ARD intervista Markus Söder – una macchia sul giornalismo tedesco

Un punto di vista di Norbert Häring.

Si può anche non scriverne più, ma non si deve lasciare che ARD la faccia franca con il suo sostituto giornalistico sempre più antidemocratico e basato sul governo nella crisi di Corona. L’ultima comparsa dell’ARD sulla situazione di Corona ci insegna troppo sulla corretta gestione delle opinioni critiche delle minoranze e degli illustri principi governativi.

Subito dopo il Corona Tagesschau e prima del talk show Coraona e del Corona Tagesthemen, il 18 maggio Fritz Frey presenta il probabile 60esimo ARD Extra sulla situazione di Corona con l’affermazione che, secondo la tendenza tedesca, il 67% dei cittadini è soddisfatto o molto soddisfatto della gestione della crisi da parte del governo. Ha fatto seguito a tutto questo con parole che difficilmente si crederanno se non si fossero sentite così tante cose incredibili da ARD di recente.

Perché gli spettatori potrebbero chiedersi perché l’ARD pensa di dover picchiare i dimostranti contro le misure della corona per l’ennesima volta, chiede Frey in modo abbastanza offensivo:

Allora perché dovremmo rivolgerci a manifestanti che sono rumorosi, ma solo una minoranza?

E dà una risposta tanto notevole quanto la domanda:

Lo facciamo comunque, perché i costituzionalisti e i ministri dell’Interno ci mettono in guardia

Per ARD, i manifestanti non si arrogano un diritto democratico di base importante per la società, ma sono “manifestanti”, che è qualcosa di simile a una lamentela. Almeno quando protestano contro il governo tedesco illuminato, e non contro quello della Russia o del Venezuela.

Sono in minoranza e quindi non meritano di essere segnalati.

Ma se lo Stato dice che sono un problema, allora sono degni di nota (e da denigrare).

Come si chiama una televisione che funziona secondo queste massime? La televisione di Stato?

Ancora una volta i giornalisti non riescono a trovare nessuno che diffonda una frizzante teoria cospirazionista e solo una solitaria Bandiera del cittadino del Reich, di cui un altro dimostrante può lamentarsi, un presunto estremista di destra che fa un discorso inascoltato “ai margini della manifestazione” (!), così come un membro dell’AFD di destra che si mescola a una manifestazione. Per questo, l'”attivista per i diritti civili” Katharina Nocun è tagliata nel mezzo, che, come un sentimento 17. negli ultimi giorni, è stata autorizzata a discutere sul perché i manifestanti, che sono sconvolti dalla realtà, sono suscettibili di storie di cospirazione – “scientificamente provate”.

Un ex politico di un partito di protesta (pirati) che rappresenta la linea di governo e denigra i manifestanti è un “attivista dei diritti civili”, le persone che manifestano pacificamente per la salvaguardia dei loro diritti civili sono “manifestanti”. Democrazia a là 1984, i termini vengono reinterpretati.

“Che le violazioni dei diritti fondamentali abbiano impedito che accadessero cose peggiori”, questa argomentazione spesso non prende piede qui, dice l’off-speaker, in modo del tutto neutrale, sulle immagini di una manifestazione a Gera. E così si va avanti fino a quando al settimo minuto arriva il punto più basso: un’intervista sottomessa a Markus Söder, che dovrebbe essere mostrata a tutti gli studenti di giornalismo per insegnare loro com’è la televisione di governo e cosa la distingue dal giornalismo.

Si inizia con Frey che introduce il non ancora menzionato con: “E da Monaco di Baviera HE è ora collegato a noi, il primo ministro bavarese Markus Söder.

Poi chiede a LUI: “Condividete l’opinione che ci sia il pericolo che gli estremisti di destra si infiltrino in questo evento eterogeneo e diventino così pericolosi?

Söder elogia l'”emozionante rapporto ARD” e poi dice che le critiche e le preoccupazioni dei manifestanti non sono giustificate perché non abbiamo più alcuna interferenza con i diritti fondamentali. “Possiamo muoverci liberamente nel paese”.

Questo grida di contraddizione, non importa se si trova l’interferenza giusta o sbagliata. Possiamo muoverci solo all’interno del paese, e non liberamente. Ai tempi della RDT era considerato un’invasione dei diritti fondamentali il fatto che non ci fosse permesso di lasciare il paese.

Frey accetta le false affermazioni quasi grottesche senza commenti e lascia che Söder continui indisturbato con il fatto che il mondo ci ammira per la gestione della crisi del nostro governo. Frey ammira con il silenzio. È proprio il paradosso che “noi stiamo meglio di tutti gli altri”, continua Söder con la prossima falsa affermazione, “eppure queste teorie cospirative continuano a venire fuori.

Quali teorie cospirative?, avrebbe potuto almeno chiedere Frey, se non avesse voluto attaccare le false affermazioni di Söder. Ma invece, come un buon spunto, ripete l’autocelebrazione di Söder ancora una volta sotto forma di domanda:

Arriveranno a dire che la politica tedesca è vittima del suo stesso successo?

Söder riprende volentieri la presentazione dell'”emozionante relazione” dell’ARD e dice che non dovremmo prestare così tanta attenzione ai “liuti in prima fila” e più alla maggioranza silenziosa dei cittadini ragionevoli e filogovernativi. E’ preoccupato che i cittadini buoni e tranquilli siano preoccupati che i liuti paraglino la RFT con l’ex RDT, criticino le attività dell’ONU e dei governi oltre i parlamenti con Bill Gates come antidemocratico, e parlino di un obbligo di vaccinazione, anche se nessuno ci pensa.

Il fatto che nessuno stia pensando a un requisito di vaccinazione è l’ennesima grossolana distorsione della verità alla luce del tentativo del Ministro della Salute di introdurre una carta digitale di immunità, che è stata ritirata a causa delle proteste, una roadmap dell’UE sulla carta digitale di immunità, e una modifica della legge che permette ai datori di lavoro di interrogare e tenere conto dello status di vaccinazione e immunità nelle decisioni di assunzione e di personale.

Söder chiama ancora una volta i critici teorici della cospirazione, e Frey non chiede, ma piuttosto dà la parola chiave, travestita da domanda, se Söder si attenga alla massima: “I dibattiti che sono inutili non hanno bisogno di essere tenuti in primo luogo”. Questo permette a Söder di dire che prima di tutto è importante continuare ad agire correttamente, [come abbiamo fatto quando abbiamo lasciato che gli eventi carnevaleschi di virus-hurling e le partite di calcio si svolgessero prima di prendere contromisure il mercoledì delle ceneri].

Anche in questo caso nessuna richiesta.

Ma Söder suggerisce pericolosamente apertamente che non si tratta di un’intervista seria, ma di una partita di ping-pong con una stazione governativa responsabile. Dice che è importante convincere ed educare, “anche attraverso tali trasmissioni”.

Quelle che seguono sono parole che sono in netto contrasto con quanto detto prima da Söder a proposito delle manifestazioni: “Alla fine, il fatto, l’azione, e non tanto la questione, è quello che decide, vado alla manifestazione o a un’altra manifestazione, ognuno può farlo come vuole, io rispetto ogni posizione.

Con l’unica domanda pseudocritica, Frey von Söder vuole sapere se il primo ministro sassone Michael Kretschmer non lo ha messo sotto pressione avvicinando i manifestanti. Anche la pseudocritica è una critica per un principe dello Stato con ambizioni da cancelliere, e quindi oltraggiosa. Così Söder, in una calma dimostrazione di potere, lascia che il suo servile intervistatore risponda brevemente con un sorriso: “No”.

“È un’affermazione chiara, vi ringrazio per questo – già adesso”, il presentatore non può che pensare dopo una pausa costante prima di prendersi una pausa e chiedere a Söder come vuole salvarci dall’emergere di una Corona-Pegida. In risposta, fa riferimento a “sollievo settimana dopo settimana”, ripete la sua favola della libera circolazione e loda la generosità del governo, che ci permette di incontrare – su scala molto ridotta – parenti e conoscenti. “Quindi tutte queste accuse che ci sono, non sono affatto vere e quindi la realtà è più convincente”.

E’ una distorsione troppo grande per Frey, e lui fa: “…”.

No, certo che no. Ha ringraziato il Primo Ministro per il suo prezioso tempo.

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: 360 db/ persiane

+++

Questo articolo è apparso il 19 maggio 2020 sul blog di Norbert Häring

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort