Obbedienza, Fase II: non malata ma messa a tacere | Di Tom Wellbrock

Un commento da Tom Wellbrock

Dopo che la manifestazione del 1° agosto 2020 a Berlino era stata precedentemente trascinata nel fango dai media come evento dei “negazionisti della Corona”, degli “oppositori alle vaccinazioni”, dei “nazisti” e dei “teorici della cospirazione”, divenne presto chiaro che il tentativo di dissuadere attraverso la diffamazione non si era concretizzato. È vero che i dati sul numero di dimostratori presenti – a seconda del punto di vista – sono colorati. Ma c’era molta gente sulla strada, non c’è dubbio.

Inoltre, il fatto che tra le tante persone che sono scese in strada a Berlino il 1° agosto, c’era solo un numero molto gestibile di coloro che si adattavano al profilo precedentemente assunto, che i media avevano disegnato, non può essere negato sulla base di innumerevoli immagini e flussi in diretta. Tuttavia, la demo è strumentalizzata dai media e dalle persone politicamente responsabili. Ma è così che sarebbe successo se non ci fosse stata la demo. Perché siamo in una nuova fase di un evento di manipolazione che non ha eguali.

Il primo blocco è stata colpa del virus” …

A mio parere, non c’è molto da rimproverare ai leader politici per il periodo in cui è iniziata la crisi. Non sapevano con cosa avevano a che fare, e che la banalizzazione iniziale si è trasformata poco dopo nella più grande epidemia dell’umanità – Succede un casino!

Anche il blocco è stato – anche se il tempismo è stato sfavorevole, ma ehi, dopo si è sempre più intelligenti! – era per certi versi comprensibile. Forse avrebbe potuto avere l’effetto desiderato se il governo federale non avesse adottato un approccio così disperatamente confuso.

Ma su un punto tutti in qualche modo erano d’accordo: il virus era responsabile dell’isolamento. La sua aggressività e la sua avidità di respirare la vita sono state la ragione per cui non solo il sistema sanitario (forse) ha raggiunto i suoi limiti. Ha anche paralizzato gran parte dell’economia. La vita umana viene prima di tutto, questo è il tenore.

Ma nel frattempo siamo andati avanti. Sappiamo che le vite umane non sono state e non sono certamente in cima alla lista delle priorità dei leader politici. L’articolo “Il rischio maggiore dei ‘gruppi a rischio'”, collegato nell’articolo, fornisce un resoconto impressionante e spaventoso di come si sono comportati gli anziani, in particolare, dopo l’inizio dell’isolamento. Dà anche un nome alle conseguenze per il cosiddetto “Terzo Mondo” e dipinge un quadro sobrio e asciutto dell’orrore. Se si legge questo testo, non si può fare a meno di porsi la domanda che aleggiava nella stanza fin dall’inizio, ma che non ha avuto alcun ruolo: la proporzionalità.

Non voglio certo riaprire qui la discussione su quante persone sono morte, con o attraverso Corona. Non ha senso. Perché al più tardi con questa questione della proporzionalità tra le persone decedute in questo Paese e gli effetti sociali, psicologici, educativi, sociologici ed economici, il critico delle mie parole arriva dietro l’angolo e batte i numeri in Brasile, in Italia o a New York. Per mesi ho cercato di sostenere che non si dovrebbero considerare isolatamente le scarne cifre degli altri paesi, ma che si dovrebbe tener conto di fattori quali la struttura dell’età, i sistemi sanitari, la povertà, il decorso delle malattie e le strutture politiche dei paesi citati.

Invano. Quindi lascio perdere. Nel frattempo. Invano.

E in questo paese? Le conseguenze psicologiche, sociali, sociologiche, pedagogiche ed economiche sono sempre più chiare. Non c’è da stupirsi, la politica ha avuto il tempo di osservare da vicino il corso della crisi. E ha avuto il tempo di rivalutare la situazione. Ma non l’ha usata.

Al contrario, ha riconosciuto un’opportunità: l’obbedienza.

… il secondo blocco è colpa dei critici

Quello che non voglio aprire è un dibattito sull’obbligo di indossare le maschere. Teoricamente si potrebbero discutere i pro e i contro delle maschere in certe situazioni. Ma i fronti si sono induriti da tempo a tal punto che non ne viene fuori nulla di costruttivo (più).

Il senso o l’insensatezza delle maschere facciali non sono quindi il mio argomento, ma gli effetti del dovere di indossarle. Dovete immaginare: circa 80 milioni di persone sono state condannate a indossare maschere. E gran parte di loro si attiene ad esso. Nel frattempo, continuano a spuntare polemiche che producono buoni argomenti a favore e contro l’uso delle maschere. Ma il dovere rimane, e (quasi) tutti si attengono ad esso. Il che è comprensibile, perché la pressione sociale è enorme. Anche un Wolfgang Wodarg, che non dovrebbe certo essere un fan delle maschere al supermercato, ha detto in un’intervista di aver accettato la situazione. Perché era anche spiacevole per lui (e perché no?) essere guardato o affrontato in modo ostile o riprovevole.

E questo ci porta alla critica di queste maschere. Le maschere e le numerose altre misure che limitano, limitano o minano i diritti fondamentali, facilitano la sorveglianza e ostacolano o impediscono completamente la libertà di movimento e la libertà di occupazione. Siamo con i critici che sostengono che, rispetto a Corona, ci sono altre malattie e problemi che hanno avuto e continuano ad avere effetti non meno gravi e che sono comunque generalmente accettati dalla società.

Sono chiamati “corona-denari”, spesso anche – a sostegno del punto, seppur senza alcuna base fattuale – nazisti, antisemiti o teorici della cospirazione. Questo lo sappiamo già. A coloro che non sono al 100 per cento in linea con il governo vengono assegnati tali titoli. Ma questa è acqua passata. Ora è la “seconda ondata”, il prossimo blocco. E, naturalmente, la questione di chi è responsabile.

E questa non è più Corona. Il virus ha sostanzialmente fatto il suo lavoro. È stato Covid-19 all’inizio del primo blocco, che è stato menzionato come la ragione, ora sono i critici, i rifiutanti della maschera o i critici della maschera, quelli che mettono in discussione le misure e sottolineano gli effetti che sono già stati accennati qui.

Sono loro che agiscono in modo irresponsabile, che quindi non mostrano alcuna considerazione per i loro simili, che distruggono l’economia e causano ulteriori morti attraverso il loro pensare (!) e agire. Finché si può dare la colpa al virus, esso può anche vivere bene con la cosiddetta “solidarietà”. Il motto era “Stai in salute”. E ci fu un applauso fino all’arrivo del dottore. Per le tante persone di importanza sistemica che si sono fatte il culo, non solo dai tempi di Corona, ma da decenni. Sempre sottopagati, sempre poco apprezzati socialmente, sempre con l’economia privatizzata col fiato sul collo, che rendeva ancora più difficile il loro duro lavoro. Si possono battere le mani in tempi di crisi, soprattutto se non si intende cambiare nulla. Oppure il pagamento di bonus una tantum per determinate professioni rilevanti per il sistema dovrebbe essere un segno di apprezzamento duraturo? Se è così, ho semplicemente una diversa definizione di apprezzamento.

La critica è resa impossibile

Funziona. Le critiche non possono più essere espresse senza essere colpevoli di un potenziale omicidio. Ogni nuovo numero di caso (per cui questa parola da sola è vuota e priva di significato) è usato come motivo per nuove misure, punizioni più severe e accuse più dure contro le menti critiche.

Non è più il virus ad essere colpevole, sono i critici. E non sono più le condizioni quadro politiche ad avere la colpa di condizioni come quelle delle macellerie; non sono più le misure rigide ad avere la colpa di persone imprigionate o depresse e solitarie (anziani); non sono più le misure rigide ad avere la colpa di aziende che vanno in bancarotta; non sono più le sofferenze degli artisti che devono richiedere la Hartz IV; sì, anche la stessa Hartz IV non è più colpa di chi è politicamente responsabile. Rifiutano ogni responsabilità! Quindi non sono più responsabili del mercato del lavoro privatizzato e di tutte le altre privatizzazioni che hanno effetti così devastanti, non per la povertà, non per la spesa in armi e guerrafondai, non per la corruzione, la corruzione e l’evasione fiscale da parte delle imprese globali. La colpa è solo dei “Corona denari”. E questa è una vendita dannatamente buona.

Tutto questo vi sembra eccessivo?

Temo che non lo sia. Viviamo da mesi in una repubblica monotematica dove gli effetti della crisi nella sfera pubblica sono praticamente inesistenti. Il fatto che ora – dopo la manifestazione – sia in discussione anche il diritto di assemblea si adatta all’umore generale, ma probabilmente sarebbe successo se la manifestazione non avesse avuto luogo. Che in un potenziale blocco solo le persone “irresponsabili” e non più il virus e la politica precedentemente così disastrosa sono responsabili è evidente da tempo. La demo di Berlino è stata naturalmente un’occasione per limitare, molestare ed estendere ulteriormente l’obbligo di indossare le maschere.

E quindi è logico che vengano ora richieste punizioni più severe per tutti quei “peccatori” che non si conformano al governo al 100 per cento. Le maschere stesse, a mio parere, sono comunque sopravvalutate in termini di effetto. Molto più importante è il carattere simbolico, che, come sappiamo almeno dalla manifestazione del 1° agosto, distingue il “buono” dal “cattivo”. Solo per questo motivo li terremo per un bel po’ di tempo.

La cosa deprimente è, tra l’altro, il fatto che una demo comparabile contro il razzismo (cioè una demo “buona”) sia stata trattata in modo completamente diverso, ma innumerevoli persone non se ne accorgono e non chiudono un occhio. Quindi la strategia sarebbe fondamentalmente abbastanza facile da capire, ma probabilmente abbiamo superato il punto in cui la percezione è capace di tali differenziazioni.

Ciò che rimane alla fine sono il “bene” e il “male”. Quest’ultimo può essere riconosciuto dal fatto che si rifiutano di indossare la maschera se possibile, che mettono in discussione le misure, che indicano conseguenze che sono anche una conseguenza della crisi. Quest’ultimo punto in particolare avrebbe dovuto essere da tempo oggetto di una discussione ampia, aperta e controversa nella società – per proteggere tutti, per usare quel vocabolario. Ma non si tratta più di tutti, si tratta di obbedienza e di riconoscere chi ostacola.

Questo tweet documentato del 01.08 è uno dei tanti che ultimamente sono passati attraverso i social media. Ma esprime l’umore generale:

Presumibilmente, la demo del 1° agosto diventerà enormemente popolare in futuro. È stata la raccolta di una massa critica che – nonostante tutte le differenze e in considerazione del fatto che molti si sono mescolati ad essa, che perseguono obiettivi completamente diversi dalla difesa della democrazia – sarà osservata in futuro in modo ancora più critico. Che sarà punito premiando i dimostranti delle questioni “giuste”. Che sarà diffamato e definito irresponsabile. Saranno chiamati a rispondere della “seconda ondata” in cui presumibilmente ci troviamo già, oltre che del conseguente blocco.

I critici dovranno anche pagare per i bambini e i giovani che d’ora in poi saranno costretti a indossare le maschere a scuola. Per i traumi che ne deriveranno, per i danni all’istruzione e al tessuto sociale dei giovani. E questo nonostante il fatto che questa prossima misura draconiana avrebbe potuto essere facilmente evitata. Ma questo è involontario, perché serve a costruire l’essere umano obbediente.

Se i prossimi ospedali saranno chiusi perché sarebbe più efficiente per la salute e il “mercato”, anche loro, che formano la massa critica, saranno ritenuti responsabili di questo. La vita di queste persone critiche non diventerà più facile nel prossimo futuro, ma considerevolmente più difficile.

Questo è anche il risultato della “politica di un solo problema”. La questione della colpa viene ridistribuita. E i colpevoli si assolvono dalla responsabilità che indubbiamente hanno per le condizioni prima e durante Corona.
A stipendio pieno.

+++

Grazie agli autori per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Questo post è apparso per la prima volta il 04.Agosto 2020 sul blog neulandrebellen

+++

Fonte dell’immagine: Daniele COSSU/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort