Cosa dovreste sapere dell’euro digitale per averne paura | Di Norbert Häring

Un punto di vista di Norbert Häring.

Quasi nessun altro documento mi è stato inviato così spesso come le recenti deliberazioni della Banca Centrale Europea (BCE) sull’euro digitale. C’è chiaramente un grande bisogno di valutare se un euro digitale sarebbe una cosa buona o cattiva. I rappresentanti delle autorità monetarie e della sinistra, tra gli altri, esortano la BCE a farlo. Credo che questo sia un grave errore.

Il 2 ottobre la BCE ha annunciato in un comunicato stampa che avrebbe intensificato il suo lavoro sull’euro digitale. Il motivo addotto è che ci sono tre possibili scenari: (i) un netto calo nell’uso del contante, (ii) l’emissione di un “mezzo di pagamento privato globale che porta con sé preoccupazioni normative e rischi per la stabilità finanziaria e la protezione dei consumatori”, e (iii) l’uso diffuso di una valuta di banca centrale digitale emessa da banche centrali estere.

Con un euro digitale, noto anche come moneta digitale della banca centrale o CBDC, si potrebbe, se si volesse e si permettesse, fare qualcosa di buono, cioè

  • creare un supplemento in contanti che protegga quasi altrettanto bene la privacy, ma che sia più pratico per alcune applicazioni,
  • dare ai cittadini e alle imprese un’alternativa al denaro bancario a rischio di fallimento, riducendo così il potere delle banche,
  • aiutano a evitare che un’azienda privata come Facebook, con una propria valuta accettata a livello mondiale, non riesca a escludere l’euro nelle transazioni di pagamento,
  • impedire alla Cina di utilizzare il suo yuan digitale per sostituire l’euro (o il dollaro) come valuta di transazione.

Questi sono i motivi per cui la sinistra e i monetaristi promuovono il denaro della banca centrale digitale.

D’altra parte, però, può essere utilizzato anche per scopi più insidiose, in particolare:

  • facilitare e accelerare l’abolizione del contante al fine di perfezionare il controllo finanziario sui cittadini.
  • Difendere ed espandere il potere sanzionatorio del governo degli Stati Uniti, con il quale fa rispettare la propria legge in tutto il mondo, anche in Europa, in violazione del diritto internazionale.

Per rendere comprensibile la mia valutazione, spiegherò brevemente cos’è e come funziona l’euro digitale. Poi sarà una questione di chi lo controlla e di cosa motiva questo o questi enti.

Cos’è l’euro digitale?

I saldi di credito digitali che sono denominati in euro e con i quali è possibile pagare esistono già oggi sotto forma di denaro bancario, sulla base del quale trasferiamo denaro o paghiamo con la carta. Tuttavia, questi saldi bancari digitali rappresentano legalmente solo crediti per il pagamento di euro reali da parte della banca centrale. Un vero euro digitale è il denaro digitale della banca centrale.

Finora, solo le banche hanno accesso al denaro della banca centrale digitale. Essi dispongono di conti di credito presso la banca centrale attraverso i quali trattano tra loro le operazioni di pagamento. La principale innovazione della moneta digitale della banca centrale (per tutti) sarebbe che tutti avrebbero accesso diretto o indiretto a tale moneta della banca centrale che può essere utilizzata nelle transazioni di pagamento digitali. Ci sono due modi per farlo:

  1. Tutti ottengono un conto presso la banca centrale per il traffico dei pagamenti. I saldi di questo conto sono scambiabili singolarmente con saldi presso banche commerciali o in contanti. Come la liquidità, questi saldi non sono a rischio di insolvenza perché dietro di essi c’è la banca centrale.
  2. I cittadini non possono avere un conto presso la banca centrale, ma hanno conti speciali presso le banche per il denaro della banca centrale digitale. A differenza dei normali depositi bancari, il saldo di questi conti non è un prestito alla banca, ma un conto di deposito a garanzia. Il titolare del conto è il proprietario del denaro in esso contenuto, la banca lo gestisce solo come fornitore di servizi. Se questi conti esistono, il denaro della banca centrale digitale può essere trasferito dal conto della banca centrale di una banca a un conto privato CBDC.

Se volete proteggere la privacy finanziaria, potete offrire la possibilità di caricare l’euro digitale su borsellini elettronici anonimi che possono essere utilizzati per effettuare pagamenti anonimi.

In realtà suona bene e potrebbe esserlo. Ma:

la zampa di cavallo

Chiunque creda che le banche centrali, tra tutte le persone, che hanno lavorato insieme per dieci anni sotto la guida degli Stati Uniti per spingere indietro il contante, progetterebbero l’euro digitale in modo tale che più di piccole somme possano essere pagate in forma anonima è molto ingenuo. Non solo in termini di denaro contante, ma anche, ad esempio, nel caso delle carte di credito ricaricabili, che potrebbero essere utilizzate per effettuare acquisti su Internet nel rispetto della privacy, le possibilità di utilizzo e gli importi consentiti sono stati sempre più ridotti. Perché chi lo ha fatto dovrebbe improvvisamente imparare a rispettare il valore della privacy finanziaria delle persone nel denaro della banca centrale digitale?

E infatti, dove i piani della Banca Centrale sono già a buon punto, in Svezia si parla solo di piccole somme di denaro che possono essere utilizzate al massimo in forma anonima. E anche questo può essere fermato in qualsiasi momento.

È chiaro, tuttavia, che il denaro della banca centrale digitale in Svezia è destinato a mitigare gli svantaggi associati alla completa eliminazione del contante e quindi a facilitare l’abolizione del contante. Uno di questi svantaggi è che senza denaro contante come unica moneta della banca centrale non c’è più un chiaro ancoraggio legale per il sistema monetario. Se la moneta bancaria rappresenta un diritto sul denaro a corso legale, cos’è la moneta bancaria quando non c’è più denaro contante?

La Banca centrale svedese ha già scritto un documento in proposito, in cui conclude che la situazione sarebbe piuttosto complicata. Se si rende il denaro della banca centrale digitale un’altra forma di moneta a corso legale, questo problema è risolto.

Per questo ho anche sentito l’usignolo traipsinging quando l’avvocato generale dell’UE, nella mia causa dinanzi alla Corte di giustizia europea sul diritto al pagamento in contanti del contributo per la radiodiffusione, ha inserito nel suo parere, che sembrava più politico che legale, un lungo passaggio senza essere interpellato, affermando che, secondo il suo – discutibile – parere legale, qualsiasi moneta digitale della banca centrale che potrebbe essere emessa in futuro potrebbe essere dichiarata moneta a corso legale.

Il problema delle persone senza un conto bancario, che attualmente sta ancora rallentando la rimozione del contante per motivi legali, può essere risolto più facilmente anche se lo Stato può semplicemente emettere carte di pagamento a tutte le carte di pagamento che possono essere caricate con il denaro della banca centrale.

La privacy e il denaro contante dovrebbero essere aboliti

Quanto ci si possa aspettare rispetto per la privacy è dimostrato dal fatto che solo un piccolo paragrafo del lungo rapporto di un gruppo di lavoro di un gruppo di lavoro delle principali banche centrali, tra cui la BCE, insieme alla Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), presentato all’inizio di ottobre, è dedicato a questo tema. E in sostanza chiarisce solo che qui si deve trovare un equilibrio con l’interesse sovrano alla vigilanza. E..:

Per il denaro di una banca centrale digitale e il sistema di pagamento associato, ci saranno dati, e una questione chiave per la politica nazionale sarà decidere chi può accedere a quali parti (di questi dati) in quali circostanze.

Si sostiene che l’intenzione sia quella di continuare a offrire denaro contante finché i cittadini lo vorranno, ma niente di più. Non c’è nulla per preservare la disponibilità e l’usabilità del denaro contante, in modo che i cittadini abbiano motivo di voler continuare ad usarlo.

I messaggi – l’abolizione della privacy finanziaria e del contante – sono abbastanza chiari tra le righe per chiunque possa sentirli. Per chi lo preferisce più chiaro, ecco una citazione del capo della BRI Augustin Cartens da un discorso del 2019 intitolato “Il futuro del denaro e dei pagamenti”. L’ex capo della banca centrale messicana e laureato all’Università di Chicago è l’uomo a Washington alla guida della BRI e un provetto combattente contro il denaro contante.

Come il denaro, un CBDC sarebbe disponibile 24 ore su 24. A prima vista, non cambia molto per chi va al supermercato sulla via di casa, per esempio. Non avrebbe più la possibilità di pagare in contanti. Tutti gli acquisti sarebbero elettronici.

Anche il rapporto di ottobre del gruppo di lavoro della BCE è abbastanza chiaro. Dice:

Le norme non consentono l’anonimato per i pagamenti elettronici e l’euro digitale deve, in linea di principio, rispettare tali norme. L’anonimato potrebbe dover essere escluso, non solo a causa degli obblighi legali relativi al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo, ma anche per limitare la gamma di utenti dell’euro digitale, se necessario – ad esempio, per escludere alcuni utenti al di fuori dell’area dell’euro e per prevenire flussi di capitale eccessivi.

Gli utenti non appartenenti all’area dell’euro che potrebbero essere bloccati sono, ovviamente, solo un esempio. Chiunque può essere bloccato e i flussi di cassa di tutta la popolazione possono essere gestiti e limitati se, anche grazie all’euro digitale, ad un certo punto non ci sono più contanti in quantità significative.

La BCE è preoccupata solo per le banche

Tra le fila della BCE, il direttore generale dei pagamenti, Ulrich Bindseil, ha presentato un concetto per l’euro digitale, il che rende anche più che chiaro che i cittadini dovrebbero aspettarsi poco di buono da esso. La sua proposta mira principalmente a far sì che le banche possano continuare a giocare il loro vecchio gioco, in cui mettono in circolazione il proprio denaro comprando titoli e concedendo prestiti, dando così impulso all’economia, e quindi mettendo ancora più denaro in circolazione per conto proprio e per il proprio profitto, e così via, fino a quando l’intera faccenda a un certo punto non crolla e le banche vengono poi salvate dallo Stato e dalla banca centrale.

A tal fine, Bindseil vuole rendere poco appetibili i saldi a credito dei grandi cittadini presso la BCE con tassi di interesse negativi per qualsiasi cosa che superi i 3.000 euro. Il motto è: basta non competere con il denaro sporco della banca.

L’unico problema è che tale denaro della banca centrale, che non consente alcun pagamento anonimo o solo piccoli pagamenti anonimi e quindi limita l’ammontare dei saldi a credito, è piuttosto poco attraente, come ha sottolineato il professore di economia Peter Bofinger in una colonna di Handelsblatt.

“Peter Bofinger: l’euro digitale non soddisferà le aspettative

L’euro digitale è quindi destinato ai normali consumatori. Ma a cosa serve un conto presso la Bundesbank senza scoperto e con saldi superiori a 3.000 euro soggetti a interessi di mora? Ogni banca online ha molto di più da offrire.

Se siete preoccupati che il contante possa sparire, allora sarebbe molto meglio assicurarsi che l’approvvigionamento di contante a livello nazionale rimanga garantito e che si possa pagare con esso ovunque. L’euro digitale non può infatti soddisfare la crescente domanda di un mezzo di pagamento sicuro e anonimo, come dimostra la crescente circolazione del contante in tutte le principali valute, almeno non nel modo previsto e previsto.

La difesa della Bilancia e dello Yuan digitale

Se non si tratta degli interessi dei cittadini, di cosa si tratta? Si tratta di ciò che in realtà è sempre la moneta e la geopolitica: il potere. In primo luogo, è stato probabilmente l’annuncio della bilancia dei pagamenti di Facebook a spaventare i banchieri centrali. Una piattaforma come Facebook, con oltre due miliardi di utenti in tutto il mondo, che spende il proprio denaro, potrebbe potenzialmente minare il potere delle banche centrali. Persino il Segretario del Tesoro statunitense Mnukhin ha quindi descritto la Bilancia come una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Cosa una moneta privata abbia a che fare con la sicurezza nazionale degli USA è spiegato nel testo della gara d’appalto dell’Ufficio del Direttore dell’Intelligence Nazionale per un progetto di ricerca sui pericoli per il dominio globale del dollaro. Nella mia traduzione dice:

Che il dollaro sia la valuta di riserva mondiale porta molti benefici alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Ogni transazione internazionale condotta in dollari conferisce agli Stati Uniti l’autorità legale di agire contro i crimini finanziari connessi a queste transazioni, compreso il sostegno al terrorismo e la proliferazione delle armi di distruzione di massa. Consente inoltre agli Stati Uniti di imporre efficacemente sanzioni a determinate entità che violano le leggi o i trattati internazionali o che hanno la capacità di causare instabilità nei mercati globali. Gli Stati Uniti esercitano il loro dominio internazionale in larga misura grazie al loro potere finanziario e alle loro autorità fiscali. Tuttavia, ci sono molte minacce al dollaro e al suo status di valuta di riserva mondiale. Paesi come la Cina e l’India hanno economie grandi e in crescita che potrebbero competere con la crescita economica degli Stati Uniti. Molti appassionati di cripto-moneta prevedono che una moneta criptata globale o una moneta digitale nazionale potrebbe indebolire il dollaro.

Era prevedibile che il governo statunitense avrebbe avuto il potere di addomesticare Facebook e la Bilancia. Il 6 maggio 2020, Stuart Levey, ex primo segretario del Tesoro e massimo sanzionatore finanziario, è stato nominato capo dell’Associazione Bilancia. Questa nomina implica probabilmente che la Bilancia era destinata a diventare un accessorio per la conservazione del dominio del dollaro piuttosto che una potenziale minaccia per esso.

Questa è ovviamente solo una buona notizia limitata per le banche centrali di altri Paesi, considerando la spregiudicatezza con cui gli Stati Uniti stanno ora perseguendo i loro interessi politici ed economici con la spada di sanzione contro tutti e tutto. Le sanzioni contro le imprese europee coinvolte nel progetto legale Nordstream2 e nel commercio legale con l’Iran, che sono contrarie al diritto internazionale, sono solo due esempi di molte.

Per il resto del mondo, minacciato dalle sanzioni finanziarie statunitensi, una sorta di dollaro Bilancia che potrebbe respingere la propria moneta anche sul territorio nazionale è quindi una minaccia importante. Perché la spada sanzionatrice diventerebbe sempre più affilata.

Se si è ostinatamente ottimisti, si potrebbe interpretare gli sforzi delle banche centrali europee per introdurre il denaro della banca centrale digitale come uno sforzo per offrire ai cittadini un mezzo di pagamento attraente quanto le offerte statunitensi come la Bilancia.

Il fatto che la BCE e le banche centrali di Giappone, Svezia, Canada, Regno Unito e Svizzera, insieme alla BRI, abbiano formato all’inizio dell’anno un gruppo di lavoro per scongiurare il pericolo che la Bilancia utilizzi la moneta digitale della banca centrale parlerebbe a favore di questo. Sorprendentemente, la Federal Reserve degli Stati Uniti non era presente.

Ma sarebbe ingenuo. Come scrive Peter Bofinger nel suo contributo, i sistemi di pagamento come Paypal sono molto più attraenti di un e-Euro castrato a beneficio delle banche – almeno finché la sottomessa Commissione UE si astiene dall’applicare le norme europee sulla protezione dei dati contro il kraken dei dati americani come Paypal.

Paypal ha recentemente ampliato la sua offerta per includere le transazioni di pagamento in Bitcoin. Sarà facile per l’azienda elaborare anche le transazioni in e-Euro attraverso il proprio sistema e quindi mantenerle all’interno del raggio d’azione che può essere controllato dai servizi statunitensi.

Insieme contro la Cina

La Federal Reserve statunitense è ora la settima del gruppo ed è riuscita a far sì che gli altri sei si impegnassero a plasmare apertamente e in modo cooperativo lo sviluppo della moneta digitale della banca centrale tra di loro in un rapporto pubblicato in ottobre dal titolo “Central bank digital currencies: foundedational principles and core features”.

Il rapporto afferma inoltre che uno dei principi fondamentali deve essere il coinvolgimento del settore privato, in altre parole, de facto le grandi multinazionali statunitensi che dominano il traffico dei pagamenti:

Allo stesso tempo, il sistema di pagamento su cui circola un CBDC deve coinvolgere il settore privato in modo che possa beneficiare dell’innovazione e della concorrenza, il che favorirà l’accettazione e l’utilizzo.

In altre parole. Non deve esistere un sistema completamente (nazionale) controllato dallo Stato che escluda le società statunitensi.

Non sono quindi più possibili le deposizioni per il dominio del dollaro e il potere sanzionatorio statunitense basato su di esso. Insieme, l’unica cosa che resta da fare ora è scongiurare l’altra minaccia al dominio del dollaro, lo yuan digitale.

La banca centrale cinese è già più avanti con la sua moneta digitale. Da ottobre è in corso una prova sul campo con lo yuan digitale in un quartiere della metropoli di Shenzen, che la banca centrale ha messo in palio tra le persone che volevano partecipare. All’inizio del processo, 3.400 negozi hanno accettato la nuova moneta.

Un’altra sensazione è stata che il produttore cinese di smartphone Huawei ha dotato il suo nuovo modello di punta Mate 40 di una borsa elettronica preinstallata che può essere riempita con yuan digitali o valute criptate.

Si prevede che la stessa caratteristica sarà presto integrata nei modelli a basso costo di Huawei e in quelli di altri produttori cinesi come Transsion, che ha un’ampia quota di mercato in Africa. L’Africa ha stretti rapporti commerciali con la Cina, quindi lo yuan potrebbe utilizzare questa via per aumentare significativamente la sua quota di mercato in Africa, a spese del dollaro.

E anche se così non fosse, il sistema di pagamento cinese alla base di queste borse potrebbe attrarre molti flussi di pagamento, sottraendolo così ai poteri di supervisione e sanzionatori di Washington. Questo è qualcosa di cui Washington ha molta paura.

Sommario

Chiunque voglia rendere il sistema monetario più stabile e a misura di cittadino e preservare la privacy dei cittadini non dovrebbe chiedere alla banca centrale di emettere moneta digitale della banca centrale. E ‘estremamente ingenuo voler dare ai dollari migliori strumenti di giardinaggio e consigli per rendere i giardinieri di maggior successo. I dollari devono lasciare il giardino se vogliono proteggerlo.

Applicato ai banchieri centrali, ciò significa che il benessere finanziario e la sofferenza delle nazioni non devono più essere affidati a persone che sono completamente indipendenti dalla volontà dell’elettorato e possono quindi agire senza ostacoli come guardiani degli interessi del settore finanziario privato e dei ricchi. Niente sarà migliore dando strumenti migliori a chi vuole la cosa sbagliata.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta il 10.11.2020 su norberthaering.de

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

fonte dell’immagine: peterschreiber.media / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort