Basta con il regime di emergenza!

Un punto di vista di Jens Wernicke.

L’editore di Rubikon Jens Wernicke porta in tribunale lo stato di emergenza della repubblica e chiede: “L’illuminazione ora!

Un mondo migliore comincia nei nostri pensieri. Ma i buoni impulsi non devono rimanere bloccati nella fase della speranza e del desiderio. Nelle prime settimane della sua copertura dell’isteria di Corona, il Rubicone ha ricercato, analizzato e incriminato. Più di 100 autori hanno, metaforicamente parlando, le dita doloranti per opporsi alla sincronizzazione di quasi tutto il panorama politico e mediatico. La nostra protesta non è passata inosservata, ma la dittatura della salute è ancora in aumento – nonostante le prove schiaccianti che il virus non è eccezionalmente pericoloso e che la privazione collettiva di diritti per milioni di persone è un crimine. Ora è il momento di passare a una nuova fase: quella dell’azione concreta. Il Rubicone sostiene quindi un progetto cinematografico eccezionale su Corona e sta portando in tribunale lo “stato di emergenza della repubblica”.

Cari lettori,

ora la misura è piena.

Sotto il velo della paura, siamo tutti incapaci, privati della nostra dignità e dei nostri diritti fondamentali e collettivamente traumatizzati.

Inoltre, la ridicola cattiva gestione del sistema sanitario tedesco è ora probabilmente un “pericolo di vita” generale:

  • Più del 50 per cento di tutti gli interventi previsti sono stati annullati, l'”ingorgo chirurgico” va a migliaia.
  • Il 30-40 per cento in meno di pazienti con attacchi cardiaci e ictus vengono trattati perché non osano più venire nelle cliniche.
  • In tutto il paese, 150.000 ospedali e 10.000 letti per terapia intensiva sono vuoti.
  • A Berlino, solo 68 letti per la terapia intensiva sono occupati da pazienti affetti da corona, la clinica di emergenza con 1.000 letti rimane inutilizzata.
  • Il Consiglio tedesco per la rianimazione ha pubblicato una raccomandazione ufficiale che invita a non ventilare le persone dopo l’arresto cardiaco.
  • In Gran Bretagna, circa 3.000 persone a settimana stanno già morendo per gli effetti dell’isolamento, a causa del panico generale e del parziale crollo sociale.
  • Milioni di mezzi di sussistenza vengono distrutti e gli anziani indifesi e indifesi in case di cura, case di riposo e ospedali vengono isolati, oggettivati e spaventati a morte.

E anche la vaccinazione obbligatoria Corona, probabilmente pericolosa per molti, è sempre più probabile.

I politici e i media chiamano tutto questo “aiuto”, “cura” e “protezione”. Ma qualcosa di più poco amorevole, incapace e dannoso per la salute è difficile da immaginare. Se qualcuno vuole proteggersi e vivere e morire come qualcun altro – questa è e rimane interamente una sua decisione e una sua responsabilità.

Tuttavia, in nome della “salute pubblica”, i multimorbidi ottantenni sono ora costretti, invece di passare qualche settimana buona con i loro cari, a passare i loro ultimi giorni isolati, ansiosi e spesso “tormentati dalla medicina intensiva” fino alla morte.

La dignità umana, a quanto pare, non vale più nulla. Asocialità e disumanità dovrebbero essere il nuovo “amore”.

Presumibilmente tutto questo riguarda Corona. Ma il governo rifiuta ancora di riconoscere i fatti scientifici sulla presunta pandemia, così come l’attuazione di tutte quelle misure che sono assolutamente necessarie secondo il Piano nazionale pandemico.

Il capitolo 5.3 di questo piano contiene elenchi dettagliati di tutte quelle cifre, indagini e studi che dovrebbero essere raccolti ed eseguiti immediatamente per arrivare ad una valutazione realistica del rischio su base scientifica.

L’intero scenario ricorda quello della guerra in Iraq, dove dal primo giorno in poi solo le persone sbagliate hanno chiamato nelle telecamere:

“Armi di distruzione di massa, armi di distruzione di massa, pericolo, pericolo, pericolo, guerra, guerra, guerra, guerra, adesso, proprio adesso!

Virologi come Drosten, che oggi governa il nostro Paese, sono medici di laboratorio che studiano gli agenti patogeni ma non hanno alcuna competenza sulla diffusione e sul possibile pericolo delle epidemie.

Hanno calunniato, calunniato e messo a tacere gli epidemiologi – e quindi coloro che sono stati emarginati, calunniati e messi a tacere dall’inizio di questa crisi.

Uno dei maggiori scienziati al mondo in questo campo è il professore di medicina di Stanford John Ioannidis. Già pochi giorni fa, in un’intervista di un’ora, aveva confermato ciò che era già diventato ovvio attraverso studi a livello mondiale:

La letalità di Covid19 è “nell’ambito dell’influenza stagionale”.

Per le persone di età inferiore ai 65 anni, il rischio di mortalità anche nei “punti caldi” del mondo è paragonabile al tragitto giornaliero in auto per andare al lavoro, per le persone sane sotto i 65 anni anche “del tutto trascurabile”. Solo a New York il rischio di mortalità per le persone al di sotto dei 65 anni di età è stato di un camionista professionista.

Lunedì mattina, a partire da lunedì mattina, intenterò una causa contro l’obbligo di indossare le maschere nella Renania-Palatinato, che sarà applicabile da quel momento in poi, nonché contro il “requisito della distanza” a livello nazionale. Perché non ci sono basi per entrambe le cose. Al contrario: gli unici che chiedono richieste così forti e forti sono i governi o dipendono da loro o dall’industria farmaceutica.

La democrazia sembra diversa!

Democrazia non significa: il governo annulla la costituzione e la giustifica con “esperti” che sono legati ad essa da istruzioni o che sono famosi e noti per la loro vicinanza all’industria farmaceutica da anni.

In questo contesto, vi consiglio il grande documentario “TrustWHO”, che qui si può vedere a pieno titolo, per esempio, ma altrove, nonostante ogni affermazione sia sostenuta e provata, cade vittima della censura.

Date un’occhiata a questa documentazione insieme ai vostri amici e familiari. Vedrete: Molti di coloro che oggi diffondono paura e panico sono stati coinvolti nella finta influenza suina.

Oltre alla mia causa, il Rubicone donerà 10.000 euro ai cineasti di “TrustWHHO”, che attualmente chiedono sostegno per un documentario investigativo Corona, affinché possano mettere in atto il loro progetto.

Vi chiedo, cari lettori, di fare lo stesso per me e per noi: Resistete pacificamente contro l’esclusione dal diritto di voto nel nostro Paese – e sostenete anche il crowdfunding per il film in programma.

Il motto è:

L’illuminazione ora! Basta con il regime di emergenza!

+++

Nota sul contributo di Rubikon: Il presente testo è stato pubblicato per la prima volta su “Rubikon – Magazin für die kritische Masse“, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è stata fatta sotto una licenza libera (Creative Commons), KenFM si appropria di questo testo per un uso secondario e sottolinea esplicitamente che il Rubicone dipende anche dalle donazioni e ha bisogno di sostegno. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta il 24.04.2020 da  Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Fonte dell’immagine: Diego Cervo / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort