Gli USA sono la fonte del rinnovato terrorismo dell’ISIS in Siria | Di Rainer Rupp

Un commento di Rainer Rupp.

Recentemente sono di nuovo aumentati gli attacchi contro posizioni siriane da parte di terroristi dell’autoproclamato “Stato islamico dell’Iraq e della Siria” (ISIS), dovuti alla rinascita dell’organizzazione terroristica, dotata di armi moderne e operante con crudeltà medievale, nelle aree della Siria orientale occupate dagli USA in violazione del diritto internazionale. In effetti, dietro a questo sviluppo ci sono i criminali guerrafondai di Washington. Il motivo è stato chiarito questa settimana dal giornalista investigativo statunitense Tony Cartalucci, specializzato in contesti geo-politici, nel suo articolo recentemente pubblicato sotto il titolo “US Seeks to Prolong Terrorism in Syria, Not Defeat It”.

Secondo Cartalucci, un ex soldato della forza d’elite dei “Marines” statunitensi, gli Hawks di Washington vogliono aumentare di nuovo l’instabilità del Paese rilasciando migliaia di prigionieri dell’ISIS dai campi nelle zone della Siria orientale controllata dai militari statunitensi.

In realtà, questo deve essere visto come parte della promessa fatta pubblicamente dai Falconieri statunitensi ai loro guerrafondai alleati in Israele, in Europa e negli Stati feudali del Golfo Arabo alcuni anni fa, cioè di trasformare la Siria in una “palude” simile a quella del Vietnam in cui Russia e Iran dovrebbero affondare. Con questa promessa, volevano distogliere l’attenzione dalle critiche dei loro stessi ranghi e dei loro alleati che avevano scommesso su un approccio più robusto da parte della presunta “invincibile” US Air Force contro i russi in Siria. I sistemi di difesa aerea russi S-300 e S-400, unici nel loro genere, e il Pantsir, invece, hanno messo al suo posto l’Aeronautica Militare degli Stati Uniti.

In questo contesto, l’inviato speciale degli Stati Uniti per la Siria presso il Dipartimento di Stato americano, James Jeffrey, ha ammesso in un articolo apparso sulla rivista statunitense Newsweek all’inizio dell’anno che la strategia degli Stati Uniti è stata quella di indebolire i nemici dell’America in Siria e allo stesso tempo di evitare di essere trascinati sempre più in nuove operazioni costose per gli Stati Uniti. Dato che il presidente siriano Assad controlla la maggioranza del Paese ed è sostenuto da Russia e Iran, gli Stati Uniti stanno cercando di minarli, l’articolo continua. Jeffrey viene poi citato alla lettera: “La Siria non è l’Afghanistan, questo non è il Vietnam. Non è una palude (ancora). Il mio compito è quello di trasformarla in una palude per i russi”.

E come si fa a trasformare la Siria in una palude senza combattere? I criminali di Washington possono ripiegare sul loro metodo collaudato e mobilitare i tagliagole islamisti che rimangono nelle zone della Siria occupate dagli Stati Uniti.

In effetti, sembra che questo avvenga dall’inizio dell’anno. I combattenti dell’ISIS sono scomparsi sempre più velocemente dai campi di prigionia, originariamente sorvegliati dagli alleati curdi statunitensi. Ma con gli attacchi turchi contro le zone curde all’inizio dell’anno, i curdi hanno ritirato la maggior parte delle loro guardie e le hanno mandate a combattere contro i turchi. Di conseguenza, c’erano sempre più lacune di sicurezza nel sorvegliare le migliaia di prigionieri dell’ISIS nei campi che si trovavano nella zona controllata dagli Stati Uniti. Allo stesso tempo, l’esercito statunitense non ha fatto nulla per colmare le lacune e ha deliberatamente guardato dall’altra parte mentre i campi di prigionia si svuotavano sempre più velocemente.

Le principali fonti di petrolio della Siria si trovano anche nelle zone controllate dalle forze di occupazione statunitensi. Secondo le letture ufficiali statunitensi, l’esercito statunitense tiene sotto controllo i giacimenti petroliferi siriani nel sud-est del Paese per proteggerli da un nuovo accesso da parte dei risorgenti tagliatori islamisti. Tuttavia, questo non è compatibile con l’aiuto passivo dei combattenti dell’ISIS per fuggire dai campi di prigionia da parte dei militari statunitensi che guardano dall’altra parte. D’altra parte, dimostra ancora una volta che i signori della guerra statunitensi non esitano a usare le cut-off islamiste come strumenti per creare una palude per la Russia in Siria da cui non usciranno mai.

La presunta protezione del petrolio siriano dall’ISIS è anche una commedia di facciata. Infatti, “l’esercito americano ruba il petrolio siriano e lo trasporta su camion verso la Turchia, mentre il popolo siriano deve andare d’accordo senza carburante”, scrive Gordon Duff, caporedattore del giornale online dei veterani di guerra statunitensi “Veterans Today” in un mordente accordo generale con il Pentagono e la sua macchina da guerra criminale. “L’esercito americano sta bruciando i campi di grano in Siria mentre il popolo siriano muore di fame. Queste non sono congetture”, scrive. Continua:

“I militari americani hanno attaccato la Siria con missili, presumibilmente in risposta ad attacchi con gas velenosi da parte del governo siriano. In realtà, questi attacchi velenosi sono stati falsificati da terroristi islamici con la partecipazione attiva degli Stati Uniti e dei loro complici europei. Neanche questo è sospetto”, ha detto Duff, che era un Marine nella guerra del Vietnam, ferito e congedato con una disabilità permanente.

Non fa mistero del suo disprezzo per gli ufficiali di carriera statunitensi, “i profumati principi del Pentagono” e le loro truppe mercenarie. Nel suo ultimo articolo sa come raccontare la sua esperienza:

“Dove l’esercito statunitense è sotto i riflettori e quindi non vuole commettere crimini evidenti, le compagnie mercenarie come la Blackwater e altre sono usate per contrabbandare armi per i terroristi, per assassinare i leader locali, compresi medici e insegnanti, e per inscenare atrocità che vengono poi attribuite al governo di Assad”.

“Duff si chiede e si risponde: “Sì, certo che lo fanno, è per questo che sono addestrati i corpi speciali, è per questo che i famosi eroi delle guerre in Medio Oriente possono raggiungere numeri enormi di uccisioni. Devi solo sparare a tutti quelli che vedi e poi chiamarli “sospetti terroristi” o “combattenti nemici”. Abbiamo visto tutti il video di Wikileaks dove un elicottero d’attacco americano con il suo cannone automatico falcia i civili in mezzo a una città in strada, e poi uccide gli altri civili che sono venuti in aiuto dei sopravvissuti al primo massacro.

Duff continua dicendo:

“Ci sono oltre 2000 video di droni americani con immagini ancora peggiori: di missili Hellfire altamente esplosivi che fanno a pezzi le case per matrimoni e funerali e altri raduni, radendo al suolo scuole e ospedali. La spiegazione ufficiale dell’esercito americano è sempre “una confusione”. Un numero infinito di confusioni”. L’esercito americano sarebbe sostenuto in questo da Turchia e Israele in particolare.

Secondo Duff, non c’è dubbio che “insieme a Turchia e Israele, gli Stati Uniti non solo riforniscono i terroristi in Medio Oriente e in Africa, ma effettuano anche missioni di combattimento con le mosche per aiutarli in ogni modo possibile. – Ogni atrocità nello Yemen ha una componente del coinvolgimento degli Stati Uniti, dalla pianificazione di attacchi dinamitardi contro i civili alla fornitura di armi chimiche vietate. Ma nessuno parla in pubblico”.

Tutto questo è reso possibile dal fatto che le forze statunitensi sono oggi guidate da un corpo di ufficiali, composto da laureati delle accademie militari, che sono stati scelti per questi lavori a causa della loro mediocrità intellettuale e dell’ambiguità morale. Dopo quattro anni di falsa educazione e indottrinamento, sarebbero poi “scatenati sul mondo, pronti a fare tutto ciò che gli viene detto di fare”.

Di conseguenza, gli Stati Uniti oggi hanno un esercito “che si adatta perfettamente alle nazioni guidate dai baroni della droga, un esercito che lavora senza soluzione di continuità fianco a fianco con i terroristi dell’ISIS, un militare – ufficiale o uomo arruolato – che si sente a suo agio a schiacciare la libertà delle nazioni ovunque vada”, dice l’articolo di Duff su Veterans Today.

L’articolo conclude che “il sostegno dei terroristi, la distruzione delle infrastrutture dei paesi che non si tirano indietro, il furto di petrolio, l’interruzione delle forniture d’acqua alle popolazioni assediate, l’applicazione di blocchi marittimi che rendono impossibile l’importazione di cibo e forniture mediche, tutto questo fa parte della politica militare statunitense di oggi”. Tutto questo viene realizzato da un esercito che assomiglia più a una “forza mercenaria” criminale che all’esercito di uno Stato nazionale.

Inoltre, gli Stati Uniti si sono impegnati in una direzione geopolitica “che insiste sul suo dominio globale, che a sua volta dipende dall’esercito statunitense, che a volte è una potenza occupante, a volte sostiene gli insorti, senza tracciare la linea di demarcazione tra “combattenti per la libertà” e terroristi.

I media statunitensi hanno recentemente riportato, con un gongolamento non mascherato, un grave scontro tra le forze siriane e i caccia dell’ISIS, che ha richiesto persino il dispiegamento delle forze aeree russe e nel quale sono stati uccisi almeno 90 caccia dell’ISIS. Secondo questi rapporti, i combattenti dell’ISIS sarebbero in nuove basi nelle regioni desertiche siriane ad ovest dell’Eufrate. Tuttavia, per mantenere la loro forza combattiva nella regione altrimenti desolata, devono avere forniture costanti di acqua, cibo, medicine, armi e munizioni. Poiché non possono aspettarsi rifornimenti dal territorio controllato dal governo ad ovest, l’unica area rimasta controllata dalle truppe statunitensi e dai loro alleati regionali.

La continua fornitura e l’armamento dei combattenti dell’ISIS sono chiare componenti della strategia di Washington di creare una palude per il Paese e i suoi alleati, oltre a continuare i furti di petrolio e l’occupazione e a mantenere le sanzioni paralizzanti contro l’economia siriana.

I tentativi di Washington di continuare a proporsi al mondo come partner nella lotta contro il terrorismo globale sono sempre più vani, poiché sempre più persone si rendono conto che gli stessi Stati Uniti sono la fonte del terrorismo globale. Pertanto, la continua presenza statunitense in Siria è pienamente mirata a prolungare il conflitto coinvolgendo i terroristi.

È difficile credere che Washington possa continuare a vendere la sua continua destabilizzazione delle nazioni e persino di intere regioni del mondo come un ordine globale attraente. Non c’è da stupirsi che sempre più nazioni siano alla ricerca di alternative.

Mentre gli transatlantici in questo paese sostengono anche che un ritiro degli Stati Uniti porterebbe alla rinascita dell’ISIS in Medio Oriente, il fatto è che i terroristi prosperano ovunque le forze governative siriane non siano riuscite a riconquistarsi a causa dell’occupazione illegale degli Stati Uniti. Un ritiro totale degli Stati Uniti sarebbe quindi il primo vero passo verso l’eliminazione dell’ISIS sia dalla Siria che dalla regione nel suo complesso.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Orlok/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort