Corona: Perché la Cina crede in un attacco con armi biologiche | Di Jochen Mitschka

Quello che i nostri media non ci diranno.

Un punto di vista di Jochen Mitschka.

Diverse settimane fa è apparso chiaro che il governo cinese sembra ritenere che la pandemia di corona sia un’epidemia causata dagli Stati Uniti nel contesto di una guerra economica diretta contro la Cina. Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese ha usato parole molto insolitamente aggressive per la Cina, rispondendo alle accuse del governo statunitense nella crisi di Corona. Ha cinguettato il 12 marzo:

“Il CDC [che significa il Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie] è stato catturato morto in acqua. Quando è iniziata la malattia del [Paziente Zero] negli USA? Quante persone sono infette? Come si chiamano gli ospedali? Potrebbe essere stato l’esercito americano a portare l’epidemia a Wuhan. Siate trasparenti! Pubblica i tuoi dati! Gli Stati Uniti ci devono una spiegazione!” (19) Linked è stato il video di un’audizione negli Stati Uniti, dove è emerso chiaramente che i pazienti a cui era stata originariamente diagnosticata la morte per influenza sono stati in realtà risultati positivi al test COVID-19, apparentemente prima che il virus diventasse un problema in Cina.

Prima di entrare in alcuni dettagli su come il virus sia arrivato in Cina, diamo prima alcune indicazioni di base sul perché la Cina ritiene che ci sia un modello di comportamento americano. Proviamo con un resoconto cronologico.

Una cronologia sulle armi biologiche.

Nel 1998 è stato pubblicato uno studio su “The Battlefield of the Future – Questions of Warfare in the 21st Century” (1 ). In esso, l’allora tenente colonnello Robert P. Kadlec (2) scrisse un articolo con l’argomento: “Armi biologiche per una guerra economica”. Questo articolo va letto con attenzione, come ha detto Robert Kadlec, che da allora è diventato il responsabile del governo Trump per la pandemia COVID 19. Diamo un’occhiata a ciò che ha reso la Cina così sospetta.

“La supremazia della competizione politico-militare sta lentamente cedendo il passo alla competizione politico-economica. Come prevede Shintaro Ishihara: “Il ventunesimo secolo sarà un secolo di guerra economica”. (…) L’uso di armi biologiche in attacchi al bestiame, alle colture o agli ecosistemi offre all’avversario l’opportunità di intraprendere una forma di guerra potenzialmente sottile ma devastante, che inciderebbe sui settori politici, sociali ed economici di una società ed eventualmente sulla stessa sopravvivenza nazionale.

Natura della minaccia della guerra biologica: batteri, virus, rickettsiae o tossine nocive che inabilitano o uccidono l’uomo, gli animali o le piante hanno un valore inquietante nel condurre una guerra economica. (…) Il BW [guerra biologica] non solo è più conveniente, ma quantità militarmente significative di agenti BW (chilogrammi) nei laboratori biologici legittimi rendono la produzione di BW facile da gestire e nascondere. (1)

Si sosterrà ora che questo documento, come molti altri, era volto a prevenire le minacce. Ma guardiamo oltre a ciò che sta sconvolgendo la Cina.

Solo due anni dopo, nel 2000, è apparso il documento strategico di uno dei più importanti think tank degli Stati Uniti, scritto dai più influenti responsabili della politica estera del suo tempo. “Ricostruire le difese dell’America – Strategia, forze e risorse per un nuovo secolo”. Il giornale è diventato famoso perché contiene la frase che i teorici della cospirazione usano per riferirsi all’11 settembre:

“Inoltre, il processo di trasformazione, anche se porta a un cambiamento rivoluzionario, sarà probabilmente un processo lungo, a meno che non si verifichi un evento terribile e catastrofico – come un nuovo Pearl Harbor -“.

Ma per i cinesi e per me, un’altra frase potrebbe essere più spaventosa: “E forme avanzate di guerra biologica che possono ‘prendere di mira’ specifici genotipi possono trasformare la guerra biologica da un impero del terrore in uno strumento politicamente utile”. In altre parole, raccomanda di sviluppare armi biologiche “su misura” per specifici tipi genetici.

Il “divieto” delle armi biologiche…

Nel 2018, il Ministro degli Esteri russo sottolinea che gli Stati Uniti stanno impedendo l’effettiva messa al bando delle armi biologiche.

“Secondo Lavrov, gli Stati Uniti stanno cercando di imporre accordi bilaterali ad altri Paesi che non sarebbero coperti dalla Convenzione sulle armi biologiche. Questo creerebbe strutture nell’area della proscrizione delle armi biologiche che solo loro potrebbero controllare e manipolare”. (4) E in effetti, gli Stati Uniti impediscono molto efficacemente l’accordo di un efficace meccanismo di controllo oltre al fondamentale divieto delle armi biologiche. Si potrebbe forse paragonare questo fatto al fatto che la Legge fondamentale in Germania prevede molti comandamenti e divieti per i governanti, ma nessuna sanzione di sorta, poiché i partiti politici tedeschi “non sono riusciti a introdurre norme corrispondenti nel diritto penale, come in realtà implicitamente richiesto dalla Legge fondamentale.

I laboratori statunitensi di armi biologiche

Lo stesso anno scrissi un articolo su Telepolis intitolato “Gli Stati Uniti stanno sviluppando nuove armi biologiche? (5) In essa ho sottolineato che già nel 2017 gli USA avevano acquistato campioni di RNA da persone di “discendenza russo-europea”. Ancora più sensazionali, tuttavia, sono state le rivelazioni di una giornalista investigativa bulgara (che ha prontamente perso il lavoro), che hanno dimostrato che gli Stati Uniti stavano portando sangue umano congelato e agenti patogeni come carico diplomatico in un laboratorio di armi biologiche in Georgia.

E se si indaga più a fondo, si viene a sapere che gli Stati Uniti mantengono un’intera rete di laboratori di questo tipo in Russia, e anche vicino ai confini della Cina. L’articolo riporta anche altri incidenti precedenti, che sono stati identificati da rinomati scienziati come incidenti di armi biologiche causati dagli USA. E c’erano anche riferimenti a incidenti di armi biologiche.

Qualche mese dopo, i sospetti si acuirono, e l’articolo successivo recitava: “Insetti alleati: il Pentagono sembra stia sviluppando armi biologiche”. (6) Nell’articolo che riporto su una preoccupazione degli scienziati della rivista scientifica Science secondo cui negli Stati Uniti si stanno sviluppando nuovi sistemi di armi biologiche con il pretesto della ricerca agricola. Anche il Max Planck Institute for Evolutionary Biology di Plön ha sostenuto la richiesta di chiarimenti o di rinuncia allo sviluppo di armi biologiche.

Nel frattempo è stato possibile identificare almeno 25 laboratori di armi biologiche in 25 paesi del mondo. Ancora una volta grazie a Dilyana Gaytandzieva. “Questi laboratori sono finanziati dalla Defense Threat Reduction Agency (DTRA) con 2,1 miliardi di dollari USA nell’ambito di un programma di ricerca militare chiamato ‘Cooperative Biological Engagement Program’ (CBEP). I laboratori si trovano in paesi dell’ex Unione Sovietica come la Georgia e l’Ucraina, il Medio Oriente, il Sudest asiatico e l’Africa”.

Inoltre, si è saputo che l’esercito statunitense aveva testato la guerra chimica e biologica sulla propria popolazione fino al 1970. In seguito, secondo i risultati di un sondaggio del Congresso, i test sono stati “spostati all’estero”.

Nel 2019 in Cina è scoppiata la “peste suina”. Inusualmente nello stesso momento in diversi luoghi. Milioni di maiali hanno dovuto essere uccisi, e a volte una carenza di cibo minacciava l’enorme popolazione cinese. Secondo una pubblicazione:

“La costosa e mortale peste suina africana sta minando la sicurezza alimentare in Cina e in più di mezza dozzina di paesi asiatici Nonostante la storia ufficiale della peste suina asiatica (ASP), il virus è stato usato in passato come arma biologica. La soppressione di tali minacce biologiche richiede una cooperazione multipolare. (…) Questa è l’affermazione convenzionale che l’ASF è stata limitata all’Africa fino alla fine degli anni ’50. In realtà, l’ASF era già arrivato in Nord America nei primi anni ’50, quando Fort Terry, una struttura statunitense per la guerra biologica a Plum Island, New York, ospitava sette ceppi mortali del virus. (…)” (18) Di conseguenza, i prezzi delle carni suine importate dagli Stati Uniti sono stati per lungo tempo notevolmente inferiori a quelli delle carni prodotte localmente.

L’articolo fornisce poi esempi di focolai della malattia in paesi che devono essere considerati nemici degli USA. E nel 1977 il giornalista investigativo aveva rivelato a un giornale di Long Island che il virus che aveva imperversato a Cuba era stato diffuso da una base statunitense nella zona di Panama.

La storia del virus Sars-CoV-2

Nell’agosto 2019, secondo il New York Times, un bio-laboratorio del Ministero della Difesa è stato chiuso per carenze di sicurezza (7).

Nell’ottobre 2019, nel Maryland, a sole 2 ore di macchina dal laboratorio di biologia, si è verificato un numero sorprendentemente elevato di decessi per malattie polmonari. Le malattie, che hanno mostrato sorprendenti somiglianze con i sintomi di Covid-19, non sono state considerate notificabili. Il numero stimato di casi non denunciati è sconosciuto. L’uso di sigarette elettroniche e di ingredienti pericolosi nei vaporizzatori è stato citato come causa (8).

Da metà a fine ottobre si sono svolti a Wuhan, in Cina, i Giochi Mondiali Militari (9). Dopo il ritorno a casa, gli atleti si sono lamentati di febbre alta e difficoltà respiratorie (10). L’hotel degli atleti americani era a poche centinaia di metri dal mercato di Wuhan, considerato il punto di partenza per la diffusione del virus.

Il 16 novembre è stata segnalata un’infezione da COVID-19 già avvenuta in Francia. Va notato che, naturalmente, solo i casi gravi hanno attirato l’attenzione. In questo caso, un esame retrospettivo delle scansioni polmonari dell’ospedale Albert Schweitzer di Colmar aveva mostrato che il paziente mostrava gli stessi segni delle successive scansioni del torace dei pazienti COVID-19. E questo messaggio viene da un reparto ospedaliero che ha avuto esperienza con 2456 scansioni (16).

“Secondo l’analisi delle scansioni, il primo paziente aveva già avuto Covid-19 il 16 novembre, dopo di che la diffusione è stata molto lenta fino alla fine di febbraio. Poi c’è stata una diffusione molto rapida con un picco alla fine di marzo. Schmitt è del parere che il virus si stesse già diffondendo in Francia all’inizio di novembre. Erano stati osservati alcuni casi insoliti della malattia, ma erano stati chiamati influenza perché lo scoppio della pandemia era sconosciuto in quel momento”. (16)

Nei campioni di acque reflue di Torino e Bologna del dicembre 2019 sono state trovate tracce dell’agente patogeno Sars-CoV-2, come a Milano. Nessun artefatto virale è stato rilevato nei campioni di acque reflue PRIMA di dicembre (11).

Sempre a dicembre, secondo i media occidentali, è scomparso anche Huang Yan Ling, un dipendente del laboratorio di bio-ricerca di Wuhan. Un laboratorio che apparentemente aveva anche eseguito ordini per il Dr. Fauci, il più importante specialista statunitense di virus o per gli USA (12). La sua biografia online sarebbe stata cancellata e non sarebbe più stata vista (13).

Nei mesi successivi, il presidente Trump ha dichiarato che il virus era stato alterato dall’uomo. Che poi è stato negato dai servizi segreti. In Germania i rappresentanti dei media di questa tesi sono chiamati “teorici della cospirazione”. Uno di loro è un premio Nobel dalla Francia (14).

E’ interessante notare con quale veemenza i servizi segreti negano e i media diffondono che il virus non è stato in nessun caso modificato dall’uomo, anche se i media hanno ipotizzato che la modifica abbia avuto luogo nel laboratorio di Wuhan.

“Invece, il direttore dei servizi segreti degli Stati Uniti, che è responsabile di tutte le 17 agenzie di intelligence statunitensi, ha anche rilasciato un comunicato stampa che chiarisce Proprio come la maggior parte degli scienziati, i servizi segreti statunitensi non hanno motivo di credere che Covid-19 sia stato prodotto dall’uomo o geneticamente modificato”. (13)

Il cospiratore di spicco con un’opinione dissenziente è Luc Montagnier, che nel 2008 ha ricevuto il premio Nobel per la medicina. Ha spiegato alla televisione francese che elementi del retrovirus dell’HIV-1, che aveva co-scoperto nel 1983, potevano essere trovati nelle informazioni genetiche del nuovo coronavirus. E ha dichiarato di non essere l’unico ad aver fatto la scoperta, ma un gruppo di ricercatori indiani oltre a lui. In un podcast successivo ha suggerito che il virus potrebbe essere fuggito dal laboratorio di Wuhan mentre cercavano di trovare un vaccino contro l’HIV (14).

Altre accuse secondo cui altri premi Nobel si sarebbero uniti alla sua opinione si sono rivelate una falsa notizia (15).

Mentre gli Stati Uniti diventavano sempre più aggressivi nei confronti della Cina e, per esempio, cercavano di citare in giudizio per danni miliardari per presunti insabbiamenti e rapimenti all’inizio della pandemia, seguivano le reazioni della Cina, chiedendo informazioni agli Stati Uniti. In particolare su quale paziente americano era il paziente 0.

Sul sito del canale televisivo CGTN, in lingua inglese ma cinese, sono state poi pubblicate 10 domande esemplari al governo degli Stati Uniti. Ecco i punti più importanti (17):

“Domanda 1: Dal momento che il direttore dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie [CDC], Robert Redfield, ha ammesso che alcuni americani che apparentemente sono morti di influenza sono risultati positivi al test per il romanzo coronavirus, posso concludere che queste persone sono effettivamente morte a causa del romanzo coronavirus? Quanti dei 34 milioni di pazienti affetti da influenza, di cui 20.000 sono morti, hanno ricevuto una diagnosi errata?

Quando è iniziata la diagnosi errata? E le diagnosi errate sono iniziate effettivamente nell’agosto 2019? (…)

Domanda 2: Quando il CDC americano ha ammesso alcune diagnosi errate, mi gratto la testa – non sono gli Stati Uniti quelli che hanno le migliori tecnologie mediche al mondo? Perché è successo?

Poiché la torbidità (macchie bianche) è facilmente rilevabile nelle scansioni TAC dei polmoni dei pazienti con la nuova polmonite infetta da coronavirus, avrebbe dovuto essere facile separare i casi di influenza COVID-19 e H1N1. Ma perché ci sono state così tante diagnosi errate?

Beh, questo mi ricorda la richiesta del vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence di controllare tutte le notizie riguardanti il virus corona. Perché la Casa Bianca chiede il controllo delle notizie? (…)

Domanda 3: Perché gli Stati Uniti si sono ritirati dalla Convenzione sulle armi biologiche e tossiniche (BTWC) del 1972 nel 2001? Perché hanno cercato di impedire un meccanismo di monitoraggio per l’attuazione della Convenzione? Si oppone allo sviluppo di armi biologiche per gli Stati Uniti?

Se no, perché ci sono nuovi laboratori biologici in Georgia, Ucraina, Moldavia, Armenia, Azerbaigian, Uzbekistan e Kazakistan? Sono laboratori per la guerra biochimica? (…)

Domanda 4: L’Istituto di ricerca medica dell’Esercito degli Stati Uniti sulle malattie infettive a Fort Detrick, Maryland, è stato chiuso nel luglio 2019. È stato perché c’è stato un incidente con una fuga di virus? Appena un mese dopo, ci fu un’epidemia di influenza a livello nazionale. Queste due cose erano in qualche modo collegate?

Le diagnosi errate sono state semplicemente inventate per coprire tali segreti? Questo è stato anche un motivo per gli Stati Uniti per scaricare la colpa su altri paesi chiamandolo l’origine del romanzo coronavirus? (…)

Domanda 5: Perché la squadra statunitense (369 membri) non ha vinto una sola medaglia d’oro ai 7° Giochi Mondiali Militari (18-27 ottobre 2019) a Wuhan? (…) A uno dei 369 partecipanti è mai stata (erroneamente) diagnosticata l’influenza? Era possibile che fossero portatori del nuovo coronavirus?

Domanda 6: Perché gli Stati Uniti [di tutti i paesi] hanno organizzato l’Evento 201, un’esercitazione globale contro la pandemia, nell’ottobre 2019? Perché il vicedirettore della CIA vi ha preso parte? È perché gli Stati Uniti hanno previsto che un virus altamente contagioso avrebbe scatenato una pandemia? Un mese dopo, in Cina sono stati rilevati casi di polmonite di origine sconosciuta e tre mesi dopo c’è stata una pandemia. (…)

Domanda 7: Giappone, Corea del Sud, Italia e Iran hanno tutti riferito che molti dei loro primi casi confermati di COVID 19 non hanno avuto contatti con i portatori di virus cinesi, ma hanno avuto un collegamento con gli Stati Uniti. Perché?

La ricerca genetica mostra che il tipo di nuovo virus corona trovato in Cina appartiene al gruppo C, ma i virus del gruppo A e del gruppo B – i virus del gruppo C dei genitori e dei nonni – si trovano entrambi negli Stati Uniti. Perché? Ad un paziente giapponese è stata diagnosticata l’influenza alle Hawaii, ma è risultato positivo al COVID-19 quando è tornato in Giappone. Come si spiega questo?

Domanda 8: Non avete motivo di negare che la pandemia del 1918 abbia avuto origine nel vostro territorio. Ma tu dai la colpa alla Spagna per un secolo. Non te ne vergogni? (…) Quindi gli Stati Uniti stanno di nuovo giocando lo stesso scherzo, cercando di chiamare il romanzo corona virus un “virus cinese”?

Domanda 9: La pandemia del 1918 che causò 1 miliardo di infezioni, con un numero di morti stimato “tra 17 milioni e 50 milioni e forse fino a 100 milioni… una delle epidemie più mortali della storia dell’umanità”, secondo Wikipedia, è dimostrato che ha avuto origine negli Stati Uniti, ma gli Stati Uniti non hanno mai chiesto scusa al mondo.

L’origine del romanzo coronavirus è ancora sconosciuta, ma gli Stati Uniti chiedono scusa alla Cina, che cosa ridicola! Giusto per ricordarvi che la pandemia di influenza H1N1 del 2009, che ha ucciso 300.000 persone, ha avuto origine anche negli Stati Uniti, e lo stesso vale per l’HIV-AIDS. Allora perché non confessare al mondo?

Conclusione

Un esponente di spicco del governo statunitense aveva già previsto nel 1998 che le armi biologiche sarebbero state uno strumento importante nelle guerre economiche. Nessun paese ha così tanti laboratori biologici come gli Stati Uniti e soprattutto nessun oppositore politico da dichiarare alle frontiere. Gli Stati Uniti hanno una storia di sospetto uso di armi biologiche e si rifiutano di espandere la Convenzione sulle armi biologiche per renderla un accordo verificabile e sanzionabile. E ora dichiarano che la Cina è responsabile del nuovo virus corona, anche intentando una causa per danni.

Ma sicuramente tutto è solo teoria del complotto, anche se una nuova versione dell’influenza suina (G4 EA H1N1), che può crescere anche sulle cellule umane, sta ora comparendo in Cina e solo pochi giorni dopo vengono segnalati casi di peste bubbonica (20).

Fonti:

    1. https://apps.dtic.mil/dtic/tr/fulltext/u2/a358618.pdf
    2. https://en.wikipedia.org/wiki/Robert_Kadlec
    3. https://wikispooks.com/w/images/3/37/RebuildingAmericasDefenses.pdf
    4. https://de.sputniknews.com/politik/20180228319746140-russland-lawrow-usa-biowaffen-konvention-umgehen
    5. https://www.heise.de/tp/features/Entwickeln-die-USA-neue-biologische-Waffen-4177163.html
    6. https://www.heise.de/tp/features/Insect-Allies-Das-Pentagon-scheint-biologische-Waffen-zu-entwickeln-4188194.html
    7. https://www.nytimes.com/2019/08/05/health/germs-fort-detrick-biohazard.html und https://www.independent.co.uk/news/world/americas/virus-biological-us-army-weapons-fort-detrick-leak-ebola-anthrax-smallpox-ricin-a9042641.html
    8. https://patch.com/maryland/baltimore/23-vaping-related-lung-illnesses-reported-maryland
    9. https://de.wikipedia.org/wiki/Milit%C3%A4rweltspiele
    10. https://www.faz.net/aktuell/sport/mehr-sport/militaerweltspiele-2019-in-wuhan-damals-schon-corona-faelle-16758894.html
    11. https://www.tagesschau.de/ausland/italien-corona-abwasser-101.html
    12. http://www.gilmermirror.com/view/full_story/27725107/article-U-S–government-gave-%243-7million-grant-to-Wuhan-lab-at-center-of-coronavirus-leak-scrutiny
    13. https://www.dw.com/de/coronavirus-menschengemacht-und-aus-labor/a-53348258
    14. https://science.thewire.in/the-sciences/luc-montagnier-coronavirus-wuhan-lab-pseudoscience/
    15. https://teyit.org/en/did-nobel-winning-professor-tasuku-honjo-say-that-the-new-coronavirus-was-made-in-a-laboratory/
    16. https://www.heise.de/tp/features/Erste-Covid-19-Infektion-soll-in-Frankreich-bereits-am-16-November-aufgetreten-sein-4717843.html
    17. https://news.cgtn.com/news/2020-03-19/10-questions-for-the-U-S-Where-did-the-novel-coronavirus-come-from–OZrgRTSZfa/index.html
    18. https://www.fxstreet.com/analysis/the-mystery-of-the-african-swine-fever-in-china-and-asia-201908260134
    19. https://twitter.com/zlj517/status/1238111898828066823
    20. https://www.mirror.co.uk/news/world-news/chinese-city-sounds-alert-after-22306236


+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: FOTOGRIN / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort