Inflazione cospirativa

Attenzione! Ciò che oggi viene venduto come una solida ricerca e una denuncia seria può essere domani una pericolosa ideologia cospirazionista.

Un commento di Mathias Bröckers.

In qualità di abilitato cospirologo e di “anziano statista” della teoria del complotto, seguo l’eccitazione attuale sui “pericoli” e sul “potere misterioso” (Spiegel) dei cospiratori piuttosto divertito.  E stupito che l’uso inflazionistico non abbia ancora esaurito il potenziale di diffamazione e denuncia del termine. Il che può avere qualcosa a che fare con il fatto che gli “esperti” accademici che pubblicano e si fanno sempre più passare in televisione su questo argomento di solito danno solo stronzate psicologiche da cucina.

Il fatto che esistano vere e proprie cospirazioni e che molte ipotesi basate su prove si siano dimostrate vere – che la teoria della cospirazione come procedura euristica sia sicuramente giustificata – è sfumato da questi esperti, così come lo sono le teorie cospirative diffuse in nome dello Stato e dei grandi media. Per esempio, l’arma di distruzione di massa dell’Iraq o – appena fatta saltare in aria – la teoria della cospirazione “Russiagate”, secondo la quale “i russi” hanno violato i computer dei Democratici e aiutato Trump a vincere le elezioni. Come dimostrano i documenti ora pubblicati delle udienze del Congresso, il responsabile della società informatica “Crowdstrike” ha testimoniato di non aver trovato alcuna prova di “hacker russi”. Tuttavia, questa storia infondata di Putin come arci-villain è stata bollita su tutti i canali per tre anni – e nessun “giornalista di qualità” ha mai fatto una domanda critica o fatto una ricerca per conto suo. Avrebbero portato a nientemeno che all’ex direttore tecnico della stessa NSA, Bill Binney, che ha dimostrato che i dati del server DNC non sono stati hackerati dall’esterno, ma risucchiati dall’interno. Oltre, naturalmente, alla curiosità del perché, in un presunto grande scandalo in cui poteri ostili hanno manipolato le elezioni democratiche e si sono introdotti nei computer, né l’FBI né qualsiasi altra agenzia governativa – ma solo la società privata Crowdstrike – è stata autorizzata a indagare sul server in questione.

Non c’era bisogno di avere in tasca una laurea dell’Accademia degli Illuminati per rendersi conto che la storia di Russiagate era marcita fin dal primo giorno, in realtà aveva bisogno solo di un quoziente intellettivo superiore alla temperatura ambiente, la volontà di guardare e fare quello che “Spiegel” -Rudi una volta ordinò alla sua rivista di notizie: “Dite quello che è”. Ma non ne è venuto fuori nulla, né sull’ex rivista di cronaca né su nessuno dei media autoproclamatisi di qualità – per tre lunghi anni la saga di Russiagate è stata servita quasi quotidianamente. Il che illustra un altro aspetto dell’argomento che gli esperti amano ignorare: Se le autorità lo ritengono opportuno, anche teorie di cospirazione non comprovate sono perfettamente valide. E Russiagate si adatta a tutti gli aspetti: come capro espiatorio per l’inspiegabile incidente industriale della sconfitta di Hillary Clinton, come accusa permanente contro Donald Trump, le cui politiche altrimenti sono passate acriticamente, e come necessario scenario di paura per ulteriori armamenti militari. In qualità di giornalista di alto livello, si possono trascorrere anni a diffondere teorie cospirative in prima serata senza essere ritenuti responsabili di questa falsa orgia di notizie. Chiamare tali rappresentanti del commercio delle menzogne “pressurizzati” è in realtà una banalizzazione, dato che i colleghi del commercio delle menzogne non causano mai danni del genere come questi diffusori di pericolose teorie cospirative con le quali si iniziano le guerre.

Quando ora a proposito di Corona i teorici della cospirazione avvertono del pericolo e del “potere misterioso” e per esempio un cuoco vegano, un cantante pop e alcuni ribelli vaccinati e i sempre accesi Ken Jebsen devono servire, non manca una certa comicità. Il fatto che in Germania il martello della diffamazione veramente grande (“nazisti”, “negazionisti dell’Olocausto”, “antisemiti”) sia stato tirato fuori anche per questo subito è altrettanto usuale – già quando sotto il milione di manifestanti contro l’accordo di libero scambio TTIP anche qualche centinaio di nazisti si erano messi in marcia, gli esperti dello “specchio” e della TV si sono scatenati su un pericoloso “fronte trasversale”. Lo stesso ora con le proteste di blocco, che non sono trattate come una giustificata protesta dei cittadini contro discutibili restrizioni legali, ma come un panopticon di “teste confuse”, “destra” e “teorici della cospirazione”. E poi, perché ovviamente non basta come diffamazione, come potenziali autori di violenza e istigatori, come dimostra lo “Spiegel” in un brutto pezzo di striscio che KenFM collega con l’attacco a un team di produzione della ZDF alla manifestazione del May Day. Perché, secondo gli investigatori di “Spiegel”, KenFM avrebbe condiviso lo studio con questo team di produzione, quindi avrebbe saputo delle riprese previste. E? Questo è tutto! Il che significa: cassetto della denuncia più basso, il giornalismo dell’odio al massimo! Il nostro collega Ken normalmente scatta su 180 e sconvolge molte persone – e da Corona ora scatta con 250 in rosso e attira milioni di persone su YouTube come Corona-Rezo. E’ quasi inevitabile che a queste velocità, i fatti portano ad abbandoni, i picchi diventano troppo ripidi e causano cortocircuiti… Qui, il motore della trasmittente del garage KenFM beneficerebbe certamente di un po’ meno piede di piombo. Questo non cambia il fatto che i falsi produttori di notizie della “Relotius Spiegel” l’hanno di gran lunga sottovalutata in termini di teorie cospirative infondate.

Nel 1999, quando ho incontrato Robert Anton Wilson, il grande maestro cospirazionista e autore di “Illuminatus! “, sull’edizione tedesca del Lexikon der Verschwörungstheorie, abbiamo anche parlato di come aveva avuto le sue prime esperienze con le cospirazioni – nel movimento per la pace degli anni ’60 e con il programma dell’FBI CoIntel-Pro, che si era infiltrato nei gruppi e li aveva divisi con sospetti e voci: “Ad un certo punto verso la fine degli anni ’60, più o meno mi sono abituato all’idea che quasi tutti quelli con cui avevo lavorato una volta politicamente erano agenti del governo. Così, invece di diventare paranoico, l’ho trovato piuttosto comico”. Questo mi è tornato in mente quando ho saputo che alla manifestazione di Lipsia i manifesti con gli slogan più confusi e folli provenivano da un gruppo di persone apparentemente autonome, scomparse di nuovo dopo che tutto era stato filmato dall’ARD. Tali azioni per dividere e incanalare i movimenti di protesta sono tanto vecchie scuole CoIntel Pro quanto la denuncia e la criminalizzazione di presunti “capobanda”. Anche l’attacco incendiario ai camion di materiale sonoro della dimostrazione di Stoccarda Corona si inserisce nel quadro.

Le fabbriche di consenso tedesche potrebbero in realtà essere estremamente soddisfatte di un risultato che, secondo i sondaggi, l’85% della popolazione è attualmente in gran parte d’accordo con le misure di corona. Ma con il clamore di un pericolo maggiore da parte dei teorici del cospirazionismo, la “follia di Internet” (FAZ), questa quota sembra essere ancora da prendere a randellate fino a quasi il 99,5%. Ciò significa che la sovranità assoluta dell’interpretazione deve essere garantita in anticipo per eliminare fin dall’inizio qualsiasi critica ai certificati di immunità e ai vaccini genetici non testati? È ancora possibile parlare di una sfera pubblica democratica e di libertà di opinione quando opposizione, critica e dissenso sono considerati “pericolosi”, “folli” e “criminali”? O non meglio di una “chiesa della paura” in cui la polizia del discorso persegue le violazioni della “vera fede” e le punisce con l’ex comunicazione?

Nel frattempo – dopo che Panzer-Uschi von der Leyen ha trasferito il comando della pandemia dell’UE a Bill Gates (“Grazie per la leadership, Bill”) – è in ogni caso blasfemo sottolineare che non molto tempo fa nello “Zeit” , nell’ARD e altrove era ampiamente giustificato il motivo per cui non si dovrebbe lasciare il controllo dell’Organizzazione mondiale della sanità e dei miliardari l’agenda globale a questo signore. Dato che tali riferimenti sono nel frattempo considerati dei “miti della corona” folli, l’SWR ha aggiunto un link ad un nuovo articolo dal quale apprendiamo che lo Zio Bill è ovviamente molto benestante. Quindi: fate attenzione ragazzi, e prestate sempre attenzione ai programmi con il mouse cospirazionista: Ciò che oggi vi viene venduto come una solida ricerca e un serio reportage, domani può essere una pericolosa ideologia cospirativa.

Mathias Bröckers ha recentemente pubblicato con Westendverlag “Don’t Kill The Messenger – Freedom for Julian Assange”. Blog su broeckers.com

+++

Grazie agli autori per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Valery Sidelnykov / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort