Una democrazia che non è mai esistita… specialmente non con Covid | Di Peter König

Un commento di Peter König.

Bruxelles (Quartier generale dell’UE e della NATO europea) – Il 21 ottobre 2020, l’Agenzia di stampa tedesca (dpa) ha riferito che la Germania ha promesso soldati NATO per possibili operazioni Covid 19: “I soldati tedeschi potrebbero essere impiegati in operazioni di crisi in altri paesi NATO e partner durante la seconda ondata della pandemia di Corona. Come ha confermato il portavoce del Ministero della Difesa federale, il governo tedesco ha promesso il sostegno della NATO al suo piano di emergenza “Allied Hand”. Secondo questo piano, il personale medico, i pionieri e gli esperti della forza saranno messi a disposizione delle missioni estere per scongiurare i rischi nucleari, biologici o chimici, a seconda delle necessità. Il piano di emergenza deve essere attivato, ad esempio, se è imminente un crollo del sistema sanitario nei Paesi partner alleati o della NATO a causa di tassi di infezione molto elevati e lo Stato colpito chiede sostegno”.

In parole povere, ciò significa che i soldati tedeschi possono essere impiegati in “missioni di crisi” con altri partner della NATO. Le restrizioni di Covid e la repressione e la tirannia dello Stato ad esse associate possono portare a massicci disordini civili, e i soldati tedeschi, alias soldati tedeschi della NATO, insieme ai soldati di altri paesi NATO, potrebbero aiutare i governi locali a soffocare con la forza militare tali potenziali sconvolgimenti della popolazione. Proiettili affilati e uccisione quando “necessario”.

In alcuni paesi europei, come Slovenia, Repubblica Ceca, Polonia, Ungheria, Spagna – e naturalmente anche in Germania – i disordini sono già chiaramente visibili. Anche in Francia, attualmente uno dei regimi più repressivi del mondo occidentale, i disordini civili e sociali sono in ebollizione.

A tutti questi paesi è stato fatto il lavaggio del cervello, facendogli credere di vivere in una “democrazia” – e in una democrazia ciò che accade loro non potrebbe e non dovrebbe mai accadere. Non gli è mai stato chiesto. I loro governi non si sono mai preoccupati di dire loro che queste “misure” erano per il loro bene. Ora gli viene detto, anche da persone come Boris Johnson, il primo ministro britannico, che non dovrebbero sperare di tornare alla “normalità”. Non ci sarà più la “normalità” come la conoscevamo, ha detto letteralmente. Invece, ci sarà un grande reset.

Con questo ha imitato le parole di Klaus Schwab, fondatore e CEO del World Economic Forum (WEF), che ha appena pubblicato (nel luglio 2020) un libro intitolato “Covid-19 – The Great Reset”. Il libro è disponibile su Amazon (dove se no!), e vi consiglio vivamente di leggerlo, non per arricchire Schwab, ma perché voi e noi, il popolo, sappiamo qual è il “vostro” piano. Solo se sappiamo qual è il piano, possiamo fermarlo – se ci organizziamo in solidarietà e resistiamo.

Non c’è nessuna “democrazia”, non c’è mai stata. L’UE è una delle istituzioni meno democratiche che ci siano. Eppure siamo indottrinati da questa enorme bugia che viviamo in una democrazia. E’ Covid che sta finalmente portando alla luce questa miserabile frode globale.

E i nostri politici favorevoli alla finzione e i loro acquistati media mainstream continuano a lodare la nostra bella democrazia occidentale, mentre distolgono la nostra attenzione dalla verità colpendo nemici dell’Occidente come Cina, Russia, Iran, Venezuela, Cuba, Siria, Corea del Nord – e altri – solo per accecarci a casa nostra, ma con la falsa propaganda che tutti questi altri Paesi sono malvagi. Sono malvagi perché non credono nella nostra economia occidentale avida. I media incitano molto bene alla “dissonanza cognitiva” – sappiamo che qualcosa non va, ma il nostro desiderio febbrile di rimanere nella nostra zona di benessere ci fa credere di essere ben protetti dai nostri padroni “eletti” – e coloro che, per esempio in Oriente, hanno una filosofia di vita diversa dalla nostra, che consiste nell’avidità e nella violenza, sono malvagi.

Un interessante sondaggio pubblicato in Svizzera il 23.10. mostra che in media più di due terzi della popolazione dell’UE pensa negativamente alla Cina e alla Russia. Perché? La Cina e la Russia non hanno mai fatto nulla per danneggiare l’Europa, al contrario – hanno offerto una vera cooperazione, in contrapposizione alla cooperazione forzata basata sul modello americano. Quindi alla domanda “perché?” si risponde con i media del lavaggio del cervello pagati dalle aziende.

Ecco cos’è la “democrazia”? È questo il pensiero democratico? Queste persone si rendono conto che il loro cervello è stato catturato anni fa dalla propaganda pro-consumatore e gradualmente trasformato in un comportamento da schiavo sottomesso che crede ancora nella “democrazia”?

Al popolo tedesco non è stato chiesto se è d’accordo con l’invio di truppe tedesche in altri paesi o se deve partecipare alle esercitazioni della NATO. Il cessate il fuoco applicato alla Germania dalla fine della seconda guerra mondiale non consente l’intervento straniero delle forze tedesche. In realtà, non è stato (ancora) firmato alcun accordo di pace formale tra la Germania e le potenze vittoriose. L’accordo di armistizio contiene una clausola che stabilisce che la Germania non può mai intraprendere azioni contrarie agli interessi degli Stati Uniti. Questo spiegherebbe, almeno in parte, perché il governo tedesco si sta facendo in quattro per compiacere Washington.

Ma la maggior parte dei tedeschi non è consapevole di questo fatto.

Di proposito. Perché la “democrazia” imporrebbe la seguente etica: Avvisate il pubblico. Avviare un dibattito pubblico sull’autonomia e la sovranità che la Germania ha attualmente e che essa – e il suo popolo – meritano. La decisione di dispiegare le truppe tedesche come soldati della NATO in altri Paesi non ha nulla a che vedere con la “democrazia”. Essa contraddice l’essenza stessa della democrazia. La Germania è sottoposta a una “legge di emergenza segreta”, che sarebbe simile alla legge marziale? Come Francia, Svizzera, Spagna e Gran Bretagna? In caso affermativo, la popolazione è stata adeguatamente informata?

La Svizzera ha recentemente prorogato la sua “legge d’emergenza Covid” fino alla fine del 2021 – e poi? Potrebbe essere facilmente esteso di nuovo, come adesso. La legge è stata approvata da un Congresso di destra, indipendentemente dai partiti politici, e i membri del Congresso erano in gran parte d’accordo. Non sono state fatte domande. Il popolo non è mai stato consultato.

Ora è in corso un referendum (un privilegio che gli svizzeri hanno ancora) che proibirebbe questo cosiddetto diritto di emergenza. Tuttavia, quando saranno raccolte abbastanza firme e il referendum sarà “permesso” dal governo per poter essere sottoposto al voto pubblico, potrebbe essere troppo tardi per cambiare le drastiche misure che sono state attuate in base alla legge delle quasi-guerre.

Questa è “democrazia”, vero?

La Francia, sotto la guida di Monsieur Macron, un nano di Rothschild, ha reintrodotto un’emergenza sanitaria e ha imposto il coprifuoco, il divieto di matrimonio e l’uso delle strade è consentito solo con permessi speciali. Questo come risultato di una “improvvisa e spettacolare accelerazione” della diffusione del coronavirus, ha detto il Primo Ministro Jean Castex, giustificando questa audace misura draconiana. Ha aggiunto che il tasso di incidenza nazionale COVID-19 è passato da 107 a 190 casi per 100.000 abitanti negli ultimi dieci giorni, con “livelli particolarmente allarmanti” in alcune grandi città. Ma chi controlla le cifre, le statistiche, come vengono compilate? Nessuno.

Ecco cos’è la “democrazia”? Per la disobbedienza, sono previste sanzioni pecuniarie di 135 euro per chi commette il primo reato, che possono arrivare fino a 7.500 euro – e una pena detentiva di sei mesi. Beh, è una dittatura o cosa?

È ben lungi dall’essere una “democrazia”, questo è certo. Soprattutto quando sappiamo cos’è veramente Covid – cioè niente di più di una normale influenza. Questo è quanto afferma Anthony Fauci, capo del NIAID/NIH negli Stati Uniti, quando scrive articoli sottoposti a peer-reviewed sul New England Journal of Medicine (NEJM), come “Covid-19 – Navigating the Uncharted” …. “Le conseguenze cliniche complessive di Covid-19 (1) possono in definitiva essere più simili a quelle di una grave influenza stagionale (con un tasso di mortalità dei casi di circa lo 0,1%) o di una pandemia influenzale (simile a quelle del 1957 e del 1968) che non a quelle di una malattia come la SARS o il MERS, che avevano tassi di mortalità dei casi rispettivamente del 9-10% e del 36%”.

Quando Fauci parla con i media – in innumerevoli interviste alla televisione tradizionale – usa la solita storia spaventosa sulla letalità del coronavirus.

Questo dimostra che dietro Covid c’è chiaramente un’agenda diversa da quella del controllo della “pandemia”, cioè il controllo delle persone. Dovremmo svegliarci. È troppo tardi per parlare di reintrodurre la “democrazia”. La verità è che non abbiamo mai avuto la democrazia. E ora dobbiamo lottare per la nostra pura sopravvivenza come esseri umani. Fidati di me.

La “democrazia” è solo un pio desiderio. Non c’è certamente democrazia nel mondo di oggi. Non c’è mai stato. Nemmeno nell’antica Grecia, dove il termine è stato inventato circa 2500 anni fa da filosofi benestanti, ma certo ben pensanti. La democrazia è sempre stata per gli istruiti, per i ricchi e i ricchi – ma in realtà non è mai accaduta per tutte le persone – che è ciò che il termine significava e significa nella sua traduzione originale. Una volta che il termine democrazia viene dato ai politici come concetto applicabile di dominio di una nazione, il significato di “democrazia” cambia in “il popolo sceglie ma l’élite decide”. È la stessa di oggi. La democrazia deriva dal greco antico “demokratia”, che letteralmente significa che il potere appartiene al popolo. Non è mai successo, e ancor meno oggi.

“Il potere che appartiene al popolo” è stato ed è concesso al popolo, sempre nella misura in cui l’élite di controllo lo ritenga opportuno. Quando il popolo vuole prendere in mano ciò che gli appartiene, l’élite di controllo crea forze di controllo e gioca il gioco della propaganda della disinformazione, della verità manipolata e della menzogna. Questo era il caso allora e viene praticato oggi in modo ancora più sofisticato.

Oggi la frode non è più utilizzata a discrezione dell’élite dominante e per guadagno personale, ma è prodotta da algoritmi, in realtà dall’intelligenza artificiale. Le elezioni di oggi, soprattutto in Occidente, sono decise da algoritmi oligarchici o controllati da Deep State. Gli elettori hanno un alibi. Non più. Non c’è quasi mai un’elezione nel mondo (occidentale) che non sia controllata e decisa dagli Stati Uniti.

Ritorno all’Unione Europea antidemocratica. Utilizza le truppe della NATO per la guerra urbana, se volete. Nel piccolo stato della Sassonia-Anhalt, non lontano da Amburgo, c’è una non molto discussa base militare tedesca / NATO.

Secondo la rivista tedesca online “Pivot Area”, la base militare per la guerra urbana di “Schnöggersburg” è in costruzione dal 2012 (2). Dovrebbe essere completato entro la fine del 2020. A quel punto sarà costituito da oltre 500 edifici per 6,25 chilometri quadrati.

La cosiddetta “conurbazione”, come la Bundeswehr chiama la sua area di addestramento militare, dispone di un’infrastruttura urbana completa – vale a dire una rete fognaria (approvvigionamento idrico e smaltimento delle acque reflue), una linea della metropolitana, una stazione ferroviaria, un parco industriale nonché uno stadio sportivo, baraccopoli, zone residenziali e un quartiere alto. Il Ministero della Difesa tedesco ha pianificato di investire 140 milioni di euro nel progetto (è probabile che sarà molto di più quando sarà completato). Secondo il tenente generale Frank Leidenberger, capo del dipartimento per l’innovazione dell’esercito, l’ultimo decennio mostra una chiara tendenza alla “guerra per spostarsi dai campi alle città”. Per questo motivo, Schnöggersburg fornirà alla Bundeswehr un campo di addestramento di prim’ordine per le operazioni all’avanguardia negli scenari urbani. Leidenberger afferma inoltre che la Bundeswehr vede la sua nuova e moderna città di formazione come una risorsa strategica per far avanzare il concetto di nazioni con eserciti partner”.

Il termine chiave è “il quadro del concetto di nazioni con eserciti partner”. Qui entra in gioco la NATO.

Quanti tedeschi sono stati democraticamente informati su questo progetto mostruoso? Mostra chiaramente che i disordini sociali urbani su larga scala erano già previsti ben prima del 2012 – probabilmente intorno al momento in cui il Grande Ripristino globale ha preso forma decenni fa nelle menti criminali dell’onnipresente stato di profonda oscurità; coloro che hanno iniziato questa nuova fase di digitalizzazione sociale con l’11 settembre 2001, stranamente anche l’inizio di un nuovo punto di riferimento del calendario occidentale, il terzo millennio. Dall’11 settembre, l’impero occidentale e i suoi tirapiedi sono in discesa. E l’Oriente cominciò a crescere.

Il declino significherà senza dubbio la fine dell’Impero. Ma lungo il percorso, le forze più malvagie saranno usate per schiavizzare la popolazione, digitalmente e con l’IA, con algoritmi. Poiché questo stato di profonda oscurità ha al suo centro anche l’eugenetica, il piano prevede anche un massiccio declino della popolazione.

Anche la digitalizzazione monetaria fa parte del piano. In realtà, è già ben avviata come elemento del Grande Reset del WEF, o come lo chiama il FMI, la Grande Riforma. Il FMI (e la Banca Mondiale), entrambi controllati dal Tesoro degli Stati Uniti, stanno progettando un cosiddetto Bretton Woods 2.0, un reset del sistema monetario in cui l’economia del dollaro occidentale sarà alla fine sostituita da una valuta digitale criptata a cui possono partecipare alcune valute occidentali selezionate. Il ruolo dell’oro in questo non è chiaro, né lo è quello della valuta de facto più forte, lo yuan cinese.

Se questa ipotetica nuova cripto-moneta, finora controllata dal FMI e dalla BRI, dovesse prevalere, molto probabilmente estinguerebbe tutto il debito statunitense e fornirebbe linee di credito – forse l’equivalente di centinaia di trilioni di dollari – per salvare le piccole banche centrali dei paesi più poveri e fortemente indebitati.

Se i nuovi salvataggi del FMI e della BRI causerebbero semplicemente un aumento sproporzionato del debito di questi paesi, o se essi dovessero (devono) semplicemente cedere la loro base patrimoniale nazionale al FMI e al Global Monster Fund gestito dalla BRI – per poter zoppicare in “passo” e in povertà, secondo le regole di de Meister, questo non è chiaro.

In ogni caso, bisogna essere preparati al fatto che molto accadrà ancora se “noi, il popolo” permetteremo al Grande Reset avviato da Covid-19 di andare avanti. È sempre più chiaro che Covid non è altro che uno strumento per un piano molto più grande, il Grande Reset. Il Grande Reset è l’antidoto alla “democrazia”. È un’ulteriore demolizione di ogni speranza di “democrazia”.

Fortunatamente c’è la Cina, anch’essa con una nuova moneta digitale (cripto?), che è in fase di test, in preparazione ed eventualmente da introdurre per i pagamenti internazionali come alternativa all’economia del dollaro, o contro la nuova moneta cripto, insidiosamente controllata dal FMI e dalla BRI, e controllata dal Tesoro statunitense. Per contro, lo yuan digitale è inteso come un mezzo pacifico di commercio tra eguali nel contesto di un mondo multipolare più equilibrato. Sì, nonostante il pensiero negativo dell’Occidente sulla Cina.

La filosofia di vita taoista, che l’Occidente non vuole conoscere né capire, non è conflittuale, anche se si confronta costantemente con l’Occidente aggressivo.

Nel frattempo, per sfuggire alla nuova tirannia monetaria (dal dollaro fiat al fiat fiat cripto), i Paesi potrebbero semplicemente riacquistare la sovranità, recuperare le banche centrali nazionali, produrre le loro valute nazionali e con le banche pubbliche locali e con i debiti locali per i mercati locali – per quanto possibile verso uno stato di autosufficienza, con scambi transfrontalieri in valuta locale. Se ciò dovesse accadere, la cripto-valuta controllata dal FMI e dalla BRI morderà la polvere.

Peter Koenig è un economista e analista geopolitico. È anche uno specialista delle risorse idriche e dell’ambiente. Ha lavorato per oltre 30 anni con la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità in tutto il mondo in materia di ambiente e acqua. Tiene lezioni presso le università degli Stati Uniti, dell’Europa e del Sud America. Scrive regolarmente per riviste online come Global Research, ICH, New Eastern Outlook (NEO) e altre. È l’autore di Implosion – Un thriller economico sulla guerra, la distruzione dell’ambiente e l’avidità delle imprese, una finzione basata su fatti e 30 anni di esperienza della Banca Mondiale in tutto il mondo. È anche coautore dell’Ordine Mondiale e della Rivoluzione! – Saggi della Resistenza.

Peter Koenig è un ricercatore del Centro di ricerca sulla globalizzazione.

Fonti :

  1. https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/nejme2002387)
  2. https://www.pivotarea.eu/2017/10/26/german-armed-forces-open-part-of-their-new-urban-warfare-training-city/

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Questo post è apparso per la prima volta il 23.10.2020 sul blog – The Saker

La traduzione in tedesco è stata pubblicata il 23.10.2020 theblogcat

+++

Fonte dell’immagine: suibo / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort