Milioni di Democratici attesi a Berlino | Di Anselm Lenz

Il 29 agosto il movimento democratico invita nuovamente a Berlino per respingere l’attacco più completo della storia dell’umanità alla società civile. La festa dell’amore, della pace, della libertà e dell’uguaglianza di tutti i popoli segna il culmine provvisorio dell'”Estate della democrazia” e l’inizio di una rivoluzione attesa da tempo.

Un punto di vista di Anselm Lenz e Batseba N’Diaye. (Editore del settimanale Resistenza Democratica)

Dopo che il 1° agosto 2020 a Berlino si sono riuniti fino a un milione di persone, secondo varie fonti, per tutta la giornata, è chiaro che la verità storica non sarà conquistabile.

La “Corona” passerà alla storia dell’umanità come il più grande attacco alla democrazia, alla scientificità e ai diritti fondamentali, che, come il fascismo storico, comporterà decenni di rivalutazione.

Sabato 29 agosto, i movimenti per la democrazia e l’illuminazione intorno a “Non senza di noi!” e il pensiero laterale vi invitano di nuovo a Berlino. Il candidato di Stoccarda a sindaco e presidente dell’iniziativa Querdenken 711, Michael Ballweg, si aspetta, secondo la sua stessa dichiarazione, citazione: “10 milioni di persone”.

Un numero che non è irrealistico dopo il clamoroso successo mondiale del primo incontro di massa, tanto più che le iniziative all’insegna del motto “Berlino invita il mondo” si aspettano grandi delegazioni dell’opposizione anche da Francia, Scandinavia, Paesi Bassi, Polonia, Spagna, Austria, Serbia, Italia e Portogallo.

Il movimento democratico darà ancora una volta grande importanza al chiarimento medico ortodosso degli eventi intorno a Corona. Ad esempio, i medici per l’istruzione spiegano come il test PCR non scientifico e l’errata interpretazione deliberata delle cifre dell’infezione abbiano propagato uno scenario orribile che non corrisponde né all’innocuità comparativa dell’infezione influenzale né a un uso scientifico della statistica.

Conosciuto fin dall’inizio: La corona non è una malattia

Le scoperte non sono nuove: classificare “Corona” come una minacciosa epidemia è stato esposto fin dall’inizio come una menzogna. Le voci dei medici ortodossi erano già udibili nel marzo 2020, i giornalisti dell’opposizione hanno scoperto i gioielli. Le interpretazioni scientifiche del virus dell’influenza erano disponibili in gran numero e generalmente disponibili fin dall’inizio. Tuttavia, al più tardi dall’introduzione dell’obbligo di indossare le maschere, che è crudele per gli esseri umani, è diventato chiaro che si sta conducendo una guerra asimmetrica contro la propria popolazione sotto la parola chiave “corona”.

Il gioco con la paura nasconde così il crollo del capitalismo dei mercati finanziari, annunciato a partire dalla metà del 2019 sotto forma di tassi di interesse negativi e che sarebbe avvenuto anche senza “Corona”. Come per l’ultimo crollo della struttura di comando globale dei grandi capitali negli anni dal 2007 al 2009, la ristrutturazione comporta una ridistribuzione dal basso verso l’alto. “Questo crollo è intenzionale”, ha analizzato l’esperto dei mercati finanziari Dirk Müller già nel marzo 2020 (2).

Corona: un deliberato e indotto crollo della civiltà

Perché nel corso di Corona si sta verificando un attacco globale contro la classe media, gli operai e gli impiegati, i pensionati, gli alunni e le persone in formazione. I proprietari di negozi, le catene di vendita al dettaglio con indirizzi, l’industria, l’agricoltura, i liberi professionisti, i ristoratori, gli scienziati, le università, gli insegnanti, i lavoratori a giornata, i dipendenti, i funzionari pubblici, le madri e i padri, gli anziani e i giovani vanno bolliti a favore delle società commerciali su Internet e della lobby farmaceutica. La prospettiva è un mondo in cui c’è al massimo un piccolo reddito di base, ma quasi nessuna vita civile indipendente. Il regime di Corona vuole riprodursi formalmente: La libera interazione personale nel nostro mondo reale è imposta da una procedura centralizzata via Internet.

In questo modo si eliminerebbe tutto ciò che ha reso la vita nella civiltà occidentale così imbattibilmente ricca: la libertà di contratto, la libertà di movimento, il passeggiare nelle città, la vita culturale – semplicemente le piccole strutture che producono un’enorme ricchezza di idee e a cui appartiene anche il caso.

Non sorprende quindi che il primo atto del regime di Corona sia stato quello di distruggere i luoghi di scambio: Teatri, chiese, club e riunioni politiche sono stati chiusi e non hanno mai riaperto. I media sono stati messi in riga e stanno ancora diffondendo la menzogna. Le scuole e le università non sono più intatte. Il diritto di riunione è stato distrutto per mesi da misure fanatici. La censura ha avuto luogo e continua ad avere luogo.

Chiarimento a favore del commercio su Internet e dell’industria farmaceutica

In una parola, il regime di Corona ha compiuto un attentato alla vita civile, un taglio netto che nemmeno i fascisti sono stati in grado di fare in così poco tempo. Corona è quindi uno dei crimini più completi che siano mai esistiti.

D’altra parte, avrebbe potuto esserci un’altra possibilità: Una dichiarazione congiunta dei governi dell’Occidente e delle fazioni capitaliste in carica – qualcosa del genere:

“Gente, lo sapete già: non possiamo andare avanti così, sta andando tutto a rotoli. Considerando le quantità di denaro che si riversano in giro per il mondo, che difficilmente equivalgono all’economia reale, non possiamo generare alcuna produttività aggiuntiva. Abbiamo contratto debiti che tutti sanno non potranno mai essere ripagati e siamo in ritardo rispetto alla Cina autoritaria. Crediamo che ci sia bisogno di un taglio radicale del debito per tutti e che si debba poi mettere in moto una spinta alla modernizzazione. Ma questo deve andare di pari passo con la democratizzazione. Perché, anche se siamo capitalisti, politici di professione e mastini, e quasi tutti noi abbiamo davvero un sacco di sporcizia addosso, alla fine siamo anche democratici. In ogni caso, non siamo i vostri principi e amministratori. Quindi discutiamo e poi votiamo su come uscire da questo pasticcio. Dopotutto, viviamo tutti insieme sulla stessa bella Terra”.

Un discorso simile a quello di Charlie Chaplin nel suo film “Il grande dittatore” sarebbe stato ascoltato e apprezzato in tutto il mondo. Invece di impazzire e saltare sul mondo con misure violente, sarebbe molto più facile e piacevole raccontare i propri fallimenti e trasformarli in una nuova forza.

Invece di intuizione e democrazia: violenza e umiliazione

Purtroppo, tale intuizione non sembra possibile per il nostro Grande Fratello, per il nostro apparato statale e per le grandi imprese. Hanno invece scelto di commettere uno dei crimini più completi della storia dell’umanità.

Ora dobbiamo occuparci di questo: Il progetto di civiltà dell’Occidente ha raggiunto il punto più basso della sua credibilità. La guerra delle élite contro la propria popolazione segna anche una forma specifica di abbandono, di non sapere cosa fare. Le guerre contro la Russia e la Cina, pianificate in precedenza, si sono rivelate impraticabili perché i popoli non le vogliono.

In sostanza, la bugia “Corona”, in senso figurato, è anche il gesto di un patriarca violento che alla fine crolla, piangendo e piagnucolando: “Ho fatto tutto questo solo per voi, bambini! – Ora è il momento di lasciare questo patriarca sulla destra e di emanciparci in un nuovo mondo multipolare. Il popolo della Repubblica Federale Tedesca sta raggiungendo una nuova comprensione e rinnovando la sua costituzione.

Non c’è dubbio che il mondo anglosassone abbia un grande merito per l’intero genere umano; è diventato temporaneamente arrugginito e triste. Il suo grande momento è passato da tempo. Prendiamo in braccio i nostri amici americani e restiamo uniti in amicizia e pace. Qualcosa è finito. Ma questo segna solo un nuovo inizio. Formiamola in vera democrazia e dignità e prendiamo per mano i nostri amici indifesi tra persone libere e uguali, se lo desiderano.

Per un’Europa diversificata

Provincia del mondo, l’Europa è già oggi. L’Unione Europea appare come un mostro antidemocratico che ci prende molto e non può fare nulla per noi. Inoltre contiene ancora al suo interno gli aggressivi impulsi espansionistici di ostilità e competizione. Anche per questo motivo gli sforzi del movimento democratico hanno avuto successo; l’obiettivo è quello di rinnovare la costituzione tedesca sulla base della Legge fondamentale, estesa all’indipendenza, alla rigorosa politica di pace, ai referendum, ai mandati imperativi e alla negoziazione trasparente e democratica di base della futura legislazione economica ii.

La Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono stati a lungo a disposizione del popolo tedesco perché alla fine hanno dimostrato di non essere altro che strumenti per l’attuazione di un ordine mondiale basato sulla ragione strumentale. Decideremo invece democraticamente, dopo un dibattito maturo, come vogliamo vivere – e lo tradurremo nel necessario canone di regole che stabiliranno il quadro per attuare la libertà e l’uguaglianza come fraternità. Il 29 agosto a Berlino, dove apparirà per la prima volta anche il nuovo sindacato sindacale Democratic Trade Union (DG) iii, il motto sarà: “Osiamo più democrazia”.

Non si può fare? – Non esiste una cosa del genere. Perché sei libero! Sei un essere umano libero, uguale a te stesso e una personalità a pieno titolo, con tutti i punti di forza e di debolezza, che può connettersi amichevolmente ovunque e allo stesso tempo ha il suo giusto, innegabile e pacifico posto nella struttura del mondo nella sua cultura e nella sua lingua.

Anselm Lenz e Batseba N’Diaye sono redattori del settimanale Democratic Resistance. Il settimanale Demokratischer Widerstand (DW) è passato in breve tempo da un opuscolo informativo sul regime di Corona al settimanale a più alta diffusione della Repubblica. Viene distribuito settimanalmente a livello nazionale e dipende dalle donazioni all’IBAN DE51 1001 1001 1001 2625 2368 69 o meglio come mecenate: https://www.patreon.com/demokratischer_widerstand

ii3 Dazu gab es bereits funktionale Modellprojekte. Anselm Lenz ist Mitherausgeber des Buches »Zur Revolution der ökonomischen Rechte«, erschienen im Passagen Verlag, Wien 2016

iii4 siehe demokratischegewerkschaft.de

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Sergey Novikov / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort