“Il Grande Reset” | di Dirk Pohlmann

Un commento di Dirk Pohlmann.

Ogni anno gli uomini più potenti del mondo – e occasionalmente le amanti – si incontrano nella località svizzera di Davos. La parola Davos è diventata sinonimo di Forum Economico Mondiale. Il World Economic Forum, che è la traduzione del termine inglese, ha un nome fuorviante. Qual è la differenza tra i servizi segreti federali e il Forum economico mondiale? Non c’è nessuno. Perché: il World Economic Forum si occupa di economia tanto quanto i servizi segreti federali si occupano di notizie.

Con le sue succose parole, il World Economic Forum definisce il suo compito come segue: “Il World Economic Forum offre un palcoscenico alle 1.000 aziende leader a livello mondiale per creare un mondo migliore. In qualità di organizzazione membro, il Forum riunisce le aziende su progetti e iniziative – online e offline – e consente loro di affrontare questioni commerciali, regionali e di sistema”. 1)

Il World Economic Forum non è un country club, ma piuttosto un think tank e un comitato centrale dell’Internazionale capitalista. Il congresso di partito degli oligarchi globali con la volontà di potere. L’anno scorso i leader mondiali di Davos sono stati raggiunti da 119 miliardari con un capitale complessivo di 500 miliardi di dollari. 2) L’élite mondiale, in primo luogo l’economia, in secondo luogo l’economia, in terzo luogo l’economia e in quarto luogo la politica non si incontrano solo per discutere di affari.  Sono chiaramente più sicuri di sé. “Il World Economic Forum sta plasmando la storia”, dice il suo fondatore, CEO e maestro di cerimonie Klaus Schwab, ormai ottantunenne, Klaus Schwab. 3)

Il World Economic Forum definisce il futuro, si è sempre un passo avanti rispetto alle condizioni prevalenti in termini di pianificazione. 4) 5) Ciò significa, ad esempio: A Davos la globalizzazione appartiene al passato, proprio come il neoliberismo. Il nuovo obiettivo è la presa di potere totale, il “Grande Reset”. Uno è molto internazionale e transumanista e combatterà il razzismo, il cambiamento climatico e tutti gli altri problemi globali. Sistematicamente, globalmente, attraverso l’uso della governance e con l’intelligenza artificiale.

L’élite che si riunisce a Davos si considera l’avanguardia di un nuovo ordine mondiale. Quando Francis Fukuyama annunciò la fine della storia nel 1989 dopo il crollo dell’impero sovietico, perché d’ora in poi la democrazia liberale e il capitalismo come forma di governo sarebbero stati senza alternative, non si spinse abbastanza lontano. 6)

Da allora, il sistema di governo del mondo occidentale ha subito diverse metamorfosi rese possibili dalle grandi crisi. La crisi che renderà possibile la nuova, decisiva trasformazione è la pandemia COVID-19. Non si tratta di una teoria cospirativa dei portatori di cappelli in alluminio, ma della volontà dichiarata di Klaus Schwab, che egli espone nel suo nuovo libro e a Davos. 7) Il fatto che tutte le esercitazioni catastrofiche da Dark Winter a Clade X e l’Evento 201 siano state mirate a questo come previsto o che siano solo dei mattoni che possono essere utilizzati ora non cambia la realtà. 8)

Le esperienze e i piani emersi dalle esercitazioni sul disastro appena menzionate sono ora in fase di attuazione. Il Grande Rinchiuso è un valido presupposto per il prossimo Grande Ripristino. La paura per la salute del mondo lo rende possibile. Le religioni o ideologie oggi non sono abbastanza forti per innescare uno sviluppo globale, la loro efficacia è troppo parziale a livello regionale, ma la nuova piaga, anche se non è proprio una piaga, agisce in modo affidabile come un acceleratore di incendi oltre i confini nazionali, culturali e sistemici.

La prima grande crisi è stata il crollo dell’Unione Sovietica. Il fattore scatenante non è stata la caduta del muro di Berlino, ma l’avanzata trionfale del movimento Solidarnosc nella Polonia cattolica. Il socialismo reale era diventato una forma di regola in cui nemmeno i suoi protagonisti credevano. Marian Arendt, membro del Comitato Centrale Polacco, disse all’epoca: “Una volta ero così ingenuo da credere che alcuni uomini cattivi fossero responsabili degli errori

sarebbe responsabile verso la parte. Ora non mi faccio illusioni del genere. Con il nostro

c’è qualcosa che non va in tutto l’apparato, in tutta la nostra struttura”. Lech Walesa, come Mikhail Gorbaciov, in realtà voleva provare una terza via tra comunismo e capitalismo, Solidarnosc voleva costruire una versione svedese dell’economia di mercato in cui i lavoratori avessero una partecipazione nelle loro imprese, uno stato con un forte settore sociale. Ma dopo che il vecchio ordine economico era stato trascinato via ad una velocità incredibile, non sono emersi gli auspicati paesaggi fiorenti, ma la perplessità si è diffusa. La vita delle persone che avevano anelato al cambiamento è peggiorata, la fiducia riposta negli attivisti di Solidarnosc si è sciolta come neve al sole. L’unica soluzione rapida fu quella di adottare un modello propagandato dagli USA, dalla Banca Mondiale e dal Fondo Monetario Internazionale, per il quale esistevano esperti e piani pronti: il modello neoliberale. Per il terzo modo non c’era una pianificazione fattibile, né gli esperti, né il supporto. La soluzione dell’emergenza è stata dettata dalla mancanza di tempo e dalla situazione sempre più acuta. 9)

Come in Polonia, la perestroika in URSS, la trasformazione dell’economia, ha avuto luogo. Nel 1991 la perestroika è costata a Gorbaciov il suo potere. All’epoca in URSS si diceva che la perestroika è come un’auto con la chiave di accensione, ma non si muove di un metro. Il suo avversario Boris Yeltsin, che ha preso il potere dopo il colpo di stato contro di lui, è salito sulla stessa barca di Lech Walesa. I neoliberali Chicago Boys sono arrivati dall’alto in un’acquisizione ostile del gigantesco impero. Con il tutto esaurito dell’Unione Sovietica è iniziata l’era globale del neoliberismo.

Questa è stata la prima grande crisi che ha reso possibili nuove condizioni, un “Grande Reset” nel senso dell’oligarchia di Davos. È stata una trasformazione totale, con false promesse per un mondo migliore.

La seconda crisi che ha cambiato tutto è stata la 911, un evento che, come la crisi di COVID-19, puzza di produzione, o almeno di “Lascia che accada di proposito”, “lascia che accada di proposito”. La misura in cui gli eventi negli Stati del blocco orientale dal 1988 in poi siano stati un “mezzo tirato, mezzo affondato”, un cambiamento di regime che ha incontrato grande disponibilità, dovrà essere indagata in futuro. La tesi che gli Stati Uniti e tutto l’Occidente hanno seguito gli eventi in Polonia e in altri Stati dissidenti del blocco orientale come l’Ungheria e la RDT, e hanno solo colto l’opportunità, è credibile a posteriori come i paesaggi fiorenti promessi dai neoliberali.

Il 911 ha segnato la fine della trasformazione della NATO da alleanza stazionaria alla forza internazionale di reazione rapida degli Stati Uniti, iniziata con la prima guerra in Iraq e la guerra in Jugoslavia, che era contraria al diritto internazionale. “Out of Area or Out of Business”, che può essere tradotto come “missioni all’estero o estinzione”, non era più una richiesta ma era diventata una realtà. Il 911 è stato il momento “Pearl Harbour”, precedentemente definito necessario, che ha reso possibile una serie di nuove guerre americane che avrebbero gettato le basi per il “Nuovo secolo americano”, la trasformazione delle regioni arabe e nordafricane, ancora in corso, la messa in sicurezza dei giacimenti petroliferi, la sorveglianza totale. Il 911 è stato l’inizio di un periodo ormai quasi ventennale di “guerre del terrore”. Questa è un’espressione più vera della “guerra al terrore”. 10)

Il 911 e le sue conseguenze sono costate alla credibilità degli Stati Uniti su scala enorme. Il fascino dello stile di vita americano è ormai così debole che Donald Trump ha inventato lo slogan “Make America Great Again”. E ha vinto. Perché l’America non è più grande. E’ con Snowden, Guantanamo, Abu Graibh, Assange, con la scomparsa della classe media e la dilagante mancanza di una casa sulla strada per gli Stati polacchi o sovietici, dove la lealtà può essere comprata o ricattata. Oppure, come ha detto recentemente Caitlin Johnstone, “l’America non ha più alleati, solo ostaggi”. 11)

Così come il membro polacco del CC Marian Arendt ha criticato il socialismo reale, un termine che contiene già la scusa per deviare dalle promesse, il padrino del World Economic Forum Klaus Schwab ora critica il neoliberismo. Con questa ideologia si può catturare solo il più stupido degli stupidi e il più disperato dei disperati.

Il nuovo piano è la regola di governo degli oligarchi. Gestione dello Stato. L’élite governa, il gregge confuso pascola. Dal punto di vista del più importante think tank del capitalismo, la democrazia è un’idea del XVIII secolo, sconnessa, inefficace e fatiscente.  Nessuno a Davos crede nella sua fondazione, il cittadino illuminato da un vasto pubblico sveglio, che determina il futuro attraverso le votazioni e le decisioni elettorali, nemmeno i vertici della politica mondiale, che vi si riuniscono.

I protagonisti decisivi del nuovo complesso informatico-militare e finanziario che ha sostituito il complesso militare-industriale di Davos non sono più i proprietari delle aziende della cintura di ruggine in cui l’ex nazione industriale USA produceva beni, e che ora è adatto solo come sfondo per la fantascienza distopica.

Sono i rivenditori di dati della Silicon Valley che hanno accumulato un’immensa ricchezza. Microsoft, Google, Facebook, Amazon, Oracle, Paypal. Pagano pochissime o nessuna imposta sul reddito, Amazon è riuscita a ottenere anche il rimborso delle tasse. Lo Stato, i cui partiti al potere li ricompensano con donazioni, permette loro questo grande furto. E i loro immensi profitti li investono poi nelle idee della loro oligarchia del futuro, come filantropi, per presunti scopi caritatevoli. Di fatto, dopo l’industria informatica, si impadroniscono di nuovi settori della società, ad esempio l’istruzione o la politica sanitaria globale. Anzi, tutto. La privatizzazione continua. Silvio Berlusconi e Donald Trump sono solo la versione grottesca di questa regola degli oligarchi nouveau riche, sono la manifestazione che ha molto carbone ma poco capitale culturale. Davos non è così primitivo. Trump ha i suoi fanboy e le sue ragazze, ma a livello internazionale probabilmente non così tanti come la fresca scrofa Elon Musk. Tuttavia, più di Re Bill Gates, che ha preso in ostaggio il mondo con il suo povero sistema operativo, ma che farebbe da tappezzeria a qualsiasi festa senza il fascino dei suoi miliardi. Solo poche persone conoscono Eric Schmidt, anche se progetta il futuro dell’intelligenza artificiale per l’impero americano con la CIA. I boss della Silicon Valley hanno i loro guru come Raymond Kurzweil, appartengono a un nuovo culto materialista, il transumanesimo, che vuole creare la macchina umana, androidi immortali come versione migliorata dell’inadeguato e mortale Homo sapiens. 12)

Usano il potere dell’analisi dei dati, creano un capitalismo di sorveglianza, con una sorveglianza totale come quella di una provincia cinese, lamentata con lacrime di coccodrillo dai capitalisti informatici, con la variante occidentale che offre alle masse condizioni di vita peggiori di quella cinese. Essi governano al posto delle vecchie istituzioni. L’OMS è ora solo il mantello a brandelli della Bill and Melinda Gates Foundation, appeso come un tossico all’ago delle sue infusioni. Le decisioni sui vaccini, l’AIDS, la malaria e la tubercolosi sono prese da Bill Gates e dalle sue istituzioni. 13) L’ONU non può più tenere il passo con Davos nella sua importanza come forum di governance globale. È qui che la musica suona.

La nuova oligarchia usa la scienza per cementare ed espandere il suo potere. Un gruppo di scienziati comportamentisti dell’Imperial College britannico e della Rand Corporation, per esempio, ha studiato come i governi possono plasmare la comunicazione per far rispettare meglio le loro politiche. Ciò significa che il think tank del Pentagono e gli esperti britannici del “cuore del governo”, che hanno ingannato il mondo in diverse occasioni con previsioni di morte iper-apocalittiche di pandemie, hanno unito le forze per dominare la comunicazione. 14)

Non dovrebbe quindi essere un caso quanto efficacemente i media aziendali e finanziati dallo Stato soffocano ogni tentativo di parlare dello stato d’azione, della governance globale sul pianeta COVID-19. Che i media di Internet sintonizzino gli algoritmi e cancellino sempre più canali dissidenti. Che le ultime fonti di comunicazione anarchicamente libere su Internet sono sempre più sepolte e avvelenate. Che non ci sia più opposizione nei parlamenti. Che le manifestazioni sono sempre più vietate e i robocop della polizia agiscono sempre più brutalmente. Che lo Stato sta promuovendo e istituzionalizzando la mentalità dei carcerieri di blocco.

Il World Economic Forum sta reclutando “Giovani Leader” che agiranno in futuro nell’interesse dell’élite. La candidata verde Anna Lena Baerbock è una nuova arrivata. Ora appartiene all’élite mondiale. 15) 16) Così come Cem Özdemir è diventato “Young Leader” del Consiglio americano sulla Germania, Transatlantic Fellow del German Marshall Fund e co-fondatore del Consiglio europeo sulle relazioni estere. 17) Il precursore della transatlantica nel Partito dei Verdi è stato Joschka Fischer, che ha svalutato i Verdi dal Partito della Pace ai sostenitori della NeoCon verde oliva e che ha il permesso di scatenarsi con l’élite in segno di gratitudine. Me la prendo con i Verdi perché una volta erano la speranza di un nuovo inizio. Sono mutati nella pandemia spacciandosi per i suoi combattenti. Le altre parti non sono alternative alle alternative. Il panorama politico è attualmente privo di alternative in un senso molto diverso dal modo in cui lo guardiamo insieme.

Non dovrebbe essere un caso che la scienza si stia sempre più allineando. Che gli esperti sgradevoli sono diffamati come portatori di cappelli in alluminio. Che i loro libri più venduti abbiano successo ad esclusione dei media. L’élite non è interessata a ciò che il gregge legge in cucina finché il gregge non si presenta nel salone. In Danimarca, il più grande studio finora condotto sull’efficacia delle maschere contro COVID-19 è stato condotto per sei mesi, con 6000 partecipanti. La pubblicazione dei risultati è stata rifiutata da 3 delle più importanti pubblicazioni, apparentemente perché i risultati non corrispondono alle misure governative. 18)

Tutti questi sono sintomi del declino della democrazia. I resti di una regola popolare che non è mai esistita. Ora l’idea è atterrata anche sul mucchio di spazzatura della storia. Si trova dietro il Centro Congressi di Davos.

Utilizzare la crisi di COVID-19 per un cambiamento democratico richiederebbe un impegno dal basso molto maggiore di quello che si è visto finora, richiederebbe disobbedienza e soprattutto richiederebbe organizzazioni funzionanti. Senza organizzazione, crescendo dal basso, non c’è più nulla da guadagnare. La rivoluzione non è mai stata permessa e non sarà trasmessa dalle stazioni televisive.

Ma: la dialettica delle condizioni produce la possibilità di nuove e sconosciute coalizioni. Ci sono potenziali alleati che potrebbero portare potere e finanze reali: l’economia della classe media. Proprio come la scena culturale, è una delle vittime del Grande Reset. I piccoli e medi imprenditori che ora sono spinti al fallimento, che nel prossimo futuro saranno offerti alle cavallette di Davos per il cibo, hanno ora gli stessi interessi della mandria confusa. Vogliono sopravvivere. Sono possibili alleati contro l’oligarchia che prende il potere.

Un passo decisivo contro il Grande Reset sarebbe quello di creare molto rapidamente dei forum di comprensione e di pianificazione al di là di YouTube e Facebook, che sono strumenti di potere dell’élite globale, sempre più evidente. Le aziende di medie dimensioni potrebbero dare una mano in questo senso, con competenze informatiche e denaro. I forum potrebbero anche essere utilizzati per garantire che le forze ausiliarie del Grande Reset sappiano cosa aspettarsi a causa delle loro decisioni: il voto organizzato e la fine della loro carriera politica, ovunque si trovino a competere. La condizione fondamentale per il cambiamento è la possibilità di comunicazione, che viene eliminata. Nelle guerre moderne, il “comando e controllo” del nemico viene distrutto per primo. Ne siamo testimoni in diretta. Il nemico siamo noi.

Sarà importante garantire che le infiltrazioni di intelligence siano evitate. In Germania, ci sono paralleli storici. Per esempio, l’infiltrazione e l’uso di gruppi violenti di destra e di sinistra nel campo di protesta. In parole povere: condizioni di Weimar. I dimostranti dovrebbero guardare gli esempi storici. Chi non vuole leggere può guardare Babylon Berlin, c’è molto da imparare. Questo rende più facile il riconoscimento del modello. Un altro esempio: con la decomposizione del CoIntelPro, l’FBI ha fatto in modo che il movimento per i diritti civili degli Stati Uniti diventasse violento. In questo modo potrebbe essere efficacemente divisa, criminalizzata e combattuta. 19) La manifestazione davanti al Reichstag, il suo personale, la polizia e l’inquadramento e l’uso dei media, è un chiaro avvertimento.

Una valida resistenza, invece, verrà dalle radici, dalle relazioni umane dirette, dalla comprensione con persone di pari interesse.

Eventi come la “riunificazione” del 1989, il sequestro dei movimenti per i diritti civili e la loro castrazione da parte delle élite, devono essere evitati. Questa crisi è anche un’occasione per guardare in faccia la realtà, per rivedere gli errori del 1989. Se credi in Davide contro Golia. Se viene usato in modo saggio e organizzato, se l’umanità e il senso delle proporzioni, ma anche l’energia e la volontà di perforare spesse assi di legno si trovano sul lato della resistenza. Non è un compito facile. Ma l’alternativa non è un’alternativa. Vale la regola dei Musicisti della città di Brema, che ora è la seguente: Possiamo trovare ovunque qualcosa di meglio di Davos!

1) https://www.weforum.org/about/our-partners/

2) https://www.bloomberg.com/news/articles/2020-01-17/dalio-dimon-and-117-other-billionaires-set-to-descend-on-davos

3) https://www.tagesspiegel.de/wirtschaft/davos-2020-119-milliardaere-und-politiker-und-ein-grosses-thema/25452874.html

4) https://time.com/collection/great-reset/

5) https://twitter.com/TIME/status/1319563867345879040

6) https://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=&ved=2ahUKEwiyrKaU69TsAhX-EWMBHc_WAlUQFjAEegQIKhAC&url=https%3A%2F%2Fzeithistorische-forschungen.de%2Ffile%2F3032%2Fdownload%3Ftoken%3Dnum04IbR&usg=AOvVaw0qVT4lNNtdAyQ00rFv2mRH

https://www.bi.team/publications/mindspace/

7) https://www.amazon.com/dp/2940631123

8) https://tube.apolut.de/videos/watch/ee09da08-cbc9-4b6a-8bee-9c740dc6dc3d

9) Naomi Klein, Die Schock Strategie – Der Aufstieg des Katastrophen-Kapitalismus

10) http://www.free21.org/von-911-bis-zum-grossen-reset-von-al-qaida-bis-zum-covid-virus/

11) https://caitlinjohnstone.com/2020/10/21/america-has-no-allies-only-hostages/

12) https://scienceblog.at/index.php/transhumanismus-der-mensch-steuert-selbst-seine-evolution

13) http://www.free21.org/der-neue-absolutismus-das-koenigreich-gates/

14) https://www.bi.team/publications/mindspace/

https://de.wikipedia.org/wiki/COINTELPRO

15) https://www.younggloballeaders.org/community?_hsenc=p2ANqtz–mTepsgXScXAhNJ__K5GUtxAC0M8nlnXymIhYLF2nDRLsJWoJlH0b1e9cT0xImIOAXurbG&page=10

16) https://www.lto.de/recht/kanzleien-unternehmen/k/anahita-thoms-baker-mckenzie-young-global-leader-weltwirtschaftsforum/

17) https://de.wikipedia.org/wiki/Cem_%C3%96zdemir#Sonstiges_Engagement

18) https://www.transcend.org/tms/2020/10/the-suppressed-danish-mask-study/

19) https://de.wikipedia.org/wiki/COINTELPRO

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: OSORIOartist / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort