Guai ai vinti!

Dopo la riunificazione, le armi e il know-how della NVA sono stati sfruttati e, infine, sono finiti con la NATO e la Bundeswehr. Impressione esclusiva di “Waffenschmiede DDR”.

Un punto di vista di Uwe Markus.

Raramente nella storia un paese ha avuto l’opportunità di acquisire l’esercito e le attrezzature di un altro, che in precedenza era stato considerato “ostile”. Dopo la caduta del comunismo, la Germania occidentale si trovò di fronte al dilemma di disprezzare ancora segretamente l’Esercito Popolare Nazionale (NVA), ma di dover ammettere: possiamo usarlo bene. Almeno armi e attrezzature e know-how militare. La sicurezza sociale dei soldati, che spesso hanno perso la loro posizione negli anni del cambiamento, è stata considerata trascurabile. La Repubblica federale di Germania ha risposto al dilemma esistente con una doppia strategia. In primo luogo, ha ridotto unilateralmente le partecipazioni della NVA per adempiere ai suoi obblighi di disarmo in quell’epoca di distensione, lasciando la Bundeswehr nella sua vecchia forza. In secondo luogo, tutto ciò che di utile dell’esercito della RDT è stato aggiunto alla Bundeswehr – e anche di più: messo a disposizione dei partner della NATO con i quali si voleva fare il proprio figlio. Uno sguardo ad un aspetto dimenticato e represso della storia tedesca.

Quando le forze armate della RDT sono state liquidate, le scorte di armi e attrezzature della NVA sono scomparse dalla vista dell’opinione pubblica. Chi si è interessato all’eredità militare apparentemente inutile e inutile di quello Stato che è stato smaltito come rifiuto storico ingombrante e che, secondo la volontà di alcuni politici, in futuro varrebbe solo una nota a piè di pagina nella storia?

Anche il nuovo e vecchio stato tedesco non aveva bisogno delle società di produzione speciali. Il Bundeswehr è stato equipaggiato dai produttori affermati di tecnologia di difesa della Repubblica Federale Tedesca. I segnali di disarmo hanno fatto prevedere un calo degli ordini in entrata nel settore delle tecnologie per la difesa. Le aziende della Germania dell’Est nel settore erano improvvisamente concorrenti indesiderati nei mercati tradizionali dell’Ovest, e nessun imprenditore o politico della Germania Ovest poteva essere interessato a mantenerle. Non avevano alcuna lobby a Bonn, senza il cui lavoro benefico l’attività nel mercato delle tecnologie per la difesa non aveva mai funzionato. L’unione monetaria ha portato anche il crollo dei mercati orientali alle società di produzione speciali, perché i clienti non potevano pagare i prezzi del marchio D, ormai validi.

Lo stato tedesco sotto forma di capi del Ministero Federale della Difesa e della Bundeswehr non vedeva alcun motivo per migliorare le possibilità di mercato delle aziende tedesche dell’Est della tecnologia di difesa in caduta libera degli ordini. Nel giustificare questo approccio, è stato deliberatamente occultato che la tradizionale produzione occidentale di tecnologia di difesa è sostenuta anche da sovvenzioni pubbliche dirette e indirette e che gli interventi di politica industriale che distorcono la concorrenza da parte degli Stati a favore delle loro imprese di difesa sono la regola piuttosto che l’eccezione.

Per questo motivo, era necessaria un’idea chiave di politica di comunicazione per gestire le aziende della Germania dell’Est nel settore della tecnologia di difesa, molte delle quali dispongono di attrezzature moderne. Con riferimento alle elevate richieste dei mercati internazionali, all’intensificarsi della concorrenza e al presunto basso livello tecnologico della produzione in Oriente, le aziende sono state spaccate e – a seguito di puro insegnamento – spesso privatizzate sottovalutate.

Queste favorevoli condizioni di privatizzazione hanno attirato le parti interessate che hanno raccolto i pezzi di filetto dalla proprietà fallita dell’ex industria degli armamenti della RDT. Di norma, il numero di dipendenti delle imprese privatizzate è stato drasticamente ridotto. Solo per piccole parti della vecchia forza lavoro la speranza di sopravvivere indenne al processo di deindustrializzazione iniziato nella Germania dell’Est.

Alcune delle imprese del settore della difesa dell’ex RDT sono ancora attive nel settore della tecnologia della difesa.

L’impianto di riparazione Ludwigsfelde è diventato una società del gruppo MTU appartenente al gruppo EADS. Nello stabilimento di Ludwigsfelde è stato costruito il più grande banco prova di produzione per motori ad elica dell’Europa occidentale. I motori finalmente assemblati per il trasportatore militare europeo A400M a Ludwigsfelde dovevano essere testati su questo banco di prova.

Come successore della Carl Zeiss Jena, il Gruppo Jenoptik e le sue filiali continuano ad operare nel mercato della tecnologia della difesa e ad occupare i settori di competenza in materia di difesa definiti prima del 1990. Nel 2010, l’impianto di esplosivi di Schönebeck, come il successore dell’impianto di manutenzione Pinnow, apparteneva al gruppo scandinavo Nammo Group, che si guadagna da vivere, tra l’altro, producendo munizioni.

L’azienda Pyrotechnik Silberhütte nella regione di Harz, che fino al 1990 produceva segnali di emergenza per paracadute, munizioni da esercitazione, munizioni leggere e da segnalazione, munizioni fumogene per serbatoi e navi, nonché esche radar, è tornata dieci anni fa anche nel settore della tecnologia della difesa come filiale al 100% di Rheinmetall. Il 90% della produzione dell’epoca era costituito da prodotti militari come munizioni leggere e da segnale, simulatori, esche, prodotti irritanti e munizioni pirotecniche. Sono stati trovati clienti in 30 paesi.
La Flugzeugwerft Dresden si è trasformata nell’Elbe Flugzeugwerft e, in qualità di filiale EADS, partecipa alla trasformazione di aerei da trasporto militare. La società Seifhennersdorfer SPEKON produce di nuovo paracadute per l’esercito.

La Spreewerk Lübben è entrata a far parte della General Atomics, società statunitense di conversione e armamenti. Peene-Werft Wolgast, un’impresa del gruppo Lürssen, opera anche nel settore delle tecnologie per la difesa.

Il fatto che siano state gettate le basi per le attuali posizioni di mercato di queste imprese nella RDT e con i soldi dei cittadini della RDT è stato rapidamente dimenticato nel vortice di sconvolgimento sociale in Oriente.

Come nel settore della produzione speciale, il quadro è simile quando si tratta dei beni materiali della NVA. Già alla fine del 1989, in riferimento ai negoziati di Vienna sulle forze armate convenzionali in Europa (VKSE), la RDT aveva annunciato una drastica riduzione del suo potenziale militare. Il NVA doveva essere ridotto di 10.000 soldati, le spese militari del dieci per cento e sei reggimenti di carri armati con 600 carri armati dovevano essere sciolti. Questo non solo ha offerto l’opportunità di ridurre le tensioni in Europa, ma anche di allentare la tensione sull’economia della Germania dell’Est.

Per i responsabili politici della RDT era inoltre chiaro che gli investimenti per garantire la difesa nazionale avrebbero sempre bloccato i fondi mancanti in altri settori, e che le spese militari avrebbero avuto l’effetto economico di buttare denaro fuori dalla finestra. Con l’eccezione di quei prodotti e servizi con i quali si potrebbe guadagnare in valuta estera, si sarebbe voluto rinunciare a una produzione speciale. Nel marzo 1990 sono stati sviluppati diversi concetti per l’ulteriore disarmo del NVA e la conversione delle società di armamenti alla fabbricazione di prodotti civili.

Il 16 marzo 1990 – due giorni prima dell’elezione della Camera del Popolo – il governo Modrow decise di istituire un Ufficio per il disarmo e la conversione quale autorità nazionale per il disarmo. Durante questo periodo sono state avviate anche delle pratiche di disarmo. Alla fine di maggio 1990, 346 carri armati erano già stati smilitarizzati e 230 carri armati preparati per la smilitarizzazione. 21 di questi veicoli sono stati convertiti per essere utilizzati nell’economia nazionale e come veicoli di recupero e di sgombero in caso di catastrofi. 50 aerei da combattimento sono stati rottamati o resi non funzionanti e utilizzati per altri scopi, ad esempio come mostre per musei. 27 piazzole di lancio per missili tattici operativi sono state disattivate.

I responsabili del disarmo nel governo Modrow avevano posto l’accento, inizialmente in previsione di un processo di unificazione prolungato e del mantenimento della RDT nel quadro di una confederazione, su una conversione a lungo termine in linea con le considerazioni economiche.

Con il cambio di governo nella primavera del 1990, questo orientamento generale non è cambiato ufficialmente per il momento. Rainer Eppelmann, il nuovo ministro per il disarmo e la difesa, sotto la supervisione dei suoi consiglieri della Germania occidentale, ha portato avanti l’attuazione delle decisioni sulla distruzione della tecnologia militare già prese dal precedente governo. Al di là degli annunci ufficiali, questo non mirava più solo al disarmo o all’alleviamento dell’economia della RDT, ma anche alla successiva eliminazione della NVA come fattore di potere nel paese.

Poco dopo il cambio di governo, quasi tutti gli attori politici presero ufficialmente in mano, almeno a medio termine, l’esistenza di entrambi gli stati tedeschi e delle loro forze armate. Il nuovo ministro per il disarmo e la difesa ha fatto la stessa dichiarazione. Ma dietro la facciata dell’attività burocratica, è stata posta la strada per lo smashing della NVA. Il nuovo governo della RDT pensava di dover prima contenere e calmare verbalmente le forze armate e i loro corpi di ufficiali per evitare che questa parte si opponesse alla politica di smantellamento della RDT. Sempre più volte ci sono state voci, alcune delle quali deliberatamente diffuse, secondo cui la NVA avrebbe potuto rilevare la RDT con un colpo di stato. Se le armi sono state distrutte, l’esercito – soprattutto il corpo degli ufficiali – è stato privato del suo diritto di esistere. I timori del ministro e dei suoi consiglieri si sono rivelati del tutto infondati, ma la segregazione accelerata e la rottamazione di armi e attrezzature sembravano essere un ingresso ben comunicabile nello smaltimento dell’intero esercito.

Alla luce dei cambiamenti nel mondo, nessuno può avere nulla contro il disarmo e la riduzione delle forze armate. Sembrava che fosse giunto il momento di godere della ripresa economica. Per calmare gli animi nei quartieri generali dell’esercito e nelle caserme, sono state ampiamente discusse in pubblico le prospettive di sviluppo di un NVA ristrutturato e ridotto e la sua continuazione come parte di un esercito tutto tedesco. E si dovevano affrontare anche le preoccupazioni sociali dei soldati di professione e dei lavoratori civili.

Lo sfruttamento degli attivi materiali della NVA era inteso a creare un margine di manovra finanziaria a tal fine. Un progetto di risoluzione preparato dal Ministero delle finanze e dal Ministero del disarmo e della difesa per il Consiglio dei ministri della RDT nel luglio 1990 stabiliva che “i proventi della vendita degli attivi del NVA (….) devono essere utilizzati come fonte di finanziamento per risolvere questioni sociali all’interno del NVA e per quelle aree di conversione che richiedono solo spese e non apportano proventi”.

Per ragioni di trasparenza, tuttavia, queste proposte sono rimaste bloccate nei modelli di detenzione ministeriale fino a quando non sono state superate dagli sviluppi politici.

Per la protezione sociale dei soldati professionisti e degli impiegati civili della NVA, che alcuni consideravano come pilastri privilegiati dello Stato in dissoluzione, quasi nessuno dei politici che si occupano della RDT voleva andare oltre le dichiarazioni generali d’intenti.

Di conseguenza, i tentativi di inserire tali disposizioni nel trattato di unificazione sono falliti. Il 18 luglio 1990, il dipartimento degli affari generali del ministero del disarmo e della difesa ha presentato proposte per una riduzione socialmente accettabile del personale della NVA per un periodo di tre o quattro anni. Ma il fatto che il trattato sullo Stato abbia portato all’uscita politica di uno dei due partner negoziali, anche se queste idee fossero state prese in considerazione nel testo del trattato, non avrebbe cambiato nulla della pratica della dissoluzione finalmente eseguita alla NVA.

Con le firme del ministro del disarmo e della difesa, del ministro degli affari esteri e del ministro dell’economia della RDT ancora esistente, il 7 agosto 1990 è stato confermato un disegno di legge sulla formazione di una commissione governativa per il disarmo e la conversione. Il Ministero dell’Economia dovrebbe assicurare “l’uso civile delle capacità produttive, di ricerca e di servizio precedentemente utilizzate dai militari, nonché l’integrazione dei lavoratori esistenti, assicurando nel contempo un nuovo profilo produttivo commerciabile per i settori interessati” e sostenere i Ministeri del Disarmo e della Difesa e dell’Interno “….nell’organizzazione dell’utilizzo/uso di tecnologia militare da separare e dell’armamento da parte delle imprese industriali”.

Questo orientamento, inizialmente ancora ufficialmente valido per un uso economicamente significativo delle risorse e delle capacità produttive liberate nell’interesse dell’economia della RDT e dei tedeschi dell’Est, si ritrova anche nella legge fiduciaria del 17 giugno 1990, confermata dal Consiglio dei ministri della RDT il 22 agosto 1990. In base a tale legge, i beni militari separati dovevano essere trasferiti alla Treuhandanstalt e quindi messi a disposizione per investimenti nella RDT.

Tuttavia, a causa dell’unione economica e monetaria, questi regolamenti, in sostanza, erano già carta stracciati quando sono entrati in vigore e sono serviti come candele di fumo per accelerare il processo di adesione. In vista della prima unità tedesca, i politici responsabili della RDT non erano ovviamente più interessati a un disarmo a lungo termine ed economicamente equilibrato e alla riduzione del NVA, ma alla più rapida eliminazione di questa eredità politicamente indesiderata.

Con ordinanza n. 31/90, del 16 agosto 1990, relativa a misure per la vendita di materiali e attrezzature NVA e per coinvolgere imprese private nel riciclaggio di attrezzature militari, il ministro per il disarmo e la difesa ha avviato una vendita di beni materiali NVA che avrebbe dovuto raggiungere entro il 3 ottobre 1990 un fatturato da 600 milioni a un miliardo di marchi tedeschi.

L’ordinanza per il disarmo tecnico e il riciclaggio del materiale militare dell’esercito popolare nazionale e delle guardie di frontiera della RDT – l’ordinanza tecnica sul disarmo – emessa con ordinanza ministeriale il 30 agosto 1990, apparentemente seguendo questa intenzione, ha stabilito nella sezione 2 che un’autorità indipendente per il disarmo si sarebbe assunta la responsabilità legale per il disarmo tecnico e il riciclaggio del materiale militare NVA. Questa autorità era autorizzata a portare “(….) materiale militare e oggetti da disarmare come azioni in società di riciclaggio. Lo stoccaggio provvisorio e il riciclaggio di materiale di difesa separato può essere trasferito ad aziende statali e private”.

Ciò ha spianato la strada al coinvolgimento di imprese private interessate nel processo di commercializzazione dei beni materiali NVA già alla fine dell’estate 1990. Nel ministero del disarmo e della difesa di Strausberg, Brandeburgo, i rappresentanti delle società di sfruttamento, conversione e armamento della Germania occidentale hanno preso le redini della situazione per poter partecipare alla commercializzazione di massa e alla distruzione della tecnologia di difesa e delle munizioni NVA che era già iniziata ed era ancora da prevedere.

Tuttavia, questa attività commerciale si è rivelata un preludio agli eventi successivi all’adesione dei paesi della Germania orientale alla Repubblica federale.

Ben presto divenne chiaro che gli obblighi internazionali di disarmo dei due Stati tedeschi sarebbero stati assolti soprattutto con la distruzione della tecnologia NVA, mentre le scorte della Bundeswehr non dovevano essere ridotte in modo significativo dopo la costituzione dell’unità statale.

Inoltre: Il processo di disarmo unilaterale doveva essere finanziato con fondi pubblici. Questo prometteva buoni affari per quelle aziende della Germania occidentale che avevano registrato per tempo i loro interessi e potevano contare sull’utile lavoro dei loro lobbisti nel Ministero Federale della Difesa.

In effetti, gli obblighi di riduzione della Repubblica federale allargata, che ha agito dopo il 3 ottobre 1990 come successore legale della RDT, per quanto riguarda i carri armati, i veicoli corazzati da combattimento, gli aerei da combattimento o le armi d’artiglieria sono stati quasi completamente soddisfatti con l’eliminazione delle armi NVA.

Tuttavia, gli obblighi di disarmo non dovevano necessariamente essere soddisfatti con la rottamazione, ma potevano essere soddisfatti anche con la vendita di armi convenzionali. Di cui la Repubblica federale ha fatto un uso intensivo per motivi di costo.

Di conseguenza, il numero di sistemi d’arma da disarmare da parte della Germania unita è cambiato fino all’entrata in vigore del trattato CSCE nel 1992. Su un totale di 2.566 carri armati da ritirare, 1.914 provenivano da scorte di NVA. Dei 4.257 veicoli corazzati da combattimento da disarmare, 4.145 recavano il numero di immatricolazione NVA. 1.344 delle 1.632 armi di artiglieria da distruggere erano state rilevate dalla NVA. E tutti i 140 aerei da combattimento che dovevano essere disarmati dall’ormai più grande Repubblica Federale hanno assicurato lo spazio aereo della RDT fino al 1990.

Inoltre, la Bundeswehr, che ora aveva solo 370.000 uomini, poteva fare a meno delle armi della NVA. La Bundeswehr non ha utilizzato il 93% del materiale militare della RDT. Quando, il 3 ottobre 1990, il comando e il controllo della NVA, che nel frattempo era stata derubata del suo personale di comando, passò al ministro federale della difesa, iniziò la vendita in massa di materiale bellico e di altri materiali della NVA per conto della Bundeswehr, che contraddiceva l’idea di disarmo e di conversione, nonché la legge sul trust. Ma quale forza normativa avrebbero potuto avere le leggi di uno Stato che si era abolito?

Dopo il 3 ottobre 1990 non vi è stato un inventario preciso degli attivi materiali della NVA, non vi è stata una vera e propria consegna e non vi è stata una presentazione seria del valore di mercato delle armi e delle attrezzature rilevate. A causa del diverso sistema di difesa e del licenziamento di ufficiali superiori del NVA da parte dell’ultimo ministro della difesa e del disarmo della RDT e del Territorialkommando Ost delle forze armate tedesche, non sarebbe stato possibile fare un bilancio.

Pertanto, le entrate generate dalla commercializzazione di apparecchiature NVA per conto della Repubblica federale di Germania o della Bundeswehr erano in gran parte al di fuori del controllo pubblico. Il materiale NVA è stato fornito a 70 stati a beneficio della Repubblica Federale. Nell’ultimo trimestre del 1990 la VEBEG, per conto delle forze armate tedesche, ha realizzato un fatturato di 75 milioni di DM con la vendita di apparecchiature NVA che erano state demolite. L’anno successivo era già 121 milioni di marchi tedeschi.

Le dimensioni dell’impresa con lo smaltimento della NVA e dei suoi equipaggiamenti possono essere dedotte solo da un elenco del materiale militare della NVA che era stato selezionato e riciclato nel 1991, cioè dopo l’assunzione del comando e del controllo da parte del ministro federale della difesa. Le cifre dimostrano indirettamente l’adempimento degli obblighi del VKSE applicabili ad entrambi gli stati tedeschi attraverso la rottamazione unilaterale dei sistemi d’arma NVA.

Non solo la rottamazione e la commercializzazione della tecnologia e delle attrezzature NVA ha aperto campi di attività redditizi per la Bundeswehr e i suoi appaltatori. Le scorte di munizioni ed esplosivi hanno suscitato lo stesso desiderio. Secondo un elenco della Rear Services Administration del Ministero del disarmo e della difesa, nel 1990 la NVA aveva in stock 295.430 tonnellate di munizioni ed esplosivi.

Lo smaltimento delle scorte di munizioni NVA è diventato un’attività inaspettata e finanziata in modo sicuro per molte aziende della Germania occidentale.

Complessivamente sono state smaltite 105.548.752 tonnellate di veicoli di lancio, rampe di lancio, missili e munizioni, con le aziende specializzate in questo settore.

Secondo i calcoli di Wolfgang Neidhardt e Ludwig Marum, il valore della NVA era compreso tra 40 e 45 miliardi di DM, tenendo conto dell’età e delle condizioni dell’armamento e della tecnologia della NVA. I due testimoni contemporanei sanno di cosa stanno parlando – dopo tutto, erano responsabili nel Ministero della Difesa Nazionale o nella Commissione di pianificazione statale della RDT per la salvaguardia economica militare delle forze armate della RDT. Possono valutare con competenza il valore del patrimonio della NVA.

Il valore attuale degli armamenti, della tecnologia militare, delle munizioni, delle munizioni, dei pezzi di ricambio, degli accessori, degli immobili, degli impianti stazionari come porti e campi d’aviazione, nonché delle scorte deve essere stimato tra i 150 e i 200 miliardi di marchi tedeschi, con immobili ed edifici militari che rappresentano circa 100 miliardi di marchi tedeschi. Le scorte di generi alimentari, abbigliamento e attrezzature, esclusa la riserva statale, avevano un valore temporale di 10-15 miliardi di marchi.

Il valore d’acquisto della tecnologia NVA (compresi 24 MiG-29 caccia-bombardieri, tre complessi missilistici Kub -SA-6, tre complessi missilistici OSA AK e due complessi missilistici Wega, 1.896 missili antiaerei Strela-2M e 75 missili Igla Fla, 892 veicoli da combattimento di fanteria BMP, 126 elicotteri da trasporto e 21 aerei da trasporto) ha continuato ad essere utilizzato dalla Bundeswehr ed è stato dichiarato dal governo federale pari a 2 miliardi di DM nel 1992. Secondo calcoli realistici, tuttavia, il valore di mercato dell’ultramoderno MiG-29, da solo, superava i due miliardi di D-Mark. I 24 MiG-29 sono stati equipaggiati alla EADS con serbatoi supplementari per aumentare la portata e con nuovi sistemi di navigazione. Fino al 2003, l’aereo si è dimostrato nel reparto caccia 73 dell’Aeronautica Militare Tedesca, di stanza a Laage vicino a Rostock.

A causa delle buone esperienze con l’uso del MiG-29 ci sono state considerazioni per introdurre queste macchine in generale nella Luftwaffe. La Germania avrebbe ricevuto cacciabombardieri ultramoderni a un prezzo di sistema molto favorevole, che avrebbe potuto essere utilizzato immediatamente. I negoziati con la Russia, tuttavia, sono falliti. Da un lato si temeva di diventare troppo dipendente dalla Russia nel settore degli armamenti aerei. D’altro canto, gli investimenti in nuovi aerei da combattimento dovevano favorire l’espansione dell’industria aeronautica europea. Si trattava anche di posti di lavoro nelle società tedesche del gruppo EADS. Il fatto che i costi per l’acquisto di nuovi aeromobili sono aumentati in modo massiccio e che con l’Eurofighter è stato introdotto un aeromobile che non era stato né testato in combattimento aereo né tecnicamente maturo, è stato accettato con approvazione. Dopo che i 24 MiG-29 sono stati ritirati dall’inventario della Luftwaffe, nel 2003 sono stati venduti alla Polonia al prezzo simbolico di un euro per aereo.

L’aumento del valore di combattimento della Bundeswehr attraverso l’acquisizione delle più moderne attrezzature NVA non può essere quantificato più degli effetti non materiali per l’ulteriore sviluppo della tecnologia di combattimento occidentale attraverso la conoscenza dei dettagli costruttivi e dei parametri di prestazione delle attrezzature dell’ex avversario. Questa è solo una parte del patrimonio economico militare apparentemente non meno attraente che la Repubblica federale di Germania è stato dato dalla liquidazione della RDT. La fine della RDT e delle sue forze armate portò alla Repubblica federale un ritorno politico e finanziario inaspettato, che derivava principalmente da tre fonti:

In primo luogo: la Repubblica federale ha adempiuto agli obblighi di disarmo di entrambi gli Stati tedeschi soprattutto attraverso la rottamazione o la vendita di apparecchiature NVA e lo scioglimento della NVA. Gli equipaggiamenti, gli armamenti e il personale della Bundeswehr sono stati così ampiamente conservati, nonostante tutti gli obblighi di disarmo originariamente applicabili alla sola Repubblica federale. Con l’acquisto di armi della NVA dal loro denaro, gli ex cittadini della RDT hanno indirettamente reso possibile proteggere la sopravvivenza dei membri della Bundeswehr e hanno dato il loro speciale contributo al mantenimento della pace sociale negli ambienti dei funzionari pubblici in uniforme.

In secondo luogo, la Repubblica federale ha fornito ai partner della NATO (anche nelle zone di tensione) tecnologie e attrezzature da combattimento NVA. Una parte importante degli aiuti militari per gli Stati Uniti, Israele, Turchia, Francia ed Egitto nella seconda guerra del Golfo contro l’Iraq (operazione Desert Storm) consisteva in attrezzature NVA fornite gratuitamente. L’allora governo tedesco acquistò la buona volontà della leadership occidentale consegnando all’esercito americano maschere di protezione, serbatoi d’acqua, docce mobili, ambulanze, autocisterne e tecnologie pionieristiche dalle scorte di NVA. Sebbene la leadership dell’esercito americano ad alta tecnologia avesse assicurato che le unità potessero essere condotte in combattimento con laptop e GPS, l’esercito d’invasione era apparentemente inadeguatamente preparato per uno scambio di colpi con armi di distruzione di massa da parte di un avversario apparentemente determinato. L’equipaggiamento del NVA per la difesa delle armi della NBC – prevalentemente di produzione della RDT – è arrivato proprio al momento giusto.

Lo Stato tedesco ha ceduto ai suoi alleati per fare la guerra, per un valore di circa 740 milioni di marchi tedeschi. Si trattava di un’azione di libero acquisto della Repubblica Federale Tedesca finanziata dal popolo della RDT dalla pressione degli Stati Uniti per partecipare a questa campagna alimentata dagli interessi delle materie prime della superpotenza occidentale.

Anche nel rafforzare il fianco meridionale dell’alleanza NATO sotto forma di Turchia e Grecia, la Repubblica Federale ha fatto affidamento sulla tecnologia NVA finanziata dalla popolazione della RDT per un valore totale di 2,1 miliardi di DM. L’esercito turco ha beneficiato della consegna di 300 veicoli corazzati da combattimento di fanteria BTR e SPW-60 PB, armi, munizioni, bazooka RPG-7, ospedali da campo, veicoli cisterna, caschi in acciaio e attrezzature pionieristiche nell’ambito degli aiuti alla difesa della NATO. Questa tecnologia è stata vista nei reportage cinematografici sull’uso dell’esercito turco contro i guerriglieri curdi – un uso di questa attrezzatura che, secondo i politici tedeschi, sarebbe stata espressamente esclusa dal contratto di fornitura.

Nei casi in cui viene rifornito il partner NATO Turchia, deve essere presa in considerazione anche la rivale regionale Grecia. La consegna da parte della Repubblica Federale Tedesca di tre complessi di razzi Fla OSA-AK con 924 missili, 120 Schilkalafetten semoventi Fla, 500 veicoli corazzati da combattimento di fanteria BMP-1, diversi tipi di complessi sterzanti anticarro con missili corrispondenti, 158 lanciatori di proiettili RM-70 con munizioni, mine anticarro e anticarro, attrezzature per la posa di ponti, nonché paranchi a ruota e a catena hanno agito per l’esercito greco come una cura tecnica militare a cellule fresche.

Chi avrebbe mai pensato, nei giorni entusiasmanti della caduta del Muro e dell’anno 1990 in vista dell’entusiasmo pacifista generale per l’ormai possibile scioglimento di entrambi i blocchi militari che con i soldi dei cittadini della RDT acquistate a caro prezzo, sarebbero diventati il polo tecnico-militare del corsetto per gli stati della NATO?

Anche la guerra nei Balcani, a quanto pare, è stata condotta in parte con armi NVA. Le consegne di carri armati, veicoli corazzati da combattimento di fanteria, sistemi di artiglieria e aerei da combattimento in Jugoslavia, Macedonia e Croazia non erano certamente in linea con gli accordi europei sul disarmo. Nell’ambito dei regolari contratti di esportazione, l’Indonesia ha ordinato 39 navi da combattimento, da sbarco e da rifornimento della RDT-Volksmarine con un valore di acquisto di 1,7 miliardi di marchi della RDT, per cui il valore attuale dichiarato dalla Bundeswehr di soli 187 milioni di marchi D non solo era nettamente inferiore al valore di acquisto dei marchi della RDT, ma anche al di sotto del valore di mercato internazionale di circa 1,8 miliardi di marchi D.

Ulteriori esportazioni di materiale da guerra NVA (carri armati T-72, veicoli da combattimento di fanteria BMP, sistemi di artiglieria, fucili d’assalto) sono andate in Svezia, Finlandia e Belgio.

In terzo luogo, la Repubblica federale ha fornito a vari alleati la più moderna tecnologia NVA per la valutazione e la presentazione dell’avversario per l’addestramento.
La tecnologia corrispondente è stata consegnata in Israele, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Paesi Bassi.

Israele ha ricevuto copie di quasi tutti i sistemi missilistici utilizzati nella NVA (missili aria-nave, aria-aria, aria-suolo, testate Luna M, missili guidati anticarro e missili antiaerei). A ciò si aggiungono i sistemi radar, di ricognizione laser e di monitoraggio del campo di battaglia del NVA, i rivelatori amico/foe, il radar per il MiG-29, i sistemi antincendio e i mezzi di contrasto radio, l’antiaereo semovente antiaereo Schilka, le mine anticarro e antipersona, le attrezzature per lo sminamento e il siluro SAET-40.

L’industria militare e della difesa statunitense ha approfittato dell’occasione favorevole per acquisire complessi missilistici NVA, elettronica di controllo delle battaglie, granate di radio interferenza, mine anticarro e antipersona, attrezzature per lo sminamento, la Fla-SFL Schilka e il siluro SAET-40, il sistema di lancio del razzo PK-16, varie miniere navali, l’elicottero navale MI-14, e l’aereo MiG-29, con particolare interesse per il motore e il casco del pilota dotato di una visiera elettronica integrata per questo aereo. Inoltre, la Repubblica Federale Tedesca consegnò per scopi di ricerca un piccolo progetto 1241 (Tarantul), ripreso dallo stock della 6a Volksmarine-Flottille, alla Marina statunitense, interessata al modernissimo sistema di turbine, allo scafo e alla tecnologia missilistica di questo sistema d’arma.

Serbatoi, obici, obici, lanciatori di proiettili e altre tecnologie di combattimento del NVA sono stati consegnati agli Stati Uniti in numero maggiore per rappresentare unità complete (ad esempio nella forza del reggimento) durante gli esercizi di combattimento.

Il Regno Unito ha ricevuto esempi di corazzate Volksmarine, razzi, SU-22M4 e MiG-23BN, sistemi missilistici Luna M e Rubesh (sistemi missilistici costieri), il siluro SAET 40, mine navali, mine anticarro, mine anticarro, mine antipersona e attrezzature per lo sminamento, mentre il cestino francese conteneva missili guidati anticarro, armi leggere, sistemi di comunicazione e il complesso missilistico Luna M. I Paesi Bassi si sono limitati, in misura relativamente modesta, alla valutazione tecnica dei missili nave-nave e del siluro SAET 40.

Questi esempi illustrano due cose:

In primo luogo, il governo tedesco è stato felice di donare le armi e gli equipaggiamenti non più necessari alla NVA.

I tedeschi dell’Est si assicurarono involontariamente che il governo tedesco potesse piacere ai partner di tutto il mondo con le armi NVA procurate dai loro soldi.

Ammetterlo apertamente, tuttavia, non sarebbe rientrato nel concetto di politica di comunicazione del governo federale.

In secondo luogo, il governo federale ha sempre cercato, nei suoi annunci, di mantenere il più basso possibile il valore della tecnologia NVA rilevata e i proventi delle esportazioni di armi.

Nulla di ciò che la gente di questo stato perduto aveva creato sotto molte difficoltà dovrebbe rimanere nella coscienza pubblica. I nuovi cittadini della Germania orientale non dovrebbero sviluppare troppa fiducia in se stessi.

Che cosa importava erano i risultati della loro vita, dal momento che erano stati raggiunti sotto una dittatura? Politicamente auspicabili erano la condanna generale retrospettiva della RDT da parte dei tedeschi dell’Est e la gratitudine per i trasferimenti federali. Un bilancio di apertura equo dell’ormai più grande Repubblica federale, che avrebbe tenuto adeguatamente conto del valore degli attivi materiali della NVA, sarebbe stato controproducente in questo contesto.

Nel 1990, la NVA aveva immagazzinato indumenti e attrezzature personali per un valore di circa 2,2 miliardi di marchi tedeschi. Vendendo questo materiale ad un prezzo strabiliante, la Repubblica Federale Tedesca ha generato un reddito di soli 17,3 milioni di marchi tedeschi. Il margine di profitto per i rivenditori era probabilmente considerevole. Né i proventi non specificati derivanti dalla vendita di 27 aerei non militari NVA, 86 veicoli militari e sei navi da guerra, 55.000 veicoli a motore e 67.570 armi leggere in Germania e all’estero da parte della VEBEG, una società che agisce per conto del Bundeswehr, hanno avvantaggiato i cittadini dei nuovi Länder.

La vendita affrettata della tecnologia e delle attrezzature NVA testimonia l’intenzione di liberarsi di questa eredità non amata nel più breve tempo possibile. L’opportunità di ottenere i massimi ricavi possibili attraverso uno sviluppo del mercato strategicamente lungimirante è stata deliberatamente scontata. Non c’è da stupirsi. Dopo tutto, si trattava di beni che la Repubblica federale di Germania aveva accumulato senza alcuno sforzo proprio. “Quello che non costa niente non vale niente. Così i beni materiali militari della RDT sono stati sperperati dal governo federale, mentre uno ha deplorato pubblicamente l’altezza dei trasferimenti per i nuovi paesi.

Nota sul contributo di Rubikon: il seguente testo è apparso per la prima volta nel “Rubikon – Magazin für die kritische Masse“, nel cui comitato consultivo sono attivi, tra gli altri, Daniele Ganser e Rainer Mausfeld. Poiché la pubblicazione è avvenuta sotto licenza libera (Creative Commons), KenFM riprende questo testo nella seconda utilizzazione e sottolinea esplicitamente che anche la Rubikon dipende dalle donazioni e ha bisogno di supporto. Abbiamo bisogno di molti media alternativi!

+++

Questo articolo è stato pubblicato il 13.11.11.2019 da Rubikon – Magazin für die kritische Masse.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Bundesarchiv_Bild_183-1990-1002-013,_Bad_Düben,_Rolling up_NVA_troop_flags.jpg

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista editoriale.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle opzioni di supporto possono essere trovate qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi sostenerci anche con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83Gh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort