Nestlé e la privatizzazione dell’acqua: una storia di molte città.

Un commento di Franklin Frederick.

Il 14 novembre 2019, il gruppo canadese Wellington Water Watchers ha organizzato la conferenza “All Eyes on Nestlé” nella città di Guelph, Ontario, dove le popolazioni indigene e i movimenti civili hanno combattuto contro il consumo di acqua di Nestlé proveniente dal Canada, dagli Stati Uniti, dalla Francia e dal Brasile.

A seguito di questo evento pubblico, i rappresentanti delle organizzazioni coinvolte si sono incontrati per un workshop per condividere informazioni e discutere possibili strategie congiunte per resistere all’estrazione dell’acqua da parte di questo colosso.

Dalle esperienze e dalle storie condivise da gruppi così diversi come Collectif Eau 88 (dalla città di Vittel, Francia), Save Our Water (da Elora, Canada) o i Michigan Citizens for Water Conservation negli USA, è emerso chiaramente che in tutti questi luoghi dove Nestlé ottiene l’acqua per i suoi impianti di imbottigliamento c’è un modello comune, contrariamente a quanto sostiene l’azienda, che ogni problema è sempre e solo un problema locale.

Questo schema comune mostra, ad esempio, che le quantità di acqua estratta, per le quali Nestlé non paga quasi nulla, generalmente causano l’affondamento della falda acquifera, influenzano gli ecosistemi e minacciano l’approvvigionamento idrico delle comunità locali.

A Vittel in Francia, ad esempio, Nestlé e la comunità locale attingono l’acqua dalla stessa falda, e le istituzioni governative francesi hanno riconosciuto che questa situazione metteva in pericolo la falda perché le estrazioni d’acqua erano più veloci della ricarica naturale. La soluzione proposta dalle autorità francesi ? Costruzione di una conduttura lunga circa 14 km per portare l’acqua da un’altra parte agli abitanti di Vittel, in modo che Nestlé possa continuare la sua attività senza interruzioni ed estrarre le acque sotterranee da Vittel.

Grazie alla resistenza di Collectif Eau 88, il progetto del gasdotto è stato politicamente sconfitto e si deve trovare un’altra soluzione per proteggere la falda acquifera. Ma senza questo movimento di cittadini, il progetto dell’oleodotto sarebbe stato costruito con i soldi dei contribuenti.

Nella contea di Wellington, Nestlé Waters Canada ha il permesso di estrarre 4,7 milioni di litri d’acqua al giorno dai pozzi di Hillsburgh e Aberfoyle e, secondo Mike Balkwill di Wellington Water Watchers, “la società ha chiesto il rinnovo di questi permessi continuando ad estrarre acqua senza il consenso delle Sei Nazioni sul cui territorio opera e nonostante l’opposizione pubblica di diverse organizzazioni indigene.

(Sei Nazioni è la più grande riserva delle Prime Nazioni in Canada, copre circa 18.000 ettari di terreno (1)))

E ancora una volta, grazie alla resistenza delle Sei Nazioni e di altri movimenti civili, la moratoria sulle autorizzazioni idriche, che terminerà il 1° gennaio 2020, è stata recentemente prorogata dalle autorità fino all’ottobre 2020.

In Florida, negli Stati Uniti, la situazione è simile: sebbene l’autorità idrica locale ritenga che il sistema idrico si stia riprendendo da un uso eccessivo, Nestlé vuole ancora pompare l’acqua da Ginnie Springs. Il modello comune che emerge da questi e da altri casi – nello Stato del Michigan, USA, o nella piccola città di São Lourenço in Brasile – dimostra anche che sono sempre i gruppi locali a difendere l’acqua, non le agenzie statali o ambientali. Al contrario, un altro schema che ricorre nella maggior parte dei casi è che i governi sono molto spesso dalla parte dell’azienda – contro i cittadini.

Peggio ancora, in molti luoghi Nestlé “si fonde” con le autorità locali, come nel Maine, dove un dirigente Nestlé era nel consiglio di amministrazione dell’agenzia statale per la protezione dell’ambiente, o a Vittel, dove un vicesindaco è stato citato in giudizio per un conflitto di interessi in relazione al progetto del gasdotto: La vice consigliera di dipartimento Claudie Pruvost era sposata con un dirigente Nestlé di Vittel, presidente di un’associazione che ha deciso di portare il progetto di sviluppo e gestione dell’acqua davanti alla commissione locale per l’acqua, diretta dalla signora Pruvost.

Il processo è stato ritardato perché il caso ha dovuto essere trasferito dal tribunale della città di Epinal – la più vicina di Vittel – alla città di Nancy, perché il vicepresidente del tribunale di Epinal era anche sposato con il direttore di Nestlé Waters a Vittel!

Nestlé cerca sempre di stringere alleanze o partnership con i governi per proteggere se stessa e i suoi impianti di imbottigliamento, soprattutto nel suo paese d’origine, la Svizzera, dove la sua immagine deve essere meglio tutelata.

Recentemente Christian Frutiger, capo del Dipartimento delle relazioni pubbliche, è stato nominato direttore supplente della Direzione dello sviluppo e della cooperazione – DSC, la direzione del governo svizzero responsabile dei programmi di aiuto allo sviluppo – dove sarà responsabile del programma globale ACQUA della DSC!

Anche i danni ecologici causati dai prelievi d’acqua e dagli impianti di imbottigliamento di Nestlé non sono limitati a livello locale. Le bottiglie d’acqua in PET sono una delle principali fonti di rifiuti di plastica in tutto il mondo. Un solo esempio è sufficiente per dare un’idea del contributo di Nestlé a questo problema: Secondo Wellington Water Watchers, se il governo approverà i permessi di Nestlé per estrarre l’acqua dagli impianti commerciali di imbottigliamento della contea di Wellington, l’azienda produrrà più di 3 miliardi di bottiglie di plastica da 500 ml all’anno – dall’inizio alla fine, questo numero orbiterà intorno alla terra 16 volte!

E quella quantità di plastica proviene solo da due località della contea di Wellington! Nestlé possiede decine di impianti di imbottigliamento di questo tipo in tutto il mondo e utilizza grandi quantità di combustibili fossili per produrre più miliardi di bottiglie di plastica. Se a questo aggiungiamo il carburante totale utilizzato per il trasporto di tutte queste bottiglie – soprattutto in autocarro – possiamo anche vedere il significativo impatto di Nestlé sul cambiamento climatico.

Tali modelli sono fondamentali per gli impianti di imbottigliamento di Nestlé in tutto il mondo e per il potere economico e politico di questa enorme multinazionale.

Paesi come il Canada, gli Stati Uniti o la Francia sono tra le società democratiche più prospere e tradizionali del pianeta, eppure i loro cittadini devono lottare duramente e a lungo per ottenere un livello minimo di protezione delle acque sotterranee e di superficie, degli ecosistemi e del loro futuro accesso all’acqua – cose che in una democrazia normalmente daremmo per scontate.

Se Nestlé riesce ora a posizionare i governi dalla sua parte e contro i suoi cittadini, anche in democrazie tradizionali come gli Stati Uniti, il Canada e la Francia, cosa può accadere alle comunità, ai villaggi, che si confrontano con i furti d’acqua di Nestlé in società molto meno democratiche e molto più vulnerabili in Africa, America Latina o Asia? Ai nostri giorni, le multinazionali sono diventate la principale fonte di potere economico e politico, come spiegano Paul A. Baran e Paul M. Sweezy nel loro classico lavoro “Monopoly Capital”:

“I voti sono la fonte nominale del potere politico e il denaro è la vera fonte: il sistema è quindi democratico nella forma e plutocratico nel contenuto… Basti dire che tutte le attività e le funzioni politiche che si possono dire costituiscano le caratteristiche essenziali del sistema – indottrinare e propagare il pubblico elettorale, organizzare e mantenere i partiti politici, condurre campagne elettorali – possono essere svolte solo con denaro, molto denaro. E poiché nel capitalismo monopolistico, il grande business è la fonte del grande denaro, è anche la principale fonte di potere politico”.

In realtà, alcune società transnazionali hanno profitti superiori al prodotto nazionale lordo della stragrande maggioranza dei paesi del mondo. Un esempio potrebbe fornire una migliore visione d’insieme del potere economico di tali imprese rispetto ad altre istituzioni internazionali:

Nel 2017, Nestlé ha speso 7,2 miliardi di dollari in attività promozionali globali. Il budget proposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per il 2016-2017 è stato di 4.384,9 milioni di dollari. E’ importante capire che la moderna multinazionale moderna è anche il successore “naturale” delle vecchie potenze coloniali, con la differenza che le vecchie potenze coloniali, che si concentravano sullo sfruttamento del Sud globale, hanno i loro attuali eredi ma sono anche in grado di sfruttare il NORD globale se vi si trovano le risorse necessarie, come ha spiegato Paul Sweezy in questa citazione da “Modern Capitalism and Other Essays”:

“(…) non c’è motivo di supporre che un’impresa escluderebbe volentieri i mercati e le fonti di approvvigionamento esteri dal suo orizzonte di pianificazione semplicemente perché si trovano al di fuori di un certo insieme di confini nazionali”.

Infatti, le comunità in Canada, Francia e Stati Uniti, che stanno cercando di proteggere le loro risorse idriche da Nestlé, stanno combattendo le stesse battaglie che le comunità del Sud del mondo hanno sempre dovuto combattere per proteggere le proprie risorse dall’accesso coloniale. Le vecchie potenze coloniali utilizzavano le oligarchie locali, soggette alle loro opinioni politiche ed economiche, come governanti nelle loro colonie, che divennero il “modello di governance” nella maggior parte dei paesi del Sud del mondo. Nel neoliberismo, questo modello è stato esportato nel Nord globale, dove le multinazionali si sono gradualmente impadronite dello spazio democratico e del potere politico, trasformando molti luoghi del Nord in specchi delle comunità colonizzate del Sud globale.

Sotto questa nuova potenza coloniale, i governi sia del Sud che del Nord diventano servitori volenterosi del settore aziendale e garantiscono alle imprese l’accesso alle risorse di cui hanno bisogno nonostante i danni ambientali e sociali.

Ma questo fatto crea una nuova importante apertura alla comunicazione, alla solidarietà, alla comprensione e all’azione congiunta tra le iniziative dei cittadini che si oppongono alla privatizzazione dell’acqua nel Nord e nel Sud del mondo. La lotta, sia al Sud che al Nord, è la stessa: tenere l’acqua in mani pubbliche sotto il controllo democratico. E lottare per l’acqua significa anche lottare per le nostre democrazie in pericolo sotto la minaccia autoritaria del controllo delle imprese, sia al Sud che al Nord. Può emergere una nuova alleanza tra il Sud e il Nord, che sarà un potente movimento che sfiderà il settore aziendale e i suoi dipendenti. Le aziende resisteranno naturalmente, e Nestlé, a sua volta, ha una lunga storia di successi nella lotta contro la società civile.

Negli anni ’70 è stato lanciato un boicottaggio internazionale di Nestlé a seguito delle pratiche di pubblicità e di deterrenza contro l’allattamento al seno, che hanno causato malattie infantili e morte nei paesi più poveri del Sud.

Per combattere questa campagna, Nestlé ha assunto Raphael Pagan, un ufficiale dei servizi segreti dell’esercito del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Pagan ha consigliato i presidenti degli Stati Uniti Nixon, Reagan e Bush, Sr. sulle politiche del Terzo Mondo – cioè su come combattere i movimenti di liberazione del Terzo Mondo. In realtà, Nixon è stato il presidente degli Stati Uniti che ha sostenuto il colpo di stato del generale Pinochet contro il presidente eletto Salvador Allende in Cile e ha fatto sprofondare quel paese in anni di dittatura militare omicida. Pagan ha ricevuto un Life Achievement Award dal presidente Reagan – il presidente degli Stati Uniti ha fatto la guerra contro il governo sandinista nicaraguense, che ha ucciso e terrorizzato migliaia di persone in America Centrale.

Raphael Pagan è stato molto efficace nel combattere il boicottaggio internazionale di Nestlé, in particolare sviluppando una strategia per dividere i gruppi della società civile che organizzano la campagna. Questo partenariato con l’intelligence militare per combattere le organizzazioni della società civile ha avuto un tale successo che Nestlé ha approfondito questa collaborazione.

Nel 2002, Nestlé ha assunto John Hedley, un ex agente dell’MI6 dei Servizi Segreti britannici, come capo della sicurezza. Hedley è stato responsabile, tra l’altro, dell’organizzazione di un’operazione di spionaggio di gruppi della società civile di vitale importanza per Nestlé in Svizzera, in particolare il gruppo ATTAC. Quando un giornalista investigativo svizzero ha denunciato questa operazione, denunciandola alla televisione svizzera, Nestlé è stato messo sotto processo e condannato dalla magistratura svizzera. Nestlé ha inoltre sviluppato la cosiddetta “War Room”, un centro di comunicazione ad alta tecnologia che segue in tempo reale ogni menzione di Nestlé sui social media, consentendo all’azienda di rispondere rapidamente alle “minacce” delle persone. Nel 2011, Nestlé ha organizzato la sua conferenza annuale “Creating Shared Values” a Washington (2) in collaborazione con “The Atlantic Council” – un’organizzazione con sede negli Stati Uniti che riunisce grandi aziende, politici e militari. Il Consiglio atlantico – da cui il suo nome – è membro della NATO.

La tavola rotonda principale di questo evento era con Peter Brabeck, CEO di Nestlé, e Frederick Kempe, Presidente e CEO del Consiglio Atlantico:

Creare Valore Condiviso in America Latina: opportunità, ostacoli e direzioni future nello sviluppo alimentare, idrico e rurale”.

Sospetto che quello che il panel ha definito “ostacoli” fosse – ed è tuttora – un movimento della società civile che cerca di mantenere le proprie risorse naturali, compresa l’acqua, in mani pubbliche. Quando aziende come Nestlé si trovano ad affrontare questo tipo di resistenza da parte della società, possono trovare molto utile avere la NATO al loro fianco per aiutare a “convincere” i governi ribelli a dare via le loro risorse naturali a beneficio del settore aziendale – non dello sviluppo del paese.

Nestlé ha anche programmi speciali per il reclutamento di ex militari statunitensi, come la campagna NEXT MISSION: REPORT YOUR FUTURE o i Veterani di Nestlé negli Stati Uniti (3) (4).

Apparentemente solo per mantenere stretti rapporti con l’esercito americano, perché, per quanto ne so, non esiste un programma speciale di Nestlé per reclutare ex militari svizzeri o francesi.

Questi esempi dimostrano che Nestlé ha una posizione di leadership nell’applicazione del controllo aziendale sulle istituzioni democratiche per mantenere l’accesso alle risorse naturali come l’acqua. Ma gli esempi dimostrano anche che Nestlé è all’avanguardia nello sviluppo di strategie e partenariati per combattere la resistenza della società civile.

Solo insieme, attraverso l’educazione e l’informazione * , possiamo sperare di proteggere le nostre acque dalle intrusioni aziendali e le nostre democrazie dal controllo aziendale.

Non c’è altro modo.

Fonti:

  1. https://www.granderie.ca/board/secondary/indigenous-education/aboutsix-nations
  2. https://www.nestle.com/media/mediaeventscalendar/allevents/ creatingsharedvalueforum2011
  3. https://www.nestleusacareers.com/military/
  4. https://www.nestleusa.com/about-us/project-opportunity-careeracceleration-initiative

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta su GLOBAL RESEARCH il 17 dicembre 2019

+++

* = Supplementi, note dei redattori

+++

Fonte dell’immagine: / Persiana

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora puoi anche supportarci con i Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort