Corona: La grande confusione

Un commento di Rainer Rupp.

Dopo quasi cinque mesi di esperienza corona in Germania, con raccomandazioni molto contraddittorie e rapporti di ricerca molto diversi tra loro, valutazioni e dichiarazioni di esperti corona tedeschi e internazionali nel campo della virologia e dell’epidemiologia, di pneumologi, pneumologi, patologi, sociologi, economisti, politici e giornalisti, dopo questo diluvio di presunte verità e mezze verità inconfutabili, dopo tutto questo, come attento osservatore della scena oggi sono confuso come lo ero all’inizio dell’anno, ma ora su un livello molto più alto.

In effetti, lo scherzo diffuso all’inizio della crisi è diventato una triste verità. Si leggeva: “C’è solo una cosa che si diffonde ancora più velocemente di Corona, gli esperti di Corona”. Ma forse sono forse ancora più pericolosi per l’umanità del virus stesso, almeno se si guarda alla catastrofe sociale e al chiaroscuro economico che gli instancabili combattenti di Corona hanno causato nei posti di comando politico. Anche se la Bibbia dice “E Gesù disse: Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno”. In realtà, c’era sempre la sensazione travolgente che voi, i nostri politici, compresi i loro esperti, non sapevate davvero cosa stavano facendo. Ma una volta che la popolazione si è ripresa dallo shock della minaccia di Corona, e dalla miseria sociale ed economica che si è creata, oso dubitare che la popolazione perdonerà così facilmente i politici e i loro partiti in modo cristiano.

“Sanno benissimo quello che fanno”, invece, è una forte opinione di minoranza che non si fidava dei politici di partito e del “profondo sistema statale” anche prima della crisi di Corona. Ora si sospetta che dietro la presunta “falsa” crisi di Corona ci siano piani oscuri e malvagi. Poiché una nuova crisi finanziaria ed economica era già stata annunciata alla fine dello scorso anno per il 2020/2021, come incidentalmente confermato dalla letteratura specializzata in materia, questa minoranza sospetta che i poteri del Deep State abbiano usato la comparsa del virus corona come una gradita opportunità per portare i loro greggi sulla terraferma.

Il presunto innocuo virus Corona, che non è più pericoloso di un’influenza, è stato poi reinterpretato dai media mainstream volenterosi come una pandemia mortale per mettere la società in uno stato di shock, permettendo l’attuazione di misure che non avrebbero mai potuto essere applicate anche in una crisi normale. Prendiamo, ad esempio, la gigantesca operazione finanziaria per la quale le leggi sono state fustigate attraverso il parlamento d’emergenza, con l’aiuto della quale il governo federale ha improvvisamente messo a disposizione miliardi di euro per la distribuzione gratuita, presumibilmente per salvare l’economia e i posti di lavoro.

Tuttavia, se si guarda più da vicino, il governo federale ha strumentalizzato il Corona Virus secondo il vecchio motto politico secondo cui “nessuna crisi deve essere sprecata inutilizzata” per far passare i vecchi piani, cosa che in circostanze normali non si sarebbe potuto fare. Infatti, con il pretesto della crisi della corona, il governo ha solo anticipato la nuova crisi finanziaria ed economica prevista per il 2020/2021. In condizioni normali, il governo federale avrebbe scatenato una rivolta popolare con piani di salvataggio del casinò finanziario ancora una volta a spese dei contribuenti. Ma questo è esattamente quello che è successo ora. Dichiarati come aiuti Corona, i trilioni di euro in sovvenzioni sono andati principalmente alle banche e alle grandi imprese, trascurando le piccole e medie imprese, dove la stragrande maggioranza dei dipendenti si guadagna da vivere. Il sentimento tra la politica e il grande denaro ha trionfato ancora una volta. La gente non solo se ne andrà a mani vuote, ma dovrà pagare il conto per le generazioni a venire.

D’altra parte, il timore in parte panico della popolazione del virus dell’élite al potere ha anche esaudito un altro vecchio desiderio, vale a dire testare fino a che punto si può arrivare con l’appropriato allarmismo, per limitare i diritti elementari di base o addirittura abolirli temporaneamente senza provocare una rivolta popolare. In vista della progressiva polarizzazione politica e sociale universalmente attesa, dove il piccolo numero dei ricchissimi diventa sempre più ricco e la massa dei poveri diventa sempre più grande e povera, e allo stesso tempo i modi sociali si esprimono sempre più con la violenza, le élite e gli anziani delle città dei ricchi negli uffici governativi e nelle autorità sono da anni sempre più preoccupati per il loro futuro sicuro, non solo in Germania. E questo include, prima di tutto, il controllo della plebe, affinché un giorno non prenda d’assalto i loro palazzi con torce e forconi.

In questo contesto, le drastiche restrizioni alle libertà personali, al diritto di riunione e al diritto di manifestare assumono un significato completamente diverso. Queste misure coercitive includono anche l’annullamento delle leggi sul lavoro con la nuova legge sul lavoro obbligatorio, con un massimo di 12 ore di lavoro giornaliero forzato. Da non dimenticare i tentativi del governo di limitare la libertà di espressione e anche il diritto alla sua libera e libera diffusione, perché presunte “notizie false” su Corona mettono in pericolo la salute della popolazione.

A differenza delle restrizioni alle altre libertà personali, la legge sulle epidemie non fornisce un mezzo per limitare il diritto fondamentale della libertà di parola e la sua diffusione senza ostacoli, anche alla luce della crisi di Corona. Pertanto, sotto la minaccia di una punizione, i politici hanno affidato il compito della censura a “subimprenditori” privati, cioè agli operatori dei cosiddetti “social media” come Face Book, utube, google, ecc. che ora praticano la censura in modo grottesco, su cose di cui non sanno nulla.

Ora non bisogna farsi prendere dal panico e credere che queste leggi, che nella loro forma attuale farebbero “tutto onore” a uno Stato di polizia in America Latina, determineranno anche la nostra vita nell’era post-Corona. Ma chi ha studiato la storia delle democrazie civili, o è abbastanza vecchio da aver acquisito esperienza, sa che le leggi una volta promulgate non vengono mai completamente revocate, anche quando l’emergenza è finita da tempo.

Molte delle nuove leggi continueranno ad esistere in una forma o nell’altra e scompariranno prima in un cassetto per essere portate fuori di nuovo in un’occasione adeguata. Questo non richiederà necessariamente una crisi pandemica. Per riportare la limitazione del diritto di riunione e di manifestazione, la crisi può anche essere definita “disordine sociale”. In una situazione del genere, anche la riattivazione delle leggi sui divieti di contatto e di uscita potrebbe essere molto utile. Qui sta il vero pericolo delle nuove leggi per l’era post-Corona.

Le crisi sociali ed economiche che si sono aggravate dopo il crollo finanziario del 2008 non solo in Germania, ma ancora di più nell’Ue e oltre, in tutto il cosiddetto “mondo occidentale liberale”, non saranno certamente terminate dopo la fine della pandemia di Corona.

Piuttosto, ci si deve aspettare lo sviluppo opposto nell’era post-Corona. A causa del blocco, dell’interruzione temporanea o permanente delle catene di approvvigionamento, del grave crollo della produzione, della disoccupazione di massa, dei fallimenti di massa delle piccole imprese, del calo della domanda di beni di consumo e di investimento, della formazione di nuove bolle sui mercati finanziari a causa di miliardi di euro e di dollari iniettati dalle banche centrali, ecc. p.p., tutto questo non rimarrà senza gravi conseguenze per la stabilità politica e sociale dei paesi occidentali, compresa la Germania, che non possono ancora essere valutate.

In superficie, sembra che molti di questi sviluppi reali e attesi supportino la tesi di chi crede che il virus corona non sia più pericoloso di un’influenza, ma che le élite del Deep State abbiano scatenato il panico e usato la paura della popolazione per salvare se stessi e i propri simili a spese delle masse della popolazione durante la prossima crisi, realizzando al contempo un grande profitto con il business globale delle vaccinazioni anti-corona. Anche se molti elementi di questo puzzle sono corretti, trovo inaccettabile la conclusione che Corona sia un falso. C’è una semplice ragione per questo:

Si può immaginare una costellazione in cui in Stati così diversi come Cina e Stati Uniti, Cuba e Gran Bretagna, Russia e Germania, Arabia Saudita e Iran, Israele e Siria, e così via, cioè in tutti questi Stati le élite politiche ed economiche concordano di spaventare la propria popolazione con un falso virus corona per far rispettare meglio le rispettive agende politiche. Anche con il più sfrenato dei fantasmi, non riesco a immaginare una costellazione che possa produrre un simile scenario.  In altre parole: Corona non è un falso e il virus rappresenta un pericolo reale non paragonabile all’influenza, ma che colpisce le persone con diversi gradi di gravità o addirittura le risparmia completamente, a seconda della loro precedente malattia e della forza del loro sistema immunitario.

La cosa fatale è che coloro che propagano una grande cospirazione coronarica delle élite stanno così svalutando le loro giustificate critiche alle rimostranze sociali, sociali e politiche dello Stato. Rendono facile ai loro avversari, soprattutto ai sostenitori dello status quo, rinnegarli e ridicolizzarli come teorici della cospirazione di fronte al pubblico.

Questo non vuol dire, però, che la scienza ora sappia tutto di CoVid-19. Tutt’altro.  Ne sappiamo di più, ma non conosciamo ancora i dettagli. E coloro che credevano di essere in possesso della verità e che si riferivano ad alta voce alla “scienza” quando esprimevano la loro opinione, non potevano provare le loro tesi sul CoVid-19 in modo generalmente valido, così come i loro avversari che sostenevano esattamente il contrario e potevano anche riferirsi a scienziati eminenti e onesti. La polemica ancora in corso sul senso della salute o l’assurdità di indossare maschere facciali è un esempio banale di questo.

In questa categoria di differenze in corso tra virologi, epidemiologi e medici rinomati cade anche il dibattito apparentemente insolubile sul numero totale di persone infette e sul numero di morti che sono morte con o su corona.

Anche la questione del tasso di mortalità è temporaneamente insolubile,

perché i test condotti in modo casuale hanno dimostrato che molte più persone di quelle ufficialmente registrate sono infettate da Corona senza mostrare sintomi ma continuando a infettare le persone nel loro ambiente.
perché dopo cinque mesi di crisi, non c’è ancora un numero sufficiente di kit di prova disponibili perché il Ministero della Salute ha superato lo sviluppo
perché, inoltre, i pacchetti di test disponibili sono inaffidabili, cosicché, secondo un esperto, si potrebbe anche lanciare una moneta per determinare se qualcuno è infetto o meno.
Per calcolare la letalità del virus, è necessario il numero di casi di infezione e il numero di decessi. Nel caso della Repubblica Federale di Germania, al 21 maggio sono state confermate 178.531 infezioni e 8.270 morti, pari al 4,6 per cento. Tuttavia, molti esperti sostengono che il numero di infezioni coronariche non rilevate senza sintomi è molte volte superiore al numero di infezioni rilevate. Se, ad esempio, le infezioni non rilevate sono grandi quanto quelle rilevate, la mortalità dell’infezione si riduce già alla metà, 2,3 per cento.

Anche il numero di persone che muoiono presumibilmente a causa della corona è contraddittorio. Nessuno sa esattamente se un morto è morto a causa della corona o per un’altra causa, combinata con un’innocua infezione da corona. Il presidente dell’istituto tedesco Robert Koch ha confermato, ad esempio, il 20 marzo 2020, che i decessi per i test positivi sono considerati “morti per corona” indipendentemente dalla reale causa del decesso: “Nel nostro Paese, una morte per corona è qualcuno in cui è stata rilevata un’infezione da virus corona”, ha detto il presidente della RKI in risposta a una domanda di un giornalista. Anche nelle case di riposo, a quanto si dice, spesso si decide con il metodo “Pi times thumb” se i morti sono registrati come vittime della corona o meno.

Di conseguenza, le cifre non sono corrette sul fronte e sul retro perché i calcoli differiscono da un distretto governativo all’altro, da uno Stato federale all’altro, da uno Stato all’altro e praticamente ovunque. Affidabili dichiarazioni nazionali o confronti internazionali diventano un gioco d’azzardo. E nessuno può dire quanto Corona sia davvero contagiosa. Solo le autopsie sistematiche possono fornire informazioni su quante persone sono effettivamente morte a causa di Corona. Tutto il resto è speculazione.

In questo contesto, c’è stata una curiosità speciale dopo la comparsa dei primi casi CoVid-19 in Germania, ovvero la raccomandazione del venerabile Robert Koch Institute (RKI) a tutti i patologi di non eseguire autopsie sulle morti per corona! Questo, anche se il libro di testo richiede esattamente questo quando compaiono nuove malattie, soprattutto in caso di pandemie. La ragione ancora più strana addotta dall’Istituto Robert Koch per non fare autopsie è che il virus corona è troppo contagioso. Eppure i patologi, grazie alla loro professione, hanno sempre il miglior abbigliamento protettivo possibile in ogni momento della giornata e dell’anno.

Come se non bastasse, il 3 aprile scorso l’Istituto tedesco Robert Koch (RKI) ha nuovamente sconsigliato l’autopsia di persone decedute positive al test perché il rischio di infezione da goccioline di aerosol era presumibilmente troppo alto. Naturalmente, questo discutibile comportamento dello stesso istituto statale incaricato di combattere la corona non solo ha fatto tremare la testa agli esperti, ma ha anche messo acqua sui mulini di tutti coloro che vedono una cospirazione dietro la crisi della corona.

Uno specialista in patologia commenta questo comportamento dell’RKI come segue: “Un burlone che pensa il male! Finora è stato scontato che i patologi effettuassero autopsie con adeguate precauzioni di sicurezza anche in caso di malattie infettive come l’HIV/AIDS, l’epatite, la tubercolosi, le malattie PRION, ecc. È degno di nota il fatto che in una malattia che sta uccidendo migliaia di pazienti in tutto il mondo e che sta portando le economie di interi paesi a un virtuale blocco, sono disponibili solo pochissimi risultati di autopsie (sei pazienti provenienti dalla Cina). Dal punto di vista sia della polizia epidemica che della comunità scientifica, dovrebbe esserci un interesse pubblico particolarmente elevato per i risultati dell’autopsia. Tuttavia, è vero il contrario. Abbiamo paura di scoprire le vere cause della morte del defunto testato positivamente? È possibile che il numero di morti coronariche si sciolga come neve al sole primaverile?”

Sorprendentemente, un sito web del NDR “Tagesschau” del 21 aprile 2020 pone anche la domanda critica: “Il RKI vuole impedire le autopsie? E continua: “In una raccomandazione del RKI alcuni vedono un tentativo di nascondere la vera portata dell’epidemia di Corona”. All’epoca, tuttavia, il rapporto NDR di Tageschau si occupava principalmente dei primi risultati di tutta una serie di autopsie sistematiche, che il Prof. Klaus Püschel, direttore dell’Istituto di Medicina Legale del Centro Medico Universitario di Amburgo-Eppendorf, aveva da tempo avviato di propria iniziativa, contrariamente alla raccomandazione dell’RKI.

A proposito, a questo punto la rinnovata raccomandazione di RKI del 3 aprile di non eseguire alcuna autopsia era finalmente scomparsa dal sito web di RKI. Il vicepresidente di RKI, Lars Schaade, ha invece dichiarato durante la conferenza stampa del 21 aprile: “Soprattutto quando la malattia è nuova, è importante eseguire l’autopsia il più possibile. Perché si potrebbe sperare di trarne nuovi spunti”.

Qualche settimana dopo, il 9 maggio, in un articolo su “Die Welt”, seppur molto brevemente, abbiamo potuto leggere una sensazione di corona in un articolo. Sotto il titolo “Studio: i pazienti della Corona muoiono sorprendentemente spesso di embolia”, il quotidiano ha riportato i risultati di uno studio del medico legale Prof. Püschel e del suo team, che aveva già effettuato autopsie e analizzato 192 decessi di Covid-19. Secondo lo studio, più della metà dei pazienti morti per corona ha causato trombosi (coaguli di sangue) ed embolie polmonari fatali.

Secondo il Prof. Püschel, ciò rende superflua la discussione sul fatto che qualcuno sia morto di o con Corona. Tutta una serie di autopsie di morti per corona eseguite in Svizzera hanno confermato anche i risultati del Centro Medico Universitario di Amburgo-Eppendorf. Secondo questo, il CoVid-19 è una malattia sistemica che colpisce e infiamma l’intero endotelio. L’endotelio è uno strato cellulare che forma una sorta di scudo protettivo intorno agli organi e al tratto intestinale. L’infiammazione di questo strato protettivo provoca la formazione di mini coaguli di sangue, che bloccano i processi vitali nei micro vasi. Se questo processo di regolazione viene interrotto, può causare disturbi circolatori negli organi o nei tessuti del corpo, che possono portare alla morte delle cellule e quindi alla morte di questi organi o tessuti.

La conclusione è che il virus corona non solo scatena la polmonite, ma direttamente un’infiammazione dell’intero endotelio del corpo, in cui sono incorporati i vasi del cuore, del cervello, dei polmoni e dei reni e i vasi del tratto intestinale. “Con conseguenze fatali: Si sviluppano gravi disturbi microcircolatori, che danneggiano il cuore, causano embolie polmonari e occlusioni vascolari nel cervello e nel tratto intestinale e possono portare a insufficienza di organi multipli o addirittura alla morte”, dice una dichiarazione sul portale dell’Università di Zurigo” , vedi anche un rapporto in Russia Today.

Questa scoperta spiega, tra l’altro, perché recentemente un paziente di CoVid-19 ad Amburgo è diventato cieco a causa della corona, perché si erano formati dei mini coaguli di sangue intorno al nervo ottico, in seguito ai quali il nervo ottico è morto, secondo un rapporto del programma medico “Visite” su NDR del 12 maggio 2020.

Sulla base dei risultati dell’autopsia, i medici vogliono ora cercare di usare gli anticoagulanti per prevenire i coaguli che si formano nella fase acuta del CoVid-19 e che portano al collasso degli organi. Se questa terapia avesse avuto successo, molte vite avrebbero potuto essere salvate se i risultati dell’autopsia fossero stati disponibili prima.

I risultati dell’autopsia permettono un’altra importante conclusione, che si spera metta fine ad ulteriori speculazioni sulla natura del virus corona, vale a dire che l’affermazione che COVID-19 sia un’influenza innocua non è vera! Anche se non tutte le persone infette devono ammalarsi – in modo simile a un’influenza – il decorso della malattia di COVID-19 è molto più insidioso e grave del virus dell’influenza e non dovrebbe quindi essere preso alla leggera. Il che ci riporta alla questione se l’allentamento sociale sia troppo presto e quindi pericoloso o meno.

In questo contesto, il rapporto di un informatore del ministero federale degli Interni, al quale hanno lavorato noti medici e scienziati, ha recentemente messo il governo federale in una situazione difficile, non solo perché mette in crisi il blocco sociale e la chiusura di interi rami dell’industria come un errore disastroso da parte dell’élite politica tedesca, ma anche perché mette in gioco una prospettiva completamente nuova, ovvero i costi opportunità delle misure governative. Infatti, il rapporto sostiene che, poiché la maggior parte dei letti delle unità di terapia intensiva degli ospedali erano riservati a potenziali pazienti affetti da corona, non è stato possibile effettuare decine di migliaia di operazioni necessarie su pazienti non covidi 19, con il risultato che, a conti fatti, sono morti più pazienti non covidi 19 che non ci sono morti di corona.

C’è da aspettarsi che il materiale per un’ulteriore confusione nella questione della corona non si esaurisca così rapidamente.

+++

Fonti:
1 https://www.facebook.com/share.php?u=https%3A%2F%2Fswprs.org%2Frki-relativiert-corona-todesfaelle%2F&_rdr

2 https://www.youtube.com/watch?v=gSn_YaOYYcY

3 https://www.welt.de/regionales/hamburg/article207848211/Studie-Corona-Patienten-sterben-ueberraschend-oft-an-Embolien.html

4 http://www.usz.ch/news/medienmitteilungen/Seiten/mm-covid-19-gefaesserkrankung.aspx

5 https://deutsch.rt.com/europa/101381-universitaetsspital-zuerich-covid-19-ist-auch-eine-systemische-gefaessentzündung/?fbclid=IwAR3zpygbJLa-LoGprHkPDXNdO67GzMQdTTRcgoMXIEbZa3eBuvGq4xGQbvE

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Mongkolchon Akesin / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort