Insurrezione a Berlino contro il regime di Corona | Di Anselm Lenz

Il fatto che la nostra tutela della salute non sia in gioco con le maschere e i cannoni ad acqua obbligatori, gli arresti domiciliari e la tortura dei bambini avrebbe già dovuto essere notato da tutti coloro che vogliono solo la sua pace. Oggi, mercoledì, a Berlino verrà approvata una legge d’abilitazione con procedura accelerata. C’è una massiccia opposizione da parte di tutti i democratici del paese. Le dimostrazioni sono iniziate il giorno prima.

Una dichiarazione di Anselm Lenz,
Editore del settimanale Resistenza Democratica.

In paesi come Svezia, Giappone, Argentina, Uruguay, Uruguay, Bielorussia, Corea del Sud, Cuba, Brasile e molti altri non c’è pressione per indossare maschere e non ci sono misure severe per la corona. Non vi si accumulano cumuli di cadaveri, né vi sono nuovi gravi problemi nel sistema sanitario, nonostante tutte le differenze nello sviluppo di strutture sanitarie generalmente accessibili e affidabili. Questo da solo è sufficiente a dimostrare che la “corona” mondiale non può essere una malattia del tutto eccezionale e pericolosa.

Anche in Germania, il tasso di mortalità di noi esseri umani non mostra alcuna deviazione insolita in media, come statisticamente provato e, inoltre, confermato migliaia di volte da medici e specialisti. L’autorità federale RKI, la politica, i media e le imprese si battono da sole su un ampio fronte per il loro progetto, che appare delirante sotto ogni aspetto. – Si tratta davvero della tanto invocata protezione del clima? Non c’è nulla che suggerisca che lo sia. – Una cospirazione intorno al Forum Economico Mondiale di Davos, un luogo di dibattito per il neo-feudalismo, ha scelto di salvare l’umanità. Ma prima di tutto se stessa.

Alla crisi della corona si sovrappone infatti il crollo dei sistemi finanziari, che si è sistematicamente trascinato fuori dalla cosiddetta crisi finanziaria intorno al 2008, e il cui capitolo finale è diventato sempre più evidente a partire dal 2019. Il crollo sarebbe avvenuto a partire dalla primavera del 2020 anche senza “corona”; il panico da virus mirato ha messo la corona solo alla meritata fine e ha messo in ombra la ragione per spingere le montagne di debiti verso l’esponenziale. Prima non erano rimborsabili da nessuno o da niente.

Chi ci ha portato lì

Quindi ci sono sempre problemi. Già nel 2015 e nel 2016 un progetto modello chiamato “The Capitalismustribunal” a Berlino e Vienna ha concluso: “Il capitalismo è al verde”. La distribuzione del capitale e del lavoro deve essere riaggiustata per ottenere un mondo senza guerre, senza disastri ecologici e senza drastiche crisi migratorie – e questo deve essere fatto democraticamente e nel rispetto dello Stato di diritto, coinvolgendo tutti i gruppi professionali e le classi sociali, in un processo equo e trasparente.

Una cosa del genere è ovviamente una minaccia per gli ambienti elitari – per cui la parola elite ora si riferisce solo allo status, non più al potenziale intellettuale, pensa alle anime ottuse dei politici professionisti e anche di molti dirigenti d’azienda – ed è per questo che viene rapidamente abbandonata quando si intraprendono azioni serie. E questo significa: davvero trasparente, alla determinazione della verità più probabile, seriamente scientifica e umanistica.

Ed è così che è successo: le associazioni di partito con nomi abbaglianti come Heinrich Böll, Rosa Luxemburg e Friedrich Ebert, che hanno sostenuto i costi materiali, si sono diluite, così come il Club dei ricercatori climatici di Roma, che in sostanza ha voluto fare i suoi discorsi. Solo quattro anni dopo, quello che quel progetto faro dell’Illuminismo nella palude del postmodernismo ha voluto delicatamente anticipare per renderlo democraticamente controllabile – e per scongiurare il peggio, anche per trasformarlo in qualcosa di migliore – si è realizzato.

Vogliono giocare a fare Dio

Allora? L’era neoliberale è ormai finita, chi la piangerebbe? Ma c’è ancora qualcuno che crede davvero che una nuova epoca inizierà come sotto Corona? È questo il modo di affrontare il futuro, in cui l’umanità farà un appuntamento migliore e più degno per vivere insieme sulla bella Terra? No, il capitalismo esitante si affascina sotto la parola chiave “Corona” in un modo che nemmeno i distopici più oscuri avrebbero descritto a febbraio.

Dalle misure parla già un odio perverso verso la vita umana in quanto tale, un odio verso tutto ciò che è civile, socievole, affettuoso e fisicamente caldo. I settari fanatici della New Age vogliono seppellire finalmente l’uomo come essere umano. Tecnocristi apparentemente folli come Klaus Schwab, Angela Merkel e Bill Gates vogliono ciò che Schwab chiama “la fusione dell’identità fisica, digitale e biologica”. Nessuno aveva chiesto loro di vivere le loro fantasie Borg su di noi. E questo non accadrà.

Purtroppo, dopo l’eterno motto della Merkel “mancanza di alternative” e “democrazia basata sul mercato”, dobbiamo finalmente cominciare a prendere sul serio le persone nella loro esatta formulazione. Ancora una volta la citazione di Schwab sulla “fusione di identità fisica, digitale e biologica”. Queste sono persone che vogliono manomettere dittatorialmente tutti i corpi e le società – e non in modo giocoso. E, non ci si può credere, hanno già fatto troppa strada.

Resistenza democratica

E così arriviamo al nuovo numero del settimanale Resistenza Democratica, la Gazette che poco dopo la sua prima pubblicazione è stata vietata dal capo della polizia di Berlino Barbara Slowik dall’uso di “materiale virologicamente contaminato” per impedirne la distribuzione. La lettera dell’autorità contro il giornale è stata – tra l’altro – distribuita su carta.

A questo proposito, i normali agenti di polizia e l’intelligence umanistica critica sono tanto vicini quanto di rado nella storia della Repubblica Federale. Questa (se si conta la Guerra Fredda) quarta guerra mondiale è combattuta contro tutti, fondamentalmente contro tutti quelli che il famoso autore di libri e professore universitario David Graeber chiamava ancora “il 99 per cento” nel 2008. Il critico d’elite Graeber è morto quest’estate 2020 in circostanze sconosciute e molto prima del tempo.

Il primo argomento del giornale nel numero di sabato prossimo sarà naturalmente la rivolta di Berlino del mercoledì di oggi. Già martedì, decine di migliaia di cittadini tedeschi avevano chiamato gli uffici dei membri del Parlamento per informarsi sul benessere di coloro che oggi devono approvare una legge di abilitazione.

Si tratta di una fattura di abilitazione

La cosiddetta legge sulla protezione dalle infezioni prevede la legalizzazione dello stato di emergenza precedentemente decretato con decreto governativo. Ciò significherebbe che i poteri precedentemente riservati al legislatore, cioè al Bundestag e al Bundesrat e quindi ai rappresentanti del popolo, verrebbero trasferiti al governo. L’analogia con l’Atto di Abilitazione dei nazisti del 1933 non è purtroppo inverosimile, ma è appropriata in tutto e per tutto, come sottolinea anche il coeditore professor Giorgio Agamben.

Con il regolamento previsto al paragrafo 28a, il governo federale avrebbe ottenuto una svolta nel controllo totalitario di tutti i corpi umani attraverso la protezione contro le infezioni. Sta emergendo il tentativo di sottoporre tutti i regimi umani a un regime di controllo totale e di infliggere notevoli svantaggi a tutti coloro che non si sottomettono.

Ma perché tutto questo? Questo può solo essere ipotizzato. L’obiettivo sembra essere la creazione di una rete di “città intelligenti” totalitarie e in crescita, che sono tagliate fuori dal territorio e che possono essere realizzate solo attraverso vari organi di controllo e un monitoraggio costante. Lo Stato nazionale verrebbe distrutto a favore di una distopia tecnocratica, sacrificando la democrazia a un regime di controllo digitale e fisico totalitario.

L’orrore puro

Eppure il paesaggio urbano di chi indossa la maschera da schiavo è già una distopia che oggi è diventata una realtà – senza alcun beneficio medico, badate, anche i guru come il professore senza dottorato, né la cattedra, Christian Drosten, ha ammesso precocemente. Ha detto che è stato un “gesto di solidarietà” – non con i nostri simili, ma con il nuovo regime, che non dice cosa intende fare di noi perché è semplicemente troppo terribile per essere detto apertamente. Così la maschera diventa un gesto di sottomissione verso un rapitore, un feticcio della sindrome di Stoccolma: è la crisi di tutti noi…

Con un tale atteggiamento, il pianeta della morte finirà alla maniera di Guerre Stellari, i film della Guerra delle Stelle. E in fondo anche quello è ancora troppo allegro. Dopotutto, con Darth Vader ogni bambino sa che l’attore si toglie la maschera dopo la fine delle riprese.

Il fatto che il regime di Corona sia riuscito ad arrivare così lontano sembra indicare una tendenza al suicidio profondamente radicata nelle società occidentali; la gente sapeva da anni che non sarebbe andata avanti così e ora si getta su quei settari della New Age che negli anni Ottanta venivano ancora giustamente presi in giro come hippy di fine secolo completamente pazzi e a cui appartiene l’ex professionista del computer Bill Gates. In genere vogliono dire addio alla razza umana.

Dignità stoica

Coloro che sul nostro pianeta fertile hanno un atteggiamento positivo nei confronti della vita e della finitezza del proprio corpo umano, vedono i problemi come risolvibili in comunità e altrimenti lasciano gli altri da soli. Ciò è dettato non solo dall’interesse diretto per l’autonomia sul proprio corpo, ma anche da tutti i testi religiosi e filosofici conosciuti fin dall’antichità.

Ciò che il regime di Corona sta cercando di abbattere è l’intera storia intellettuale conosciuta – una violazione della civiltà, le cui conseguenze sono già avvenute e il cui effetto collaterale non è la chiusura e la distruzione di scuole, università, musei e istituzioni di produzione artistica. Piuttosto, è l’obiettivo principale.

Un tentativo così folle può maturare solo nei parchi server della Silicon Valley, quella secca valle dei semiconduttori che dagli anni Settanta ha prodotto miliardi di zeri e uno di fantasia in crescita esponenziale, ma che non ha migliorato sostanzialmente una sola vita. – O le persone sono state peggio senza smartphone? Fai una valutazione onesta!

E non dite che questo vale per tutti i progressi, anche per l’appendicectomia e il sorbetto al limone. La gente moriva miseramente di appendicite, e senza sorbetto non c’è il dessert; lo smartphone, però, ha promosso al massimo la possibilità di un allontanamento sociale con una maggiore comunicazione: “Ey Digger, dove sei? Grin. Nessun problema, purché non si debba mantenere la distanza fisica. Si vorrebbe quasi dire: Dove stiamo andando? Ma purtroppo siamo già in mezzo a tutto questo.

Nel “Nuovo Normale”

Tu entri, tu esci. – Ma eravamo al numero successivo: Così, Milosz Matuschek, nobile penna della Neue Zürcher Zeitung, licenziato a causa della questione delle verità della corona, scrive il suo articolo originale sulla “portata della censura” nel presente. “Il test PCR è un capolavoro della Germania” viene dall’autore di questo articolo. L’avvocato Viviane Fischer riceve il Premio della Repubblica. L’attuale pagina sulla salute tratterà gli attuali sviluppi della finta pandemia.

Samuel Gfrörer riferisce dal movimento per la democrazia, così come l’infuriato reporter Clark Kent, che viaggia per il Paese da quando è iniziata la sospensione della Legge fondamentale. Hermann Ploppa, capo del dipartimento di economia, esamina gli effetti e le prospettive durante la deliberata distruzione della classe media da parte dei governanti delle corporazioni, del governo e delle fazioni del capitale.

L’autore Lukaz Kirch esamina fino a che punto i movimenti per il clima, l’ambiente e la conservazione della natura possano reagire al regime di Corona, che non ha nulla in comune con i loro obiettivi. La documentarista di ARD Casey Koneth (pseudonimo) aggiorna la sua critica mediatica dall’interno della bestia della propaganda con un riferimento ai drammi di Shakespeare.

Feuilleton: Nell’asilo, come in un gioco di ombre tra quelle che oggi vengono costruite nei media come immagini nemiche “di destra” e “di sinistra”, cinque autori spiegano dove si trova la via di mezzo: la corrispondente televisiva francese di sinistra a Berlino, Jeanne Freyfus (pseudonimo), il giornalista socialdemocratico di sinistra Ralph T. Niemeyer, i colleghi di DW Batseba N’Diaye e Johnny Rottweil, e l’autore della rivista conservatrice Sezession e autore di libri, Benedikt Kaiser.

Ma speriamo prima di tutto che nessun democratico o poliziotto venga danneggiato oggi, mercoledì. I servizi segreti, gli informatori e i propagandisti dei media tireranno ancora una volta fuori tutti gli ostacoli per fornire al regime neofascista le immagini che sta abbaiando, come il 1° agosto. Questa volta probabilmente non useranno solo una scala del Reichstag e lasceranno appese al vento alcune bandiere così scandalose. Possiamo aspettarci terribili provocatori professionisti dal regime della Merkel e dalle profondità e bassifondi delle organizzazioni terroristiche della NATO. Il governo tedesco vacilla – e con esso il regime del colpo di stato di Corona sul continente europeo.

Il settimanale della Resistenza Democratica è passato da un opuscolo informativo al settimanale a più alta diffusione nella Repubblica già nell’aprile 2020. Per 26 edizioni, il giornale ha raggiunto persone che altrimenti sarebbero state esposte esclusivamente alla propaganda governativa e aziendale. Come giornale stampato, conserva le voci di opposizione dell’epoca, con un totale di oltre 10 milioni di copie ora stampate e realmente distribuite. La redazione del settimanale Resistenza Democratica dipende dalle donazioni tramite crowdfunding ad Anselm Lenz / Board KDW e.V. GB77 REVO 0099 7016 8700 94 (conto in euro in Inghilterra) o meglio ancora come mecenate.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Cineberg / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort