La società divisa

Un commento di Rüdiger Lenz.

“La pratica psicoterapeutica ci mette di fronte a paradossi che riassumo così: ci sono (molte) persone che hanno più paura del nulla che dell’amore e della pace. Hans-Joachim Maaz, medico, psichiatra e psicoanalista.

Se i dimostranti della Legge fondamentale e dell’igiene sono stati a volte duramente e totalmente sproporzionatamente attaccati e puniti dalla polizia, i manifestanti contro il razzismo (1) sono stati corteggiati e applauditi. Cosa ci sta succedendo in questo momento?

L’incessante presa in giro della società

Cosa è successo in realtà al cambiamento climatico, alla CO2, a Greta e al movimento Fridays for Future? Pulire l’ideologia del mop, così appena cancellato e trovato un virus corona nel processo? Rifugiati Benvenuti, i restauratori (2) in questo paese. Che ne dite? Sono tutti già ben integrati? Si diceva che avessero più valore dell’oro. Ma dove sono andati, se devono essere così preziosi? Ancora in aree sigillate dove nessuno le vede? E il virus killer SARS-CoV-2? E comunque, che dire dell’HIV, il virus che dovrebbe causare l’AIDS? Il virus che avrebbe dovuto spazzarci via tutti negli anni ’80? E l’influenza aviaria che gli uccelli del mondo aspettano ancora oggi? E l’influenza suina? Dov’è andato a finire? E la crisi finanziaria del 2008? Dov’è andato a finire? E l’11 settembre? E adesso? Ovunque ci sono ormai manifestazioni contro il razzismo per la Gente Nera – senza distanza, senza maschera e senza scrupoli di considerazione per il virus killer, che in verità non ha nemmeno la pericolosità di una normale ondata di influenza? Il più grande scherzo del mondo. Così questo virus potrebbe un giorno apparire negli annali della storia del mondo. Un problema americano sarà importato in Germania, e poi ci saranno migliaia e migliaia di persone che manifesteranno contro questo razzismo.

Vedo un logo, al centro una piuma bianca e il resto imbevuto di rosso. Rosso come il colore della pelle degli indiani, Red Lives Matter, sta sotto la piuma bianca. Ma difficilmente credo che i nativi americani che sono sopravvissuti fino ad oggi possano essere maltrattati per una cosa del genere, come sta accadendo attualmente negli Stati Uniti. E non credo nemmeno che combatterebbero insieme all’Antifa per i loro diritti nel loro stesso interesse.

La vita sbagliata

In questo sistema di educazione sbagliata, relazioni sbagliate, amore sbagliato, soldi sbagliati, carriera sbagliata e immagine di sé sbagliata, tutti noi viviamo la vita sbagliata e rappresentiamo una versione normopatica di noi stessi. Il medico e psichiatra Dr. Hans-Joachim Maaz lo ha sottolineato alcuni anni fa. Già nel suo libro su La vita sbagliata, le cause e le conseguenze della nostra società normopatica, Maaz ha esposto il male della nostra patocrazia sociale. Perché questa è la forma di governo interiore in cui viviamo. Egli vi ha scritto a pagina 191 del suo libro sopra citato, inizio citazione, I movimenti di protesta collettiva sorgono per lo più quando i “falsi sé” con le loro (sostitutive) possibilità di sviluppo hanno raggiunto un limite critico di possibile (sostitutiva) soddisfazione. Poi le droghe della “vita sbagliata” non hanno più un effetto sufficientemente calmante e distraente, e vengono liberate le forze per la protesta e per il cambiamento. La resistenza annuncia la volontà di recuperare, ma questo spesso si perde in una nuova forma di vita sbagliata. (…) La protesta trasmette sempre la volontà di essere se stessi, formula un “no” contro lo stress vissuto, la discriminazione e l’insulto. La protesta nasce solitamente dall’interazione di una crisi individuale dell’anima e di reali oneri e minacce esterne, unita al pericolo che solo i fattori scatenanti e le condizioni esterne degne di critica siano poi denunciate, senza riconoscere l’agonia del falso sé, fine della citazione.

L’oggetto abuso dei soggetti

In altre parole, la resistenza degli attivisti alimenta la loro resistenza dalle loro ferite interiori, che impongono alle critiche rivolte all’esterno. Entrambi agiscono quindi come forza di resistenza personale, ma sono solo articolati e intesi come opposizione esterna. Il rifiuto dell’anima interiore è il grido principale che viene lanciato al deficit sociale percepito come esterno. La situazione problematica esterna è quindi quasi usata come un’onda per il dolore interno e articolata come resistenza all’esterno. Nell’essere contro di essa, ci sono così tante giustificazioni per un dolore che in realtà è un dolore interiore, ma che è proiettato su un avversario finto, poiché il dolore interiore, che è causato per lo più dall’essere adattati, da una normopatia che è costretta attraverso tutti i sistemi sociali, non è più sentito e quindi non ha più origine cosciente come una non amata che viene dall’interno. Accettate la vostra impopolarità e non aspettatevi che noi, come società, entriamo in empatia con il vostro dolore interiore. Quasi tutte le persone nella nostra società subiscono una tale svalutazione di sé. Questa svalutazione è inconsapevole, ma spesso anche intensificata dall’educazione del bambino e dei giovani. Attraverso ogni forma di educazione i bambini sono separati dalla loro soggettività e trasformati in oggetti di genitorialità e società. Negli asili nido, nelle scuole, nelle università e nel mondo del lavoro, vale la massima che noi vi usiamo e dettatiamo quello che dovete fare e quello che dovete lasciare. Valutiamo esclusivamente la vostra obbedienza alle nostre istruzioni e vi mettiamo alla prova per valutare anche voi. Più chiaramente lei si dimostra un oggetto delle nostre azioni, più riusciamo ad essere un’autorità nel suo percorso di vita. Fate quello che vogliamo, e così vi mostriamo come possiamo trovarvi buoni e amarvi. Questo è ciò che accade a tutti e ad ogni generazione e questo è ciò che uno psicologo intende quando parla di traumi transgenerativi. Perché, se si prende tutto questo sul serio, non solo viviamo in una società normopatica. La normopatia è possibile solo se il maggior numero possibile di generazioni sono state traumatizzate più volte e frequentemente, cioè spezzate in se stesse, de-tempaturate da se stesse e dagli altri. In questo modo si contrasta l’autodeterminazione e si riconosce l’eteronomia come del tutto normale nel proprio rapporto con le proprie azioni nella società. Nasce così quello che lo psicoanalista Arno Gruen chiama il tradimento del proprio io (3).

Gli esperimenti sulle tracce di sangue

È molto importante capire che proprio questi deficit individuali e queste distruzioni all’interno delle masse della nostra società sono la norma e sono desiderate. L’essere umano a terra, colui che è in suo potere e che è stato educato in un modo tanto buono quanto non storto e storto, è una persona estremamente sospettosa nei confronti di questa massa, anzi una persona che mostra la sua stonatura a tutti gli altri, il cui riflesso in loro è sempre stato un filatore e capro espiatorio delle loro proiezioni di utili non umani. Questo avviene ancora oggi ed è preda di loro non appena sentono in qualche modo il loro tumulto interiore. Allora quelli sono i loro nemici. Con i nazisti, questi erano tutti coloro che li consideravano indegni di vivere, con gli europei che hanno preso il Nuovo Mondo, erano gli indigeni del continente americano. La scia di sangue della storia è molto lunga, dove ai malati è stato permesso di infuriare. Oggi è un’arte non vedere i loro vestiti e le loro mascherate esterne, ma solo le loro debolezze umane, a cui tutti possiamo essere soggetti se le circostanze ci costringono. Sono stati fatti numerosi esperimenti psicologici che dimostrano la loro universalità. Blue Eyed Confrontation, Milgrim Experiment, Silence Spiral, Conformity Research, Stanley Prison Experiment e numerosi risultati della ricerca sull’ipnosi mostrano quanto sia sottile come un rasoio lo strato di civiltà e quanto possa diventare fragile se i milioni di cuori di bambini spezzati di noi adulti avessero accesso illimitato. Su questo fenomeno, che è la causa di tutti i mali dell’uomo, si è posata per secoli la tela del grande tabù. Allo scopo di politicizzare le masse, di coprire il dominio e di estendere il potere. Non si parla della vera ragione, si scoprono piuttosto in modo investigativo le macchinazioni della peggiore avidità di potere per riconoscere in essa il motivo di nuove elezioni o di nuove possibilità politiche. Come ha giustamente affermato lo scienziato e psicologo cognitivo Rainer Mausfeld: “La democrazia è l’attuazione delle élite per raggiungere la servitù volontaria.

Il decadimento interno

 

Mai, quando si trattava o si tratta di soluzioni dell’economia mondiale, delle crisi finanziarie, degli abbaglianti politici, dei manager del disastro e della paura nella crisi di Corona, si parla del perché queste persone si innamorano sempre delle loro parti distruttive e subcoscienti. Si può dichiarare Angela Merkel propria nemica per molte cose, ma qualcosa di ben diverso è spiegare cosa l’ha fatta diventare tale che lei, senza empatia e completamente inflessibile nella crisi di Corona (e non solo lì), non permette nessun altro parere scientifico se non quello che permette e sostiene la sua stessa idea di carriera? Come può un essere umano così disonesto e irrazionale ignorare così tanti scienziati noti e rinomati che hanno una diversa e fondata opinione sul virus corona? Ebbene, perché nell’inconscio tutte le parti del bambino interiore ferito non servono a nulla finché queste parti, che lo rendono malato e vogliono distruggerlo, non vengono elaborate e non vengono guardate. L’abbondanza di conflitti di sé viene reindirizzata verso la carriera e lo stile di vita e il bambino interiore nel dolore distrugge attraverso proiezioni il mondo esterno, il che significa la società tedesca. Troviamo processi simili, se comprendiamo le circostanze mentali, in moltissimi politici, ma anche su scala minore in noi stessi. Sono repressi, perché questo è anche lo scopo della struttura normopatica dello sviluppo umano: l’uomo deve diventare corrotto e marcio, solo allora possiamo piegarlo nel modo in cui noi, quelli rotti ai vertici della società, lo vogliamo per il nostro bene.

Il Dr. Hans Joachim Maaz ha pubblicato un capolavoro

Il suo ultimo libro, Il paese diviso, uno psicogramma, è diventato un’opera del secolo, il suo contenuto è inteso come un libro che si pone come uno dei pochissimi nella letteratura psicologica odierna che mette in panchina tutta la politica e la società tedesca e mostra che l’intera patogenicità interiore-anima ha portato a una struttura di leadership irrazionale, a una cultura della crisi che deriva il suo potere dai rispettivi conflitti interiori, irrisolti, che la nostra società costringe in noi, in ogni individuo. Quando Hans-Joachim Maaz era M-Pathie nel mio programma, gli ho detto addio e gli ho detto che pensavo fosse l’odierno Erich Fromm, uno psicologo che nel corso della sua vita ha acquisito la competenza per indicare la soluzione più importante per noi umani – per il nostro tempo. Con il suo nuovo libro ha scritto questo e non posso che consigliare a tutti di leggerlo e di interiorizzarne il contenuto e di iniziare a lavorarci su personalmente, nel senso di un lavoro necessario su se stessi. Dobbiamo renderci conto che impariamo a negare il nostro bisogno interiore di noi stessi. Negarlo è una strategia di sopravvivenza della nostra psiche, come sa l’altrettanto noto psicologo traumatologo Franz Rupert. La strategia di sopravvivenza dell’abnegazione è diventata una componente importante della persona normopatica adattata. Chi vuole diventare qualcosa in questa società deve padroneggiare le regole di questa società. Non devi sentire, né te stesso né gli altri. Come si possono spiegare altrimenti le azioni orribili alle quali le persone sono state tentate in massa da un’ideologia e conducendole lì, obiettivo della rispettiva ideologia.

Pensiero morto, perché gli intellettuali distruggono il nostro mondo, Roland Baader chiama questo fenomeno distruttivo, che, ne è certo anche Noam Chomsky, gli intellettuali sono più facilmente ed esaurientemente influenzati dalla volontà di distruggere piuttosto che dal semplice essere umano. Forse perché l’intellettualità rappresenta una strategia di sopravvivenza per molti, un passaggio a strategie razionali? Un’ideologia è qualcosa che una persona vuole seguire obbediente solo perché ha tagliato la strada al suo sé, alla sua autogestione. Una persona vuole essere condotta all’estero solo se ha perso la sua autogestione. L’amore per se stessi e per gli altri è stato condizionato dalla persona nella nostra società. Questo condizionamento del cammino è l’obiettivo di diventare umani in una società normopatica. Tutti questi condizionamenti di percorso si basano essenzialmente sulla banalità del male, di cui parlava la filosofa e antifascista Hannah Arendt. Chi non si vede più nell’altro è capace di ciò di cui era capace un Adolf Eichmann. Questa è stata la sua intuizione dopo il 1945 e la lezione per l’umanità per un mai più. E finché le nostre strutture sociali producono l’essere umano che deve funzionare, così a lungo gli Eichmann e gli Eichfrau vivranno e vorranno fare un cenno ad una leadership ed essere strettamente obbedienti alle sue istruzioni. Il dovere della disobbedienza, della rimostranza, che Arendt chiedeva dopo l’Olocausto, è diventato il punto cieco nell’illuminazione della storia recente della Germania, soprattutto nelle istituzioni educative. Lo riconosciamo oggi nella crisi di Corona (4) e ne siamo quasi sbalorditi. Se le scoperte di Hannah Arendt dovessero essere messe in pratica, il nucleo di ciò a cui Hannah Arendt mirava era la depatogenesi delle persone.

I baroni ladri della modernità

L’antitesi di tutte le misure per la ripresa della società è l’adesione ad un sistema economico finanziario che non vuole rinunciare alla lotta di tutti contro tutti e vuole ristrutturarlo in un modello cooperativo di mantenimento della salute, salutogenesi e coerenza. Democrazia e capitalismo non vanno d’accordo. Democrazia e cooperazione, invece, sembrano fatte l’una per l’altra. La cooperazione globale della famiglia umana, la consapevolezza che la pace comprende sempre tutti i popoli, è stata a lungo documentata dalla Carta dell’ONU. Ma il potere della distruttività e le armi della falsa vita hanno bisogno di una proiezione infinita su un nemico costruito, affinché il bambino interiore distorto dal dolore non venga alla luce e la vera vita reale non possa essere affrontata. Piuttosto, l’essere umano patogeno scatena il fuoco del mondo e così ripete in ogni secolo l’aumento della miseria, degli omicidi di massa e della produzione nemica. Nell’uccidere grandi masse di persone, l’uomo è sempre stato un maestro di morte.

Il nostro sistema attuale rende tutto ciò che vive, non solo noi esseri umani, oggetti di desiderio, avidità e gratificazioni surrogate di generazioni traumatizzate che, in nome delle loro anime interiori spezzate, si vendicano degli oggetti di soggetti costruiti che sono innocenti della loro sofferenza. La causa è la scortesia forzata, la raspatura della capacità empatica e la centralità della competizione come lotta contro tutto e contro tutti, al servizio dei sostituti su cui si agita l’intera economia finanziaria e la patocrazia. L’ottimizzazione della patocrazia è l’insieme delle risorse umane ad essa dedicate. L’intero mondo delle transazioni bancarie elettroniche è espressione delle strutture interne patogene degli alfa-fatocrati che osano portare il mondo intero con sé nel loro abisso. Chi se non tutte queste autoproclamate élite stanno trascinando questo mondo, bevendo champagne, nell’abisso? La persona comune non lo fa, non vuole farlo. Vuole la pace e la libertà. Essi, gli alfa-patocrats, sono i baroni ladri della modernità e aumentano i loro profitti a livelli inimmaginabili in ogni crisi, manipolano queste crisi a loro favore, eppure sono solo insaziabili miliardari che non dovrebbero mai ricevere un sostegno sociale solo perché il filantropo si risveglia in loro. Dovrebbero condividere la loro nuova filantropia paternalistica con i loro coetanei. Ma non con noi, per cui abbiamo le nostre ragioni. Personalmente, sarei favorevole a lasciar loro tenere i loro miliardi, ma proibisco severamente e impedisco loro di usare il loro denaro per contribuire anche di un solo centesimo alle cosiddette cause caritatevoli o filantropiche per la società. I miliardari dovrebbero fare quello che vogliono con i loro soldi. Lasciamo che si accontentino dei loro miliardi e che alla fine li usino come carta igienica.

In nome della patocrazia

Se capissimo e comprendessimo tutto questo, allora molte luci brillerebbero su tutti noi quando sentiamo Black Lives Matter. Perché il razzismo che esiste è in realtà uno specismo interiore dei pathocratici autoproclamati miliardari d’élite e dei miliardari d’élite, all’interno del quale siamo tutti usati e utilizzati a loro discrezione. Se vogliamo dissolverlo, allora anche tutti noi non dobbiamo più essere come il sistema ci ha formato. Chi parla di razzismo, ma non si pone la questione del sistema, dovrebbe tacere sul razzismo. In nome della patocrazia, gli ebrei e altre vite indegne furono sterminati dai nazisti. In nome della patocrazia, i Maya, gli Incas e gli altri nativi americani in generale sono stati quasi completamente sterminati in Nord America. In nome della patocrazia, la bomba atomica è stata creata e ripetutamente ottimizzata nella sua dinamica di annientamento. In nome della patocrazia, le armi biologiche e chimiche sono state inventate e ottimizzate fino ad oggi. La sistematica capacità di uccidere ha dichiarato l’élite patocratica come l’industria alfa e ha subordinato ad essa tutti gli altri rami dell’industria. In nome della patocrazia, tutte le terre sono state conquistate, le persone sono state schiavizzate, assassinate, mutilate, maltrattate, violentate, violentate e forzatamente ideologizzate. E c’era sempre un popolo che poteva praticare la sua crudeltà senza maschere e sbavare con grande gioia e applausi. Si proiettavano e si identificavano con tutte le bestie del presente che l’umanità aveva mai prodotto. Niente di tutto questo è mai stato una causa nazionale, ma è stata trasformata in una causa nazionale. Nessuna nazione fa queste cose. La gente fa queste cose quando, sì, quando è guidata, diretta e nutrita, cioè abusata, dai patocristi della patocrazia. Questo è rimasto tale fino ad oggi, come abbiamo potuto sperimentare dolorosamente attraverso l’attuale finta crisi. Abbiamo bisogno di un’inversione di tendenza nel lavoro educativo, nel lavoro di resistenza e nel lavoro di dimostrazione, che possa incorporare professionalmente esattamente questo nel discorso sociale. Hans-Joachim Maaz lo ha fatto con il suo nuovo libro, Das gespaltene Land. Michael Hüter (5) lo ha fatto l’anno scorso con il suo libro Kindheit 6.7. Io l’ho fatto nel 2012 con il mio libro Die Fratze der Gewalt, e molti altri lo hanno certamente fatto. Abbiamo bisogno di uno spazio per il dibattito che sia in grado di trasmettere questa conoscenza che siamo diventati e continueremo a diventare malati nella nostra anima mentre portiamo questa cultura patocratica della trasmissione del trauma trangenerativo alle generazioni future sempre di più – attraverso l’adattamento, l’obbedienza, l’auto-alienazione e l’abuso sociale. Se non lo facciamo, se non ci rendiamo conto in massa che dobbiamo risolvere i nostri conflitti interiori, allora possiamo spiegare i sintomi come cause, come facciamo e li troviamo in gran parte nei forum, su YouTube, nei testi e nei libri, nei discorsi e nelle conferenze, nel lavoro giornalistico e in altri ambiti professionali. Non ci sarà democrazia esterna se non facciamo questo lavoro su noi stessi per la nostra democrazia interna, ci avverte Hans-Joachim Maaz nel suo nuovo libro.

Non nutrire mai la bestia

L’opera dell’Illuminismo non è solo il cammino kantiano del coraggio verso l’illuminazione e la liberazione dall’immaturità autoinflitta. Illuminazione significa anche che dobbiamo diventare consapevoli di noi stessi in ciò che facciamo, perché lo facciamo e per quale scopo lo facciamo. Perché quello che facciamo non è quello che vogliamo davvero fare. La nostra prigione è la nostra struttura interiore profonda, che, quando la guardiamo incondizionatamente, si rende conto che siamo quasi tutti bambini profondamente feriti in corpi adulti. Se continuiamo ad agire fuori da questa patologia, continueremo ad ottimizzare gli strumenti della migliore e più letale distruttività e ad uccidere l’altro, perché siamo quasi morti, anche gli zombie, dentro di noi. Se non alimentiamo anche il nostro essere interiore alla sala dei dibattiti dell’Illuminismo, continueremo a nutrire la bestia. Questa bestia della distruttività e dell’abuso di tutti i sistemi, delle persone che devono funzionare e obbedire, delle persone che sono dipendenti e si disprezzano, siamo tutti insieme. Chi poi diventa la bestia guida è dovuto ai rispettivi contatti e allo squilibrio interiore necessario, il legno molto storto da cui è stata scolpita la rispettiva persona, come scriveva Immanuel Kant. La vera pandemia, di cui ha sofferto ieri quasi tutta l’umanità, continuerà a soffrire oggi e domani, è la sofferenza del bambino interiore non amato.

Il bambino in te deve trovare l’amore

La divisione di questa società in persone buone e persone cattive, ha cause malate e promuove la malattia, non la sua attenuazione. Il gioco di dividere la società in modo che possano combattersi l’un l’altro e poi non si rendano mai conto di cosa possono fare insieme per liberarsi di noi, il male, è cibo per chi deve governare perché non può minimamente controllarsi – ma il bambino interiore malato vuole governare su tutto nella sabbiera. Ha bisogno di un riconoscimento forzato, perché ne ha bisogno come sostituto del riconoscimento reale. Questo gioco sporco è costruito con successo da giocatori che conoscono le nostre debolezze di intuizione sul nostro legno che è diventato storto e che lo incoraggiano ovunque allora e là dove e come può diventare ancora più storto. Tutte le istituzioni statali servono, per così dire, a preservare il nostro legno storto interiore. Più diventiamo storti e malati, più ci controllano con fermezza. Coloro che hanno bisogno di potere sono essi stessi impotenti, hanno perso se stessi e hanno bisogno di posizioni di potere esterne per la propria stabilità. Perché non piangiamo per la libertà, la pace o l’autodeterminazione. Gridiamo per un lavoro, una casa, una macchina, una carriera, e per questo quasi tutti fanno tutto, davvero tutto. Questo è il motivo dell’attrazione verso il sistema sociale del consumismo di quasi tutti i migranti. Più alto è il livello di consumo in un paese, più i migranti vogliono andarci. Perché anche loro sono prigionieri della loro stessa repressione nel circuito dell’azione sostitutiva, cioè nelle loro prigioni interne. Questa repressione è la loro perdita della casa, la loro perdita della famiglia, sì, la loro identità, che è legata alla loro casa. Il motivo della loro fuga può essere completamente diverso.

Ci prostituiamo in gran numero per gli scopi dei potenti per tutta la vita e diciamo: Sì cosa? Cosa devo fare? E le altre persone che la pensano come te dicono: Sì, ti capisco, se ti comporti diversamente e ti schieri a favore della pace, della libertà e di un mondo migliore, allora perderai il tuo lavoro e sarai definito un teorico della cospirazione, forse anche un estremista di destra. L’empatia, intesa in questo modo, è una stabile svalutazione del proprio bambino ferito interiore e un nascondiglio per rimanere all’interno della patocrazia prescritta. Non volendo riconoscere che a un certo punto si deve cominciare a trattare con se stessi in modo diverso, in modo che l’amore torni a essere casa e il mantenimento della salute diventi di nuovo il senso della propria vita in tutto se stessi. Non importa cosa fai subito, non importa cosa sia. Chiediti d’ora in poi, con tutto quello che fai e quello che sopporti o che devi sopportare: cosa ti piacerebbe dire a questo, come risponderesti? La risposta è ciò che si dovrebbe fare veramente. Se lo fai spesso, ti libererai dalle tue paure interiori. E se molti lo fanno, allora il sistema bestiale della patocrazia vissuta si dissolverà nel piacere.

Quando ho visto i numerosi manifestanti del movimento Black Lives Matter a Berlino, mi è venuto subito in mente: che grande grido d’amore si sente. Perché questo è ciò che spiega tutto il fenomeno. Voglio essere riconosciuta, amata, rispettata e stimata e difendere ciò che è buono. Perché è così che voglio vivere. Manifestare contro il razzismo rivela ai molti manifestanti proprio questa natura non vissuta, che è la natura di tutti gli esseri umani. Vediamo lì le parti non vissute, che soprattutto i giovani desiderano. Ma i Pied Pipers conoscono questi deficit e catturano rapidamente questi giovani per riprogrammarli – per i loro scopi.

Tentato attacco

Il tentato attacco all’editore e attivista per la pace Ken Jebsen (6+7) ha costruito una proiezione simile nel gruppo di attacco, nel lanciatore e negli altri. In lui, l’oratore e l’illuminatore, potevano sentire le loro ferite interiori e proiettarle su di lui. Perché è stato solo attraverso di lui che i loro demoni interiori sono venuti alla luce e sono stati visti come provenienti da lui e solo da lui, elaborati e riconosciuti. Per le persone svalutate, come ho descritto qui, questo processo è purtroppo un processo normale, una strategia di repressione del bambino interiore urlante, a cui soprattutto con i giovani manca ancora troppo spesso l’autoriflessione. Ma per questo scriverò un’altra relazione, che dimostra che la lotta di classe è un parto della testa di un profondo dolore interiore e che la lotta di classe è un modo completamente sbagliato di arrivare dal basso verso l’alto. Combattere sbavature in tutte le azioni con le urlanti lesioni interne ed è quindi di per sé un meraviglioso cavallo di Troia per i leader ricchi di denaro di questo mondo. Il paese diviso dà vita a tutte le forme di distruttività, perché la distruttività interiore cerca di fare ammenda per il bambino interiore che urla. Che poi, metaforicamente parlando, diventiamo un Gandhi o un Hitler dipende dall’ambiente, dall’ambiente, dall’ambiente per il quale decidiamo la visione del mondo e la narrazione, e per mezzo di quale testa nasciamo offriamo al nostro bambino interiore una legittimazione per elaborare o agire liberamente il dolore interiore. A posteriori, sono molto felice che io, allora ventunenne, abbia deciso di elaborare e continuare a provare una grande gioia nel lavorare su me stesso. Amici, tutti noi abbiamo una grande responsabilità per quello che facciamo e per quello che non riusciamo a fare. E credetemi, omettiamo troppo e rinunciamo così alle nostre possibilità di fare di più di noi stessi e del mondo. Lo intendo in senso positivo. Le nostre vite sono ciò che facciamo di loro e ciò per cui siamo pronti a creare la realtà. Ma chi ha spiegato a così tanti là fuori che non possono fare quello che gli altri fanno semplicemente? L’uomo non è una creatura passiva. L’uomo è il creatore del suo mondo – ma nel bene e nel male. Fare il male riesce con la disattenzione, che riesce sempre con la minore attenzione possibile. Il bene, invece, riesce con consapevolezza, il che richiede molta attenzione.

Fonti:

Quellen:

(1) https://www.youtube.com/watch?v=HSA9AHt16yg&feature=youtu.be

(2) https://www.booklooker.de/Bücher/Angebote/isbn=9783958902343

(3) https://www.youtube.com/watch?v=KQEp2e5vXrU&list=PLlY1qXIUmjwk2jWpMde1tP_o7zx0F9Hub&index=26&t=0s

(4) https://www.youtube.com/watch?v=cmcSDrSMSoY&feature=youtu.be

(5) https://www.youtube.com/watch?v=rEbcZpF0J-Q

(6) https://www.youtube.com/watch?v=CSDN5-Sntd4

(7) https://www.youtube.com/watch?v=oBIqxSpUN_U&t=3007s

Consigli per l’articolo:

Hans Joachim Maaz, Das falsche Leben, Ursachen und Folgen unsererer normopathischen Gesellschaft, Monaco 2020, seconda edizione.

Hans-Joachim Maaz, Das gespaltene Land, uno psicogramma, Monaco 2020, prima edizione.

Rüdiger Lenz, Die Fratze der Gewalt, Versuch einer Aufklärung, 2012, prima edizione.

John Taylor Gatto, dannazione! Dumbing us down, The4 invisible learning plan, o, Was Kin der in der Schule wirklich lernen, Brema 2009, prima edizione

+++

Fonte dell’immagine: agsandrew / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort