesanti multe a qualsiasi società, indipendentemente dal paese di provenienza, se, ad esempio, commercia con l’Iran o Cuba o Venezuela. E se poi questa società, ad esempio dell’UE, non vuole pagare la multa statunitense, tutti i suoi beni negli Stati Uniti vengono congelati o addirittura confiscati dal Tesoro statunitense, e la società stessa viene messa in una lista di boicottaggio statunitense, in modo che non possa più fare affari con i suoi clienti negli Stati Uniti.

Una breve recensione: Dopo l’accordo nucleare del 2015 tra l’Iran, gli Stati Uniti sotto il presidente Obama, l’UE, rappresentata da Germania, Francia e Regno Unito, e Russia e Cina, le sanzioni internazionali contro l’Iran sono state revocate. Questo è stato quasi un quid pro quo per l’accettazione da parte di Teheran delle restrizioni al suo programma nucleare nazionale, sebbene tali restrizioni andassero ben oltre i limiti previsti dal Trattato di non proliferazione delle Nazioni Unite.

Sotto la forte influenza sionista, Donald Trump ha poi rescisso unilateralmente il trattato nucleare con l’Iran nel 2018. Allo stesso tempo, ha di nuovo imposto sanzioni brutali al Paese per costringere Teheran a rinegoziare il trattato con Washington con concessioni inaccettabili per Teheran. Tuttavia, Trump è stato praticamente da solo a fare questo passo. Nemmeno i suoi principali alleati europei lo seguirono.

In questo contesto, va sottolineato che Washington non può rescindere unilateralmente l’accordo nucleare con l’Iran, perché l’accordo è stato concluso a livello multilaterale sotto l’egida delle Nazioni Unite tra l’Iran, gli Stati Uniti e gli altri Paesi sopra menzionati. Anche se gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente, il trattato è ancora valido. Tuttavia, il regime oligarchico di Washington ha cercato di imporre la sua volontà al resto del mondo, e le nuove sanzioni statunitensi sono state e sono tuttora un mezzo abbastanza efficace per raggiungere un fine.

Anche le grandi aziende cinesi rispettano le sanzioni statunitensi se sono presenti anche sul mercato statunitense. Questo è anche il motivo per cui le aziende dell’Unione Europea si sono finora rifiutate di riprendere i normali rapporti commerciali con l’Iran, nonostante i ripetuti incoraggiamenti della Commissione Europea a Bruxelles e dei loro governi nazionali. La paura delle costosissime misure punitive statunitensi è semplicemente troppo grande.

Ciononostante, il regime di Washington è stato ora allarmato da una reazione provocatoria da parte dell’UE. Nell’ambito dell’Instex, negli ultimi giorni ha avuto luogo la primissima transazione economica tra le aziende dell’UE e l’Iran. Istituita nel gennaio 2019, l’Instex è considerata il principale strumento dell’UE nel tentativo di salvare l’accordo nucleare con l’Iran nonostante il ritiro degli Stati Uniti. Il veicolo speciale Instex sarà ora utilizzato per elaborare i pagamenti per le transazioni con l’Iran quando le banche private non saranno più disposte a farlo a causa della minaccia di multe statunitensi. Instex agisce quindi come una sorta di scudo protettivo per il commercio tra l’Europa e l’Iran.

Dopo oltre un anno di preparazione, la società Instex (Instrument in Support of Trade Exchanges), fondata dalla Commissione UE a Bruxelles su iniziativa di Germania, Francia e Gran Bretagna come strumento di supporto alle attività commerciali con l’Iran, ha completato una prima transazione e ha reso possibile l’esportazione di prodotti medicali dall’Europa all’Iran. Lo ha annunciato martedì scorso il Ministero degli Esteri tedesco a Berlino. Gran Bretagna, Germania e Francia hanno inviato all’Iran materiale medico, comprese attrezzature per test di laboratorio, tute protettive e guanti per 5 milioni di euro per combattere il coronavirus. Allo stesso tempo, il Ministero degli Esteri tedesco ha dichiarato che il meccanismo commerciale Instex e la sua controparte iraniana lavoreranno ora su un maggior numero di transazioni e sul miglioramento del sistema.

Tuttavia, da parte dell’UE, l’Instex non è associata all’intenzione di minare le ampie sanzioni statunitensi. Dopo tutto, secondo l’Instex, l’Iran non può pagare le forniture dall’UE con i proventi delle esportazioni di petrolio o di altri prodotti energetici, perché ciò violerebbe le sanzioni statunitensi. Pertanto, l’unico modo per l’Iran di finanziare il commercio Instex sarebbe con i proventi dell’esportazione di prodotti non energetici, come i proventi dell’esportazione di noci iraniane verso l’UE. Di conseguenza, il volume degli scambi commerciali che possono avere luogo con l’Iran sotto l’Instex è limitato ad un livello molto basso fin dall’inizio. Ha quindi un significato simbolico piuttosto che economico.

Tuttavia, l’importanza simbolica dell’operazione Instex dell’UE con l’Iran non deve essere sottovalutata nel suo effetto sulle fantasie di onnipotenza del regime statunitense. Dal punto di vista di Washington, la recente transazione è stata quindi una sfida oltraggiosa per gli europei, motivo per cui i vendicativi oligarchi statunitensi stanno sicuramente già tramando ritorsioni.

Allo stesso tempo, i feroci signori della guerra di Washington non sono nemmeno capaci di un gesto umano per aiutare il popolo iraniano nella crisi di Corona. Gli Stati Uniti non avrebbero nemmeno bisogno di fornire qualcosa in prima persona. Basterebbe che Washington revochi le sanzioni contro l’Iran, almeno temporaneamente, per qualche mese, per tutta la durata dell’epidemia. Poi altri paesi e le loro aziende potrebbero fornire le necessarie forniture mediche senza dover temere di essere colpiti dalle misure punitive degli Stati Uniti.

Ma quando si tratta di mostrare solidarietà internazionale, di salvare la gente senza perseguire obiettivi politici o porre condizioni agli aiuti – come nella crisi di Corona – la brutta smorfia del disumano regime americano viene alla luce dietro la maschera degli oligarchi di Washington che amano divagare sull’umanità e sui diritti umani. Così l’amministrazione Trump non solo ha ignorato a freddo i numerosi appelli provenienti da casa e dall’estero a revocare le sanzioni almeno per la durata della crisi, ma ha anche imposto ulteriori sanzioni all’economia iraniana. (4)

Il ministro degli Esteri Pompeo insiste pomposamente sulla sua vecchia bugia che “le sanzioni non danneggerebbero il popolo iraniano”. (5). E per stroncare sul nascere la compassione per il popolo iraniano che sta emergendo tra il popolo americano, il diabolico bugiardo ed ex capo della Cia Pompeo accusa l’Iran di essere stato coinvolto come “complice della Cina” nella diffusione del “virus killer”.

A questo proposito, tuttavia, l’impiegata di alto rango del think tank americano neoconservatore e contaminato dai sionisti “American Enterprise Institute, AEI), la signora Danielle Pletka, ha realizzato un capolavoro di ipocrisia. In un articolo pubblicato sul sito dell’influente think tank dell’AEI il 25 marzo di quest’anno sotto il titolo: “Ci dispiace, non è il momento di revocare le sanzioni contro l’Iran” (6) la signora Pletka mostra ancora più compassione e versa qualche lacrima di coccodrillo per il povero popolo iraniano. Ma poi fa capire chiaramente che gli aiuti americani alla gente comune dell’Iran sono fuori questione. Qui segue la signora Pletka nel suono originale:

“Il coronavirus ha colpito l’Iran più duramente della maggior parte dei paesi finora. Le tombe scavate sono così grandi che possono essere viste (dai satelliti) dallo spazio. È una tragedia di proporzioni enormi per chiunque conosca e si preoccupi del popolo iraniano. Non sorprende quindi, forse, che le richieste di sgravio delle sanzioni siano in aumento. Ma c’è una differenza tra la preoccupazione per il popolo iraniano e la preoccupazione per il regime, e l’abolizione delle sanzioni servirà solo a sostenere il sistema che continua a tiranneggiare il popolo iraniano.

Dalle parole della signora Pletka si evince lo stesso spirito di quelle di un ufficiale americano in Vietnam, che aveva dichiarato a un giornalista: “Per salvare il villaggio, abbiamo dovuto distruggerlo”. (7) Con questi soccorritori, non avete bisogno di nemici!

Purtroppo, gli autodichiarati “Signori dell’Universo” di Washington hanno ancora un discreto successo nell’applicazione delle loro brutali sanzioni in tutto il mondo. Certo, queste misure di solito non solo violano il diritto internazionale, ma spesso assumono la forma di una vera e propria guerra economica. Tuttavia, secondo la Carta delle Nazioni Unite, ciò costituisce un reato ai sensi del diritto internazionale. E proprio come nelle calde guerre a fuoco degli Stati Uniti – come avviene ora in Iran, per esempio – sono soprattutto i civili innocenti a cadere vittime delle brutali misure coercitive economiche di Washington. Ma i governanti di Washington non si preoccupano di questo più di quanto si preoccupino del diritto internazionale, perché in questo senso il loro motto è: Legale? Illegale? Non me ne frega un cazzo!

Fonti:

  1. https://gulfnews.com/world/mena/iran-says-coronavirus-death-toll-nearing-4000-1.1586272690500
  2. https://mondoweiss.net/2020/03/human-rights-groups-call-on-trump-administration-to-end-iran-sanctions-amid-covid-19-crisis/
  3. https://news.un.org/en/story/2020/03/1060092
  4. https://www.state.gov/further-sanctions-on-entities-trading-in-or-transporting-iranian-petrochemicals/
  5. https://www.theguardian.com/world/2018/nov/04/pompeo-trump-us-sanctions-oil-iran-iranian-people
  6. https://www.aei.org/op-eds/sorry-now-is-not-the-time-to-lift-sanctions-on-iran/
  7. http://www.sunday-guardian.com/analysis/we-had-to-destroy-village-in-order-to-save-it.

+++

Grazie all’autore per aver pubblicato l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: muratologia / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Supporta KenFM ora: https://www.patreon.com/KenFMde

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort