Nessun Democratico. Da nessuna parte.

Un punto di vista di Dagmar Henn.

Oh, cosa sembrano lottare per la democrazia. C’è la cospirazione, l’intrigo, il coronamento, il rovesciamento, e tutto con un sottofondo musicale drammatico del bene contro il male, come l’attacco dei Cavalieri Jedi alla Morte Nera; in ogni caso, per allontanare le tenebre.

Tutto è mobilitato, dal live ticker al talk show, anche la dimostrazione di zombie “Indivisibile” è di nuovo apparentemente ripresa(1), e il pubblico dovrebbe trovarsi indignato, eccitato e grato in uno dei campi offerti. Dopotutto, questo è il tenore di tutti gli interpreti, qui si tratta di qualcosa, qui di democrazia. Il leader del DGB per l’Assia e la Turingia sostiene addirittura che l’elezione di Kemmrich “ha rotto il consenso antifascista che si viveva in Germania dalla fine della seconda guerra mondiale”.

Tuttavia, il livello desiderato del dramma shakespeariano non è stato raggiunto; si tratta piuttosto di una fallita edificazione dell’Esercito della Salvezza, lasciando un misto di confusione e noia. Di cosa si tratta? Di cosa si tratta? Guerra o pace? Sinistra contro destra? Democratici contro antidemocratici?

A volte è utile scavare definizioni semplici per riportare un po’ d’ordine nei concetti politici.

La sinistra, come abbiamo visto una volta, era quella che si batteva per le grandi masse di persone economicamente e politicamente svantaggiate, che erano convinte che le persone fossero collettivamente capaci di costruire una società migliore, e per le quali la posizione sociale dell’individuo non era il risultato di una predisposizione o di un ordine dato da Dio, ma di rapporti di potere economico e di dipendenza creati dall’uomo e quindi mutevoli. A destra c’era chi considerava la divisione in ricchi e poveri, potenti e impotenti come naturale e gradita e agiva nell’interesse dei pochi economicamente ed economicamente avvantaggiati.

Se si iniziasse a ordinare la politica tedesca secondo questo criterio, ci si stupirebbe di scoprire che ci sono moltissime destre, ma praticamente nessuna sinistra. Ora che anche il partito di sinistra non prende posizione né contro la tassa sulla CO2 né contro le idee più recenti di impoverimento come la tassa sulla carne, si sta visibilmente indebolendo sulla questione della pace e non offre più alcuna resistenza all’alleanza bellica della NATO, l’intero campo, che secondo la definizione classica è a sinistra del centro, è stato sgomberato come un campo di calcio mezz’ora dopo il fischio finale. Cinque sapori di neoliberale, cioè più soldi per i ricchi o ancora più soldi per i ricchi, un po’ di smantellamento dei diritti democratici o un po’ di più, non c’è altra offerta.

Il semplice riferimento al fatto che oltre un milione e mezzo(2) di persone devono togliere il cibo dalle tavole dovrebbe indurre i sostenitori di una tassa aggiuntiva(3) su praticamente tutte le fonti di proteine (carne, uova e latticini) a fare un giro dell’angolo per vergognarsi di questa proposta e poi farla sparire nel cassetto fino alla chiusura dell’ultimo tavolo per mancanza di domanda. Invece, c’è un ampio consenso per aggiungere più clienti a questa forma di smaltimento dei rifiuti favorevole agli affari, e nessuno esprime la semplice idea che un adeguato aumento dei salari e delle pensioni porterà automaticamente le persone a comprare cibo migliore. Ogni etichetta è giusta per stringere un po’ di più le viti, sono tutte rispettose del clima, rispettose degli animali, ma non delle persone.

Ma è contro i nazisti, che era una violazione del tabù, il consenso fondante della Repubblica federale è in pericolo… No, non è il consenso fondante. Non è mai stato antifascista, anzi. Già nel 1950 fu aggiunto alla Legge fondamentale il famigerato articolo 131, comma 4, che dava ad ogni funzionario dell’epoca nazista il diritto legale al reimpiego; contemporaneamente al Decreto Adenauer, comma 5, che prevedeva il licenziamento di tutti i comunisti o la simpatia per i comunisti sospetti da tutte le cariche pubbliche alle quali erano stati spesso assegnati dagli Alleati. Sulla scia del consenso fondante della Repubblica Occidentale, e chiaramente contro la volontà della popolazione, ci fu un accorato abbraccio dei quadri nazisti e una ripresa dell’anticomunismo di Goebbels; tutto ciò si accompagnò alla reintroduzione di un diritto penale di etica, i cui paragrafi furono formulati con piccantezza dallo stesso avvocato che li aveva già scritti per i nazisti(6).

La RFT è sempre stata democratica solo in misura limitata, molte cose non potevano essere dette, nemmeno pensate, che altrove appartenevano al consueto dibattito politico, e l’intero spettro dei partiti offerti era chiaramente a destra di quello dei Paesi vicini.

Non ci fu un referendum sulla “riunificazione”, ed è per questo che suona particolarmente divertente quando i politici tedeschi si lamentano dell’annessione della Crimea. … Quando fu il momento di decidere una nuova costituzione nel 1990, la questione fu rapidamente spazzata sotto il tappeto; la maggioranza dei tedeschi avrebbe voluto la neutralità, non un’ulteriore adesione alla NATO. Ai tedeschi non è stato permesso di votare sul trattato UE.  Se si considera in quante ondate in questa repubblica la gamma di ciò che era accettabile è stata sempre più ristretta, allora diventa chiaro che è sempre stata la spesa di austerità di una democrazia borghese.

Quando un (CDU) dichiara(7) che “parti del mio partito hanno votato per Hitler” e da ciò deriva l’obbligo di non cooperare con l’AfD, allora questa dichiarazione è assolutamente banalizzante. Per la CDU non c’erano solo ex membri del Centro che avevano effettivamente votato per la legge di abilitazione; c’erano anche molti ex membri del NSDAP, e fu il cancelliere della CDU Adenauer che, con l’articolo 131 e il decreto, mutilò immediatamente la neonata Repubblica e stabilì una continuità con l’era nazista. Il consenso fondante della Repubblica Occidentale non era altro che l’anticomunismo, e i quadri nazisti furono molto utili per questo, in fin dei conti, avevano esperienza. Antifascista? Neanche tra mille anni. Al contrario.

La maggior parte delle vittime comuniste della dittatura nazista non ricevettero nemmeno la pensione di vittima perché, non avendo rivelato le loro convinzioni neppure nel campo di concentramento, continuarono a stare al loro fianco e furono quindi condannate – spesso dagli stessi giudici dei dodici anni bui – secondo la Gesinnungsparagrafen di Adenauer e il loro diritto alla pensione di vittima fu successivamente cancellato. Bastava solo distribuire un volantino contro la rimilitarizzazione…

Se volete sapere come potrebbe essere una repubblica tedesca veramente democratica – e qui parlo solo di una democrazia borghese a pieno titolo, non di una repubblica socialista – allora dovete dare un’occhiata agli anni prima della RFT, per esempio all’estate del 1947, quando, per esempio, un Theodor Heuss teneva ancora un discorso al Kulturbund di Berlino, fondato da Johannes R. Becher, il poeta del successivo inno nazionale della RDT. In quel momento disse:

“Perché le guerre non sono più una questione di coraggio, di eroismo o di scontro tra soldati; oggi le guerre – se sono già combattute – sono imprese tecniche ed economiche su larga scala. Non si possono costruire artificieri da qualche parte in officine limitate. Né vogliamo farlo, e siamo quindi pronti a dare la garanzia che la storia militare tedesca sia giunta al termine”(8)

Dieci anni dopo ha accompagnato il riarmo come presidente della Repubblica Occidentale.

La Federazione della Cultura era una vera e propria organizzazione antifascista. Originariamente esisteva in tutte e quattro le zone; organizzava concerti, serate educative su ogni tipo di argomento scientifico, gruppi di discussione; vedeva come suo compito sviluppare una cultura democratica.

Il Göttinger Kulturbund lo descriveva così nel 1947: “Così facendo, vuole “fare la sua parte per aiutare i tedeschi ad abituarsi al rispetto delle persone anche nell’opposizione politica o ideologica e per combattere le differenze non con bastoni o nocche di ottone, sospetti o denunce, ma con un autentico dibattito intellettuale”(9).

Rispettare l’uomo nel nemico? Non combattere gli opposti con il sospetto o la denuncia? Non sembra affatto una “lotta contro Rräths”. Dopotutto, avevi abbastanza a che fare con gli originali macchiati di sangue da non dover costruire i nazisti a partire da prove indiziarie. Una vera democrazia, che è stata la conseguenza del Kulturbund, ha bisogno di rispetto reciproco e di dibattito aperto; il limite può essere solo nell’azione, non nella parola.

Con l’inizio della guerra fredda, il Kulturbund si opponeva in Occidente. Questo fu solo il primo passo, che sarebbe stato seguito da molti altri, fino alla messa al bando della KPD nel 1956. Decine di migliaia di processi politici negli anni ’50 hanno impresso la lezione nella mente dei tedeschi. L’avvocato Dieter Posser, che all’epoca rappresentava molti degli imputati, riassumeva così: “Proprio come nella leggenda greca il re frigio Mida trasformava in oro (ostile alla vita) tutto ciò che toccava in oro, tutto ciò che i comunisti sostenevano divenne immediatamente incostituzionale. Questa era la regola per il giudizio”(10)

Il senso di colpa da contatto era il concetto chiave della “giustizia della condanna” di Adenauer, in definitiva una sorta di “luce del tribunale del popolo”. Poiché questo approccio è così profondamente inscritto nella storia della Repubblica Federale Tedesca, ancora oggi quasi nessuno si accorge di quanto ancora una volta domini il panorama politico. Il socialdemocratico Ramelow non riesce nemmeno a strisciare abbastanza in profondità per sbarazzarsi dell’etichetta di “comunista”, anche se la maggior parte dei membri dell’odierno Partito della Sinistra hanno al massimo bevuto una birra con i comunisti. L’AfD, carne della carne della CDU e dell’FDP, è né più né meno successore del partito nazista che i suoi stessi partiti di origine. Allora perché tutto questo trambusto?

Le vere questioni politiche, quelle del pane e del burro al posto della morale, non vengono quasi mai affrontate. Un milione di senzatetto, e la classe politica offre un edificante dramma di finte battaglie, fingendo che l’obbedienza ai leader dei partiti sia democrazia e che gettare parole vuote sia politica. In realtà, si tratta di nascondere il fatto che le differenze tra le posizioni attuali sono molto piccole; nel territorio occupato, si può vedere quanto profondamente anche il Partito di sinistra sia coinvolto nelle privatizzazioni, come i compiti pubblici stiano ostacolando le corporazioni ecclesiastiche, o come stia distogliendo lo sguardo dalla miseria quotidiana come tutti gli altri.

L’AfD non la penserà diversamente se glielo permetti.

La democrazia è davvero minacciata. Ma non perché la CDU sta giocando a giochi di potere subdoli. Questo è normale in questo panorama politico. Non solo l’assicurazione data secondo Ramelow(11) che al terzo turno di votazione alcuni membri del Parlamento della CDU sarebbero scomparsi al gabinetto per permettere la sua elezione a maggioranza semplice, ma anche la rottura di questa assicurazione. Il fatto che un membro dell’FDP raggiunga il potere con il filo più sottile e abbia pochi scrupoli al riguardo non è in contraddizione con la storia di questo partito (anche se ha comunque prodotto alcuni dei pochi politici rispettabili nella storia della Repubblica Federale Tedesca).

No, ciò che mette in pericolo la democrazia è questo urlo d’amicizia in tutti i registri, questa sessione spiritualista in cui si evocano nazisti e comunisti, questa manifestazione che non ha nulla, ma assolutamente nulla a che fare con i problemi reali (tra i quali, non si ripeterà mai abbastanza spesso, è una grande manovra degli Stati Uniti con la partecipazione tedesca al confine russo).

Ciò che minaccia la democrazia sono le accuse di colpevolezza da contatto e il divieto di parlare, la giustizia delle opinioni e l’emotività isterica delle singole questioni. È messa in pericolo dal silenzio su gran parte della realtà, che si basa su un misto di indifferenza, disprezzo e incompetenza. È in pericolo perché l’intera casta che agisce non potrebbe essere più lontana dal “rispetto degli esseri umani anche in opposizione politica o ideologica”.

Ancora una volta, abbiamo una democrazia senza democratici.

Fonti:

  1. https://www.mdr.de/thueringen/mitte-west-thueringen/erfurt/demo-nichtmituns-erfurt-domplatz-100.html
  2. https://www.welt.de/politik/deutschland/article200523900/Zehn-Prozent-Anstieg-bei-den-Nutzern-der-Tafeln-in-Not.html
  3. https://fimico.de/2020/02/10/sozialverbaende-gegen-steueraufschlag-fuer-fleisch/
  4. https://de.wikipedia.org/wiki/Gesetz_zur_Regelung_der_Rechtsverhältnisse_der_unter_Artikel_131_des_Grundgesetzes_fallenden_Personen
  5. https://de.wikipedia.org/wiki/Adenauer-Erlass
  6. Helmut Kramer: Josef Schafheutle; in: Zwischen Recht und Unrecht, Lebensläufe deutscher Juristen, Düsseldorf 2004
  7. https://www.bild.de/politik/talk-kritik/talk-kritk/altmaier-blackout-teile-meiner-partei-haben-fuer-hitler-gestimmt-68705926.bild.html
  8. Zitiert nach: Thüringische Landeszeitung vom 09.07.1947; diese Rede war einige Tage später, aber identisch mit jener beim Kulturbund
  9. Quelle: Bundesarchiv
  10. Dieter Posser, Anwalt im Kalten Krieg, München 1991, S. 253
  11. https://www.merkur.de/politik/thueringen-wahl-merkel-hoecke-ministerpraesident-kanzlerin-strafanzeige-cdu-afd-fdp-kemmerich-mohring-akk-zr-13533852.html

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort