Chi beneficia di Covid-19? Una riflessione pubblica su Corona e i suoi amici

Un commento di Hermann Ploppa.

Cui bono? Chi beneficia del morbo di Corona?

Non so cosa dire. Perché lo tsunami di persone intelligenti che ci spiegano Corona, o più precisamente: Covid-19, nei talk show, nelle conferenze, nelle fuoriuscite di youtube o su Facebook, mi rende sempre più perplesso di giorno in giorno. Mi sento come lo spettatore di un’emozionante partita di ping-pong. La delicata palla bianca rimbalza da giocatore a avversario e indietro, e io giro la testa, seguendo la palla con gli occhi, sempre da destra a sinistra e indietro da sinistra a destra. Fino alla perfetta rigidità del collo. Non sembra molto intelligente.

Alcuni dicono: il pericolo di un’epidemia di massa causata dal brutto virus Covid 19 non può essere preso abbastanza sul serio. Le nostre precauzioni devono essere al massimo. La signorina Corona non scherza. Tuttavia, lo Stato e le sue autorità lavorano ancora troppo lentamente. Se continua così, avremo una terribile pandemia anche in Germania. Tutte sciocchezze, dicono gli altri: La Corona non è più pericolosa delle epidemie di influenza e delle pandemie. In realtà Corona è una barzelletta. Un’eccitazione di massa sfacciatamente gonfiata. Una prova generale per il profondo stato di sicurezza. Allora, chi beneficia di Covid-19? Il Pentagono, l’industria farmaceutica, i massoni, gli alieni o i gesuiti?

Dopotutto, siamo già così insicuri che io e mia moglie abbiamo comprato da Aldi alcune confezioni di spaghetti e riso più di quanto riusciremo a lavorare nelle prossime settimane, oltre a grano e farro per poter cuocere i nostri involtini. Tanto i panini li facciamo già da soli, che diavolo. Questa è la grande ora della scena del prepper, quelle persone che si stanno già preparando per l’apocalisse e che vivranno qualche cestino da pranzo NATO più a lungo di noi normali idioti disinformati.

Chi ne beneficia? Con la maggior parte delle epidemie degli ultimi due decenni è abbastanza chiaro. L’influenza aviaria e l’influenza suina sono stati atti di criminalità organizzata senza precedenti. Un gigantesco furto del nostro comune patrimonio pubblico da parte di cleptocrati della politica, della scienza, dei media e del cosiddetto business “libero”. In effetti, siamo arrivati al punto in cui le agenzie governative, le università e persino l’ONU sono state infiltrate da talpe dell’industria farmaceutica. Ad esempio, all’inizio degli anni 2000, Laurent Kaiser, in qualità di responsabile del Laboratorio Centrale di Virologia di Ginevra presso l’Ospedale Universitario, fu in grado di compilare dieci lavori scientifici in modo tale da dare al pubblico l’impressione che il farmaco antinfluenzale Tamiflu, un prodotto del gruppo farmaceutico svizzero Hoffman La Roche, fosse senza dubbio il farmaco ideale per combattere l’influenza suina (1).

In seguito si è scoperto che otto dei dieci articoli “scientifici” sono stati pagati dalla casa farmaceutica svizzera Hoffman La Roche e non sono mai stati pubblicati su riviste scientifiche. Solo due dei dieci saggi erano stati pubblicati seriamente e non erano sponsorizzati da Hoffman La Roche. E questi due studi dicono che non c’è praticamente nessuna differenza di efficacia tra il Tamiflu e il placebo. In altre parole: il Tamiflu non aiuta contro l’influenza. Ma questo è stato scoperto solo dopo che diversi Paesi avevano già speso miliardi di euro o dollari per acquistare Tamiflu, riempiendo le tasche di grasso delle aziende farmaceutiche. Non bastava tenere Tamiflu nelle scorte governative. Il governo britannico stava preparando i suoi eserciti per lo scenario di disciplinare i cittadini arrabbiati che erano stati privati del Tamiflu. Quando gli Stati sono rimasti bloccati sulle loro scorte di Tamiflu per troppo tempo, è stato finalmente inventato un motivo per far uscire il farmaco Hoffman La Roche.

In una gigantesca campagna è stato dichiarato lo scoppio della terribile pandemia di influenza suina. Ma l’infezione di massa non si è verificata. E ora i governi in disgrazia hanno dovuto gettare la spazzatura inutile da qualche parte. Il virologo tedesco e politico della SPD Wolfgang Wodarg era allora un esperto di salute nell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa e condusse una campagna tanto solitaria quanto eroica contro il gigante farmaceutico svizzero Hoffman La Roche. Il suo curriculum

“Essi [i politici responsabili] hanno sprecato le scarse risorse sanitarie per strategie di vaccinazione inefficaci e hanno esposto inutilmente milioni di persone sane al rischio di effetti collaterali sconosciuti di vaccini non sufficientemente testati. (2)

Questo va ricordato ancora una volta in modo così dettagliato, perché all’epoca questo palese crimine, questo atto di spudorata corruzione, non fu mai perseguito penalmente. Il politico della sanità Wodarg ha combattuto da solo su ampi campi aperti e ha cercato di trascinare in tribunale i dirigenti dell’autorità sanitaria delle Nazioni Unite OMS che avevano partecipato fin troppo apertamente a questa cospirazione. Senza successo. Tuttavia, ci sono state delle conseguenze: Wolfgang Wodarg è scomparso dalla scena politica. Ha perso il suo mandato alle elezioni federali del 2009.

Cui Bono? Chi ne beneficia? All’epoca era chiaramente definita: l’industria farmaceutica. Oggi il caso è completamente diverso. Nessun paese al mondo ha fatto scorta di un vaccino contro Covid-19. In realtà, è stato l’avvento del nuovo virus a rendere necessaria la sua definizione. Inoltre, Covid-19 è stato scoperto per la prima volta in Cina. La Cina non è un paese leader nell’industria farmaceutica come gli Stati Uniti, la Germania o la Svizzera. La Cina produce principalmente prodotti generici, cioè prodotti su licenza, che sono al momento molto richiesti. Ma l’economia cinese è nota per soffrire terribilmente dell’epidemia. E in contrasto con l’epidemia di SARS dell’inizio degli anni 2000, questa volta la Cina sta agendo in modo molto trasparente e sta informando l’opinione pubblica mondiale relativamente presto sullo scoppio della malattia. Il fatto che un agente patogeno sia stato eliminato dai laboratori durante un esperimento con armi biologiche cinesi può essere tranquillamente smaltito come propaganda occidentale. La Cina ovviamente non ha alcun vantaggio dall’epidemia.

Cui Bono? L’epidemia va a vantaggio degli interessi degli Stati Uniti? È possibile che gli Stati Uniti abbiano addirittura contrabbandato un’arma biologica in Cina per estrarre i denti del suo sfidante più pericoloso? Devo confessare che all’inizio ero incline a questa ipotesi. Perché mi sembra chiaro che gli Stati Uniti non possono sconfiggere la Cina né militarmente né economicamente. Sicuramente è logico lasciare che il nemico bruci all’interno nel modo molto sottile della guerra biologica? Peter König persegue questa domanda (3). Prima di tutto: secondo tutto quello che si sa sugli esperimenti del Pentagono, una guerra biologica contro la Cina è un’opzione oppressivamente realistica. Tuttavia, nel suo articolo, König disturba già con la frase: “I media occidentali tacciono anche sul fatto che il virus apparentemente infetta in larga misura l’etnia cinese, cioè che colpisce specificamente il DNA cinese. Quasi tutti i decessi e i casi confermati nei 51 Paesi e aree in cui il virus si è diffuso sono di origine cinese”. Gene cinese? Cinese etnico? Doppio singhiozzo. Perché dopo la seconda guerra mondiale, dopo lo spostamento dell’eugenetica dalla grande scena globale, la scienza è giunta alla conclusione che le “razze” non differiscono nella loro struttura genetica. Il fenotipo non è lo stesso del genotipo.

In altre parole, il diverso colore della pelle non è una conseguenza di una diversa composizione genetica. E che anche i popoli, ad esempio francesi e tedeschi, dovrebbero avere geni diversi, è una cosa che nessuno afferma. Inoltre, l’etnia cinese è stata inventata solo da Sun Yat-Sen durante il movimento nazionalista. Solo all’inizio del XX secolo si sono combinati gruppi etnici completamente diversi per formare il cosiddetto popolo Han, al fine di contrastare il nazionalismo etnico dei conquistatori europei e americani. Inoltre, König fa notare che lo scorso autunno si è tenuta in Cina un’Olimpiade militare, alla quale hanno partecipato 200 atleti americani. Di conseguenza, il virus corona è scoppiato a Wuhan. Tali argomentazioni mi fanno piuttosto astenermi dall’ipotesi di una guerra biologica americana contro la Cina attraverso Corona, mentre König declassa cautamente le sue ipotesi a un “istinto”. Questo fa più male che bene all’Illuminismo. Purtroppo.

Quindi andiamo su un terreno più solido e pensiamo a chi potrebbe beneficiare per caso della pandemia di Corona. Una sorta di “beneficio collaterale”. Da quando la Fiera del libro di Lipsia è stata cancellata, è chiaro che la vita intellettuale in Germania si sta riducendo in modo massiccio. Allora, di cosa non si parla? Esatto. A proposito della grande manovra NATO Defender 2020: mentre le prime navi vengono scaricate a Bremerhaven con ogni tipo di equipaggiamento bellico, noi stiamo svuotando gli scaffali ad Aldi. Va bene. Almeno abbiamo già pensato alle disposizioni per il caso di emergenza nella nostra mente e nel nostro cuore. E noi l’abbiamo già praticato. Il primo ostacolo della preparazione alla guerra mentale è stato superato. Non era certo sua intenzione, ma si rivelerà molto utile.

E comunque. Cos’è questa storia della manovra? Non significa evitare la folla e preferibilmente restare a casa? Astenersi dal contatto fisico? Rimanere a distanza di sicurezza per non far sbavare i nostri simili? Sì, e poi 38.000 uomini e donne in uniforme si scatenano in Germania, Polonia e Stati Baltici per praticare la guerra contro la Russia a stretto contatto? Se la pandemia è davvero così pericolosa, la manovra del Defender 2020 non dovrebbe essere annullata immediatamente? I soldati non dovrebbero essere messi in quarantena? Gli artigiani di guerra altamente qualificati possono morire in modo civile su Covid-19? Bruciamo deliberatamente il “capitale umano militare”? Oppure i soldati sono immuni come il protagonista, una volta risorto, Neo nel super film Matrix?

Ma supponiamo – solo ipoteticamente – che Covid-19 e i suoi amici ci gettino a terra in una pandemia davvero pericolosa. Il sistema sanitario tedesco è preparato a questo? Non c’è bisogno di essere un insider della scena ospedaliera tedesca per giudicare che gli ospedali tedeschi non possono in alcun modo ospitare un tale assalto di sospetti di Corona. Un terzo di tutti gli ospedali in Germania è stato sottratto al settore pubblico attraverso la privatizzazione. Non si tratta più di aiutare i malati, ma di profitti, rendimenti e dividendi. Vengono promossi i reparti ospedalieri che realizzano profitti. Tuttavia, i reparti di terapia intensiva sono estremamente costosi e non possono essere resi redditizi (4).

Ma è proprio questa terapia intensiva che sarebbe massicciamente utilizzata nel caso di Corona. I grandi gruppi ospedalieri stanno esercitando una forte pressione per ridurre i costi. E dove si possono risparmiare i costi? Con il personale, naturalmente! Di conseguenza, i dipendenti che rimangono ancora nel servizio sanitario sono esausti fino al loro esaurimento prematuro. In questo momento, le proteste dei medici e del personale infermieristico stanno massaggiando (5). Le condizioni negli ospedali privatizzati non sono descrivibili. Coloro che sono “solo” pazienti dell’assicurazione sanitaria nel nuovo sistema medico tedesco a due livelli possono essere parcheggiati nel corridoio con una corrente d’aria dopo l’operazione e poi morire di polmonite. Oppure vengono spinti in un taxi e portati a casa appena due giorni dopo un’operazione seria e poi muoiono dopo pochi giorni. Nessuna fantasia. Questo è quello che è successo a mio fratello, che era solo un membro di un’assicurazione sanitaria pubblica. E poi il famoso germe dell’ospedale. Se volete porre rapidamente fine alla vostra vita, non affrettatevi a prendere il prossimo treno per pendolari in modo simile a un film. Fatti curare in ospedale. Non meno di 40.000 persone muoiono ogni anno in ospedale a causa dei cosiddetti germi ospedalieri (6).

Secondo il principale virologo tedesco Dr. Christian Drosten dell’istituto virologico della Charité di Berlino, l’ottanta per cento delle persone infettate da Covid-19 soffrirà solo un raffreddore leggermente più forte. Il venti per cento soffrirà di una grave influenza, e il due per cento morirà per questa influenza corona. Per risparmiare questi due percento sono state prese in considerazione ampie misure di sicurezza (7). La nostra società ha l’ambizione di fare in modo che nessuno muoia a causa di epidemie. Questo è onorevole. E segue anche un calcolo economico. Perché quando una malattia si diffonde in modo esponenziale, paralizza l’economia. Se, come nel caso del cancro, si raggiungono alti tassi di mortalità, ma non aumentano in modo spettacolare, si accetta la morte di centinaia di migliaia di persone. Anche la morte di circa 35.000 persone ogni anno, secondo le stime, a causa di pandemie influenzali ordinarie, viene accettata con una scrollata di spalle. Perché questo è visto in modo diverso per Covid-19?

Ancora una volta, il coraggioso Davide prende una posizione dura contro il prepotente Golia dell’industria farmaceutica, il virologo e politico Wolfgang Wodarg. In una dichiarazione che solo un quotidiano con copertura regionale ha osato pubblicare (8), Wodarg scrive

“Non c’è alcun pericolo medico straordinario alla base dell’hype corona. Tuttavia, causa un notevole danno alla nostra libertà e ai nostri diritti personali attraverso misure di quarantena e regole di divieto frivole e ingiustificate”.

Wodarg pone la mano proprio sulla ferita della nostra società, cioè l’asservimento di tutti gli ambiti della vita al brutale reggimento della logica di mercato. Dopo tutto, la nostra scienza deve anche rivelarsi redditizia e attraente per attirare donazioni dal mondo degli affari. Gli istituti scientifici devono competere tra loro. Questa è una gran parte della dinamica che si esprime attualmente nel gonfiore di Corona. In questo contesto, Wodarg sostiene che i virologi sono “in agguato” per ottenere attraenti soldi per i disastri:

“Un laboratorio del Charité ha vinto la gara dell’OMS ed è stato autorizzato a commercializzare i suoi test interni in tutto il mondo a più riprese al solito prezzo.

Vale a dire 200 euro a prova. A quanto pare Wodarg ha preso di mira il professor Christian Drosten, che attualmente si fa passare per talk show e conferenze stampa federali in qualità di esperto di malattie. E Wodarg lo riassume: “Lavorare in modo scientifico non significa parlare con politici e uomini d’affari in questo modo. La scienza è affidabile quando utilizza metodi trasparenti per mettere in discussione le presunte conoscenze in modo professionale e coerente in ogni momento. Anche se questo a volte richiede molto tempo, può salvarci da molti costosi passi falsi in materia di salute che gli appassionati di sorveglianza dell’influenza vorrebbero farci credere.

Cui Bono? A cosa serve allora Corona? Forse noi, la gente comune? Sono sicuro che lo sarà solo quando ci sveglieremo finalmente e realizzeremo il nostro potenziale. Corona ci mostra che la globalizzazione è un errore. Che dobbiamo tornare a una regionalizzazione della produzione e del consumo. Se riconquistiamo lo spazio pubblico e riportiamo in proprietà pubblica istituzioni già privatizzate (9) come ospedali e università. Allora le epidemie di virus saranno di nuovo gestite in modo responsabile.

Non come modello di business, ma come una sfida che viene affrontata con calma e obiettività dalla comunità. Riprendiamoci ciò che è stato a lungo nostro!

Fonti:

  1. Süddeutsche Zeitung, 17.12.2010, Die Tamiflu-Lüge: https://www.sueddeutsche.de/wissen/kampf-gegen-die-grippe-die-tamiflu-luege-1.1037400
  2. Daily Mail, 18.1.2010, The ‚false‘ pandemic: Drug firms cashed in on scare over swine flu, claims Euro health chief: https://www.dailymail.co.uk/news/article-1242147/The-false-pandemic-Drug-firms-cashed-scare-swine-flu-claims-Euro-health-chief.html
  3. Peter König Ein Akt der Bio-Kriegsführung? 2.3.2020: https://kenfm.de/standpunkte-%e2%80%a2-china-ist-mit-der-covid-19-epidemie-konfrontiert-war-sie-von-menschenhand-gemacht/
  4. Zuerst auf Englisch erschienen auf Global Research am 29.2.20209: https://www.globalresearch.ca/china-is-confronting-the-covid19-epidemic-was-it-man-made-an-act-of-of-bio-warfare/5705067 Coronavirus und das kaputtgesparte Gesundheitssystem. Bessere Zeiten. Wagenknechts Wochenschau #04 https://www.youtube.com/watch?v=dUoskQc0Pto&feature=youtu.be&fbclid=IwAR1PMbhFLxAvvwqp28-mJv94SlN85WMcQU__EHpZcKUB6VGL0E7Rcn9mGlA
  5. NDR, 4.2.2020, Uniklinik-Ärzte fordern bessere Arbeitsbedingungen: https://www.ndr.de/nachrichten/niedersachsen/Uniklinik-Aerzte-fordern-bessere-Arbeitsbedingungen,aerztestreik180.html
  6. t-online 21.11.2014, Bis zu 40.000 Tote durch Krankenhauskeime: https://www.t-online.de/gesundheit/id_71855750/gesundheitsministerium-dementiert-tausende-tote-durch-multiresistente-keime.html
  7. Prof. Dr. Christian Drosten: Coronavirus-Experte erwartet Rückgang der Todesrate | Talk aus Berlin: https://www.youtube.com/results?search_query=christian+drosten+zdf
  8. Aktuelle Erklärung von Wolfgang Wodarg zum „Corona-Hype“: https://www.wodarg.com/vortr%C3%A4ge/
  9. Das Wort „privat“ kommt übrigens vom lateinischen Verb „privare“, was so viel heißt wie „rauben“.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort