Il virus politicizzato | di Rüdiger Rauls

Un punto di vista di Rüdiger Rauls.

Il virus Covid19 non è solo un pericolo per la vita e gli arti, ma minaccia anche il tessuto delle relazioni globali e mette in discussione la stabilità delle società occidentali in particolare.

Speculare

Nel 2015 la Cina aveva dichiarato l’iniziativa “Made in China 2025”. Così facendo, il Paese aveva osato registrare la sua pretesa di leadership tecnologica nel mondo. Questo piano vedeva al trono del valore l’Occidente, che all’epoca era ancora intrappolato nell’idea che la Cina fosse il banco di lavoro del mondo e che lo sarebbe rimasto per il prossimo futuro.

Ancora una volta, l’Occidente dei valori ha inciampato nella propria arroganza. La Cina non era stata in grado di essere smantellata come l’URSS a suo tempo dalla strategia del “cambiamento attraverso il riavvicinamento”, e il progetto della Via della seta, che il valore occidentale aveva inizialmente sorriso, divenne un successo travolgente. Ora è in disparte e deve stare a guardare mentre la Via della Seta si sviluppa in un enorme pacchetto di stimoli per l’economia cinese. La potenza economica e finanziaria della Cina sta anche aumentando la sua influenza politica nel mondo.

Per l’Occidente di valori incomprensibili e inimmaginabili, il Paese si era sviluppato così enormemente sotto la guida di un partito comunista da essere visto non solo come una minaccia economica ma sempre più anche politica. Nel marzo 2019 l’UE ha dichiarato la Cina non solo un rivale economico, ma anche un rivale strategico e un avversario del sistema.

Tuttavia, poiché l’UE dipendeva dalla Cina come acquirente di beni europei, soprattutto tedeschi, gli europei l’hanno lasciata alle soglie di un massiccio confronto in una disputa politica. Inoltre, in considerazione del coinvolgimento economico della Cina in alcuni Paesi dell’Unione Europea, Bruxelles non sempre si trova d’accordo su come trattare con la Cina.

D’altra parte, gli Stati Uniti, in particolare sotto Trump, stanno cercando di ostacolare la crescita economica della Cina per proteggere la propria economia dalla concorrenza cinese. Aziende tecnologicamente leader come Huawei, ZTE e, più recentemente, Tiktok, Tencent e Alibaba vengono ostacolate o addirittura costrette ad abbandonare del tutto i mercati occidentali. Gli Stati Uniti hanno discusso principalmente a livello politico della situazione dei diritti umani a Hong Kong e degli uiguri, o stanno alimentando i timori con accuse non provate di spionaggio e di imposizione di sanzioni(1).

Giudizio errato occidentale

Tutte queste misure del valore dell’Occidente non riguardano solo l’economia ma anche la destabilizzazione politica. Non è chiaro se si crede davvero a ciò che si vende alla popolazione occidentale come immagine della Cina, cioè se si è seduti sul proprio inganno. Oppure c’è una manipolazione deliberata, disegnando un’immagine della società cinese che è nota per essere falsa?(2)

Sta lavorando per portare al potere altre forze politiche in Cina attraverso un cambiamento di regime più favorevole agli interessi occidentali, o sta solo cercando di indebolire il paese attraverso campagne politiche e quindi di rallentare lo sviluppo? In ogni caso, l’Occidente non lascia nulla di intentato per impedire l’ascesa della Cina.

Oltre alla questione uigura e ai tentativi di influenzare Hong Kong, l’epidemia di corona è stato un altro punto di partenza nella strategia occidentale di interferenza e destabilizzazione. Era diventato chiaro fin dall’inizio che l’epidemia non era solo un problema medico, ma si era anche, e in misura molto particolare, trasformata in un problema politico. Il suo scopo era quello di fornire informazioni sulla forza dei rispettivi sistemi sociali.

Così l’oracolo della Frankfurter Allgemeine Zeitung: “Il governo autoritario della Cina non si limita a combattere il virus. L’intero sistema è in discussione”(3). Qualche giorno dopo Reinhard Veser chiede nel suo commento: “Il virus corona diventerà alla fine il fulcro dell’infiammazione del sistema politico cinese?(4). Anche se non espresso, il desiderio che ciò possa accadere è inconfondibile.

Visti i continui tentativi di ingerenza da parte dell’Occidente, a Pechino non sembravano esserci dubbi sul fatto che la corona sarebbe stata utilizzata anche per scopi politici. In quest’ottica, il Partito comunista cinese ha dichiarato che “il virus è una prova della superiorità del sistema cinese”(5).

Questo è avvenuto il 1.2.2020, quando l’epidemia non aveva ancora raggiunto la piena potenza in Europa e negli Stati Uniti. In questo paese, la gente si sentiva ancora sicura nella consapevolezza di non essere esposta ad alcun pericolo a causa del proprio sistema sociale superiore. Il ministro della Salute Jens Spahn ha rassicurato i tedeschi il 27.1.2020 che “il decorso del coronavirus è più blando di quello dell’influenza, per esempio… E saremo anche in grado di controllare un’epidemia di morbillo in Germania con misure molto più blande di quelle che stiamo vedendo attualmente in Cina”(6).

Mentre Spahn era fermamente convinto della superiorità occidentale, Pechino era più modesta: vedeva la sfida come una prova della propria superiorità, la cui prova doveva ancora essere fornita.

E secondo questi diversi atteggiamenti, le persone si sono comportate in modo diverso. A Pechino, alle parole sono seguiti i fatti. La Cina ha realizzato il “capolavoro logistico … in pochi giorni non solo per costruire un ospedale con 1500 posti letto, ma anche un secondo ospedale con altri 1000 posti letto per le persone infette dal virus”(7).

Di fronte a questi fatti creati come prova di capacità di agire, le parole corpose di Spahn si sono poi rivelate corpose e si sono rivelate aria calda. Con l’arrivo dell’epidemia nel valore occidentale, la fiducia in se stesso dei suoi politici, ma anche la loro ignoranza, si è rivelata un’arroganza imperdonabile con gravi conseguenze per la popolazione.

D’ora in poi l’Occidente dovrà misurarsi con la capacità di agire della Cina. In quale altro modo si potrebbe spiegare alla propria popolazione che un sistema sociale, che è sempre stato dipinto come disumano dagli opinionisti occidentali, ha compiuto maggiori sforzi per il benessere dei propri cittadini e ha avuto più successo delle elogiate democrazie liberali? Questo è il nucleo delle incongruenze che molti cittadini non comprendono nel comportamento dei propri politici e quindi interpretano come espressione di avidità di potere o di piani subdoli delle élite.(8)

meekened

Non ci volle molto prima che il valore occidentale avesse la sua stessa arroganza che cadeva in piedi. Ben presto, anche in questo Paese, gli opinionisti si accorsero che il virus poteva causare nel loro Paese tutto ciò che per qualche giorno era stato segretamente desiderato nel sistema cinese: dubbi e disordini tra la loro stessa gente.

Già il 3.3.2020 la FAZ (Frankfurter Allgemeine Zeitung) aveva sottolineato in modo corposo i vantaggi del cosiddetto Stato costituzionale democratico rispetto a quello “autoritario” cinese: “Un sistema federale ben collaudato con i responsabili delle decisioni a tutti i livelli è in definitiva anche più efficace delle strutture di comando centrali”(9).

Ma presto si sono manifestati problemi notevoli in Germania, ma soprattutto nei Paesi dei negazionisti della corona USA, Brasile e Gran Bretagna, per far fronte all’epidemia. Anche paesi come l’Italia e la Spagna, che hanno preso sul serio l’epidemia fin dall’inizio e hanno cercato di combatterla con tutti i mezzi possibili, ora si sono dovuti rendere conto di trovarsi di fronte a un pericolo difficile da controllare con i mezzi convenzionali.

Dopotutto, non si è trattato solo dell'”epidemia di morbillo” di Spahn. Questa “nuova malattia virale contagiosa per l’uomo (…) non è stata ancora pienamente compresa”(10) Reinhold Veser, che l’8.2.2020 aveva ancora visto la corona come il fulcro dell’infiammazione del sistema cinese, ha dovuto riconoscerlo: La “crisi è così profonda che può diventare un pericolo per la legittimità di qualsiasi sistema politico ed economico”(11).

Apprezzamento tardivo

Da quel momento in poi è scesa con l’arroganza occidentale. Innanzitutto bisognava rendersi conto che, di conseguenza, la Cina era molto più capace di affrontare la situazione nel proprio Paese di quanto ci si aspettasse e voleva ammettere in Occidente dei valori. Al di là di questo, però, il Paese è stato in grado di passare all’offensiva politica anche contro l’Occidente attraverso le sue misure di aiuto.

Così il profeta della caduta cinese, Reinhard Veser, ha dovuto dichiarare nel suo commento del 28 marzo 2020 che “Cina e Russia sono riuscite a stilizzarsi in Italia come grandi aiutanti in difficoltà”(12). Così facendo, ha detto, l’Ue non era riuscita a “reagire politicamente e comunicativamente allo sfruttamento propagandistico su larga scala delle azioni di aiuto tutt’altro che disinteressate di Pechino e Mosca”(13).

Il fatto che l’Occidente non sia stato in grado di farlo non è dovuto a un fallimento tecnico o politico. Piuttosto, è stato dovuto al fatto che gli eventi reali non hanno prodotto una rappresentazione propagandistica dei successi occidentali. La Cina è stata la vincitrice in questa battaglia dei sistemi politici, e c’è stata solo una cosa che alla fine ha aiutato: la gente in Occidente ha mantenuto un silenzio mortale, che non poteva essere confutato dalla realtà: I successi della Cina.(14)

Più l’epidemia progrediva in Occidente, più i risultati del controllo delle malattie occidentali erano inferiori a quelli dei cinesi. Oppure si è stati costretti a usare gli stessi mezzi e metodi che erano stati denunciati come dittatoriali o autoritari in Cina solo poche settimane prima: maschere obbligatorie, quarantena, controllo della febbre e app per il tracciamento.

“Dal punto di vista dell’Asia orientale, tuttavia, la Germania ha fallito nella pandemia”(15). Questo è stato il devastante bilancio della FAZ dopo sei mesi di controllo corona, per cui la Germania è ancora in una posizione molto buona rispetto agli stati di corona denari. Con questa visione dell’Asia orientale, tuttavia, non si intende la prospettiva cinese. Il Giappone viene presentato al consumatore occidentale dei media come un modello nella lotta contro la pandemia. La Cina non è più menzionata.

Ma la realtà non può essere negata. In un articolo poco appariscente della FAZ su una festa in piscina a Wuhan – e non solo lì – con migliaia di nuotatori, il consumatore dei media occidentali si fa un’idea della realtà: “Fin dall’inizio il governo si è concentrato sull’eradicazione del virus e non solo sull’appiattimento della curva di infezione come in Germania, per esempio. Il Paese ha adottato misure drastiche per raggiungere questo obiettivo, che ora stanno dando i loro frutti”(16).

Ciò è confermato anche dai dati economici. “Le previsioni che l’epidemia avrebbe trascinato l’economia cinese nell’abisso non si sono avverate. (…) L’economia cinese è cresciuta del 3,2 per cento nel secondo trimestre (…) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso”(17). È stato l’unico paese industrializzato a registrare una crescita record.

Questo è un tardivo riconoscimento dei meriti della Cina da parte dei giornalisti della FAZ, che altrimenti non sono noti per il loro amore per la Cina. Ma questa presentazione positiva non si è trovata in prima linea, come di solito accade per i reportage cinesi di questo giornale. Questi posti sul fronte sono riservati alla propaganda contro la Cina.

Disgregazione sociale

Così, mentre la Cina può ancora una volta festeggiare grazie ai suoi successi nella lotta contro le epidemie, il numero di infezioni nei Paesi occidentali è di nuovo in aumento. Molti ora temono una seconda ondata. I disordini che i media occidentali avevano cercato di suscitare in Cina non hanno avuto origine in Cina, ma nelle loro società. Soprattutto in Germania, le misure del governo hanno suscitato reazioni molto diverse.

Mentre l’inattività di coloro che sono al potere viene denunciata, soprattutto negli Stati governati dai negatori della Corona, molte restrizioni alla vita quotidiana sono criticate come inappropriate in questo Paese. I governi occidentali hanno grandi difficoltà a tenere insieme le loro società sotto la pressione dei vari gruppi e delle loro richieste. Al contrario, la società cinese era in gran parte unita dietro le misure adottate dalla sua leadership.

La politicizzazione causata dal virus non è avvenuta solo a livello intergovernativo. Questa rivalità tra gli Stati è ora sempre più intensificata dalla corsa alla commercializzazione dei vaccini. Con la durata della pandemia, la politicizzazione si sta diffondendo sempre più anche all’interno delle società del valore occidentale.

Sebbene il governo tedesco riceva un alto grado di approvazione dalla maggioranza della popolazione per la sua gestione della crisi, è miserabile rispetto ai cinesi. Ma c’è anche un numero crescente di coloro che vedono queste misure come una minaccia ai loro diritti fondamentali, in particolare il diritto alla libertà di opinione e di riunione, e che vedono la Germania sulla via della dittatura.

Nulla illustra questa perturbazione sociale più chiaramente del cosiddetto movimento per i diritti fondamentali. Rivela un processo di disintegrazione che attacca persino i fondamenti costituzionali della società. La legge fondamentale a cui il movimento si riferisce e che si sente chiamato a proteggere è rispettata solo in quegli ambiti che servono i suoi interessi particolari, cioè la libertà di riunione e la libertà di opinione.

Ma la Legge fondamentale non è un menu da cui chiunque può scegliere quello che gli piace perché serve i suoi interessi particolari. Piuttosto, costituisce il nucleo del sistema di valori borghese, il DNA della società borghese. Così, afferma esplicitamente nell’art. 2, comma 2, il diritto fondamentale alla vita e all’integrità fisica.

Questo alto bene sociale delle conquiste borghesi, che erano state combattute per secoli di lotta e di alti sacrifici contro il dominio feudale, sembra essere indifferente e privo di significato per il movimento dei diritti fondamentali. In ogni caso, questo articolo non viene preso in considerazione nelle argomentazioni dei suoi seguaci. Tuttavia, è proprio l’adempimento di questo articolo che è un compito essenziale dello Stato. È su questo compito della Legge fondamentale che si basano, in ultima analisi, le misure statali per combattere il virus.

Anche i cosiddetti Stati canaglia, ai quali il mondo occidentale nega ripetutamente il rispetto dei valori dell’umanità e dell’umanità, si sentono altrettanto obbligati quanto gli Stati occidentali a proteggere la vita e l’incolumità dei propri cittadini dai pericoli di virus ed epidemie. Non è riconoscibile e certamente non dimostrabile che questi Stati si siano alleati con il Valore Occidentale proprio nella questione della lotta alle pandemie contro la propria popolazione, quando altrimenti si incrociano con il Valore Occidentale in quasi tutte le questioni sociali.

Politicamente, l’esistenza del movimento per i diritti fondamentali rivela la sfiducia e il rifiuto di un numero crescente di cittadini nei confronti dei leader della società civile. Quindi ciò che gli opinion leader di questo paese pensavano di vedere nella società cinese descrive piuttosto la situazione nel loro paese e forse anche in Occidente nel suo complesso.

E poi?

Il virus corona non politicizza solo il rapporto tra gli Stati, ma anche quello tra gruppi sociali e individui. Questa politicizzazione non fa parte del problema medico, cioè di un’infezione che si è diffusa fino a diventare una pandemia. Ma viene utilizzato politicamente per i rispettivi interessi.

Al più tardi quando le droghe contro il virus saranno disponibili, si porrà la questione del mantenimento del movimento per i diritti fondamentali. Cosa ne rimarrà? Si può emanare un obiettivo che vada oltre la protesta contro le attuali restrizioni e la cui realizzazione sia vista da gran parte della popolazione come socialmente utile e soprattutto necessaria?

Simile a Fridays for Future(FfF), questo movimento non si basa sulla consapevolezza politica ma sull’indignazione morale. Entrambi i punti di forza non si basano sulla propria forza, ma sulla debolezza dei leader della società civile. Sono vittime del loro stesso disorientamento e della debolezza delle argomentazioni. I loro ideali sono vuoti, i loro argomenti resi impotenti da un orientamento ai valori che non si basa più sui valori, ma li mette solo sulla bocca(18).

C’è da sperare che alla fine restino più che amicizie rotte o addirittura spezzate, che l’anidride carbonica politicizzata e il virus altrettanto politicizzato si sono già lasciati alle spalle. Entrambi non scompariranno dal mondo. Forse ci saranno rimedi per entrambi, che ne diminuiranno l’effetto. Ma non scompariranno.

È dubbio che i movimenti che hanno fatto dei due il loro soggetto sopravviveranno più a lungo dei loro inneschi. L’FfF non ha quasi più alcuna attrattiva sociale. Ma le persone che sono cadute su FfFF e Corona avranno difficoltà a ritrovarsi. Forse si eviteranno a lungo a causa di una disputa la cui causa è ormai lontana. Ne è valsa la pena?

La distruzione delle basi per la discussione sociale e la tolleranza delle opinioni non può essere lo scopo di dispute politiche. Nonostante tutte le differenze di opinione, il progresso sociale è possibile solo se queste differenze sono viste anche come visioni diverse della realtà invece che come trincee tra i campi dei credenti ortodossi nemici.

“Dov’è il dibattito? Chi sta ancora costruendo ponti?”(19) Questa domanda va posta non solo ai principali media, ma anche a coloro che la rifiutano nella sua interezza. Chi vuole il dibattito non può discutere dal proprio punto di vista come l’unico corretto e valido. La conoscenza deve essere l’obiettivo dello scambio di opinioni, non il dogmatismo.

Fonti:

(1) siehe dazu Rüdiger Rauls: Die-Sanktionierten-schlagen-zurueck

(2) siehe dazu Rüdiger Rauls: Chinesische Zustände

(3) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 1.2.2020: Angstherrschaft

(4) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 8.2.2020: Politisches Virus

(5) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 1.2.2020: Angstherrschaft

(6) Spahn-sieht-Deutschland-gut-gewappnet

(7) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 1.2.2020: Angstherrschaft

(8) siehe dazu Rüdiger Rauls: Vorteil China

(9) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 3.3.2020: Das Virus im föderalen Rechtsstaat

(10) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 4.2.2020: Kampf gegen das Coronavirus

(11) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 28.3.2020: Propaganda

(12) ebenda

(13) ebenda

(14) siehe dazu Rüdiger Rauls: keine Feigheit vor dem Virus

(15) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 18.8.2020: Japans Leben mit dem Virus

(16) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 19.8.2020: Poolparty in Wuhan

(17) Frankfurter Allgemeine Zeitung vom 20.8.2020: Chinas starke Börse

(18)siehe dazu: Rüdiger Rauls: die Werteelite

(19) offener-brief-an-die-leitmedien-von-paul-schreyer/

Rüdiger Rauls Buchveröffentlichungen:

Krieg um Syrien Buchbeschreibung

Wie funktioniert Geld? Buchbeschreibung

Kolonie Konzern Krieg – Stationen kapitalistischer Entwicklung Buchbeschreibung

Zukunft Sozialismus oder die Grenzen des Kapitalismus Buchbeschreibung

Die Entwicklung der frühen Gesellschaften-Die Geschichte Afghanistans Buchbeschreibung

Was braucht mein Kind? Buchbeschreibung

Späte Wahrheit (Prosa) Buchbeschreibung

Herausgeber von:

Imre Szabo: Die Hintermänner ( ein politischer Krimi) Buchbeschreibung

Imre Szabo: Die Unsichtbaren ( ein politischer Krimi) Buchbeschreibung

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: DOERS / tapparelle

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort