Il fascismo di Corona si rovescia | Di Anselm Lenz

Invece di “oscuro inverno”, i democratici portano la luce nell’oscurità del regime di Corona. I segnali stanno girando anche a livello internazionale. In Germania, un professore universitario ha sorprendentemente fatto trapelare la verità in una trasmissione in diretta.

Un commento di Anselm Lenz – direttore del settimanale Demokratischer Widerstand

“Queste cifre non valgono la carta su cui sono scritte”, ha detto il professore di infettivologia Matthias Schrappe, ex membro del Consiglio tedesco degli esperti sanitari. “L’Istituto Robert Koch è controllato politicamente, dopo tutto è subordinato al Ministero federale della sanità”, ha spiegato il vero scienziato al sorpreso presentatore della ZDF. Questo sarà mostrato in diretta oggi, lunedì 23 novembre.

L’Agenda della Corona si svolge “nel regno della speculazione”, “i diritti fondamentali vengono limitati senza che noi abbiamo effettivamente numeri esattamente utilizzabili, e considero assurdo come scienziato – e lo dico apertamente, anche come cittadino – che si proceda a tali restrizioni senza una base numerica fissa”, ha detto il professor Schrappe.

L’accademico ha chiarito ancora una volta il trucco del regime di Corona: stanno testando milioni di persone in numero sempre crescente con un test PCR scientificamente inconcludente, rilevano qualsiasi risultato positivo per le infezioni influenzali e ogni sorta di altre sequenze genetiche, ognuna delle quali può significare tutto e niente – e stanno ora istituendo un regime fascista basato sulla lobby farmaceutica.

D’altra parte, la più alta corte d’appello di Lisbona ha già stabilito che il test PCR non ha alcun valore, esponendo così non solo la costrizione alla maschera e le campagne di vaccinazione minacciate, ma aprendo anche la strada alla vita civile in Portogallo. L’Agenda della Corona è stata abbattuta dai democratici attivi in Danimarca, e in Argentina la popolazione si è alzata e ha messo fine alla questione. La Svezia non si è nemmeno unita a noi, dove in nessun momento i negozi sono stati chiusi o i bambini sono stati torturati. La corona è una malattia che si manifesta solo in alcune manifestazioni e solo in alcuni paesi fin dall’inizio.

ARRIVATO NEL FASCISMO

In Germania, il regime estremista e violento della Merkel, con la volontaria esecuzione degli Stati federali, scatena tutti gli impulsi autoritari – dalla denuncia e dal divieto di professione all’uso di cannoni ad acqua e spray al pepe contro la popolazione. La manifestazione democratica di massa in Strasse des 17. Juni, mercoledì scorso, contro l’incostituzionale legge di abilitazione, mascherata da “legge di protezione civile”, ha liberato in modo figurato la Merkel per aver sparato con temperature autunnali. Almeno 15.000 persone hanno avuto problemi di salute e altre 30.000 circa non hanno potuto esercitare pienamente il loro diritto di riunione.

Mentre la casta politica dei media nella Repubblica Federale era stata in caduta libera in precedenza, ora è arrivata di fatto al fascismo. Al contrario, milioni di persone nella Repubblica Federale si sono alzate per mesi, riunendosi per le più grandi e pacifiche manifestazioni di massa mai organizzate in Germania. Per loro è già ora: “Mai perdonare, mai dimenticare”.

Perché le lezioni della storia sono state imparate; la caduta in una tirannia incombe per qualche anno e poi, dopo un segnale di partenza, va molto velocemente – per colpo di stato. Ora siamo nel bel mezzo di tutto questo. La crisi del dominio finanziario e il crollo del sistema egemonico americano sono chiaramente visibili dalla metà del 2009. Prima dell’alternativa: democrazia, dibattito e referendum o fascismo, sì, la NATO, le grandi aziende, la Merkel e la casta politica dei media hanno deciso la via criminale e totalitaria.

Una coraggiosa democratica, invece, ha mostrato cos’è il cuore e lo scorso fine settimana, in una fase di pensiero laterale, ha fatto capire che ricorda molto bene le gesta eroiche di Sophie Scholl. Si sentiva un po’ come lei, pensa a lei, ha detto il democratico. Sophie Scholl è l’idolo della resistenza antifascista ed è stata stampata in tutti i libri scolastici della nostra repubblica per decenni. Il canale di propaganda governativo ARD ha preso l’apparenza del coraggioso cittadino come un’opportunità per calunniare ancora una volta totalmente il popolo del paese.

LA CALUNNIA METTE IN PERICOLO LA MEMORIA DI SOPHIE SCHOLL

Come di consueto, l’iconoclastia contro il popolo del Paese si svolge con l’aiuto di ogni tipo di associazione di propaganda statale. Un’ex dipendente della Stasi, che aveva addirittura denunciato i suoi stessi amici, e la fanatica propagandista del governo di oggi, Annetta Kahane, riceve così un regolare orario di trasmissione in cui le è permesso di dichiarare qualsiasi cosa e tutto ciò che è antisemita. Con questo intende dire che chi critica fondamentalmente la regola o il capitale ha qualcosa contro gli ebrei. Con questo si fa beffa della vera ostilità nei confronti degli ebrei e rende ridicola la Shoah storica. Il suo fanatico lavoro sul completo crollo civile e intellettuale della diga sta ovviamente costando allo Stato un sacco di soldi.

Il noto storico e giornalista Knut Mellenthin sottolinea in un commento attuale come la propaganda, la lobby aziendale e il discorso dello Stato siano sempre più brutalizzati. Ad esempio, durante la votazione sulla legge di abilitazione, l’ex parlamentare SPD Angelika Barbe ha cercato di entrare in tutti i nostri edifici del Bundestag con dei volantini. Martin Patzelt, membro del parlamento della CDU, si è sentito “molestato” da questo, ha detto. In generale, le persone del Bundestag non vogliono avere più nulla a che fare con la persona in quanto tale, probabilmente può allontanarsi dal loro punto di vista. Purtroppo, questo è qualcosa che la gente in Germania conosce bene.

I lobbisti aziendali con tessera d’accesso – secondo abgeordneterwatch.de esiste più di un lobbista con accesso agli uffici dei parlamentari per ogni deputato – sono stati comunque molto benvenuti in tutto il nostro Bundestag durante la caduta della Germania nel prossimo fascismo da parte di un parlamento.

Mentre lo Stato ci isola, tortura i bambini, abusa dell’etica sanitaria e della compassione, manipola i numeri e distrugge deliberatamente la classe media e quindi la vita civile, in modo che la grande tecnologia e la grande farmacia possano diffondersi in modo esponenziale come sistema di tributo agli Stati Uniti sotto forma di moneta digitale, mentre questa rottura di civiltà avviene con innumerevoli vittime, la stampa libera rimanente viene distrutta. Su Internet si sta verificando un’ondata di censura senza precedenti. Quello che una volta era considerato un mezzo per la democrazia deve essere ridotto a un corso di equalizzazione e controllo da parte della mafia aziendale, della NATO, dell’UE e del regime della Merkel.

L’UE sta infatti preparando un Ministero della Verità per decidere quali sono le notizie giuste e quali possono essere cancellate. In questo modo la casta politica dei media vuole sedersi assolutamente, totalitaria. Fortunatamente, regimi di questo tipo non hanno mai prevalso a lungo in Europa, e così sarà anche questa volta. Non con noi.

UNA MACCHINA DA STAMPA PER LA RESISTENZA

Già nel numero precedente l’ex autore della NZZ Milosz Matuschek ha chiarito la situazione con il suo articolo originale per il settimanale Demokratischer Widerstand (DW): “Chi attacca la parola libera ha paura. Si è riferito all’avvocato e scrittore Sebastian Haffner e si è appellato ai principi della civiltà.

Nel prossimo 28° numero del settimanale a più alta tiratura della Repubblica Federale (ad eccezione del Bild am Sonntag, che in senso stretto non è considerato un giornale), il membro del comitato editoriale di DW Aya Velázquez spiegherà l’intreccio tra il settario economico mondiale e il grande lobbista Klaus Schwab con i circoli della leadership dello Stato cinese.

Il direttore del movimento per la democrazia, Samuel Gfrörer, riferirà sulla crescente protesta degli insegnanti con un rapporto esemplare e interviste. Il giornalista Nicolas Riedl descrive come la democrazia e la tutela genuina e sensata del clima e dell’ambiente non si escludano a vicenda, ma appartengano insieme – anche nei movimenti. Hermann Ploppa, capo del dipartimento di economia, calcola l’impatto della mafia delle vaccinazioni sull’assistenza sanitaria e sul bilancio dello Stato.

E c’è anche un evento letterario in arrivo: l’ex infermiera geriatrica e dottore in filosofia, il tanto lodato documentarista di ARD e Arte Dr. Werner Köhne apre la sua rubrica e presenta il suo prossimo libro, che sarà pubblicato dalla casa editrice della Resistenza Democratica, la casa editrice Sodenkamp & Lenz: “Minima Mortalia”! – Perché il fascismo di Corona crollerà, è già iniziato. Con essa, un’intera casta politico-mediatica, comprese ampie sezioni della Lega degli Intellettuali, dovrà essere sostituita e sostituita, che potrebbe poi essere in grado di lavorare nelle agenzie di viaggio. Werner Köhne resterà, resteremo tutti.

TEMPO PER LA VICINANZA E LO SCAMBIO

Questa opposizione è inarrestabile, è solo una questione di tempo e di sforzi: ha dalla sua parte il cuore sociale, il diritto umano, la scienza e le masse popolari. Contro di essa si oppone solo violenza, odio, menzogne, intrighi e “un inverno buio”, con cui gli scagnozzi della Merkel e della NATO minacciano diabolicamente. Quindi nient’altro che l’attesa seconda ondata della crisi. – È solo una questione di tempo e più si prolunga, più si accumula il potenziale negativo, che si scatenerà sempre più violentemente contro la casta dirigente. Questa è quasi una legge fisica, ma anche una regola di cordialità vissuta – la costante umanistica.

+++

Il settimanale della Resistenza Democratica è passato da un volantino informativo al settimanale a più alta tiratura della Repubblica già nell’aprile 2020. Per 27 numeri, il giornale ha raggiunto persone che altrimenti sarebbero state esposte esclusivamente alla propaganda governativa e aziendale. Come giornale stampato, conserva le voci di opposizione dell’epoca, con un totale di oltre 10 milioni di copie ora stampate e realmente distribuite. La redazione del settimanale Demokratischer Widerstand dipende dalle donazioni tramite crowdfunding ad Anselm Lenz / Board KDW e.V. GB77 REVO 0099 7016 8700 94 (conto in euro in Inghilterra) o, preferibilmente, come mecenate.

In questo contesto sono consigliati i libri “Das Zeitalter des Überwachungskapitalismus” di Shoshana Zuboff e “The Devil’s Chessboard” di David Talbot.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Sergey Novikov / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort