Il caso Assange: il nostro silenzio, la nostra complicità | di Milosz Matuschek

Un commento di Milosz Matuschek.

Il caso di Julian Assange non è un processo. E’ un casino. Se Assange viene estradato, il giornalismo investigativo è morto. Un rapporto sull’incidente.

(Collage: A.Koller)

Questo dovrebbe un giorno diventare un rapporto di processo. Non ha funzionato. Una volta per via di Corona e anche perché alla fine non è arrivato nessun accredito da Londra. Il processo a Julian Assange è un incidente con un annuncio. Un incidente che è stato deliberatamente causato. e quindi questo è un rapporto di incidente.

C’è un processo in corso a Londra in questo momento, il processo del secolo. Beh, pochi se ne sono accorti perché non c’è molto da riferire. Non capita spesso che un giornalista sia sotto processo nel mondo occidentale che da anni pubblica informazioni su crimini di guerra, crimini contro l’umanità, sorveglianza di massa, corruzione e altri abusi di pubblico interesse – e ne viene accusato. Sono cose che dovrebbero essere rivelate dai giornali.

Con luce contro il decadimento

Sono cose che erano o sono di tanto in tanto sui giornali, come le rivelazioni di Daniel Ellsberg sui giornali del Pentagono, gli abusi della guerra del Vietnam o le rivelazioni di Snowden. Ma questo potrebbe presto diventare storia se Assange sarà condannato. Il prezzo per la pubblicazione di informazioni vere – è dimostrato che Wikileaks non ha mai pubblicato informazioni false – sarà troppo alto. Al momento il prezzo è di 175 anni di reclusione. Assange sarà estradato negli Stati Uniti, dove è accusato di spionaggio, sulla base di una legge del 1917. Sarebbe un precedente, un attraversamento di tutti i confini.

Julian Assange è una persona in cui il tempo ha un modo speciale di correre insieme. È il cuore e la mente di un’organizzazione che pubblica informazioni di interesse pubblico, è responsabile dei servizi segreti dei cittadini. Assange è stato chiamato in molti modi, ma molto probabilmente è un filosofo nomade della trasparenza e demolitore di macchine, che fa luce su verità spiacevoli con un programma fatto da sé e quindi mette in discussione anche l’immagine di sé del mondo occidentale. È un pensatore anarco-libertario, un attivista che usa mezzi tecnologici e giornalistici per portare le verità nello spazio pubblico.

Secondo lui, il dominio ha bisogno di cospirazioni. Non c’è una regola di molti su molti senza cospirazione. Julian Assange odia la cospirazione dei potenti contro i molti. È un tradimento della democrazia. E intende smantellare questa cospirazione. Quando le informazioni tra cospiratori smettono di scorrere perché i loro canali vengono distrutti, la collusione diventa inevitabilmente minore, in quanto diventa un rischio, fino a quando (si spera) si avvicina finalmente a zero. Secondo Assange, la cospirazione può essere contenuta dalla minaccia della trasparenza.

La Rivoluzionaria della Trasparenza

Assange non aveva bisogno di un manifesto forte per la sua rivoluzione. Wikileaks era il suo manifesto. Wikileaks è un asilo per informazioni classificate. Funziona come una botola per bambini su Internet. Un sistema non rintracciabile e non rintracciabile per la distribuzione di massa di documenti segreti e la loro analisi. Una fabbrica virtuale della verità. Ogni perdita mostrava i potenti: Vedo quello che non sapevi che potevo vedere. Altrimenti non avreste osato. E lo mostrerò a tutti. Non si può mai più essere sicuri se si sta facendo qualcosa di criminale, che si tratti di crimini di guerra da parte degli stati, di evasione fiscale da parte delle banche o dei metodi di Scientology.

È un affronto ai potenti. È un insulto. La dichiarazione finale di guerra. “Un movimento sociale per scoprire i segreti”, ha detto Assange, “potrebbe rovesciare molti governi che si affidano a loro per nascondere la realtà – compreso il governo degli Stati Uniti”. Gli Stati Uniti hanno visto Julian Assange e Wikileaks come nemici pubblici n. 1, il Bin Laden dell’era dell’informazione, dal 2008.

Allora, come si fa a prevenire il tradimento della democrazia da parte di persone potenti? Le perdite sono un mezzo brutale, ma in definitiva l’unico possibile e quindi necessario. Rapporto Ultima. Le rivelazioni di Snowden sono un buon esempio: Snowden non ha avuto altra scelta che rubare il materiale di dati sulla sorveglianza di massa della NSA & Co. Ha dovuto pubblicare le prove e il tradimento di segreti per smascherare la sorveglianza illegale di massa dei cittadini di tutto il mondo da parte dei loro governi. Se l’avesse riferito ad un solo giornalista, questo rapporto avrebbe potuto essere fermato dai servizi segreti con riferimento al tradimento di segreti, e l’intera faccenda sarebbe stata nuovamente nascosta con riferimento alla segretezza in un caso giudiziario altrettanto segreto. Segreto, segreto, andato. Nessuno l’ha visto. È così com’è: più le informazioni sono sensibili, più brutalmente devono essere portate alla luce, altrimenti non sopravviveranno a lungo.

Da stella a dissidente dell’Occidente…

Dal 2006, Assange ha pubblicato per la prima volta documenti sulla frode elettorale in Kenya, sulle pratiche di Scientology e sulle tattiche di evasione fiscale delle banche. È stato festeggiato e premiato. Dalla sua fondazione nel 2006, Wikileaks ha ottenuto più colpi di stato giornalistici del New York Times e del Washington Post in 30 anni. La marea è cambiata nel 2010, quando Assange ha iniziato ad aumentare la sua esposizione agli Stati Uniti attraverso le pubblicazioni. Collateral Murder, il noto video dell’attacco con l’elicottero contro i civili nella guerra in Iraq, in cui sono morti anche due giornalisti della Reuters, ha fatto il giro del mondo.

L’esercito statunitense ha presentato delle foto a Dean Yates, che all’epoca era responsabile dell’attacco Reuters in Iraq, mostrando Kalschnikoffs e lanciarazzi per dimostrare che i morti erano armati. Mente in tempo di guerra, come sappiamo oggi. Julian Assange era, infatti, l’unica persona al mondo a portare alla luce la verità. Poi il Diario di guerra afghano e i Diari di guerra dell’Iraq, i rapporti di prima linea non censurati, i dossier di Gitmo sulla tortura a Guantanamo, infine la pubblicazione dei dispacci diplomatici degli ultimi decenni (Cablegate).

Quello che dovrebbe accadere da allora potrebbe essere letto più o meno già nel 2012, sempre su Wikileaks, nelle mail private della società “Stratfor”, nota come la CIA ombra. “Spostiamolo da un paese all’altro per i prossimi 25 anni e facciamogli causa”. Sequestrate tutto ciò che lui e la sua famiglia possiedono per coinvolgere chiunque sia associato a Wikileaks”.

Assange aveva tutte le ragioni per essere sospettoso, anche dei suoi migliori amici. Ha semplicemente letto il suo futuro dalle enormi quantità di dati segreti che il suo sistema Wikileaks ha riversato su di lui. La diffidenza era la sua assicurazione sulla vita. E seguire le notizie sarebbe stato sufficiente. Giornalisti e politici hanno gridato pubblicamente perché “non si può sparare al figlio di puttana”.


I suoi computer sono stati confiscati, Wikileaks è stato infiltrato da persone dell’FBI e la sfiducia è stata seminata. Assange, che dal 2012 è in asilo politico presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra, dal 2015 è sotto la sorveglianza continua della UC Global e anche il suo avvelenamento è stato preso in considerazione. Materiale da un thriller di spionaggio. È quasi impossibile inventarselo.

E ora uno spettacolo di prova

Il cinico culmine dello spettacolo è ora il trattamento legale e pubblico di Assange. Il fatto che questo processo si stia svolgendo è una farsa. Prima il carcere di alta sicurezza Belmarsh a Londra e la pena massima di quasi 50 settimane per violazione della libertà provvisoria. Poi l’isolamento, la tortura psicologica, come hanno rivelato l’anno scorso esperti, medici e il relatore speciale sulla tortura, Nils Melzer. Non c’è dubbio: Julian Assange è un prigioniero politico. Viene umiliato, deve spogliarsi ogni giorno, viene sottoposto a raggi X. Cosa pensi di trovare: un microfilm con alcuni dispacci diplomatici nel suo retto?

Assange è stato messo in un carcere di massima sicurezza, è stato decretato l’isolamento. Non è normale per i procedimenti di estradizione. Si accumulano errori procedurali su errori procedurali (sorveglianza, un giudice pregiudicato, violazione del diritto alla “parità delle armi” in un processo, nessun accesso ad avvocati e documenti). Il solo fatto che le conversazioni di Assange con medici, avvocati, confidenti dell’ambasciata siano state spiate dovrebbe essere sufficiente a far scoppiare il processo. Chi beneficia di questo spettacolo indegno? Perché lo Stato britannico si espone in questo modo incredibile? Medici, avvocati, artisti, giornalisti, politici protestano, firmano petizione dopo petizione. La pressione sul governo britannico sta crescendo.

Al processo, Assange sta seduto in una teca di vetro come un terrorista. Comunicazione con i suoi avvocati: severamente limitata. Già negli ultimi mesi non ha avuto quasi nessuna possibilità di parlare con i suoi avvocati. La sua fidanzata Stella Moris e molti altri combattono per la sua sopravvivenza. Il processo che lo attende negli Stati Uniti si terrà davanti a un tribunale di spionaggio inglese del Distretto orientale della Virginia, le cui giurie sono per lo più composte da membri vicini al governo. Non c’è mai stata un’assoluzione. Probabilmente non sopravviverebbe a una condanna a vita a causa delle dure condizioni di detenzione previste e della sua salute precaria.

Installazione luminosa per Assange sulle pareti del carcere di massima sicurezza HMP Belmarsh dalla primavera del 2020 (c) Pixelhelper, Dirk-Martin Heinzelmann

Ufficialmente, è accusato di aver aiutato Chelsea (poi Bradley) Manning a decifrare una password e di aver messo in pericolo delle vite umane pubblicando informazioni inedite. Tuttavia, non sono mai state fornite prove che qualcuno sia mai stato danneggiato da Assange. Poiché l’estradizione è su un terreno traballante, l’accusa viene prorogata, non fino al maggio 2019, l’ultima volta nel giugno 2020, e si cerca lo sporco che potrebbe ancora essere gettato su di lui, ma non si trova nulla. Questo processo deve scoppiare. Assange deve essere rilasciato. Qualsiasi altra cosa renderebbe ridicolo il sistema giudiziario britannico. L’estradizione per motivi politici non è possibile; inoltre, la Convenzione europea dei diritti dell’uomo vieta l’estradizione quando, tra l’altro, una persona può essere sottoposta a tortura o a trattamenti inumani e la negazione dei diritti procedurali fondamentali, come il diritto a una difesa adeguata. Quanto a lungo si possa ancora provare Assange è un’altra questione.

Termometro clinico della libertà di stampa

Julian Assange, è già diventato un simbolo della libertà di stampa. Ancora una volta, il passare del tempo è condensato nella sua persona. Il suo esempio è attualmente utilizzato per negoziare l’attuale status occidentale della libertà di stampa. Ora è il termometro clinico del mondo libero. In concreto, il modo in cui Assange è trattato ora dimostra quante informazioni sarà ancora in grado di fornire domani come cittadino. Informazioni sensibili, informazioni segrete, ma informazioni di cui avete bisogno per prendere decisioni in qualità di cittadini.

In una democrazia, questo accesso non mascherato è centrale. Il cittadino è il sovrano. Quando i governi o i funzionari pubblici commettono crimini e si rifugiano sotto la protezione del segreto di Stato, il legame tra governati e governati si spezza. In una democrazia non può esserci una legittima protezione della segretezza per i crimini commessi dai singoli. Un governo che rappresenta questo per il pubblico è un colpo di stato dall’alto. Un sistema giudiziario che va di pari passo con questo diventa complice. E un pubblico che rimane in silenzio sulla questione non ha capito la democrazia e alla fine non la merita.

Assange non sarà punito principalmente per quello che ha fatto. Stanno cercando di impedirgli di pubblicare di nuovo qualcosa. Per le persone che temono la verità, Assange è una bomba ad orologeria. In un mondo pieno di menzogne, qualcuno che gestisce una macchina della verità è pericoloso – e una delle persone più potenti del mondo. “Punisci uno, educa cento”, ha detto Mao Tse-Tung. Questo è lo spettacolo educativo e il segnale per tutti i giornalisti del mondo. Tocca a te.

Quando il primo giornale uscì negli USA nel 1690, il giorno dopo fu proibito. La fondazione di Wikileaks nel 2006 è stata la nascita di una nuova forma di giornalismo. Come lo scienziato deve fornire prove se vuole essere preso sul serio, così deve fare anche il giornalista. Finché questo non accade, c’è uno squilibrio diretto di potere. I lettori non sono in grado di verificare ciò che gli viene detto. Questo apre ogni porta all’abuso di potere. Nel XXI secolo, dopo il Rinascimento, l’Umanesimo e l’Illuminismo, e nell’era di Internet, il cittadino dell’Occidente è ancora solo un credente che si affida troppo spesso alle illusioni circolanti.

Questo è il doloroso messaggio di Julian Assange: non abbiamo idea della realtà in tutta la sua estensione. La sentenza sarà pronunciata il 4 gennaio 2021, e il processo potrebbe poi continuare davanti ai tribunali superiori. È anche grazie a questa prova che il velo intorno alla realtà si apre ogni giorno di più davanti ai nostri occhi.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Questo articolo è apparso per la prima volta sulla rivista del Berliner Zeitung il 10.10.2020 ed è anche sul blog dell’autore l’11 ottobre 2020:  Intelligenza libera fluttuante.

+++

Fonte dell’immagine: John Gomez/ shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort