Clade X: Un’arma biologica per la riduzione della popolazione | Di Paul Schreyer

Nel 2018, una piccola cerchia di esperti governativi a Washington ha provato una pandemia causata da un’arma biologica, secondo il copione, causata da un gruppo che voleva ridurre la popolazione mondiale per ottenere, così letteralmente, “il ‘reset’ o ‘cambio di paradigma’ che sarebbe stato necessario per cambiare radicalmente l’equilibrio.

Un estratto dal libro “Cronaca di una crisi annunciata”.

Di Paul Schreyer.

Tra il 1998 e il 2005, nel contesto della “guerra al terrore”, si sono messe in moto esercitazioni pandemiche sempre più apocalittiche in un rapido staccato, ma l’intensità delle esercitazioni è poi diminuita. Per più di dieci anni è successo poco. Dal 2008 in poi, il grande tema globale della crisi finanziaria ha apparentemente offerto pochi punti di partenza per le manovre di vaiolo. E anche il fiasco dell’influenza suina del 2009 probabilmente ha dovuto essere digerito per primo.

La situazione è cambiata con la nascita di Donald Trump, evento simbolo del visibile declino del sistema mondiale guidato dagli Stati Uniti. Poco dopo la sua elezione a presidente degli Stati Uniti nel novembre 2016, che inizialmente era sembrata incredibile a molti osservatori e che aveva inviato onde d’urto in tutto il mondo, l’esercizio è ricominciato.

In questo momento, gli sforzi di Bill Gates per collegare le questioni dei vaccini, della sicurezza internazionale e del bioterrorismo si sono intensificati. Nel gennaio 2017 si è recato alla riunione del World Economic Forum di Davos, dove ha dichiarato che “sono necessarie discussioni serie su come preparare un possibile attacco con armi biologiche”. Gates ha annunciato che intendeva approfondire l’argomento alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera nel febbraio di quell’anno. L’occasione è stata il lancio dell’iniziativa di ricerca sui vaccini CEPI (Coalition for Epidemic Preparedness Innovations), da lui fondata insieme all’industria farmaceutica e a diversi governi. L’obiettivo di questa iniziativa era quello di sviluppare i vaccini molto più velocemente di prima – invece di meno di dodici mesi in dieci anni – e di garantire il finanziamento pubblico-privato per questo.

Nel 2017, la Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, dove successivamente è apparsa Gates, è stata completamente oscurata dal trasferimento di Donald Trump alla Casa Bianca qualche settimana fa. Il FAZ ha segnalato una “particolare atmosfera nei corridoi e nelle sale sul retro” della sede della conferenza:

“Raramente – forse mai prima d’ora – i volti dei capi di Stato, dei ministri, delle aquile e degli esperti che vi hanno viaggiato sono stati così segnati da punti interrogativi. La crescente incertezza, l’insicurezza e la sfiducia hanno preoccupato i partecipanti e messo in ombra tutte le discussioni: gli americani deluderanno gli europei? La Nato si sta sfilacciando? E soprattutto: cosa terrà insieme l’Occidente in futuro? (…) È come se più di 20 capi di governo, più di 80 ministri, aquile ed esperti, insomma l’élite dei responsabili delle politiche estere e di sicurezza, si fossero riuniti per quella che è probabilmente la più grande terapia di gruppo che questo apparato ha sperimentato in questo secolo. Con un obiettivo incerto: scoprire quali sono i punti in comune rimasti – e se sostengono ancora un’architettura di sicurezza occidentale”.

“Mi rifiuto di accettare il crollo del nostro ordine mondiale”
Secondo la FAZ, John McCain, uno dei più influenti esperti di politica estera degli USA, ha colpito “il cuore della crisi occidentale dell’anima” nel suo discorso di Monaco: la questione se l’Occidente sarebbe sopravvissuto, ha detto McCain, era stata in precedenza liquidata come allarmismo – ma ora era “mortalmente grave”. Il conservatore integralista (morto un anno dopo) ha concluso il suo discorso, che ha ricevuto un fragoroso applauso dal pubblico riunito di capi di stato e militari, con la concisa confessione: “Mi rifiuto di accettare la caduta del nostro ordine mondiale.

È stato a questa conferenza, davanti a questo stesso pubblico, che Bill Gates ha parlato il giorno dopo. In essa spiegava i pericoli e i possibili dettagli di una grande pandemia:

“La prossima epidemia potrebbe essere sullo schermo del computer di un terrorista che usa l’ingegneria genetica per creare una versione sintetica del virus del vaiolo o un virus dell’influenza estremamente contagioso e mortale. (…) Che sia per uno scherzo della natura o per mano di un terrorista, gli epidemiologi dicono che un agente patogeno che si diffonde rapidamente nell’aria potrebbe uccidere più di 30 milioni di persone in meno di un anno. (…) Dobbiamo prepararci alle epidemie nel modo in cui i militari si preparano alla guerra. Questo include giochi di germi e altre esercitazioni di emergenza per capire meglio come le malattie si diffondono, come le persone reagiscono in preda al panico e come ci occupiamo di cose come le autostrade congestionate e i sistemi di comunicazione.

Tre mesi dopo, il Johns Hopkins Center for Health Security ha iniziato una pianificazione completa per una nuova manovra pandemica per la prima volta dopo molti anni – ancora più grande e complessa delle precedenti. Il titolo era “Clade X”. I preparativi sono iniziati nel maggio 2017, quattro mesi dopo l’ingresso di Trump alla Casa Bianca.

Lo scenario era diverso questa volta. Niente vaiolo, niente peste, niente antrace, ma invece un nuovo tipo di miscela di virus, che secondo il copione è stato sviluppato nel laboratorio di un’azienda biotecnologica: una combinazione genetica tra un virus parainfluenzale altamente contagioso e il virus Nipah, particolarmente letale. (Il virus Nipah, tra l’altro, è scoppiato in tempo reale in India nello stesso periodo dell’esercitazione ed è stato contenuto lì con l’aiuto di un ricercatore dell’esercito statunitense che aveva sviluppato un vaccino le cui aziende produttrici hanno ricevuto un finanziamento di 25 milioni di dollari dopo l’epidemia).

“Azione diretta per ottenere il ‘Reset'”.
La novità del copione dell’esercitazione non era solo il tipo di virus, ma anche il fatto che non si presumeva più che ci fossero terroristi senza un nome o una biografia, ma che un documento che accompagnava la manovra descriveva in modo sorprendentemente dettagliato la storia del gruppo terroristico fittizio ABD (“A Brighter Dawn”). Ecco, c’era scritto:

“A Brighter Dawn” si è formata negli Stati Uniti negli anni ’90. L’obiettivo dichiarato del gruppo era quello di rallentare ed eventualmente invertire il decadimento del pianeta causato dalla sovrappopolazione. A quel tempo, l’obiettivo di ABD era quello di aiutare l’umanità a ritornare ad uno stato precedente. Le attività del gruppo a quel tempo erano generalmente pacifiche e comprendevano conferenze e gruppi di discussione, attivismo di base e pubbliche relazioni.

Nel 2010, i membri di A Brighter Dawn sono cresciuti notevolmente, sia in termini di numero che di diversità geografica. C’erano membri e associazioni locali in molti paesi. All’incirca in questo periodo, sembra che ci sia stata una spaccatura all’interno di A Brighter Dawn. Un gruppo estremo dell’ABD ha ritenuto che fosse necessaria un’azione diretta per ottenere il “reset” o il “cambio di paradigma” che sarebbe stato necessario per cambiare radicalmente l’equilibrio.

Questo gruppo di scheggia era composto da non più di 30 persone. Un leader carismatico ha preso l’iniziativa e ha lavorato a stretto contatto con circa 25 altri membri ABD del gruppo che hanno avuto un’educazione di scienze della vita, compresi i virologi. Dopo la scissione, il gruppo Splinter ha allestito un laboratorio nei pressi di Zurigo, spacciandosi per una piccola start-up biotecnologica. Ha allestito un sofisticato laboratorio di scienze della vita con attrezzature liberamente disponibili e si è concentrato sullo sviluppo di un’arma biologica che avrebbe avuto un impatto globale. Anche i leader dell’ABD sembrano essere stati guidati dall’idea di una piaga biblica come correttivo degli eccessi dell’umanità. Il gruppo della scheggia è stato finanziato dai membri, da donatori privati che condividono le stesse idee e sono coinvolti in attività illegali. (…)

Dopo che l’agente patogeno Clade-X era stato sviluppato e prodotto con successo, i volontari dell’ABD, disposti a correre il rischio di infezione, hanno viaggiato in tutto il mondo con piccole quantità dell’agente patogeno liquido e hanno diffuso i virus con i normali flaconi spray in luoghi pubblici affollati. I numerosi attacchi sono stati relativamente inefficienti e quasi la metà di essi non ha infettato nessuno; gli altri attacchi hanno fatto ammalare in media solo 50 persone. Tuttavia, questo è stato sufficiente a scatenare la pandemia di Clade X.

L’esercizio si è svolto a Washington il 15 maggio 2018, sempre al Mandarin Oriental Hotel di lusso. L’epidemia provata è iniziata in Germania. Si sono svolte una serie di riunioni del Consiglio di sicurezza nazionale americano, i protagonisti erano di nuovo politici americani di alto rango, alcuni dei quali avevano già ricoperto funzioni governative e parlamentari simili o identiche in realtà. (1) (L’elenco dei partecipanti si trova alla fine del testo)

Secondo lo script, uno dei primi eventi dopo l’epidemia è stato lo sviluppo di un test PCR per individuare il virus. (PDF, p. 11) Il dibattito si è poi incentrato in gran parte sulle restrizioni di viaggio e sul blocco (poi chiamato quarantena). Si è parlato del “livello di violenza per mantenere la quarantena” che potrebbe essere consentito. (PDF, pag. 31) Si è giunti alla conclusione che occorreva creare maggiore “chiarezza giuridica” “in materia di trasferimento di competenze durante la quarantena”. Il governo dovrebbe anche includere nei piani i possibili effetti negativi di questo tipo di quarantena “compresa la resistenza pubblica alla sua attuazione”. (2)

150 milioni di morti
Nell’esercitazione la crisi è stata vissuta in rapido movimento. L’epidemia da regolamentare ha coperto un periodo di molti mesi. Secondo lo scenario, il numero di morti è aumentato alla fine a 150 milioni in tutto il mondo, di cui 15 milioni negli Stati Uniti. Secondo gli autori, si trattava di numeri ancora bassi, resi possibili solo dal fatto che la produzione di vaccini era stata estremamente accelerata.

Alla fine dell’esercizio, quindi, la prima priorità è stata quella di chiedere al governo di fornire immediatamente i fondi necessari per sviluppare nuovi vaccini “entro mesi, non anni”. (3) Una menzione particolare è stata fatta per i nuovi vaccini contro l’RNA (come quelli promossi da Bill Gates) – che modificano geneticamente gli esseri umani e giocano un ruolo importante nella crisi della corona. Le raccomandazioni dei pianificatori dell’esercizio al governo hanno dichiarato

“I recenti sviluppi della biologia sintetica (…) aprono nuove opportunità per la rapida scoperta di farmaci e vaccini efficaci. Allo stesso modo, i nuovi approcci alle contromisure, come i vaccini mRNA auto-rinforzanti (…) sono piattaforme promettenti che permettono un rapido sviluppo in caso di emergenza. (…) tutto questo potrebbe essere fatto in modo distribuito in modo che più persone in più luoghi possano produrre antidoti su larga scala”.

Tutto sommato, l’esercizio è sembrato un successo agli organizzatori. Hanno concluso che l’esercizio ha raggiunto un vasto pubblico e ha aumentato la consapevolezza degli effetti delle pandemie. Il Washington Post aveva riferito dell’esercizio tre volte. Clade X ha portato ad una serie di presentazioni ed eventi successivi al Congresso degli Stati Uniti, alla riunione degli esperti della Convenzione sulle armi biologiche, al CDC, all’Aspen Institute e ad altre organizzazioni. (4)

L’argomento è quindi tornato all’ordine del giorno su più livelli. (…) Quando il team del Johns Hopkins Center for Health Security ha successivamente progettato un esercizio di follow-up ancora più grande e complesso (“Event 201”), la prima lega di sponsor è salita a bordo: la Bill and Melinda Gates Foundation e il World Economic Forum (WEF). (…) Questo esercizio era fondamentalmente diverso dai precedenti in quanto questa volta non si trattava di dibattiti e voti da provare all’interno del governo, ma esplicitamente di formare i governi a lavorare con le multinazionali durante una pandemia. In una descrizione del Johns Hopkins Center for Health Security si legge

“Negli ultimi anni, il mondo ha conosciuto un numero crescente di epidemie, pari a circa 200 eventi all’anno. Questi eventi sono in aumento e stanno perturbando la salute, l’economia e la società. Affrontare questi eventi sta già mettendo a dura prova le capacità globali, anche se non c’è il pericolo di una pandemia. Gli esperti concordano sul fatto che è solo questione di tempo prima che una di queste epidemie diventi globale – una pandemia con conseguenze potenzialmente catastrofiche. Una grave pandemia che diventa ‘Evento 201’ richiederebbe una cooperazione affidabile tra industrie, governi e le principali istituzioni internazionali. (…) Simile alle tre precedenti esercitazioni del Centro – Clade X, Inverno Buio e Tempesta Atlantica – l’Evento 201 aveva lo scopo di informare ed educare gli alti dirigenti del governo degli Stati Uniti, di altri governi e società.

L’esercitazione Event 201 si è svolta il 18 ottobre 2019, due mesi prima della comparsa del coronavirus, e ha simulato in modo irritante lo scoppio di una pandemia globale di coronavirus.

Questo testo è un estratto dal libro “Cronaca di una crisi annunciata – Come un virus potrebbe cambiare il mondo”, Westend Verlag, 176 pagine, 15 euro.

Fonti e note:
(1) Ha suonato: Segretario di Stato: John Bellinger, ex consigliere legale del Dipartimento di Stato americano e del Consiglio di Sicurezza Nazionale; Segretario della Difesa: James Talent, ex senatore americano; Procuratore Generale: Jamie Gorelick, ex vice procuratore generale degli Stati Uniti, Commissario della Commissione dell’11 settembre; Segretario della Sanità e dei Servizi Umani: Margaret (Peggy) Hamburg, ex Commissario della FDA, ex Commissario del Dipartimento della Salute e dell’Igiene Mentale di New York; Segretario della Sicurezza Nazionale: Tara O’Toole, Vice Presidente Esecutivo e Senior Fellow, In-Q-Tel, ex Sottosegretario alla Scienza e alla Tecnologia; Direttore della CIA: Jeffrey Smith, ex consigliere generale della CIA; leader di maggioranza al Senato: Tom Daschle, ex senatore degli Stati Uniti, leader di maggioranza al Senato; presidente della Camera dei Rappresentanti: Susan Brooks, membro del Congresso, ex procuratore del Distretto meridionale dell’Indiana; direttore del CDC: Julie Gerberding, ex direttore del CDC.

(2 ) Crystal Watson et al: “Clade X: A Pandemic Exercise”, Health Security, Vol. 17, n. 5, 7 ottobre 2019, pag. 415.

(3) Ibidem, p. 414

(4) Ibidem, p. 417

+++

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta il 27.10.2020 sulla Magazin multipolar.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Connect world / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort