Le questioni di principio non sono una questione

Come la pseudo-affezione generata dai media distrae dai valori umani fondamentali.

Un commento di Christiane Borowy.

Coronavirus, elezioni in Turingia, Julian Assange è in prigione, Markus Lanz fa cattiva televisione – la copertura degli ultimi giorni non ha più nulla da offrire tematicamente. In tutti i mezzi di comunicazione si parla sempre degli stessi argomenti e delle stesse notizie. Le emozioni dovrebbero essere suscitate, ma l’empatia reale e il porsi di domande fondamentali socialmente rilevanti sono semplicemente ignorati. Le domande essenziali non sono messe sul tavolo, perché in fondo si è già “al polso del tempo”.

L’usura del valore della notizia si verifica già durante lo studio dei titoli. Chi è ancora seriamente sorpreso che alle elezioni siano stati presi accordi preliminari per arrivare al potere? Qualcuno è sorpreso che ci siano problemi se qualcuno non si attiene a queste linee guida? Chi si stupisce ancora oggi che ci siano sempre virus influenzali, germi resistenti o nuove malattie della civiltà? Quale persona informata è effettivamente sorpresa che Julian Assange sia in prigione e che sia la sua vita che la libertà di stampa siano in pericolo?

Così ci culliamo piacevolmente nella pseudo-affezione, e prima che ce ne accorgiamo, non siamo più indignati dal fatto che i valori umani fondamentali stiano svanendo in questa nebbia mediatica.

Sembrava esserci una speranza. Il 06.02.2020 il Tagesschau (1) ha riportato in serata un appello per il rilascio di Julian Assange, lanciato tra gli altri dal giornalista Günter Wallraff, al quale si sono uniti 130 artisti, giornalisti e Sigmar Gabriel. Si fa riferimento al relatore speciale dell’ONU Nils Melzer, che qualche tempo fa ha confermato ufficialmente che le condizioni generali di Assange sono così gravi che la sua vita è minacciata e che mostra segni di tortura psicologica.

Questa è ovviamente una grande sorpresa, perché non appena sono passati quasi 8 anni senza libertà e aria fresca per Assange, i principali media si sono resi conto che si tratta di libertà di stampa. Il tema di Assange e della libertà di stampa è stato cancellato dal tavolo dei media mainstream fino a quando Assange è stato dichiarato mezzo morto da un relatore speciale dell’ONU, dai genitori di Assange, dagli amici e dai cosiddetti “media alternativi”, solo per poi riportare “altamente informativo” ma tralasciando per metà il fatto che Assange è stato in prigione a Belmarsh per un anno. L’impressione che ne deriva è che non è passato molto tempo e noi media siamo in prima linea nel giornalismo. Che enorme ipocrisia!

Sigmar Gabriel è uno dei firmatari di questa campagna, che ha avuto un ruolo di primo piano. Per lui la certezza del diritto è in pericolo. Ma Gabriel parla di qualcosa che riguarda il diritto britannico, secondo il quale bisogna agire. Ad Assange deve essere concesso il diritto fondamentale di preparare la sua difesa. Questo non è stato dato. E’ questo il problema con Assange? Capisco.

Quali assurdità legali dovrebbero essere indagate nell’intero caso non viene nemmeno menzionato. Come sia possibile che gli Stati Uniti chiedano l’estradizione di un cittadino australiano non è interessante. Al contrario, il rapporto è pieno di lacune e rimugina sulla narrazione comune del caso Assange, dando l’impressione che Assange sia fuggito all’ambasciata ecuadoriana nel 2012 per paura di conseguenze legali per il tradimento di segreti militari, ed è stato subito riferito che all’epoca c’era un mandato di arresto svedese per stupro contro di lui. Non una sola sillaba menziona che il procedimento svedese contro di lui ha già dovuto essere archiviato due volte.

Assange ha contribuito a pubblicare le informazioni che lui stesso ha ricevuto. Questo viene ignorato. Anche la domanda di base: “Qual è il caso di Assange? Non è nemmeno accennato. Nel rapporto di due minuti, lo spettatore non riesce a capire affatto di cosa tratta il contenuto. Si vuole solo dare l’impressione che la politica e i media siano contro la tortura e che si stia combattendo per la salvaguardia dei diritti fondamentali. Dopo tutto, prende la parola il relatore speciale dell’ONU Nils Melzer, sottolineando che è improbabile che Assange riceva un processo equo negli Stati Uniti. La narrazione comune “Assange è una figura criminale un po’ losca” non viene toccata. Al contrario, Gabriel fa notare esplicitamente e in modo imbarazzante che non vuole “firmare un assegno in bianco ad Assange”.

Ciò che scompare nella nebbia di questa nebbia mediatica è che il caso di Assange mette fondamentalmente in discussione le relazioni di potere e di dominio date. Quello che Assange ha fatto è stato quello di denunciare le violazioni legali da parte dei governi, per esempio pubblicando il video “collatoral murder”, che rivela i crimini di guerra. A quanto pare, questo non dovrebbe essere discusso in nessuna circostanza. Dopo tutto, l’incertezza giuridica numero uno è che coloro che commettono crimini di guerra rimangono completamente illesi dalla magistratura. L’elefante è nella stanza.

Ma questo caso non è l’unico che dimostra che i media non sono affatto interessati a chiarire e a porre le domande fondamentali. Il “terremoto politico” presumibilmente scatenato dalle elezioni in Turingia ne è un altro esempio.

Merkel definisce l’elezione di Kemmerich un “evento imperdonabile”, come si legge nella Süddeutsche Zeitung del 06.02.2020 (3). La Merkel parla addirittura in Sudafrica della nomina di un uomo del FDP all’ufficio ministeriale con i voti della CDU e dell’AfD. Bene, bene, bene. Uno scandalo. Qualcuno non ha giocato secondo le regole e voleva il potere e qualsiasi prezzo. Cosa c’è di così speciale? Fa parte della politica quotidiana. Ma il Cancelliere è indignato. Come, scusi? Da quando questo tema è all’ordine del giorno della politica? Che un politico eletto debba ora essere costretto a dimettersi, e come ciò sia potuto accadere, non è una questione mediatica.

La questione fondamentale di quanto le elezioni riflettano realmente la volontà politica del popolo o di quanto la politica democratica sia realmente democratica non viene semplicemente posta. È apparentemente irrilevante che ci sia qualcosa di fondamentalmente sbagliato nella politica. Questo sarebbe davvero motivo di indignazione. Ma per cosa è arrabbiato esattamente il cancelliere? Perché c’è una “onda d’urto” che presumibilmente scuote il panorama politico, perché il comportamento di voto del CDU in Turingia non è stato coordinato con il leader del partito. Da cosa devo essere colpito come cittadino?

Cosa sta facendo il Cancelliere in Sudafrica? La questione è almeno minimamente affrontata, ma ciò che la Germania e la “delegazione economica selezionata” hanno a che fare con il fatto che l’Africa può “prendere la via diretta alla produzione di energia verde” rimane vaga.

Cos’altro voleva ottenere Annegret Kramp-Karrenbauer sullo sfondo? Era infastidita, si dice, dal fatto che aveva previsto e avvertito di presentare un candidato FDP. Lei chiede nuove elezioni, il “prezzo per esso è alto” è riportato nel Tagesschau la mattina del 07.02.2020. Pertanto, inizialmente si pronuncerà contro le nuove elezioni. Ci sono richieste di leadership, dalla “gravità della situazione”, dal “baluardo contro la destra”, e persino il sospetto che Kramp-Karrenbauer “non sopravviverà a questo” se non riuscirà a esercitare pressioni politiche in modo tale che le condizioni politiche in Turingia siano di nuovo “chiare”. Che crampo.

Un’altra domanda che i media potrebbero porre alla luce dello “scandalo” in Turingia è se la democrazia sia fondamentalmente in pericolo e come questo problema possa essere risolto, ma preferirebbero fare un forte ruggito mediatico sul fatto che tutto va così male perché nessuno in Turingia ha dato ascolto agli avvertimenti di Kramp-Karrenbauer. Bene, bene.

È importante chiedersi con ogni rapporto attuale: cosa non viene chiesto? Cosa non c’è nel rapporto? È così che si arriva alle domande essenziali che devono essere poste.

Nel caso del coronavirus, per esempio, ci si potrebbe chiedere se e chi beneficia di questa malattia, se ci sono collegamenti con la tecnologia militare e perché tali domande vengono immediatamente diffamate dai media come “assurde teorie di cospirazione”, in modo che nessuno osi fare domande.

In un programma con Markus Lanz del 04.02.2020, lo psicologo sociale Harald Welzer sottolinea, in relazione alla richiesta di giustizia sociale nei prezzi dei prodotti alimentari, che con alcune questioni politiche che raggiungono i politici e i media, è come se si ponesse la questione fondamentale della giustizia sociale. In realtà, però, la questione sociale non è quasi mai in discussione. Perché è possibile che in una delle società più ricche molte persone non possano permettersi il buon cibo o altre cose basilari? Chiunque viaggi in metropolitana o in treno suburbano a Berlino o in altre grandi città avrà una vivida impressione dello stato di giustizia sociale di questo paese. Perché una società ricca non riesce a garantire che tutti i suoi membri possano condurre una buona vita?

Welzer chiarisce la risposta (6): Queste domande fondamentali non vengono poste in politica o nei media. Welzer lo vede soprattutto come un “problema culturale”. La società deve essere radicalmente ripensata. Ma né i media né la politica hanno interesse in questo.

Il giornalista Jürgen Todenhöfer porta il problema alla ribalta nel titolo del suo libro “Die große Hypocrisy”. Come la politica e i media tradiscono i nostri valori” (7).

Gli estratti della copertura mediatica attuale qui analizzati danno ragione a Welzer e Todenhöfer. I valori fondamentali come la giustizia sociale, la pace, la democrazia, la libertà di opinione e di stampa sono solo apparentemente nell’agenda dei media e della politica e vengono così traditi e venduti.

Fonti:

  1. https://www.tagesschau.de/ausland/assange-aufruf-101.html
  2. https://www.rubikon.news/artikel/der-kollateral-mord
  3. https://www.sueddeutsche.de/politik/thueringen-merkel-kemmerich-wahl-fdp-afd-1.4787003
  4. https://www.tagesschau.de/inland/thueringen-fdp-cdu-103.html
  5. https://mobil.stern.de/amp/gesundheit/coronavirus–diese-absurden-verschwoerungstheorien-kursieren-9114612.html
  6. https://www.youtube.com/watch?v=q6rzYMUmmnc
  7. https://www.buchkomplizen.de/Alle-Buecher/Die-grosse-Heuchelei-oxid.html?listtype=search&searchparam=J%C3%BCrgen%20Todenh%C3%B6fer

+++
Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento immagine: Ozerov / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

 

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort