Il cuore della democrazia | Di Johannes Kreis

Quando la democrazia diventa un simbolo, è in pericolo.

Un punto di vista di Johannes Kreis.

Inoltre, non vi è alcuna discussione di fatto e di contenuto su COVID-19 nei media. Si ricorre invece a un simbolismo discutibile per evitare le domande urgenti sulla presunta pandemia.

Con il presunto “assalto al Reichstag”, sono state finalmente prodotte le immagini della manifestazione di Corona a Berlino lo scorso fine settimana, che era stata auspicata da gran parte dei media, ma anche dai politici. Nella messa in scena dell’indignazione su di essa nel Tagesschau, SZ, FAZ & Co, alcuni aspetti sono andati perduti.

Tacere sulla morte di centinaia di migliaia di manifestanti pacifici con domande giustificate e urgenti è sopportabile per un presidente tedesco. 300 pazzi con bandiere imperiali e una messa in scena teatrale di un “assalto” spingono il signor Steinmeier ai suoi limiti.

Dov’è il Presidente federale quando i medici di base esperti, gli scienziati, i capi delle autorità sanitarie e degli istituti scientifici con 30 anni di esperienza professionale sono chiamati Aluhut-indossatori e teorici della cospirazione dai proletari di Internet? Dov’è il limite di ciò che è sopportabile per il signor Steinmeier e per il resto delle celebrità politiche?

Se la stampa dovesse fare un servizio su Corona secondo i criteri della Rete tedesca per la medicina basata sulle prove, l’intera storia del panico di Corona crollerebbe nel giro di pochi giorni (1).

Secondo i dati statistici, la politica è nuda, e questo in considerazione delle catastrofiche conseguenze economiche. Ed è di questo che si tratta. Ecco perché i critici vengono diffamati. La colpa di tutto è di Corona, non delle misure.

Si preferisce non affrontare argomenti di fatto.

Tutti i gruppi di età sono risultati positivi al test, ma coloro che muoiono con un test positivo hanno 82 anni in Germania (2). Questo non può essere distinto dall’aspettativa di vita naturale. In Scozia le persone con un test COVID-19 positivo vivono più a lungo di quelle senza (3).

Le cifre non sono diverse in Svezia (4), ma la Svezia è ora solo sulla mappa.

Anche Lauterbach ha scoperto che le maschere di tutti i giorni sono inefficaci (5, 6). E nonostante il presunto aumento dei casi di infezione, il numero di casi di terapia intensiva rimane a un livello basso (7).

E 50.000 persone a una manifestazione a Berlino chiedono informazioni e vogliono delle risposte. Quello che ottengono è finta indignazione per una bandiera del Reich.

Ignorare, diffamare, escludere, questa è la risposta della politica, non solo ai 50.000 di Berlino, ma anche ai tanti altri che si pongono le stesse domande.

Questi finti dibattiti sono l’espressione della crescente impotenza della politica di fronte a una scienza che agisce senza testa. Quasi nessuno ha notato che, venendo da “500.000 morti a giugno”, siamo atterrati a “potrebbero esserci conseguenze a lungo termine” (8).

Nessuno sembra aver mai sentito parlare dell’ondata annuale e stagionale di virus contro cui si misura COVID-19 nei media, ma anche in gran parte della professione medica. Nel 2020 non muoiono più persone rispetto al 2019 e meno rispetto al 2018 (9).

Dove sono morti i Tönnies? Questa è una domanda valida. Dove sono gli attacchi di cuore a Heinsberg, o i danni ai reni e ai nervi a Ischgl, dove l’85% di coloro che sono risultati positivi non si è nemmeno accorto di avere COVID-19 (10)?

Grazie al signor Steinmeier e al signor Schäuble, tuttavia, ora sappiamo che i cittadini del Reich e gli estremisti di destra possono essere riconosciuti da tali domande.

Chi vorrebbe fare ancora queste domande?

Permettere di mettere in discussione le cose e soprattutto di mettere in discussione le azioni dei governi è il cuore della democrazia. Ma invece di occuparsi di queste legittime questioni, di incanalarle e di far assumere alla scienza i suoi compiti, la leadership politica si è radicata dietro slogan di perseveranza e di esclusione della critica in stile Merkel.

Allora, cos’è l'”attacco al cuore della democrazia”?

Fonti e commenti:
(1) Deutsches Netzwerk Evidenz-basierte Medizin, „Risikokommunikation zu COVID-19 in den Medien“, 20.8.2020
(2) RKI, „Täglicher Lagebericht des RKI zur Coronavirus-Krankheit-2019 (COVID-19)“, Aug 30, 2020
(3) Connor Boyd, „Revealed: Average age of Covid-19 victims is OLDER than life expectancy in Scotland as stark figures show ,it is predominantly a disease that strikes the elderly‘“, Daily Mail, 21 July 2020
(4) FOHM, „Folkhälsomyndigheten — Avlidna per åldersgrupp
(5) bei Markus Lanz, sonst siehe auch Prof. Dr. Markus Veit, „Pandemie Spezial — Hauptsache Maske!?“, DAZ 2020, Nr. 33, S. 26, 13.08.2020
(6) Thomas Maul, „Leugnet das RKI die Corona-Pandemie?“, 29.08.2020
(7) CIDM, „Aktuelles Corona Monitoring Deutschland
(8) „Zwei Epidemiologen im Streitgespräch — Haben wir angemessen auf Covid-19 reagiert?, STREITGESPRÄCH MIT SUCHARIT BHAKDI UND ULRICH MANSMANN am 28. August 2020“, CICERO
(9) Bundesamt für Statistik, „Sonderauswertung zu Sterbefallzahlen des Jahres 2020
(10) Ärzteblatt, „Antikörper-Studie: Viele Bürger Ischgls waren infiziert“, 25. Juni 2020

+++

Nota sull’articolo: Il testo attuale è apparso per la prima volta su “Rubikon – Magazin für die kritische Masse“, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: SAKhanPhotography / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort