Blocchi sani | Di Christian Kreiß

Quali misure politiche ed economiche ci farebbero davvero bene?

Un punto di vista di Christian Kreiß.

Le precedenti misure di blocco e la sistematica generazione di paura da parte dei politici e dei media ci hanno portato a un forte aumento della violenza domestica, del consumo di alcol e sigarette, dell’obesità e dei suicidi. Ci hanno rinchiuso lontano dall’aria fresca, dall’esercizio fisico limitato all’aperto, dallo sport, dalla cultura e dalla pratica religiosa. Hanno impedito molte operazioni e visite ai medici. Insomma, ci hanno fatto ammalare di più e continuano a farlo anche oggi.

Quello di cui abbiamo bisogno è qualcosa di completamente diverso: abbiamo bisogno di isolamento per chi ci fa ammalare. Avremmo bisogno di misure che ci rendano sani e che prevengano concetti come “Covid 20” o “21”, o un “Covid del Kazakistan”.

Quali sono le cause alla radice dell’influenza suina, aviaria, sars, Covid-19? Molte delle ondate di agenti patogeni degli ultimi anni hanno a che fare con gli animali, come già dicono i nomi, l’influenza aviaria, l’influenza suina, con gli animali in allevamento di massa, che conducono la loro vita in condizioni indicibili e crudeli. Chiunque abbia un cuore per gli animali piangerà quando vedrà l’allevamento di massa dei maiali che oggi è comune. L’allevamento dei polli per le uova avviene per lo più in mini-celle di gabbia, senza sole, su molti piani, senza terra. Per la maggior parte, i nostri polli da macello non vedono un solo raggio di luce solare per tutta la vita, non hanno mai raccolto un verme, sono pieni di antibiotici. Lo mangiamo. Lo assorbiamo. Tutta quella sofferenza.

A Covid-19, i macelli sono molto spesso i peggiori centri di infezione, parola chiave Tönnies. Fabbriche in cui gli animali vengono macellati, torturati e uccisi in condizioni orribili. Perché qui si verificano così tante infezioni da Covid?

Sembra quasi che ci torni in mente quello che facciamo ai poveri animali che trattiamo così impietosamente.

Blocco delle fabbriche di bestiame, delle grandi aziende agricole industriali e delle fabbriche di pesticidi

Quindi la prima cosa che potremmo fare sarebbe abolire la zootecnia industriale di massa e la macellazione di massa degli animali, in generale, tutte le grandi fabbriche agricole industriali, e questo significherebbe sia la produzione, cioè le grandi imprese agricole che la trasformazione industriale. La nostra attuale agricoltura convenzionale non solo sta abusando sistematicamente dei nostri animali, ma sta anche diffondendo pesticidi su scala gigantesca, avvelenando la terra, gli animali e l’aria. Utilizza fertilizzanti minerali su vasta scala, che lisciviano il suolo e danneggiano in modo massiccio la biodiversità. L’agricoltura industriale convenzionale è malata e ci fa ammalare. Poniamo fine a questo sistema assurdo e dannoso! È dimostrato da decenni che si può fare a meno di pesticidi e fertilizzanti minerali: anno dopo anno, l’agricoltura biologica lo dimostra.

Si sostiene sempre che l’agricoltura biologica è troppo costosa, che non possiamo permettercela. Si tratta di un’argomentazione basata sugli interessi, fuorviante e falsa. La carne a buon mercato di Tönnies è probabilmente la carne più costosa che ci sia mai stata offerta, se si includono tutti i costi che ciò ha comportato. Nel quadro dell’attuale pacchetto di stimolo economico del governo federale, centinaia di miliardi di euro sono stati utilizzati per alleviare le conseguenze, tra l’altro, di una politica agricola e alimentare sbagliata. Con questi fondi, potremmo probabilmente convertire l’intero settore agricolo all’agricoltura biologica e alle aziende agricole di dimensioni sane.

In altre parole, abbiamo bisogno di un blocco per le fabbriche agricole, l’allevamento industriale di massa e la macellazione di massa. Se questo non può essere attuato immediatamente, allora possiamo elaborare un piano decennale per convertire sistematicamente, entro un decennio, l’agricoltura pesticida disumana e malata – la parola chiave in questo caso è glifosato – in un sistema di agricoltura biologica sana e diversificata, in cui gli uccelli possono cantare di nuovo, gli insetti umiliano diligentemente e gli animali possono di nuovo godersi la vita.

Blocco per l’industria alimentare che causa malattie

Molti di coloro che sono morti su o con Corona erano le cosiddette condizioni preesistenti multimorbose. Si tratta spesso di persone che hanno avuto diabete, obesità, pressione alta, allergie o danni agli organi, e spesso anche di persone che fumano o bevono molto alcol, mangiano cibi poco sani e fanno poco esercizio fisico. Molti di questi mali sono promossi in modo molto attivo e consapevole dalle grandi aziende dell’industria alimentare. Centinaia di additivi e coloranti vengono aggiunti al nostro cibo, che non hanno posto in una dieta sensata. Le campagne pubblicitarie spingono i nostri figli alla malnutrizione fin dalla più tenera età: troppo, troppo dolce, troppo grasso, troppo salato. E l’industria dei media porta i nostri bambini sugli schermi invece di fare esercizio e giocare all’aperto.

Avremmo bisogno di un blocco per queste persone malate, un blocco per Coca Cola, Nestlé, McDonalds, le aziende alimentari. Abbiamo bisogno di un blocco per quegli additivi e coloranti che sono già banditi dagli alimenti biologici, naturalmente, perché ci fanno ammalare. Abbiamo bisogno di un blocco per la pubblicità per i bambini, per la pubblicità di alcolici e sigarette, per la pubblicità di prodotti zuccherini malsani e di vari alimenti raffinati. Questo ci renderebbe più sani e più forti dentro di noi nel corso degli anni.

Blocco per le aziende sanitarie che massimizzano il profitto

Diamo un’occhiata al settore sanitario. Le aziende farmaceutiche vivono della vendita di medicinali e vaccini. La cosa peggiore che potrebbe succedere loro sarebbe la salute delle persone. In tal caso i profitti crollerebbero e le società potrebbero chiudere. Le aziende farmaceutiche hanno bisogno di tossicodipendenti, di vaccini, altrimenti non possono sopravvivere. Dovremmo pensarci molto attentamente. Le aziende farmaceutiche che massimizzano il profitto non hanno alcun interesse per le persone sane, al contrario.

Per massimizzare i profitti, le aziende farmaceutiche sono molto creative e, nel senso letterale del termine, passano sempre sui cadaveri. Esiste ormai una ricca letteratura sull’argomento, che giunge sempre alla stessa conclusione: i prodotti che vengono immessi sul mercato sono sempre quelli che generano i margini di profitto più elevati, indipendentemente dal fatto che siano anche i migliori farmaci per la nostra salute. Come lo scandalo del diesel, l’industria farmaceutica agisce secondo il motto: il profitto viene prima della salute e prima della verità.

Abbiamo bisogno di un blocco per le aziende farmaceutiche che massimizzano il profitto. Poiché ciò non può essere fatto con effetto immediato, potremmo elaborare un piano decennale in fasi che trasferirebbe lentamente le azioni dei gruppi farmaceutici che massimizzano il profitto sotto forma di società senza scopo di lucro, ad esempio in società a responsabilità limitata senza scopo di lucro, le cosiddette g-GmbH, o una forma giuridica analoga. Ci sono buoni modelli di come questo potrebbe accadere nel libro Small Is Beautiful: The Return to Human Measure, di E. F. Schumacher.

Lo stesso vale per gli ospedali privati a scopo di lucro. La massimizzazione del profitto degli ospedali privati è un errore di pensiero. Ci sono sempre operazioni non necessarie che sono redditizie. Pertanto, i trattamenti che non sono lucrativi sono omessi. Insomma, nel momento in cui sono in gioco i massimi profitti, non è più una questione di salute ma di profitti, anche se le parti interessate predicano costantemente il contrario in termini mantra. La salute è un bene pubblico, non un bene privato con cui si possono massimizzare i profitti. La massimizzazione del profitto nel settore sanitario ci fa ammalare.

Conclusione

Le precedenti misure di corona ci hanno indebolito, spaventato e reso più malati di prima. Cambiamo le cose! Mettiamo in atto un sano isolamento. Possiamo usare Corona come un’opportunità per vedere gli errori, per rafforzarci, per renderci più sani e per rendere la nostra vita e la nostra interazione più umana.

All’autore:

Prof. Dr. Christian Kreiß, nato nel 1962: Studi e dottorato in economia e storia economica alla LMU di Monaco. Nove anni di attività professionale come banchiere, di cui sette come banchiere d’investimento. Dal 2002 professore all’Università di Scienze Applicate di Aalen per la Finanza e l’Economia. Autore di sei libri: Mania del profitto – Perché un’economia più umana vale la pena (2013); Usura pianificata – Come l’industria ci spinge a consumare sempre di più e più velocemente – e come possiamo resisterle (2014); Ricerca acquistata – La scienza al servizio delle imprese (2015); Pubblicità no grazie – Perché potremmo vivere molto meglio senza pubblicità (2016); Business Administration Blinds Usurping Usurping Lamenting – Come la Business Administration contribuisce alla brutalizzazione della società (2019, insieme a Heinz Siebenbrock); The Mephisto Principle in our Economy (2019). Tre inviti al Bundestag tedesco come esperto indipendente (Verdi, Partito della Sinistra, SPD), membro del sindacato a ver.di. Numerose interviste a televisioni, radio e riviste, conferenze pubbliche e pubblicazioni.

Homepage: www.menschengerechtewirtschaft.de

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: DesignRage / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort