Il virus peggiore – i Sapiens

Il virus peggiore è un’idea, il cui contenuto è un’alternativa alla natura. 

Un commento di Rüdiger Lenz.

COVID 19 rispetto all’11 settembre

La cosa peggiore che si potesse dire del Cancelliere Dr. Angela Merkel in passato era che aveva elogiato qualcuno nel suo gabinetto molto bene. Questa o quella persona è stata poi poco dopo persa in qualche scandalo e ha potuto lasciare il suo ufficio. Oggi, dopo l’apertura delle frontiere per i rifugiati, dopo la divisione della società in termini di CO2-clima, sembra che il più grande scandalo del presente sembri assumere la realtà, ma come tale probabilmente arriverà molto più tardi nella popolazione stessa. Lo scandalo Corona. L’11 settembre, il crollo delle tre torri di New York, invece, è un evento minore. Più piccolo perché il giorno dei crolli erano presenti solo i cittadini di New York. Con Corona, tutta l’Europa è ora direttamente interessata, tutti gli europei e molte persone in altri paesi. È coinvolta quasi tutta l’umanità. Non solo come spettatori, ma come attori che sono stati spaventati da un virus assassino. Anche se non c’è un coprifuoco ufficiale, non ci sono leggi che impongono a tutti di restare a casa. Ci sono solo regole, secondo il Cancelliere (1) – almeno in Germania.

Il silenzio degli agnelli come condizione permanente della società

Quello che tutti possiamo osservare e riconoscere ora è come il virus peggiore che ci sia colpisce e come una vera pandemia abbia colpito la maggior parte dei sapiens: il virus dell’obbedienza e della fede nell’autorità. Quasi tutti i cittadini credono di dover seguire ciò che gli altri dicono loro. Essi sono in obbedienza a queste autorità alle quali hanno affidato la loro vita. Lo fanno sempre e tutti i giorni. Lo so. Ma in un esperimento come quello che stiamo vivendo ora, mostra quanto la maggior parte delle persone seguano ancora con attenzione coloro a cui preferirebbero vivere nella resistenza. Su Rubikon, Roland Rottenfußer(2) scrive, cito all’inizio: “Se si guarda come il fascismo di Hitler e gli altri regimi totalitari vengono accolti in questo Paese, si ha l’impressione di avere a che fare con un popolo fatto di null’altro che di eroi impediti. Tutti sono sicuri che in quel momento avrebbero riconosciuto il pericolo di scivolare in dittatura nel tempo e avrebbero coraggiosamente resistito. Ma ora, quando probabilmente non c’è esattamente un “Quarto Reich”, ma la fine dell’ordine liberale, a cui ci siamo fin troppo abituati, è minacciosa – non succede niente. Quello che stiamo imparando in questi giorni è che è spaventosamente facile prendere tutto ciò che costituisce una società libera e democratica – con un trucco molto semplice: dipingere il processo come una “guerra contro il virus” senza alcuna alternativa. Il silenzio degli agnelli su questo è quasi universale. Comprende partiti e associazioni “buone” e “cattive”, “normali” e intellettuali, media tradizionali – che sono comunque – ma anche molte alternative. Stiamo imparando ora: Dobbiamo i diritti e le libertà di cui abbiamo goduto non al coraggio e all’ingegno straordinari della maggioranza della popolazione, ma al fatto che i potenti hanno finora ritenuto inutile una dittatura completa. La maggior parte di essi risolve il problema della riduzione massiccia delle libertà civili, dell’assimilazione dell’opinione pubblica e della propaganda della paura dei potenti, negando che ci sia un problema, fine della citazione.

Finalmente il Cancelliere passa all’azione, evviva!

Se si guarda nei media, o si ricorda da sé come la storia tedesca è stata presentata a noi tedeschi e cosa c’era in essa come estremamente rilevante più e più volte nei media, allora è sorprendente che esattamente ciò che Roland Rottenfußer descrive è il punto cieco dell’Illuminismo sul Terzo Reich. È la quasi totale assenza di quella che chiamo l’opera di Hannah Arendt: la banalità del male. In questa banalità non troviamo Hitler e i suoi scagnozzi in sé, ma piuttosto il silenzio della maggioranza, le azioni burocratiche di funzionari e impiegati, l’obbedienza delle masse, sì, l’intero dannato esperimento di Milgram in applicazione statale: Ho fatto solo quello che mi è stato detto, sono innocente e non sapevo quali vere macchinazioni stavo servendo! (3). Sta succedendo proprio ora. Quanta paura si può sopportare? Quanta paura ti fa crollare in modo che il panico inizi dentro di te? E, quando iniziate a denunciare gli altri per le loro malefatte, a denunciarli o ad usarli come proiezione di tutta la vostra rabbia interiore? Quando inizia la banalità di tutta questa follia? Ancora oggi, qualcuno mi ha detto in una conversazione che gli è piaciuto molto il giro di vite della signora Merkel, che finalmente ha dato un giro di vite e ha creato regole per tutti. Poiché sono fin troppo consapevole dell’ignoranza delle masse in moltissimi settori, non mi sono arrabbiato interiormente, ma ho capito la sua grande ignoranza e la sua grande obbedienza a tutto questo sistema. L’illuminazione deve essere l’obiettivo dell’educazione, oppure deve essere affrontata come la volontà di educare. E poiché l’obiettivo dell’educazione è solo quello di educare e formare le persone a diventare cittadini, non posso biasimare queste persone. Quando ho saputo di Hitler e della sua Germania a scuola, la sua impossibilità mi ha fatto sentire la mia volontà di pace. Ho pensato allora che tutti la pensavano così. È stato un errore, come ho imparato più tardi.

I dominatori della vita

Virus e batteri erano già presenti su questo pianeta prima di noi, quattro miliardi di anni fa. L’uomo è nato solo trecentomila anni fa. pesci, vertebrati e piante ben quattrocentocinquanta milioni di anni fa. Questo pianeta appartiene a virus e batteri, non a noi, anche se suona strano. Sono loro i padroni di questo mondo e della vita su di esso. Ci siamo evoluti secondo loro, attraverso loro e con loro. Senza di loro, non esisteremmo. Tutto ciò che oggi chiamiamo esseri viventi, tutte le piante, gli uccelli, i pesci, i mammiferi, semplicemente tutta la vita ha dovuto fare i conti con i virus e i batteri. Così i biologi oggi sanno che noi esseri umani siamo composti da circa 50-80 trilioni di cellule. Ma il numero di batteri e virus nel nostro corpo supera il numero delle cellule del nostro corpo. Siamo una comunità vivente, un olobionte, come ci chiama la nuova biologia. Tutti gli esseri viventi sono olobionti, comunità di vita, non individui, individui. Su questo argomento ho invitato il Dr. Bernhard Kegel al programma M-Pathie e gli ho parlato del suo libro: Die Herrscher der Welt, che sarà presto online qui su KenFM. Ma la visione del mondo a cui siamo abituati, e soprattutto i virologi, è che tutto è in lotta contro di noi. Questa è una grande sciocchezza. Che la vita è un processo simbiotico in cui circa 100 batteri e virus non sono così buoni per noi umani, ma trilioni di essi vivono in simbiosi con noi nel nostro corpo e sulla nostra pelle da quando esistiamo. Anche tutti i virus corona ci provano, ma finora senza successo. Ed è proprio per questo che ci ammaliamo di loro, perché non possono ancora collaborare con noi.

L’ambiente è tutto!

In medicina si sta già considerando un metodo di trapianto completamente nuovo, il trapianto microbico dei microbiomi, la colonizzazione batterica, perché si è scoperto che questi simbiotici migliorano e garantiscono anche la nostra salute, meglio di molti farmaci. E questo ci ricorda il fondatore della microbiologia, Louis Pasteur, che si dice abbia detto qualcosa del genere: Il germe è tutto, l’ambiente non è niente. Si dice che il suo avversario, Claude Bernard, gli abbia risposto con lo stesso spirito: L’ambiente è tutto, il germe non è niente. Pasteur vinse ufficialmente questo duello di teorie in medicina, e da quel momento in poi, tutto ciò che voleva meritare il premio Nobel cadde sui nuovi nemici dell’umanità, i virus e i batteri. Da allora in poi, sono stati il male nell’organismo umano. Quando Louis Pasteur morì, si dice che sul letto di morte disse che si era sbagliato, che l’ambiente era tutto (4). Oggi i virologi fanno ancora riferimento a Pasteur, ma la visione del mondo della biologia è cambiata molto a favore del suo avversario. Ci sono già città in Germania dove vengono visitati meno medici che naturopati. Una tendenza che sicuramente continuerà. Virus e batteri sono simbiotici e solo alcuni di essi sono dannosi. Che cosa significa? Che nessuno deve dare la caccia a un virus o a un bacillo, ma deve assicurarsi che il suo ambiente sia in ordine, cioè che l’intero organismo sia rafforzato. E questa si chiama salutogenesi. È il modello opposto alla pratica comune della patogenesi, che è seguita dalla medicina, ma anche da tutti i modelli di pratica mentale. Le compagnie di assicurazione sanitaria di solito pagano solo i trattamenti dedicati alla patogenesi, non alla salutogenesi. Inoltre, procedo in modo tale da ottimizzare il mantenimento della salute del cliente. Nella patogenesi, l’agente patogeno, l’agente patogeno, viene identificato. Di conseguenza, uno è malato e deve combattere la malattia con farmaci o altri metodi. Nella salutogenesi si segue il principio del benessere, della salute e del mantenimento della salute. Il suo principio supremo è la prevenzione. Ed è proprio a causa di questa differenza di idee che ora siamo tutti seduti a casa, lasciando che l’economia si riposi e preferendo il panico, piuttosto che preoccuparci di ciò che ci mantiene tutti vitali e sani, mettendoci a terra e dandoci forza. Il nostro comportamento è di solito diretto contro il male, ma non verso il bene e la salute. E questo non si nota solo quando si tratta di virus. Si nota questo principio nel comportamento globale della nostra specie in generale e ovunque. Ed è proprio questo principio che credo abbia riconosciuto globalmente nel comportamento e abbia fondato, come controparte, il principio del non combattimento.

Virus della mente

Possiamo rigirarla e rigirarla come vogliamo. Quasi ovunque i nostri cosiddetti esperti vedano dei problemi o vogliano andare avanti, il modello si divide tra l’agire contro di loro, cioè il combattere, e il lavorare per loro, cioè la cooperazione. Lotta o cooperazione, questa è la questione cruciale di tutti i problemi artificiali creati dall’uomo. La natura è un processo simbiotico di tutti con l’altro, ma le nostre narrazioni e visioni del mondo sono quasi tutte allineate contro tutto ciò che è naturale e soprattutto per la lotta contro qualcosa. Il nostro racconto biologico si basa sul fatto che siamo sulla terra, sulla natura, e che ci sviluppiamo in modo completamente indipendente da tutto il mondo esterno. Lo abbiamo applicato a tutti gli esseri viventi e abbiamo persino sviluppato un termine per questo, la teoria dell’evoluzione, che, se si prende sul serio la precedente, deve essere incompleta. Perché tutto si è sviluppato simultaneamente e in simbiosi con tutto il resto. Le specie non sono isole. La natura è qualcosa che deve piegarsi alla nostra volontà e ai nostri bisogni, ma è così che pensiamo. Se non lo fa, allora le cose vengono inventate o posizionate contro di essa, in modo che la nostra visione del mondo non debba tremare e non si verifichi alcuna dissonanza di massa cognitiva. Fino a che punto siamo arrivati in questo processo si può vedere in tutto ciò che chiamiamo distruzione ambientale, che, se si guarda più in profondità, è una distruzione della vita. I Sapiens fondarono anche delle religioni secondo le quali il loro sovrano del mondo li istruì a sottomettersi a tutto e a piegare tutto a loro immagine. I Sapiens del ramo di Abramo dicono che questo è un ordine del dominatore del mondo a sua immagine. Non il virus Corona, né il virus Ebola, né il tifo, né la tubercolosi, né la peste nera sono i virus peggiori per i Sapiens. È l’idea, la visione del mondo, le loro narrazioni. Sono i veri agenti patogeni e virus con cui sono infettati e infestati. Per i quali si imbattono nella loro sventura, fabbricano tutta la miseria e interrompono ogni guerra, non importa quanto bestiale, per terminare in massa gli altri sapiens. I virus della mente sono i germi peggiori di cui soffrono i Sapiens. E tutto il circo intorno a COVID 19 è un tale virus in erba della mente che sembra seguire il denaro. Sempre più medici e medici si presentano con articoli su Internet e parlano male delle misure del governo federale e dei suoi esperti, illuminando i cittadini in modo meraviglioso. Ricordi, cara signora Merkel, ci sono molti più medici che vivono la loro passione per la salute di tutti che non quelli che si oppongono e raccolgono monete! L’importante è che il vaccino arrivi, poi ne scorreranno miliardi, perché milioni di persone in preda al panico e istruite forzatamente vogliono essere vaccinate. Se ci si accorge davvero di tutti questi virus mentali della nostra specie, si può disperare se la cosa con noi finirà bene. Per uscire da questa pandemia di corona, dobbiamo imparare a pensare e ad agire in modo più ampio e completo. Se questo accadrà dopo la pandemia forzata rimane un dubbio, perché, come ha detto il ricercatore e storico dell’infanzia Michael Hüter, durante la trasmissione KenFM Positionen 18, akadämlich – free thinking undesirable!, la storia dimostra che se non formiamo il futuro, se i sistemi crollano, non necessariamente ne seguirà uno migliore (5).

Pandemie o stato di emergenza?

La chiave è l’educazione, la vostra educazione. E se ognuno di noi capisce che l’educazione non ha nulla a che fare con le grida: Io so qualcosa che tu non sai. È educare la propria mente pienamente e per la vita, immergersi nel mondo spirituale, poi le risposte e la formazione avverranno di propria iniziativa al di fuori di questi racconti indicibili. Senza la necessità di una rivoluzione o di un fuoco mondiale. Solo le élite e gli attori politici ne hanno bisogno. Ma sono proprio queste narrazioni che contengono la nostra summa cum laude, i nostri premi Nobel e quasi tutti i riconoscimenti per uno spirito di successo che è stato selezionato come un non-spirito, un’innaturalità delle nostre possibilità. Un essere spirituale e fisico che non può essere tolto dal contesto della sua creazione e perpetuazione senza perdersi. L’uomo si svilupperà pienamente nell’uomo, oppure non lo sarà affatto. La chiave dell’educazione e dell’apertura spirituale non sta nel miglior adattamento al nostro mondo creato artificialmente – al contrario. Sta nella sua stessa natura, che è tanto necessaria per ogni individuo quanto l’acqua lo è per un pesce. E se ci riusciremo, allora i politici e gli altri governanti non riusciranno mai più a fare ciò che stanno attualmente sperimentando: Scatenare una pandemia artificiale che, a ben vedere, assomiglia a una mutazione dell’influenza, o, come sospetta Roland Rottenfusser, potrebbe costituire uno stato di emergenza? Potremmo evitare entrambi se avessimo il coraggio di avvicinarci di nuovo alla nostra vera natura e alla nostra forza. Ecco perché lo chiedo a voi. Non fatevi prendere dal panico e non abbiate paura. Perché è quello che vogliono. A cosa gli serve, non lo so. Ma vi prego di rimanere in forze e di rimanere con i piedi per terra. Non lasciate che la vostra paura diventi il loro consigliere. Solo allora vinceremo le nostre libertà ancora e ancora e ancora.

Fonti:

(1) https://www.youtube.com/watch?v=6pQgZLg0xog

(2) https://www.rubikon.news/artikel/der-corona-rebell

(3) https://www.youtube.com/watch?v=0MzkVP2N9rw

(4) https://www.youtube.com/watch?v=IiHSzIEH3cE&t=656s

(5) https://kenfm.de/positionen-18/

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: sunnychicka / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort