Tsunami finanziario: ora arriva il terremoto dei derivati

Un commento di Ernst Wolff.

La settimana scorsa sembrava che i mercati finanziari stessero impazzendo. I mercati azionari hanno visto balzi record verso l’alto nonostante le enormi perdite di prezzo, i mercati obbligazionari hanno visto un’enorme ondata di acquisti nonostante i rendimenti sempre più bassi, e il prezzo dell’oro ha registrato un’enorme ripresa nonostante sia stato più volte attaccato dai principali investitori.

Quello che a uno sguardo superficiale sembrava un caos inspiegabile si rivela, a ben vedere, la logica conseguenza di una situazione storicamente unica: mai prima d’ora in tutta la storia dell’umanità un solo evento ha colpito l’economia globale in modo così grave come la pandemia di Corona.

La rapida diffusione del virus sta causando la chiusura degli impianti di produzione e l’interruzione delle catene di approvvigionamento in un numero sempre maggiore di paesi. Poiché anche i mercati di vendita stanno scomparendo nello stesso momento, sia il lato dell’offerta che quello della domanda ne risentono – un fenomeno che non si era mai verificato prima su questa scala.

Tuttavia, i mercati finanziari hanno inizialmente ignorato il problema – nella speranza che la pandemia fosse fermata e che il mondo potesse tornare alla normalità. La settimana scorsa, però, sembrano essersi resi conto che le loro speranze erano vane e hanno reagito improvvisamente in modo molto forte. È probabile che un brivido di freddo sia sceso lungo la spina dorsale dei responsabili delle banche centrali, della politica e dei consigli di amministrazione delle istituzioni finanziarie, per due motivi:

In primo luogo, perché le turbolenze hanno portato loro la dolorosissima consapevolezza che i mezzi con cui il sistema finanziario globale è stato tenuto in vita dal 2007/08 non funzionano più.

Così, in una frettolosa azione d’emergenza, mercoledì la Federal Reserve statunitense ha tagliato il tasso d’interesse di riferimento dello 0,5% – il doppio dei punti base rispetto all’ultimo taglio dei tassi dello scorso anno. Allo stesso tempo, solo martedì e mercoledì sono stati prestati a Wall Street 200 miliardi di dollari in denaro fresco sul mercato repo.

Ma anche se le pistole più affilate della FED sono state sparate per lungo tempo, l’effetto non si è concretizzato: Le quotazioni delle azioni hanno continuato a scendere, gli investitori sono fuggiti in obbligazioni e oro.

Perché?

Perché i tagli dei tassi d’interesse e le iniezioni di denaro non fanno nulla per cambiare il fatto che il virus corona sta aggravando la recessione globale in un modo senza precedenti. Il prezzo del petrolio sta calando sempre più velocemente, il trasporto dei container e la logistica terrestre stanno subendo enormi crolli, le aziende di medie dimensioni sono sbalorditive per le centinaia di migliaia, e il numero di inadempienze sui prestiti cresce di ora in ora.

E non è tutto. Il virus corona ha anche cambiato drasticamente le abitudini della maggior parte delle persone. Gli alberghi, i ristoranti e il turismo stanno subendo insolvenze senza precedenti, le prime compagnie aeree e le prime compagnie di navigazione stanno fallendo. E le prospettive sono fosche, perché il numero crescente di casi di infezione aggraverà ulteriormente tutti i problemi già esistenti nelle prossime settimane.

D’altra parte, però, c’è un’ulteriore fonte di fuoco, la cui portata mette in ombra tutti gli altri problemi: il settore dei derivati del sistema finanziario globale.

Questo settore, di gran lunga il più grande, ha già portato il sistema sull’orlo del collasso per due volte, nel 1998 e nel 2007/08, ma non è stato limitato o regolamentato perché è una delle principali fonti di reddito per le banche e gli hedge fund.

I derivati non sono altro che scommesse su prezzi, tassi o tassi d’interesse futuri. Tuttavia, non vengono utilizzati solo per la speculazione, ma servono anche a coprire i rischi. Tuttavia, questi rischi non scompaiono, ma vengono trasferiti da una parte ad un’altra solo dietro pagamento di un certo importo.

In condizioni normali di mercato questo non sarebbe un problema. Ma da quando i governi e le banche centrali hanno dichiarato le principali istituzioni finanziarie “troppo grandi per fallire” nel 2007/08, la situazione è cambiata radicalmente: Da allora, le parti si sono assunte rischi sempre maggiori, perché presuppongono di essere salvate dallo Stato come “troppo grandi per fallire” in caso di emergenza.

Poiché la maggior parte dei derivati non deve necessariamente figurare nei libri contabili delle imprese, il loro volume può essere stimato solo oggi approssimativamente. Gli addetti ai lavori ipotizzano un volume attuale di circa 1,25 trilioni di dollari.

Poiché qualsiasi crollo importante avrebbe conseguenze fatali per un importo quasi inimmaginabile, le banche centrali devono fare assolutamente tutto il possibile per mantenere i mercati finanziari ragionevolmente stabili. Proprio per questo motivo, negli ultimi 12 anni hanno ripetutamente immesso denaro nel sistema e hanno abbassato i tassi di interesse più e più volte – e con successo: con piccole interruzioni, dal 2008 all’inizio del 2020 abbiamo registrato una continua tendenza al rialzo sui mercati finanziari.

Ma ora è finita. Le turbolenze del mercato causate dal virus corona sono già così gravi che alcuni importanti istituti finanziari sono già al limite della loro capacità nell’area dei derivati a causa dei pagamenti in scadenza.

Il forte calo delle azioni delle principali banche di Wall Street, che la scorsa settimana ha superato di gran lunga le perdite di altri settori, dimostra che questi problemi non sono sfuggiti all’attenzione dei grandi investitori. Tuttavia, il calo dei corsi azionari non significa nulla di più che la loro situazione non fa che peggiorare per le istituzioni interessate a causa del calo di fiducia.

Ci troviamo quindi di fronte alla seguente situazione: le banche centrali e i governi dovranno utilizzare tutti i mezzi possibili per stabilizzare la situazione nei prossimi giorni. Inizialmente, ci sarà probabilmente un ulteriore taglio dei tassi d’interesse da parte della FED negli USA (possibilmente nel range dei meno) e ulteriori, ancora più grandi iniezioni di denaro attraverso il mercato repo.

Tuttavia, entrambe le cose, al massimo, innescheranno lampi di ispirazione a breve termine tra gli investitori, e l’effetto si esaurirà rapidamente, come è successo l’ultima volta. Ma poi rimangono solo due opzioni: salvataggio degli istituti interessati dalle perdite su derivati tramite bail-in o bail-out.

Ciò significa: o gli azionisti, gli investitori e i risparmiatori delle banche vengono parzialmente espropriati o le istituzioni in difficoltà vengono salvate con il denaro dei contribuenti. Ciò significa che, come in passato, si cercherà, come in passato, di trasferire le perdite nel settore finanziario alla popolazione contribuente.

Ma con le somme in gioco questa volta, questo dovrebbe essere fatto su una scala senza precedenti, in modo che sia possibile dirlo già ora: Salvare il sistema attraverso bail-in e bail-out come nel 2007/08 è altamente discutibile nel 2020, e potremmo dover affrontare il collasso del sistema nei prossimi giorni.

Tutto questo suona spaventoso e suggerisce che ci troviamo di fronte a uno dei periodi più turbolenti della storia recente. Ma per quanto squallido possa sembrare questo scenario, esso presenta anche un’opportunità storica: un crollo porterebbe milioni di persone in conflitto diretto con questo sistema, facendole sentire in prima persona i suoi effetti e rendendole così ricettive a una spiegazione della sua natura distruttiva.

Il crollo potrebbe così creare le basi per un’ampia discussione, attesa da tempo, sull’abolizione del casinò finanziario globale e sulla sua sostituzione con un sistema monetario democratico – a condizione che il maggior numero possibile di persone che già conoscono il sistema o almeno ne hanno una comprensione rudimentale partecipino a un’offensiva educativa urgentemente necessaria.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: bluebay / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort