Stati cinesi

Un punto di vista di Rüdiger Rauls.

Secondo i media occidentali, la libertà di espressione in Cina non è lontana. Secondo il loro punto di vista, la parte determina ciò che si può pensare. Ora anche i media occidentali sembrano usare gli stessi metodi che condannano in Cina e in Russia.

Tutta la politica

Per anni, la Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ) ha riferito ampiamente sulla vita e gli eventi sociali in Cina. Di solito solo i critici e i nemici della Cina hanno voce in capitolo. Sebbene il Paese sia riuscito a far uscire centinaia di milioni di persone dalla povertà, un processo unico nella storia dell’umanità, questi vincitori e sostenitori della politica cinese non ricevono quasi mai una parola sul giornale.

La situazione è simile con la copertura della gestione della crisi di Corona in Cina. Qualunque cosa sia stata fatta, ha incontrato le critiche degli abitanti di Francoforte. O era troppo tardi o non era abbastanza, troppo dittatoriale o è stato fatto solo con l’ulteriore scopo di assicurare la rivendicazione del potere del Partito comunista. Anche la costruzione, ammirata in tutto il mondo, di due ospedali a Wuhan ha incontrato lo scetticismo nella FAZ. L’aiuto parzialmente gratuito agli Stati occidentali è stato degradato come “diplomazia della maschera”.

Finora, tuttavia, il giornale ha portato poche prove delle insinuazioni secondo cui la leadership di Pechino sta perseguendo principalmente intenzioni politiche con il suo sostegno. Al posto delle fonti, il documento si basa spesso su speculazioni, congetture e molte affermazioni nel congiuntivo.

Tuttavia, non è la realtà, ma il proprio pensiero, i propri atteggiamenti e i propri valori che si esprimono in questa visione. Ovviamente non si può immaginare che le azioni della Cina siano basate su motivazioni e intenzioni diverse da quelle per cui si giudica e si rappresenta il mondo. Ma si suppone che i cinesi pensino nelle stesse categorie degli opinion leader del valore occidentale. A questo proposito, è lecito dubitare che la rappresentazione delle reali condizioni della Cina sia nell’interesse di tali opinion leader .

Privilegio occidentale

Come si spiega altrimenti che la FAZ abbia usato il suo potere mediatico per silurare la trasmissione di un reportage sulla Cina che ha dipinto un quadro diverso? Il documentario “Wuhan – Cronaca di un’eruzione” sarà trasmesso lunedì 15.6.2020 sul SWR pubblico (SüdWestRundfunk).

Ancora prima della trasmissione, la FAZ ha fatto un articolo di mezza pagina in un posto di rilievo, criticando fortemente i piani dell’emittente con il titolo “propaganda cinese in SWR? Presumibilmente sono stati coinvolti anche altri media del valore occidentale, perché la FAZ parla trionfalmente di “critica massiccia” e che per questo l’emittente “probabilmente non conosceva altro modo per aiutare se stessa” che “non mostrare il film”(1).

Apparentemente il giornale si ritiene di invocare un tale approccio, perché in questo articolo si vede il sostegno al tentativo di Pechino di “influenzare il pubblico internazionale” (2). Si critica il fatto che il documentario si basi, tra l’altro, sulla materia prima fornita dalla CICC (3). Si teme che il contributo dipinga un quadro “che si sovrappone alla narrazione ufficiale in modo discutibile”. (4)

Ora l’eccitazione della FAZ è tanto più incomprensibile, in quanto è stata informata su richiesta che “la CICC poteva fare commenti sulle versioni di testo, ma non poteva esigere alcuna modifica”(5). Ciò significa che la presunta influenza dei cinesi non si era affatto verificata. Inoltre, l’emittente ha dichiarato che “ogni dichiarazione nel materiale della CICC è stata sottoposta a un controllo da tre fonti”(6). Qual era il problema?

Il consumatore occidentale dei media non aveva familiarità con tale accuratezza giornalistica, ad esempio, quando ha riferito sugli eventi in Siria. Fonti discutibili erano all’ordine del giorno. Tuttavia, in questi casi non è stato possibile rilevare un aspetto altrettanto energico di mezzi di comunicazione rinomati.

Ora, di fronte a queste contraddizioni, sorgono domande fondamentali: l’indignazione espressa dai nostri principali media significa che solo l’Occidente può influenzare il pubblico internazionale con i suoi mezzi di informazione e comunicazione? Non dovrebbe essere consentito anche alla Cina, alla Russia e ad altri paesi di presentare il loro punto di vista? È questa la comprensione della libertà di opinione in tali mezzi di comunicazione?

Nessuno ha il monopolio della verità. Ciò avviene solo attraverso una presentazione adeguata e completa di ciò che accade nel mondo. Per questo, tuttavia, la libertà di opinione e la diversità di opinioni sono indispensabili, ma ciò include anche opinioni che mostrano un quadro diverso. Forse gli opinion leader in Occidente si erano semplicemente abituati troppo ad avere i propri cittadini saldamente in controllo della propria opinione. Ritengono che per motivi di igiene intellettuale debbano impedire tali contributi? O è perché si ha paura che la propria influenza sul pensiero dei cittadini venga scossa, è addirittura scossa?

Rivalità del sistema

Non è rimasto molto dell’amicizia iniziale con la Cina. Le speranze dell’Occidente di uno sviluppo simile a quello dell’ex Unione Sovietica non si erano realizzate. Il cambiamento attraverso il riavvicinamento non ha portato a un cambiamento di sistema in Cina, come nel blocco orientale, ma all’ascesa del Paese fino a diventare la seconda potenza economica più forte del mondo. Ora anche i cinesi, come i russi sotto Putin, sono visti come colpevoli della spaccatura con l’Occidente. Ma vede se stesso piuttosto come una vittima, non come un partecipante alla rottura dei rapporti

Ma invece di rendersi conto della propria corresponsabilità e di permettere nuove azioni da essa derivanti, si continua a procedere come prima alla maniera di un signore del maniero. Si intensifica l’argomento e si ritiene che la vecchia ricetta sia ancora efficace, l’aumento della pressione. È in questo spirito che l’UE ha dichiarato la Cina un rivale di sistema nel marzo dello scorso anno. Quindi non ci vediamo più in competizione tra di noi non solo economicamente, ma anche politicamente. Ciò che non è chiaro è cosa pensavano e quali vantaggi speravano di trarne. Credevano seriamente che la Cina ora avrebbe tremato di paura?

È così che l’Occidente ha adottato questo nuovo modello di conflitto sistemico nella gestione della crisi di Corona. Come se il virus potesse essere di parte o addirittura influenzato politicamente. Senza necessità, la lotta contro l’epidemia è stata elevata a indicatore della superiorità del sistema democratico occidentale. Così facendo, l’Occidente ha teso la trappola in cui è ora intrappolato.

Perché la Cina ha dominato la crisi meglio degli Stati occidentali. Il numero di morti è molto più basso e l’economia si sta riprendendo rapidamente, anzi è quasi tornata ai livelli pre-crisi. Nonostante i miliardi di dollari di misure di sostegno, le economie della maggior parte dei paesi occidentali non escono realmente dal seminterrato economico.
Questa sconfitta autoinflitta nella battaglia dei sistemi è qualcosa che la gente si rifiuta di riconoscere, per non parlare di ammetterlo. Gli opinion leader occidentali negano questo fatto sminuendo o addirittura ignorando completamente il successo della Cina nella lotta contro l’epidemia.

Questa strategia, tuttavia, sarebbe in contrasto con la documentazione del CFA. Trasmetterebbe un’immagine completamente diversa della realtà cinese rispetto a quella che il lettore del FAZ sperimenta ogni giorno dal suo giornale e dagli altri media occidentali. C’è un modo per evitarlo? È per questo che c’è tutta questa eccitazione? Non può essere ciò che non deve essere?

La prossima sconfitta minaccia

Con contributi come quello su Wuhan, l’Occidente rischierebbe di perdere la “Battaglia della narrazione”, che la FAZ aveva proclamato nel suo numero del 1.4.2020. Se la Battaglia di Corona è già persa, almeno la presentazione e l’interpretazione degli eventi dovrebbero rimanere nelle mani dei media occidentali. Il punto è mantenere la gente nella propria sfera d’influenza al bar, anche se non si ha quasi nessuna influenza sulla formazione dell’opinione pubblica in Cina.

Ma anche qui c’è una crescente concorrenza tra l’Occidente e la Cina. Così, la redazione di Francoforte è scioccata nel constatare che il Paese “cerca di influenzare l’opinione pubblica internazionale con metodi sempre più sofisticati”(7). La Cina ha discusso di come potrebbe “rafforzare il proprio potere di discussione internazionale e rompere il dominio dei media occidentali”(8).

Ma che aspetto hanno questi metodi sofisticati, che spaventano così tanto coloro che finora hanno controllato la formazione dell’opinione? Da quale pericolo la FAZ vuole proteggere i consumatori di media in Occidente, da cosa non dovrebbero vedere nella documentazione che è stata rimossa? “Mostra ospedali ben attrezzati, ben curati per i pazienti, alta tecnologia cinese”(9). Ma la FAZ non ha riferito di questo ai suoi lettori, anche se ha dei corrispondenti sul posto.

Avrebbe piuttosto desiderato “che la documentazione includesse persone che mettono in discussione la narrazione ufficiale”(10). Se tali affermazioni e critiche alla segnalazione della FAZ provenissero dai creatori della documentazione rimossa, la FAZ si opporrebbe certamente ad essa, facendo riferimento alla sua libertà editoriale di progettazione. Forse, però, è nel frattempo talmente accecata dalla sua stessa immagine della Cina che sembra che ci si strofini gli occhi con stupore da altri punti di vista.

Finora i media in Occidente avevano dipinto un quadro piuttosto negativo della gestione della crisi cinese, se ne hanno parlato. Ma “vediamo invece una gestione delle crisi apparentemente perfettamente funzionante e cittadini apparentemente grati e soddisfatti”(11). Ciò che può essere criticato come metodi sofisticati per influenzare il pubblico può essere probabilmente dedotto solo dalla FAZ. Dopotutto, queste informazioni hanno dovuto resistere al triplice controllo dei fatti da parte dell’SWR di cui sopra.

Anche le dichiarazioni dei rinomati medici Wieler e Drosten, che nell’articolo appena pubblicato sono positive sulla gestione della crisi in Cina, sembrano essere considerate tentativi altrettanto pericolosi di influenzare il pubblico. Ad esempio, Drosten sospetta che “ciò che è accaduto nella fase iniziale dell’epidemia sarebbe stato molto più deragliato in molti Paesi”(12). E Wieler difende i cinesi dalle accuse di aver agito troppo tardi: “In retrospettiva si è sempre più intelligenti”(13). Quindi questa è la pericolosa manipolazione e l’influenza che proviene dalla Cina. Pensa che non ci si possa aspettare che il cittadino responsabile in Occidente accetti tutto questo?

Cantonisti inaffidabili

Non ci fidiamo che il cittadino responsabile crei la propria immagine senza essere patrocinato dai suoi stessi media? O c’è piuttosto il timore che possa crearsi una visione del mondo attraverso tali documentari, in cui il reportage dei nostri media si rivela per quello che è realmente: la manipolazione e la forma di influenza che viene ripetutamente imputata alla Cina e alla Russia.

D’altra parte: Quale atteggiamento nei confronti dei consumatori di media rivela questo atteggiamento dei nostri media? Si dubita del loro giudizio. Questo atteggiamento condiscendente era già stato espresso nelle accuse di manipolazione degli elettori da parte di Russia e Cina nelle elezioni americane ed europee. A quanto pare, i media in Occidente considerano il cittadino troppo stupido per vedere ciò che è giusto e vero. Deve quindi essere protetto da influenze indesiderate?

In definitiva, però, questo non significa altro che i media e i politici non sono molto convinti del proprio potere di argomentazione e della propria visione del mondo. Se credono che i loro cittadini possano essere così facilmente convinti dalle argomentazioni altrui, allora le loro opinioni non possono essere lontane. Ma questa è l’esperienza pratica delle dispute sociali in Occidente. Gli opinionisti si rendono conto sempre più chiaramente che la loro visione del mondo sta convincendo sempre meno il pubblico che le loro argomentazioni sono troppo deboli.

I media occidentali non diffidano della Russia o della Cina, ma dei propri cittadini. Non si fidano del suo giudizio. Ma ci sono buone ragioni per questa diffidenza: Perché i media sanno che manipolano, che danno alla gente una falsa immagine della realtà. Dipingono un quadro della realtà che corrisponde ai loro desideri e ai loro interessi politici. E contributi come quello che ora è stato rimosso con successo portano il pericolo che la manipolazione diventi evidente.

Appello e chiamata

Come cittadini, chiediamo la trasmissione della documentazione che è stata rimossa. Si può criticare il fatto che la FAZ stia cercando di evitare spiacevoli contributi. Ma ancora più critiche sono dovute a una stazione che si sottomette alle richieste delle aziende mediatiche private. Le stazioni ARD non sono finanziate da queste società. Sono i cittadini di questo paese che rendono possibile la radiodiffusione con le loro tariffe. Sono loro che pagano gli stipendi di coloro che, in autocompiacimento, credono di poter decidere per i pagatori cosa possono guardare e cosa no. Abbiamo diritto a un rapporto onesto.
Soprattutto, però, i media alternativi e tutti coloro che sono impegnati in una reportistica obiettiva dovrebbero chiedere la pubblicazione del contributo che è stato detratto. Altrimenti cosa li distinguerebbe come media alternativi?

Fonti:

  1. FAZ vom 16.6.2020: Wuhan und Wahrheit
  2. FAZ vom 15.6.2020: Chinesische Propaganda im SWR?
  3. China Intercontinental Communication Centre, ein Informationsbüro des chinesischen Staatsrates.
  4. FAZ vom 15.6.2020: Chinesische Propaganda im SWR?
  5. Ebenda
  6. ebenda
  7. ebenda
  8. ebenda
  9. ebenda
  10. FAZ vom 16.6.2020: Wuhan und Wahrheit
  11. FAZ vom 15.6.2020: Chinesische Propaganda im SWR?
  12. Ebenda
  13. Ebenda

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: C. Nass / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort