Il più grande raduno costituzionale della storia | Di Anselm Lenz e Batseba N’Diaye

Un commento di Anselm Lenz e Batseba N’Diaye.

Mai nella storia dell’umanità i governi hanno concesso volontariamente le libertà. Questi dovevano sempre essere introdotti o reclamati sotto la pressione della gente – un’introduzione al prossimo fine settimana in tre fasi.

Allora? Di che colore sei vestito? Giallo, verde, rosso, nero – anche blu? La politica identitaria dei colori politici, celebrata da anni dai media, è diventata tanto più drastica quanto meno si parlava di intenzioni di design politico. In una democrazia con separazione dei poteri e della rappresentanza, l’intento di disegno politico è dimostrato da ultimo dal fatto che una legge viene sottoposta al voto del legislatore. Il potere legislativo, il parlamento, decide in merito. L’idea è che sia nell’interesse dei cittadini, in altre parole, praticamente di tutti i presenti.

Il massimo potere legislativo è quindi e secondo la costituzione della Repubblica Federale di Germania, la Legge fondamentale, il popolo. Il popolo è composto da una moltitudine di cittadini che decidono da soli della loro comunità. Nella Repubblica Federale questo era fino a poco tempo fa regolato da una forma indiretta di democrazia. I membri del Parlamento avrebbero dovuto assorbire e rappresentare tutte le voci della società attraverso le elezioni. Hanno presentato delle leggi e le hanno votate a nome dei cittadini. Il governo è stato anche eletto dal Parlamento – su base temporanea e strettamente vincolato dalla Legge fondamentale.

1.Una legge per tutti

Nella Repubblica Federale Tedesca, la Legge fondamentale – come ogni costituzione civile – regola i limiti del potere dell’apparato statale. Le costituzioni civili garantiscono ad ogni cittadino gli stessi diritti e doveri e sottopongono il governo ad un potere che è ancora al di sopra di esso: è il testo stesso, la legge fondamentale. A questo proposito, i testi costituzionali e la Carta dei diritti umani possono essere descritti come l’unica letteratura che ha potere diretto. La parola scritta e scritta delle costituzioni sostituisce così il potere personificato degli assolutisti, dei governanti della chiesa, dei monarchi o dei tiranni dei tempi premoderni, che alla fine facevano ciò che volevano con il popolo – e per questa abbondanza incontrollata di potere nella migliore delle ipotesi si riferiva ancora a un Dio che nasceva anche dalla loro stessa interpretazione del divino.

La transizione del potere supremo dagli individui a una Scrittura che ha il potere di un accordo democratico segna il più grande progresso dell’umanità di tutti i tempi. In questa scrittura si afferma il rifiuto di quella che il filosofo Walter Benjamin chiamava pura violenza. Il singolo cittadino non deve più sottomettersi a un potentato che ha letteralmente surclassato tutti i suoi concorrenti, ma si muove tra persone libere e uguali, l’influenza dei democratici.

È tra questi che questa nazione – il concetto di nazione si riferisce a questa conquista liberale dai tempi della Rivoluzione francese – determina le cariche e i parlamenti necessari per essa e li fa ricoprire per un periodo di tempo limitato. Ciò avviene sempre nel rispetto della Costituzione, che è un documento che limita il potere in misura molto limitata, è valido nella sua esatta formulazione e può essere interpretato solo in senso più ampio all’interno di un ambito interpretativo molto ristretto.

Nella vita politica della Repubblica – il termine latino res publica significa “materia pubblica” – i poteri sono divisi e controllati pubblicamente. Chiunque può essere eletto o votato fuori dalla carica. I parlamenti, il governo, i tribunali, i media e il pubblico dei cittadini si controllano a vicenda.

I tribunali indipendenti decidono in base ai fatti, stabiliscono la legge e l’ordine su ciò che si trova, senza un’opinione della persona e soppesando i vari fattori. Giornalisti distinti e aziende mediatiche riflettono la realtà della Repubblica, trasmettono le notizie al pubblico. Essi spiegano e commentano nella sezione conclusiva di un’offerta, come potrebbero essere interpretate le informazioni offerte. È così che il giornalismo ha dato vita all’illuminazione storica – e viceversa. La democrazia è emersa da entrambi. Democrazia significa che i principi, i governanti della Chiesa e i tiranni non hanno più alcun potere, ma che tutte le questioni essenziali devono essere votate da persone che sono libere e uguali in linea di principio.

2. La violazione costituzionale

Ora al presente dell’anno 2020: mentre il rapporto dei poteri con la Costituzione era già malato in precedenza, le grandi aziende mediatiche della Repubblica Federale erano già in grave crisi di credibilità, i politici professionisti riuscivano a malapena a mostrarsi 30 metri all’aperto in pubblico senza essere bersagliati con uova e pomodori marci – non tutti avevano il diritto di farlo – il legame del governo con la Costituzione è stato completamente spezzato dopo lo stato di emergenza di Corona.

Dal 25 marzo 2020 il gabinetto della Merkel si è pronunciato in violazione della Legge fondamentale della Repubblica Federale Tedesca. Va ora sottolineato che in precedenza un gran numero di giuristi costituzionalisti era del parere che i governi federali stessero violando la costituzione o che i parlamenti approvassero leggi che erano e non sono conformi alla costituzione. Gli esempi più noti sono l’annessione della RDT senza lo sviluppo democratico di una costituzione comune – come avrebbe rigorosamente previsto la Legge fondamentale -, lo spiegamento della Bundeswehr all’estero, la preparazione di guerre di aggressione, l’introduzione scoordinata dell’euro e gli interventi illegittimi dell’Unione europea.

Queste rotture nel carattere della Legge fondamentale hanno effettivamente avuto un effetto sulla reputazione della leadership politica e delle corti costituzionali, e hanno portato ad una serie di morti all’estero, ma non hanno penetrato nella vita nuda, i corpi dei singoli cittadini della Repubblica Federale Tedesca. Per la maggior parte delle persone, le violazioni costituzionali commesse dai governi sono rimaste astratte a vita.

Come il più importante intellettuale del nostro tempo, il filosofo italiano Giorgio Agamben, non si stanca mai di spiegare, siamo minacciati dall’alba di una nuova era oscura, una ricaduta in condizioni antidemocratiche. E’ un momento in cui i governanti assolutisti delle multinazionali dell’industria bancaria, farmaceutica e informatica, in collaborazione con il governo, qualche migliaio di politici professionisti nei parlamenti, le multinazionali dei media e alcuni funzionari sindacali si pongono al di sopra della Costituzione. In una frenesia di potere, proclamano una legge d’emergenza dopo l’altra. Senza senso e senza ragione, proteggono una narrazione scientificamente infondata di un agente patogeno con il quale mettono i cittadini in una paura mortale.

Così indebolite psicologicamente, si lasciano assoggettare a misure di controllo totalitario e di soppressione che già non si sognavano. E questo in un Paese che una volta ha resistito al censimento, ha criticato la raccolta sistematica di dati su tutti gli abitanti e persino sulla carta d’identità, perché ha voluto riprendere la tradizione liberale secondo cui ogni persona è libera e può legarsi a sufficienza con la sua mera presenza, la sua parola e la libertà di contratto. Dalla dichiarazione dello stato di emergenza del 25 marzo 2020, non esiste un diritto fondamentale che non sia stato violato. Questo stato di cose continua, anche se i movimenti democratici in giro Non senza di noi! e il pensiero laterale sono già riusciti a riconquistare una serie di libertà, compreso il diritto di riunione.

3.L’estate della democrazia

Anche se l’estate mostra il suo lato migliore e l’amore in privato, la cosa più importante di tutte, può assorbire molto: Nella vita politica si sta verificando uno scenario di orrore fascistoide, di cui siamo stati avvertiti più e più volte nei libri e nei film dal 1945, in modo da imparare a difenderci fin dall’inizio. Aveva ragione lo scrittore Ignazio Silone quando diceva che il nuovo fascismo sarà immaginato come antifascismo. Perché un’antifa che va con il governo e le corporazioni non è semplicemente un’antifa, ma un gommone di una corazzata che vuole coinvolgere le società dell’Occidente in condizioni di guerra civile.

Contro di essa si rivolgono i movimenti democratici, che assicurano la pace assoluta anche sulle animosità politiche. È nella natura delle cose che da tutte le direzioni politiche si fanno avanti per primi i più attenti e coraggiosi. Tra i fulmini ci sono naturalmente anche molti di coloro che si spingono troppo oltre con i loro treni del pensiero. Così come non tutte le equazioni possono essere risolte nella direzione di x, non tutti gli sviluppi storici hanno un’intenzione. Tuttavia, sono le persone che agiscono a prendere le decisioni. Chi nega la libertà del testamento dovrebbe spiegare perché si alza la mattina. E non c’è assolutamente nulla da dire contro la permanenza a letto per un periodo di tempo più lungo. Ma anche questa è una decisione. Senza il libero arbitrio non esiste più una società umana – ed è proprio questo che emerge alla fine dell’orizzonte neoliberale: “Non esiste la sociétéy”, cioè “la società non esiste affatto”, è il suo mantra.

Ma quando il libero arbitrio dei legami individuali e umani non è più valido, allora la strada è spianata per ogni abominio. La strada è poi libera per una burocrazia tecnica, per il transumanesimo, le vaccinazioni obbligatorie e il controllo totalitario. La grande pensatrice Hannah Arendt aveva ragione, come è evidente oggi. Nel momento dell’attuale interregno, lo stato di emergenza, in cui il gabinetto della Merkel governa la costituzione, il potenziale dei personaggi fascisti diventa evidente. Allora, come adesso, circa un terzo della società è fascista. E’ compito dei democratici, dei veri e propri antifascisti colti, ma anche di coloro che vogliono semplicemente avere la loro tranquillità per mettere un freno a questi fanatici. In questa situazione, tra questi vi sono in particolare coloro che sono stati resi politicamente senzatetto molto tempo fa, ed è per questo che oggi è ancora più importante avere una casa. Alla fine, viviamo tutti qui insieme, sia che lo desideriamo altrettanto, sia che preferiamo avere qualcos’altro.

Per questo motivo decine di migliaia di persone – forse anche le 500.000 annunciate – si riuniscono a Berlino questo fine settimana, a partire dal 31 luglio. Il più grande raduno del fine settimana è previsto per sabato, alle ore 11.08, alla Porta di Brandeburgo, sotto il motto “Giornata della pace”. Prima ancora di cominciare, è già evidente che questo sarà il più grande raduno costituzionale della storia.

Il regime di emergenza di Corona ha violato quasi tutti i diritti fondamentali e non ha un mandato politico per le sue azioni. Opera sulla base della sola violenza pura, violenza che non è più strettamente legata alla costituzione e ai diritti umani. Il sovrano, il popolo del paese, il popolo e in definitiva ogni singolo individuo, è ciò che fa del sovrano, del popolo del paese, e quindi in definitiva di ogni singolo individuo, come un essere umiliato con maschere, schiavizzato con decreti, sminuito con menzogne, come abbandonato dalla rappresentazione. Non c’è alcun motivo per banalizzare tutto questo. Non c’è alcuna possibilità di uscire da questa situazione aspettando. Nella storia i governi non hanno mai concesso o restituito volontariamente le libertà. Hanno sempre dovuto essere introdotti o restaurati sotto la pressione popolare. Non c’è un’eccezione.

Anselm Lenz e Batseba N’Diaye sono redattori del settimanale Resistenza Democratica

Il settimanale Demokratischer Widerstand (DW), nato come opuscolo informativo sul regime di Corona, è diventato rapidamente il settimanale a più alta diffusione nella Repubblica. Viene distribuito settimanalmente a livello nazionale e dipende dalle donazioni all’IBAN DE51 1001 1001 1001 2625 2368 69 o meglio ancora da Patreon: https://www.patreon.com/demokratischer_widerstand

+++

Grazie agli autori per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: immodium/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort