Sudan come cavia per l’abolizione dei contanti

… reddito di base universale e sorveglianza totale.

Il Sudan ha un governo di transizione che dipende dalla buona volontà degli Stati Uniti. Cosa c’è di più ovvio che usare il paese per la più grande prova sul campo mai realizzata fino ad oggi, per mettere un’intera popolazione al guinzaglio digitale abolendo il denaro contante e un mini reddito di base generale.

Un punto di vista da Norbert Häring.

Da diversi anni, la Banca Mondiale, Better Than Cash Alliance e varie organizzazioni delle Nazioni Unite promuovono e pubblicizzano massicciamente la trasmissione puramente digitale di aiuti finanziari per i bisognosi nei paesi poveri. Gli obiettivi dichiarati sono il risparmio sui costi e la prevenzione della corruzione e dei furti, nonché l'”inclusione finanziaria”. Quest’ultima è la vera ragione principale, ma non nel senso innocuo di dare a tutti la possibilità di ottenere un conto in banca, ma nel senso di “portare tutti nel sistema”, come lo ha definito il capo di Paypal, Dan Schulman, in occasione di un Financial Inclusion Forum a Washington nel 2015.

Il sistema è quello in cui Paypal, Microsoft e Co. possono fare soldi con ogni transazione e, come ha chiarito il fondatore di Microsoft, Bill Gates, nello stesso evento, in cui il governo americano può memorizzare, tracciare e, se necessario, bloccare ogni transazione.

Dopo che l’India è servita con successo come cavia sia per la rimozione (temporanea) di denaro contante che per la registrazione biometrica di un miliardo di persone in un database centrale, ora è il turno del Sudan. Questa è una prova di come si possa “portare” e controllare una popolazione parzialmente ribelle e fondamentalista di un grande paese sottosviluppato con l’elemosina digitale.

L’alleanza Better Than Cash Alliance trionfa

Il punto di partenza di questa ricerca è stato un tweet della Better Than Cash Alliance, che ha elogiato l’impegno del Sudan ad accelerare la transizione dai pagamenti in contanti a quelli digitali. In questa alleanza, che è stata fondata nel 2012, il governo statunitense, Visa, Mastercard, Citibank e la Bill & Melinda Gates Foundation si sono uniti come membri principali per guidare l’eliminazione globale del contante. Lavora a stretto contatto con il Gruppo consultivo guidato dalla Banca Mondiale per l’assistenza ai poveri (CGAP), i cui membri principali si sovrappongono alla Better Than Cash Alliance.

La Better Than Cash Alliance ha annunciato in un comunicato stampa del 10 giugno con il suo tipico falso pathos di miglioramento mondiale (le mie traduzioni in tutto il mondo):

Nell’ambito della sua visione di trasformazione dell’economia, la Repubblica del Sudan ha annunciato oggi un nuovo impegno per accelerare la transizione dai pagamenti in contanti a quelli digitali. Aderendo all’Alleanza Better Than Cash Alliance, il governo si impegna ad aumentare l’inclusione finanziaria e la trasparenza e ad adottare misure per un’economia che vada a beneficio di tutti i cittadini. Il passaggio dal denaro contante ai pagamenti digitali responsabili è fondamentale nella strategia del governo per la ripresa e la riforma economica.

Trasparenza significa un migliore monitoraggio dei flussi di denaro. Il Sudan è un Paese con un’economia distrutta dal terrore, dalla guerra civile e dalle sanzioni statunitensi. In questa situazione, sarebbe molto coraggioso fare dello smaltimento del contante il pilastro centrale della politica economica.

Ma non lo fai volontariamente, ma sotto una forte pressione e con una carota penzolante davanti al naso. La carota ha l’abbreviazione SFSP e viene chiamata in dettaglio e si traduce come Sudan Family Support Programme. E’ pagato dalla Banca Mondiale. L’alleanza Better Than Cash Alliance ne parla:

I metodi di pagamento digitali saranno al centro del successo del Sudan Family Support Program, recentemente annunciato, che fornirà pagamenti mensili, diretti e digitali a circa l’80% delle famiglie sudanesi.

Fornirà a 32 milioni di persone un mini reddito di base. Secondo un documento della Banca Mondiale del mese di aprile, il progetto della Banca Mondiale P173521, chiamato Sudan Family Support Programme, dovrebbe essere approvato dal Consiglio della Banca Mondiale il 16 giugno. L’adesione del governo sudanese all’Alleanza “Better Than Cash Alliance” il 10 giugno ha qualcosa a che fare con questo? Si può sospettare fortemente.

Già il 29 maggio il governo ha concluso un accordo con il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, in base al quale il Programma alimentare mondiale fornirà assistenza tecnica al Programma di sostegno alle famiglie. Il popolo sudanese apparentemente non dovrebbe sapere che il denaro proviene essenzialmente dalla Banca Mondiale e che si tratta di un progetto della Banca Mondiale. In ogni caso, la comunicazione del Programma alimentare mondiale e i rapporti dei media basati su di essa affermavano che si trattava di una delle imprese più importanti del governo di transizione e che era finanziata dal governo e dai partner. Né l’Alleanza Better Than Cash Alliance ha menzionato la Banca Mondiale nel suo comunicato stampa. (inserito il paragrafo 20)

È vero che la Banca Mondiale è piuttosto avara nella valutazione di questo reddito di base. Dovrebbero essere cinque dollari a persona e al mese. Ma il calcolo è probabilmente che le persone che si vuole portare nel sistema sono abbastanza povere da motivare la maggior parte delle persone a partecipare a questo programma con cinque dollari in più al mese.

Come al solito, l’Alleanza Better Than Cash Alliance si definisce “ONU” nel suo comunicato stampa per dare alle sue attività l’impressione di appartenere all’ONU. Così facendo, ha utilizzato generose donazioni per convincere solo una piccola sotto-organizzazione indipendente dell’ONU, chiamata UNCDF, a creare un segretariato nei propri locali.

Un paese ricattabile con personale governativo conosciuto

La Repubblica del Sudan ha un background musulmano e ha un grosso problema con i gruppi fondamentalisti, le carestie e le guerre civili. Nonostante un prodotto interno lordo pro capite abbastanza rispettabile per gli standard africani, gran parte della popolazione vive in condizioni di povertà estrema a causa della distribuzione estremamente disuguale. Gli Stati Uniti, insieme alla Corea del Nord, all’Iran e alla Siria, guidano il Paese nella sua lista dei sostenitori del terrore di Stato, il che significa che tradizionalmente non riceve quasi nessun sostegno finanziario da organizzazioni internazionali come la Banca Mondiale e il FMI e anche da altri governi. Da quando il Sud Sudan, ricco di petrolio, si è separato nel 2011, c’è stata una cronica carenza di valuta estera.

L’anno scorso, dopo mesi di proteste e manifestazioni, prima un colpo di stato militare ha deposto il dittatore militare Omar al-Bashir e poi la nuova giunta ha strappato alla nuova giunta, al potere dal settembre 2019, un governo congiunto di transizione del movimento di protesta e dei militari.

L’impegno volontario di abolire il denaro contante e l’adesione alla Better Than Cash Alliance sono opera del ministro delle finanze transitorio Ibrahim Elbadawi. L’economista formatosi negli Stati Uniti aveva lavorato per molti anni per la Banca Mondiale a Washington. Dal 2009 è anche Visiting Research Fellow presso il Center for Global Development di Washington, finanziato principalmente dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Il primo ministro Abdalla Hamdok, un economista di formazione britannica che ha lavorato in precedenza per l’ONU, è vicedirettore esecutivo della Commissione economica per l’Africa.

Nel dicembre 2019, il disgelo nelle relazioni USA-Sudan si è riflesso nel fatto che il Primo Ministro Hamdok è stato invitato a Washington per una visita di sei giorni, dove ha incontrato i rappresentanti del Dipartimento di Stato americano, del Dipartimento delle Finanze e della Difesa e della CIA, tra gli altri, nonché l’agenzia di sviluppo residente USAID, membro principale della Better Than Cash Alliance, e l’intera dirigenza della Banca Mondiale. (inserito il paragrafo 19)

Il portafoglio è un po’ aperto

Sebbene gli Stati Uniti abbiano mantenuto il Sudan nella lista dei terroristi, il nuovo governo ha ricevuto sostegno finanziario dagli alleati statunitensi, dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti e, sotto forma di Programma di sostegno alla famiglia, forse anche dalla Banca Mondiale. Per il governo di un Paese che soffre di un’estrema carenza di valuta estera, quasi due miliardi all’anno nell’ambito di questo programma sono un sacco di soldi.

Quindi il governo ha tutte le ragioni per giocare con l’esperimento di monitoraggio e controllo della popolazione su larga scala che Washington sta conducendo nel paese. Non solo per i soldi, ma soprattutto per la prospettiva di essere tolti dalla lista del terrore economicamente devastante se l’esperimento avrà successo e contribuirà a togliere il sostegno agli insorti della popolazione, a rintracciarli e a neutralizzarli in un modo o nell’altro.

Se sarà possibile registrare biometricamente la popolazione nelle zone rurali merlate, i ritiri e le basi operative degli insorti e collegarli a un telefono cellulare come dispositivo di sorveglianza, allora faremo grandi passi avanti verso questo obiettivo. Ad esempio, ogni volta che un ribelle viene identificato, sarebbe possibile verificare con chi ha avuto contatti telefonici e chi gli è stato più vicino. Si potrebbe fare in modo che si sappia che a chiunque abbia stretti contatti con gli insorti verrà impedito di effettuare il pagamento mensile senza problemi.

Parte di un piano globale chiamato Universal Basic Income

Questo esperimento sul campo fa parte di un programma molto più ampio di miglioramento mondiale nello spirito dei miliardari della Silicon Valley e dei loro compagni d’armi a Washington e New York. Sotto il nome di Universal Basic Income, propagandano la rinuncia alle tradizionali politiche di sviluppo che almeno fingono di voler sviluppare i paesi. Invece, i pagamenti digitali diretti ai telefoni cellulari delle persone più povere dovrebbero salvarle dalla fame e garantire che rimangano o vadano dove vuoi tu.

Un progetto dell’Università di Harvard chiamato GiveDirectly, sponsorizzato dal World Economic Forum e dalla Banca Mondiale, tra gli altri, ha già avuto un certo successo nel riorientare le donazioni di persone ben intenzionate, dei cosiddetti filantropi e dei governi e delle organizzazioni internazionali, allontanandosi dal precedente progetto di aiuti a questo nuovo tipo di aiuti sotto forma di elemosina isolata.

I sostenitori di GiveDirectly si sovrappongono fortemente a quelli della campagna di smaltimento del denaro. Non c’è da stupirsi, visto che i due progetti si integrano perfettamente tra loro per quanto riguarda l’obiettivo di “portare tutti nel sistema” e quindi di migliorare il monitoraggio e il controllo della popolazione mondiale.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta il 14.06.2020 sul blog di Norbert Häring: Geld und mehr

Per saperne di più sull’argomento:

Die wichtigsten Strippenzieher der globalen Kampagne gegen das Bargeld

Australien führt Sozialhilfeempfänger am digitalen Gängelband und macht die wahre Fratze der bargeldlosen Gesellschaft sichtbar

„Finanzielle Inklusion“, Code für Bargeldabschaffung in Entwicklungsländern, und was davon zu halten ist

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Vlad Karavaev / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort