Il conflitto in Catalogna – attenzione, trappola!

Un punto di vista di Pere Grau.

Il 26.10.10.2019 KenFM ha pubblicato un articolo sul conflitto tra Catalogna e Spagna. Questo “punto di vista” mi ha ricordato ancora una volta quanto sia facile e quanto spesso i giornalisti tedeschi (e non solo) che intendono effettivamente cadere nella trappola che la propaganda nazionalista spagnola pone per loro.

Molti stranieri semplicemente non riescono a capire che la maggior parte dei media spagnoli che usano come fonti sono semplici portavoce di chi è al potere. I loro proprietari e collaboratori (o entrambi) rendono sempre omaggio allo stesso modo di pensare e pongono il dogma dell’unità spagnola al di sopra di tutti gli altri criteri, non importa quanto la verità soffra. E poiché i catalani sono risoluti contro questo dogma sacro, sono bombardati da diffamazioni, distorsioni della verità e crude insinuazioni.

Ne commenterò solo una piccola selezione, nella speranza che questi esempi aiutino a capire quanto poco si possa considerare grave la relazione spagnola sul conflitto catalano e quanto poco la democrazia spagnola possa essere considerata esemplare.

Falso 1: false accuse di corruzione.

La corruzione è un fenomeno che – purtroppo – purtroppo – si trova ovunque. Anche in Catalogna. Nessuno sta cercando di nasconderlo sotto il tappeto. Ma purtroppo, purtroppo, troppo spesso le accuse di corruzione sono state usate per screditare i politici catalani senza giustificazione. Alcuni esempi sono l’ex primo ministro Artur Mas e l’ex sindaco di Barcellona Xavier Trias.

Contro entrambi, si sparse la voce che avevano “parcheggiato” milioni di dollari su conti svizzeri. Questo è costato a Xavier Trias la sua rielezione a sindaco. Tuttavia, ricerche serie hanno successivamente dimostrato che queste accuse sono state fatte con aria pura. Tuttavia, nessuno degli autori si è mai scusato per questo.

Un caso di natura diversa è quello dell’ex primo ministro Jordi Pujol. Poiché fu imprigionato, torturato e bandito durante la dittatura franchista, suo padre aprì un conto in Andorra (per proteggere la famiglia se qualcosa di simile dovesse ripetersi), che dovrebbe essere a disposizione di sua nuora e dei nipoti se necessario. Su di essa sono stati depositati 10 milioni di pesetas (che oggi corrisponderebbero a circa 60.000 €), che erano già tassati. Niente soldi neri, quindi.

L’errore di Jordi Pujol (lui stesso ha detto “ero un asino”) è stato – dopo la morte del padre – di non dichiarare questi soldi e pagare le tasse di successione per questo. L’intero processo era apparentemente noto alle autorità spagnole per molto tempo, ma solo quando Pujol ha aderito al movimento indipendentista, è diventato un caso di corruzione di molti milioni di euro, per screditare Pujol, purtroppo con successo, con la popolazione. Chiunque conosca Pujol sa di essere un uomo integro che ha spesso trascurato la famiglia a causa dei suoi ideali per la costruzione del paese. Era e non è corrotto. Quelli che erano corrotti, d’altra parte, sono due dei suoi figli che sono già stati esposti. I due aspetti sono stati a lungo oggetto di procedimenti giudiziari. Tutto questo è stato deliberatamente usato per distruggere deliberatamente un’icona catalana come Jordi Pujol.

Falso 2: I catalani odiano lo spagnolo e la lingua spagnola.

Questo è, se così posso dire, sbagliato. Le mele non devono essere confuse con le pere. A parte alcuni casi possibili (la minoranza assoluta), i catalani non “odiano” la lingua di tanti loro concittadini. I catalani vogliono semplicemente che la propria lingua svolga nel proprio paese il ruolo che merita. Naturalmente, lo spagnolo non gioca più un ruolo dominante in molti campi come in passato, anche se rimane la lingua più parlata nelle strade e nei media. Tuttavia, gli studenti catalani hanno spesso voti migliori nella lingua spagnola che in altre parti della Spagna. Da non dimenticare: le espressioni di odio di molti spagnoli contro la Catalogna sono molto numerose e sufficientemente documentate (1).

Falso 3: Oriol Junqueras (presidente della sinistra repubblicana catalana e condannato arbitrariamente e illegalmente a 13 anni di carcere) è molto spesso attaccato come razzista.

Questa accusa e’ imbarazzante per essere ridicola. Le osservazioni di Junqueras sulla somiglianza genetica o la dissimiglianza con spagnoli, francesi o chiunque altro non hanno nulla a che fare con il razzismo, dal momento che Junqueras non ha mai detto che altri popoli erano inferiori a causa sua. Si possono comprendere meglio le frasi di Junqueras, che si sia o meno d’accordo con esse, se si sa che l’archeologia e la storiografia moderna ha stabilito che, contrariamente alle precedenti teorie, le migrazioni dei popoli nel Paleolitico, ma soprattutto nell’età del bronzo, procedevano in modo diverso da quanto precedentemente ipotizzato. E sulla penisola iberica, la ricerca ha trovato un chiaro confine nella valle del fiume Ebro. A sud, la terra era popolata da popoli che potrebbero provenire dall’Africa. A nord di esso (anche nell’odierna Catalogna) il paese era popolato da persone della cultura indoeuropea di Hallstatt, che poteva riflettersi nelle caratteristiche genetiche, in qualsiasi misura.

Il lavoro standard su questo argomento è “Les arrels de Catalunya” (“La radice della Catalogna”) dell’archeologo Miquel Tarradell (Ediciones Vicens Vives, Barcellona 1982), con numerosi riferimenti bibliografici.

Il fenomeno si è ripetuto nel Medioevo. Dopo la riconquista del paese da parte degli invasori arabi, molte zone spesso spopolate erano abitate da persone provenienti dalla Linguadoca e dalla Provenza di oggi, il che si riflette ancora oggi nella somiglianza tra catalano e occitano.

Quindi: Junqueras ha solo sottolineato (più o meno abilmente) un fatto che non ha nulla a che fare con il razzismo o il disprezzo delle nazioni.

Un’altra frase di Junqueras è stata deliberatamente trasmessa in modo errato ai lettori spagnoli. Si dice, a seguito della strategia di diffamazione, che Junqueras ha detto che tutti gli spagnoli erano predatori e iene. Tuttavia, ha usato questi termini in modo molto specifico solo per quegli spagnoli che diffondono false notizie sulla Catalogna e suscitano arbitrariamente odio contro i catalani. Le accuse razziste contro Junqueras sono testimoniate dal fatto che per quattro anni è stato sindaco della sua residenza Sant Vicenç dels Horts, una piccola città (circa 17.000 abitanti) nei pressi di Barcellona.

C’è una netta maggioranza degli abitanti di lingua spagnola nella città, e Junqueras ha vinto i loro voti cercando costantemente la vicinanza ai cittadini, a TUTTI i cittadini, e gestendo il suo ufficio così bene che sarebbe stato rieletto se non si fosse trasferito al Parlamento catalano nel 2015. Tra le voci che hanno protestato contro l’accusa razzista contro Junqueras ci sono in particolare le associazioni di cittadini di lingua spagnola di Sant Vicenç dels Horts.

Falso 4: Mele e pere continuano ad essere confuse con un’altra affermazione assurda, vale a dire che “i separatisti” non solo chiedono l’indipendenza della Catalogna, ma anche altri territori in Spagna, Francia e Italia, considerati “paesi catalani”.

E’ vero che non sono solo i catalani, ma anche molti abitanti di Valencia, delle Baleari e del Rossiglione, che si considerano appartenenti a una nazione catalana, ma solo culturalmente, il che non ha nulla a che vedere con le rivendicazioni statali o politiche. La lingua catalana è sempre stata una confederazione politica. E l’obiettivo della politica culturale catalana è stato quello di promuovere la lingua catalana in queste zone quando necessario.

Dal punto di vista politico, tuttavia, si ritiene che, che Valencia o le Isole Baleari vogliano un futuro diverso, questa è una loro attività e i catalani non hanno nulla da dire. Molti valenciani e maiorchini, ad esempio, hanno ripetutamente chiarito che non vogliono scambiare il paternalismo di Madrid con il paternalismo di Barcellona.

Quindi, se in un lontano futuro dovrebbe emergere una “Grande Catalogna”, dovrebbe essere solo perché tutti la vogliono così e non solo alcuni catalani dalla testa grossa.

Fake 5: Dopo il 1977, i governi catalani furono accusati di aver sostenuto la “stampa separatista” con sussidi e di aver “indottrinato” i giovani in modo estensivo attraverso la televisione e le scuole catalane manipolate, tra l’altro con miti e falsificazioni della storia.

Se questo è vero, allora le costanti difficoltà finanziarie dei pochi giornali catalani sono più che incomprensibili.

Gli ultra-nazionalisti spagnoli che dicono queste cose dovrebbero piuttosto osservare da vicino se stessi su questo argomento. Per nient’altro che miti, la falsificazione della storia e l’indottrinamento è ciò che i governanti spagnoli hanno fatto negli ultimi 300 anni.

Ciò che è stato effettivamente fatto è stato fatto per negare ai bambini la vera storia del paese, che molti storici catalani di impeccabile reputazione internazionale stanno ricercando da più di 100 anni. Si tratta di storici come Rovira i Virgili, Soldevila, Vicens i Vives e altri che sono stati molto apprezzati dagli studiosi europei.

Falso 6: I separatisti stabilirono una dittatura linguistica in Catalogna a favore del catalano, così come Franco ne stabilì una a favore dello spagnolo.

Va notato che il catalano rischia ancora di diventare gradualmente un fenomeno residuale senza finanziamenti pubblici, con un’importanza ancora minore rispetto all’occitano in Francia o al basso tedesco in Germania. Questo è il risultato di quei periodi dal 1714 ad oggi in cui il catalano è stato vietato o comunque ostacolato nel suo uso e sviluppo. Il periodo di Franco era stato solo l’ultimo e più duro, ma non l’unico. Alcune domande ai lettori stimati: è così riprovevole che in Catalogna i ristoranti sono obbligati ad offrire i loro menù in catalano? Significa tranne che in spagnolo, inglese, russo o giapponese a causa mia? E’ così riprovevole che i catalani vogliano usare la loro lingua, che è una parte indispensabile della loro identità, nei loro rapporti con le autorità?

Spesso ciò non è possibile perché la maggior parte dei funzionari spagnoli impiegati in Catalogna dallo Stato spagnolo non capiscono nemmeno il catalano. E questo vale per i giudici, i pubblici ministeri, la polizia o le autorità finanziarie. Il governo catalano ha chiesto in diverse occasioni che i funzionari assegnati alla Catalogna, che devono avere contatti ufficiali con i cittadini, dovrebbero almeno comprendere sufficientemente il catalano.

Tuttavia, ciò è stato respinto perché significherebbe “discriminazione”. Si potrebbe immaginare che in Svizzera ci siano funzionari pubblici che non capiscono il tedesco a Zurigo, il francese a Ginevra o l’italiano a Lugano?

Si potrebbe ancora riempire pagina dopo pagina con esso, ma vorrei lasciarlo a quello. E’ stato importante per me sottolineare che, prima di scrivere del conflitto catalano, bisogna fare ricerche approfondite e conoscere le insidie della stampa spagnola.

Grazie a Dio ci sono anche giornalisti che non sono abbastanza ingenui da entrare in questa situazione. Uno di loro una volta rispose ad un commento elogiativo: “È strano essere lodati solo perché si pratica correttamente la propria professione….”. Vorremmo vedere molti altri relatori di questo tipo.

Fonti:

  1. https://peregraurovira.wordpress.com/2016/07/11/wenn-der-unsinn-alltaegliches-brot-wird/
  2. https://peregraurovira.wordpress.com/2016/07/15/einstein-hatte-recht-und-wie/

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Vjacheslav Shishlov/ Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort