SPD: Morte per noia

Un commento di Florian Kirner.

Ora si passa così al round cruciale. Quasi 430.000 membri SPD voteranno i loro futuri presidenti di partito nelle elezioni per il ballottaggio. Che emozione incredibile! La Germania è elettrizzata da questo folle spettacolo.

No, sul serio: la ricerca di un nuovo tandem alla testa della SPD è la più noiosa manifestazione di casting di tutti i tempi. Per più di mezzo anno è stato spruzzi apatico. Mezzo anno, in cui l’SPD ha tagliato catastroficamente in altre tre elezioni statali e nei sondaggi a livello nazionale, è scivolato al 15 per cento.

Tuttavia, in nessun momento la ricerca di una nuova leadership è riuscita ad aumentare la tensione. Al primo turno, solo il 47% dei membri del SPD ha partecipato alle elezioni primarie. In una situazione in cui si tratta ovviamente della pura e semplice esistenza del partito, il 53 per cento dei membri del SPD, in altre parole, non è stato nemmeno in grado di riunirsi per partecipare alla votazione.

Che da solo dimostra, come demoralisiert il negozio è nel frattempo. Nessun miracolo. Il DOCUP sta morendo lentamente da almeno vent’anni. Le leggi Hartz IV del governo Schröder pesano come una lapide sul partito. E continuiamo ad aspettare invano una significativa ribellione.

A livello delle associazioni locali, in fondo alla base, il declino è il più triste. Qui, tra postunter e sostenitori poco dissimulati del neoliberismo, ci sono ancora socialdemocratici autentici, persone buone e oneste. Ma hanno da tempo rinunciato alla loro festa all’interno. Sono ancora membri per abitudine, per nostalgia o perché l’associazione locale è allo stesso tempo la cerchia di amici. Il fuoco dei tempi passati si è spento.

Ora, quindi, il voto di ballottaggio, il voto, il voto, la decisione delle decisioni: Olaf Scholz e Klara Geywitz sono sul ring contro Norbert Walter-Borjans e Saskia Esken. Il duello dei giganti.

Ora non c’è dubbio che il duo Walter-Borjans / Esken è molto meno indifferente di qualsiasi altro duo composto dal ministro delle finanze e dal vice-cancelliere Olaf Scholz.

Norbert Walter-Borjans è stato Ministro delle Finanze in NRW dal 2010 al 2017. Durante questo periodo di tempo ha causato un furore con l’acquisto di CD con i dati degli evasori fiscali tedeschi e in realtà ha dimostrato la sua spina dorsale nella lotta contro l’evasione fiscale dei ricchi e dei super-ricchi. C’è molto da suggerire che Walter-Borjans è una persona decente. Ma sarà in grado di far uscire la SPD dalla crisi? Sarà in grado di ispirare di nuovo le persone per la vecchia zia SPD?

C’è molto da dire contro di essa. Per esempio la sua partner in tandem Saskia Esken. Dal 2013 è membro del Bundestag tedesco per la SPD. In un’intervista con Tilo Jung, a Saskia Esken è stato chiesto cosa aveva fatto in questo periodo per cambiare il corso della SPD – dopo tutto, si presenta ora come una critica alla Groko – e deve sbarazzarsi due volte come una pessima bugiarda per evitare una risposta diretta da un punto di vista politico.

Non è una sorpresa. Diamo uno sguardo al comportamento di voto della donna che ha già lavorato in giovane età insieme al presidente di Sinistra Bernd Riexinger e che ha all’incirca lo stesso carisma.

Saskia Esken ha accettato l’estensione della missione Bundeswehr in Libano. Saskia Esken ha accettato l’estensione della missione della Bundeswehr in Kosovo. Tuttavia, Saskia Esken …. ha anche approvato l’estensione della missione Bundeswehr in Mali, così come l’estensione della missione Bundeswehr in Somalia, il proseguimento della missione Bundeswehr in Darfur e l’estensione delle missioni in Afghanistan e nel Mediterraneo.

Con tutto il dovuto rispetto. Un vero combattente per la pace, questo Saskia Esken. Almeno lei chiede l’abolizione delle sanzioni per HartzIV e della previdenza sociale. Ma non voleva accettare una richiesta corrispondente della SINISTRA. Coercizione da parte della fazione e così via. Non si è astenuto. Lei ha votato contro. Oltre che contro la proposta di introdurre la trasparenza societaria contro l’evasione fiscale. Naturalmente, è favorevole in termini di contenuto. Ma smettila: pressione del gruppo parlamentare.

Esken ha anche votato per un ulteriore inasprimento della politica di espulsione, ma anche per un’immigrazione mirata nel mercato del lavoro tedesco. I diritti umani, certamente. Ma le esigenze del mercato hanno la precedenza – e quelle del gruppo che si trova nel Groko, il cui avversario Esken vuole essere, ma purtroppo non può essere.

Mentre è molto preoccupata per la protezione dell’ambiente e il salvataggio climatico, come hanno dimostrato le interviste, ha anche votato contro la chiusura delle centrali a carbone per la produzione di energia elettrica o per dichiarare un’emergenza climatica. Esken non è stata nemmeno in grado di sostenere la mozione dei Verdi di introdurre un limite di velocità sulle autostrade tedesche, contro la sua dichiarata convinzione. Sì, è vero: disciplina di gruppo parlamentare.

D’altra parte, potrebbe accettare l’estensione della castrazione dei maialini senza anestesia.

Quindi questo è il miglior nuovo inizio offerto da questa elezione del DOCUP? Una presunta avversaria di Groko che alza la zampa per ogni merda Groko e vota costantemente contro la sua convinzione perché è troppo codarda per rompere la disciplina delle fazioni?

Infatti, l’emaciazione del personale da parte del SPD è la prova più evidente di quella che presumibilmente è un’infermità fatale. Chi ci sarebbe ancora lì, chi avrebbe formato e spina dorsale ed è ancora vivo?

Nulla illustra il declino della qualità del personale socialdemocratico tanto quanto la bella pagina “Grandi della Democrazia Sociale” sulla homepage della SPD. Poi, accanto ad August Bebel, Ferdinand Lassalle, Marie Juchacz, Lily Braun, Kurt Schumacher, Willy Brandt e Helmut Schmidt, appaiono nomi seri come Heide Simonis, Gerhard Schröder, o, sì, davvero: Andrea Nahles.

Wikipedia scrive correttamente che l’SPD è il “più vecchio partito ancora esistente in Germania”. Esiste ancora, infatti. E che sarebbe davvero molto divertente, questo spettacolo di una festa di morte nel suo imbarazzo raccolto. Ma in qualche modo è molto triste. Perché la SPD, con tutto ciò che già in decenni lontani ha offeso e soffiato, molte buone e orgogliose tradizioni del movimento operaio accomodato.

Tutto indica che la Democrazia sociale tedesca seguirà la strada del PASOK greco, che non esiste più, o del Partito socialista francese, che ha dovuto vendere la sua sede del partito fortemente indebitato.

Avrei concesso alla vecchia zia SPD, ma anche il panorama politico del nostro paese, un colpo di liberazione dal basso, una ribellione della base, una partenza del marchio Jeremy Corbyn, invece di una fine così ingloriosa dal profondo del mio cuore.

Ma, a quanto pare, non ne uscirà nulla.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: francodelgrando / otturatore

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort