Difensore 2020. la guerra è una decisione del “primato della politica”.

Un commento di Bernhard Loyen.

Il nono giorno dell’anno ancora giovane. L’illusorio desiderio, il pensiero di molti, che quest’anno iniziasse un po’ più tranquillamente e magari prendesse un corso più rilassato, è stato polverizzato dalle note misure della cosiddetta grande politica.

Una manciata di persone possiede l’arroganza arrogante per determinare semplicemente l’arroganza di milioni di persone. Sì, non è un fenomeno nuovo. Alcune esistenze pensano di migliorare soggettivamente la propria esistenza per prendere decisioni che non aiutano nessuno neanche lontanamente, se non che le ombre oscure sull’anima dei causatori diventano ancora più estese.

Le persone in questo paese si allontanano l’una dall’altra, diventano estranei. Soprattutto a causa degli sconvolgimenti epocali degli ultimi decenni. Le singole nicchie stanno scomparendo.

Chiunque manchi, pretenda e voglia combattere il solito si insospettisce. Processi di separazione. Chi è ancora in grado di spiegare la semplice parola normalità in una sola frase in relazione al presente?

La centrifuga decisiva di questa divisione della nostra società, questa separazione forzata dello stare insieme, si trova nel gruppo di politici distaccati riuniti nel Bundestag tedesco. Marionette di un sistema che, stranamente, non potrebbe esistere senza l’aiuto dei suoi elettori. Questa inerzia particellare deforma questo paese, questa società.

“Ma il voto è importante per il nostro Paese” è un tema ricorrente nelle discussioni. La discrepanza tra le vuote e mendaci promesse elettorali e la sobria realtà, il continuo aggravarsi degli ultimi decenni, culmina nel continuo peggioramento delle condizioni di vita di milioni di cittadini di questo Paese. Gli elettori passati e presenti sono davvero consapevoli della definizione di democrazia rappresentativa?

Citazione: La democrazia rappresentativa si riferisce a una forma di governo democratico in cui le decisioni politiche e il controllo del governo non sono esercitati direttamente dal popolo, ma da un organo rappresentativo del popolo, per esempio il parlamento. I cittadini non prendono decisioni politiche in prima persona, ma le lasciano ai rappresentanti eletti che ne fanno le veci per un periodo di tempo limitato (1).

Allora, perché tanti cittadini votanti continuano a stupirsi del fatto che questo paese non si presenti come vogliono? Che i politici abbiano già da tempo spalancato la loro credibilità sulla strada verso un ben pagato seggio dondolante nel Bundestag dovrebbe ora lentamente essere noto.

L’arroganza del potere, della politica, cioè l’agire cosciente fuori dal proprio mandato per abusarne, è illustrata ancora una volta da due esempi.

Germania nel 2010, citazione:

Guardando alla storia della Repubblica Federale, possiamo dire che tutte le decisioni più importanti non hanno avuto una maggioranza demoscopica quando sono state prese. L’introduzione dell’economia sociale di mercato, il riarmo, i trattati con l’Europa dell’Est, la doppia decisione della NATO, l’adesione all’unità, l’introduzione dell’euro e anche la crescente assunzione di responsabilità da parte della Bundeswehr nel mondo – quasi tutte queste decisioni sono state prese contro la maggioranza dei tedeschi (…) Credo che questa sia un’espressione del primato della politica. E anche questo dovrebbe essere mantenuto.

Hai già ripreso fiato? La citazione è tratta da un discorso di Angela Merkel dal titolo: La Repubblica di Berlino (2).

Germania 2016, citazione:

Sì, c’è qualcosa che dobbiamo guarire, che dobbiamo migliorare, dove dobbiamo discutere di nuovo tra di noi. Le élite non sono affatto il problema, le popolazioni sono il problema in questo momento, che dobbiamo parlare di nuovo con loro.

Questo è ciò che Joachim Gauck, l’allora presidente federale, ha dettato nel microfono dello studio della capitale ARD.

Ora potrei informare gli ascoltatori e i lettori sull’attuale mancanza di distacco, per esempio che l’H0 tra i partiti, l’FDP, si è semplicemente rifiutato di trasferire quasi 5,8 milioni di euro alla Rheinische Zusatzversorgungskasse per sei anni. Il motivo è l’uscita dal Bundestag e il conseguente necessario licenziamento di 100 dipendenti nel 2013 (4). L’ignoranza paga sempre a livello politico, ma cito: “La Rheinische Zusatzversorgungskasse, d’altra parte, non vuole che la rinuncia al pagamento del risarcimento sia intesa come rinuncia al debito di un milione di euro. La richiesta è ancora valida, ci si astiene solo da un’esecuzione giudiziaria della richiesta, dice la RZVK.

Bene, allora. Fermatevi un attimo e confrontatelo con le “possibilità di rapimento” di un normale cittadino.

Veniamo all’essenziale. Lo status quo nel mondo arabo dall’inizio degli anni ’90 è fatale. Le ragioni sono note, anche il comportamento dei rispettivi governi federali in relazione allo stato di aggressione cronica USA. È possibile dire la parola speranza, conoscendo l’immutata politica di distruzione degli USA dal 1991?

Interludio: Il fatto che la Repubblica Federale abbia partecipato alla guerra in Iraq nel 2003 e che gli americani abbiano potuto utilizzare le informazioni BND per operazioni elementari (5) è ancora oggi negato dal Governo Federale. È un dato di fatto che il BND ha inviato un “team di operazioni speciali” a Baghdad tramite il Dipartimento Regionale 13EA, che a sua volta ha fornito all’esercito statunitense le coordinate del bersaglio (6). Ex ministro della Cancelleria e coordinatore dei servizi segreti, la buona coscienza del presente – Frank-Walter Steinmeier.

La grande manovra del Defender 2020.

Certamente uno, se non il punto culminante negativo dell’anno sul suolo tedesco. Heise.de ha pubblicato ieri una sintesi molto leggibile dei fatti. L’articolo è collegato (7).

Nei mesi di aprile e maggio di quest’anno, la più grande manovra USA-NATO da un quarto di secolo sarà supportata logisticamente sul suolo tedesco, accompagnata attivamente dalle forze armate tedesche e portata avanti oltre i cittadini, cioè sventolata. Guardiamo questa follia da due punti di vista. Prima di tutto dalla Bundeswehr, pubblicamente, perché dov’è il problema? Citazione:

“Cosa succederà con il Defender Europe 20 degli Stati Uniti? Convogli di trasporto notturni sulle autostrade tedesche, lunghi treni merci che viaggiano verso est attraverso le stazioni ferroviarie tedesche, carri armati su chiatte nella zona della Ruhr: quando l’anno prossimo gli americani praticheranno le procedure per il trasferimento di grandi forze dagli USA all’Europa dell’Est con l’US Defender Europe 20, la Germania diventerà l’hub logistico grazie alla sua posizione geo-strategica nel cuore dell’Europa. Con questo esercizio, gli Stati Uniti si impegnano chiaramente per la sicurezza dell’Europa e allo stesso tempo l’esercizio dimostra anche che i partner europei sostengono e realizzano in modo affidabile progetti comuni. (8).

Due aspetti spiccano o danno adito a domande. In primo luogo, dalla formulazione, citazione: e allo stesso tempo l’esercizio dimostra anche che i partner europei sostengono e realizzano in modo affidabile progetti comuni.

Progetti comuni? Impariamo che il ruolo amichevole dell’ospite serve a, cito: praticare le procedure per il trasferimento di grandi forze dagli Stati Uniti all’Europa dell’Est. Se si combinano procedure e progetti, si possono sentire gli scenari esistenti. Quali, quali sono? Sarebbe un po’ troppa pubblicità da parte della Bundeswehr per scoprirlo. Il primo sciopero, la sorpresa verso la Russia dovrebbe rimanere assicurata. Via il cinismo.

In secondo luogo, il tempismo. In aprile e maggio 2020, c’è stato qualcosa? Ah sì, l’8 maggio 1945, cioè quest’anno il 75° anniversario della commemorazione della fine della seconda guerra mondiale in Germania. Un giorno in cui anche nella capitale federale, sede del parlamento tedesco, viene stabilito un giorno di festa aggiuntivo. Preventivo: La vacanza dovrebbe esistere una sola volta. Negli anni successivi è di nuovo un giorno lavorativo normale (9).

Lo vedi già nella tua mente, i commenti e i tweet di Heiko Maas, del Ministero della Difesa, del portavoce del governo Seibert, del Ministero degli Esteri, del Presidente federale, del Cancelliere…

…noi commemoriamo oggi … i nostri pensieri sono validi oggi …

C’è dalla parte del Governo Federale, sotto Menu, il punto: Discorsi in memoria delle vittime delle guerre mondiali (10). È piuttosto dubbio che i pianificatori, gli strateghi e gli agenti del Defender 2020 della Repubblica Federale abbiano di nuovo preso a cuore i discorsi. Dopo averne studiato i contenuti, avrebbero potuto farlo con la coscienza pulita, e avrebbero potuto attuare questa provocazione alla Russia? La signora Kramp-Karrenbauer è nata nel 1962. Questa data influenza il pensiero del Ministro della Difesa?

Con speciale gratitudine ricordiamo anche con speciale gratitudine in questi giorni che gli ex oppositori della guerra ci hanno teso la mano per la riconciliazione e l’amicizia, ha detto l’allora cancelliere Helmut Kohl nel maggio 1995 in occasione del 50° anniversario (11). Intendeva questa frase così come l’ha formulata.

Perché è qui, sui campi di battaglia di Stalingrado, che l’avanzata delle truppe della Germania nazista si è fermata, qui è stata la svolta della guerra, e qui, nello stesso tempo, il suo più grande orrore è stato raso al suolo per sempre! Da questo terreno sorge il monito che unisce tutti coloro che ricordano la guerra – che unisce soprattutto noi tedeschi e russi: Mai più! Mai più le persone infliggeranno agli altri una sofferenza così disumana! (12)

Queste sono le parole pronunciate da Frank-Walter Steinmeier in occasione del 70° anniversario. Sa del Defender 2020? Ha sentito finora parole di protesta da parte del signor Steinmeier? Saranno ancora formulati, o cosa parlerà nei microfoni l’8 maggio, quando l’attrezzatura pesante rotolerà parallela dal suolo tedesco verso la Russia, naturalmente solo come parte di un esercizio?

Come vorrà spiegare il simbolismo di questo affronto nel 75° anno di commemorazione? Willy Wimmer l’ha detto recentemente, cito:

“La cima del nostro Paese è talmente ignara della storia che deve essere definita una minaccia per lo Stato”.

Infine, ancora una volta fatti sobri (14), citazione:

Viene annunciata la partecipazione di 20.000 soldati provenienti dagli USA, cioè da una divisione, e di 9.000 soldati di stanza in Europa. In totale dovrebbero esserci 37.000 soldati, 8.000 dei quali provenienti da paesi europei. Con la Guardia Nazionale, che, secondo un rapporto del 4 dicembre 2019, parteciperà con 7.000 uomini e donne, dovrebbe poi essere di 44.000 soldati.

Il materiale sarà spedito da quattro stati americani a otto paesi europei e poi trasportato in varie basi di unità multinazionali in località di esercitazione. I punti di trasbordo comprendono Anversa (Belgio), Vlissingen (Paesi Bassi), Bremerhaven e Paldiski (Estonia). L’equipaggiamento viene dispiegato anche dai campi dell’esercito in Belgio, Germania e Paesi Bassi e trasportato per migliaia di chilometri su rotaia e su strada,(…) Ciò richiede il dispiegamento di “decine di migliaia di soldati e civili” nei paesi, afferma con orgoglio la Bundeswehr: la Germania è il “centro logistico centrale”.

Sì, il fulcro di una provocazione deliberata e brutalmente calcolata. Poiché non c’è alcun segno dei cosiddetti pilastri della società, spiriti critici, nel corridoio, ascoltiamo le parole di coloro che, indipendentemente dalla loro età, hanno la forza di colpire la nota irrevocabile di ammonizione per questa vergognosa follia.

E un grido di milioni di persone si alzò verso le stelle.
La gente non imparerà mai?
C’è una cosa che vale la pena di fare?
Chi è che è in trono lassù
dall’alto verso il basso coperto di medaglie,
e comanda sempre e solo: Uccidi! Uccidere!

(…)

E dopo altri vent’anni.
arriveranno nuove armi da fuoco. –
Non ci sarebbe pace.
Sarebbe una follia.
La vecchia danza sul vecchio vulcano.
Non uccidere! ha detto qualcuno.
E l’umanità lo sente, e l’umanità si lamenta.
Non cambierà mai?
Guerra alla guerra!
E la pace sulla terra.

Theobald Tiger alias Kurt Tucholsky, 1919

Fonti:

  1. https://www.bundestag.de/services/glossar/glossar/R/repraes_demo-247326
  2. https://www.bundesregierung.de/breg-de/service/bulletin/rede-von-bundeskanzlerin-dr-angela-merkel-794788
  3. https://www.bundespraesident.de/SharedDocs/Reden/DE/Joachim-Gauck/Interviews/2016/160619-Bericht-aus-Berlin-Interview.html
  4. https://www.spiegel.de/politik/deutschland/fdp-bezahlt-millionen-schulden-nicht-und-kommt-damit-durch-a-1220026.html
  5. https://www.stern.de/politik/ausland/irak-krieg-die-bagdad-protokolle-3754242.html
  6. https://www.nytimes.com/2006/02/27/politics/german-intelligence-gave-us-iraqi-defense-plan-report-says.html
  7. https://www.heise.de/tp/features/Grossmanoever-Defender-2020-Deutschland-im-Auge-des-Sturms-4629858.html
  8. https://www.bundeswehr.de/de/organisation/streitkraeftebasis/uebungen/defender-europe-20
  9. https://www.berlin.de/special/jobs-und-ausbildung/nachrichten/berlin/5616720-5510939-8-mai-2020-feiertag-in-berlin.html
  10. https://www.bundesregierung.de/breg-de/themen/erinnern-und-gedenken/historische-reden/reden-zum-gedenken-an-die-opfer-der-weltkriege
  11. https://www.bundesregierung.de/breg-de/service/bulletin/zum-gedenken-an-das-ende-des-2-weltkrieges-vor-50-jahren-erklaerung-des-bundeskanzlers-zum-8-mai-801094
  12. https://www.bundesregierung.de/breg-de/suche/rede-des-bundesministers-des-auswaertigen-dr-frank-walter-steinmeier–805338
  13. https://www.world-economy.eu/details/article/2020-werden-die-sich-oeffnenden-archive-das-droehnen-der-paradepanzer-uebertoenen/
  14. https://www.heise.de/tp/features/USA-und-Nato-ueben-mit-Defender-Europe-20-einen-Krieg-mit-Russland-4609360.html

+++
Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento dell’immagine: Gints Ivuskans / scuriera

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort