Il Corona Virus 2019-nCoV: una bomba a orologeria, non solo dal punto di vista medico

Un commento di Ernst Wolff.

Il Corona Virus 2019-nCoV – sebbene la prima malattia si sia manifestata solo due mesi fa e il suo genoma sia noto solo da tre settimane – ha già stabilito numerosi record mondiali. Mai prima d’ora nella storia dell’umanità un virus si è diffuso così rapidamente, mai prima d’ora il suo genoma è stato decodificato così rapidamente e mai prima d’ora così tante persone sono state messe in quarantena e intere grandi città sono state isolate dal mondo esterno.

Cosa c’è dietro tutto questo? Isteria? Tattiche di paura? Affari? Un esperimento fuori controllo negli agenti di guerra? Nessuno può rispondere a questa domanda in modo definitivo in questo momento. Tuttavia, alcuni fatti sembrano essere certi. Gli scienziati ipotizzano che il virus sia stato trasmesso da un animale all’uomo, che possa causare polmonite e insufficienza polmonare acuta e che possa portare alla morte in più del 2% dei casi.

Questo da solo non lo distingue fondamentalmente da un virus influenzale. Tuttavia, il fatto che i portatori del virus corona possano infettare gli altri prima dello scoppio della malattia, cioè durante il periodo di incubazione, e molto probabilmente anche qualche tempo dopo che i sintomi si sono attenuati, lo fa. Questa caratteristica non è di buon auspicio, in quanto rende straordinariamente difficile, se non impossibile, fermare la diffusione del virus corona.

Il mondo è mal equipaggiato

Se questo dovesse accadere – e non c’è motivo di supporre il contrario al momento attuale – la prima cosa che potrebbe accadere è una pandemia globale per la quale il mondo non è ben preparato. A causa della crisi finanziaria globale e della crisi dell’euro, negli ultimi anni i sistemi sanitari sono stati gravemente ridotti, la maggior parte degli ospedali è sottodimensionata, non è attrezzata in modo adeguato e in molti casi lavora già a pieno regime. Pertanto, anche nei paesi industrializzati, ci si deve aspettare una notevole carenza di pazienti.

I paesi emergenti e in via di sviluppo sarebbero colpiti molto più duramente. In Africa, ad esempio, il più importante partner commerciale della Cina e destinazione permanente di molti lavoratori cinesi, nessun paese dispone di cure mediche adeguate, né tanto meno dei mezzi per prevenire una pandemia controllando i casi sospetti, ad esempio mediante test rapidi.

Sarebbe particolarmente grave per i pazienti infetti con un grave decorso di malattia: Poiché spesso hanno bisogno della respirazione artificiale e il loro sangue deve essere arricchito di ossigeno al di fuori del corpo, un peggioramento della loro condizione significherebbe la morte certa per la maggior parte di loro.

Crolli economici e proteste sociali 

Ma anche le economie di questi Paesi sarebbero colpite dallo scoppio di una pandemia. Interi settori come la ristorazione, l’industria alberghiera e il turismo crollerebbero. Ci sarebbero anche interruzioni della produzione, interruzioni della catena di approvvigionamento e penuria alimentare, che porterebbero immediatamente ad un aumento dei prezzi.

In reazione a ciò, ci si potrebbe aspettare proteste sociali, forse anche rivolte o rivolte popolari, che potrebbero destabilizzare ulteriormente questi paesi già economicamente deboli e politicamente instabili, rendere ancora più difficili le condizioni di vita della maggioranza della popolazione e innescare così la prossima ondata migratoria.

Questa visione del futuro è troppo apocalittica? Difficile, perché anche se la Cina, l’Europa e il Nord America riescono a contenere il virus, le possibilità di farlo nei paesi più poveri dell’Asia, del Sud America e dell’Africa sono estremamente scarse.

Conseguenze fatali per il sistema finanziario globale

Tuttavia, il sottoutilizzo medico e le sue conseguenze non sarebbero in alcun modo l’unica minaccia che ci si può aspettare. Un’altra – e forse più grave – minaccia si annida nel sistema finanziario globale. Dalla crisi finanziaria globale, è stata tenuta in vita solo grazie a un’ampia manipolazione da parte delle banche centrali. Hanno fatto sì che attualmente abbiamo a che fare con i più alti livelli di indebitamento mai registrati e con enormi bolle nei mercati azionari, obbligazionari e immobiliari.

Poiché i crolli economici sulla scia della diffusione del virus corona sarebbero inevitabili anche nei paesi industrializzati, i finanziatori privati sarebbero probabilmente molto più cauti in futuro, cosicché le banche centrali sarebbero costrette a intensificare il corso di una rinnovata politica monetaria sciolta adottata l’anno scorso. La banca centrale cinese ha annunciato domenica che sosterrà il mercato azionario nazionale con 1,2 trilioni di yuan (156 miliardi di euro).

L’eccesso di denaro previsto ben oltre la Cina e la conseguente svalutazione del denaro potrebbe portare un numero sempre maggiore di investitori a fuggire in rifugi sicuri e quindi innescare un enorme crollo dei mercati finanziari – con il risultato che la fiducia nel denaro sempre più inutile si dissolverebbe rapidamente.

Nessuno può attualmente prevedere con certezza come si svilupperà l’attuale pandemia nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. Tuttavia, se la tendenza che sta emergendo finora continua, non si può escludere che il virus corona 2019-nCoV si rivelerà il tanto decantato “cigno nero” – l’evento che finalmente scatenerà il tanto atteso crollo del sistema finanziario globale.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Soni’s / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort