Commissione d’inchiesta del Bundestag o tribunale?

Dobbiamo confidare in un processo di autopurificazione inesistente?

Un punto di vista di Jochen Mitschka.

L’appello di Ken Jebsen per la creazione di una commissione d’inchiesta Corona (basata sull’ultimo numero di Me, Myself e Media 57 sul portale KenFM) ha portato alla luce non solo i già esistenti siti di test della mente, chiamati anche “fact checkers”, ma anche nuovi sostenitori dell’unica vera opinione, che stanno disperatamente cercando di evitare che l’opinione pubblica perda fiducia nelle dichiarazioni del governo.

La possibilità che nel Bundestag ci possa essere anche una commissione d’inchiesta è minima, perché praticamente tutti i partiti rappresentati nel Bundestag hanno appoggiato le misure del governo per paura di cadere in disgrazia a causa di uno tsunami populista di paura. E ora il partito paria AfD è l’unico che chiede una commissione d’inchiesta. E altri membri dell’opposizione non osano fare “causa comune” con l’AfD per paura di accuse “incrociate” e delle solite argomentazioni sull’omicidio colposo.

Ma anche se si dovesse costituire una commissione d’inchiesta, resta da chiedersi quale risultato potrebbe ottenere una tale commissione. Cosa è stato realizzato dalle varie commissioni d’inchiesta precedenti? Guardiamo al più grande scandalo degli ultimi anni, che sarebbe stato affrontato dalle commissioni d’inchiesta della NSU (1). Qual è stato il risultato? I documenti più importanti sono scomparsi per 120 anni in segreto! (2)

Si guarda l’elenco delle commissioni d’inchiesta e poi si considera quale di queste ha avuto gravi conseguenze e un impatto reale sull’opinione pubblica. (3) Credo che una commissione d’inchiesta, più o meno, non avrebbe alcun impatto sulla società. La procedura si trascinerebbe per anni, nel frattempo si stanno creando fatti, l’interesse per il comitato sta diminuendo e i media stanno facendo tutto il possibile per annacquare le notizie. Quale sarebbe un’alternativa?

Il Tribunale

Un’alternativa è un tribunale pubblico. Naturalmente, né il governo né i politici del governo vi parteciperanno. Ma è davvero necessario? Ci sono così tante dichiarazioni pubbliche di politici e scienziati che rappresentano il governo, e c’è la possibilità di fare causa per il rilascio di documenti. “Chiedi allo Stato” ha una buona storia di ottenimento di documenti che erano apparentemente nascosti nelle casse dello Stato. In questo modo c’è almeno una vaga possibilità di ricostruire cosa è realmente accaduto e chi è responsabile di cosa.

I “Giudici”

I giudici e i moderatori del procedimento dovevano essere personalità straniere che non si erano ancora pronunciate esplicitamente sul caso Corona, cioè che non potevano essere considerate prevenute. Dovrebbero essere preferibilmente di lingua tedesca. Idealmente appartengono a diverse tendenze politiche. In alternativa o in aggiunta, si potrebbero coinvolgere giudici o politici tedeschi in pensione che sono generalmente accettati come autorità e che non si sono ancora manifestati in pubblico con una chiara opinione.

I “procuratori”

I principali sostenitori delle critiche al governo durante la crisi di Corona sono naturalmente raccomandati come procuratori. Per esempio il direttore del Rubicone, Jens Wernicke, e il primo e più importante critico, il Dr. Wolfgang Wodarg.

I “Difensori”

Il problema più grande sarà probabilmente la ricerca di difensori, perché la maggior parte dei sostenitori del governo si rifiuterà di partecipare a un tribunale di questo tipo. Il compito sarebbe quindi quello di trovare scienziati e/o avvocati neutrali che siano disposti a rappresentare in modo credibile gli interessi dei politici governativi accusati.

I Testimoni

L’elenco dei testimoni è certamente così lungo che la durata del tribunale rischia di durare mesi. Se esamino solo i miei documenti, ci sono centinaia di scienziati e critici della magistratura che, sulla base delle loro indagini, concludono che il governo tedesco ha commesso gravi errori nell’affrontare la crisi di Corona. È del tutto irrilevante se ci sarà un “secondo” o anche solo un’onda.

Il pubblico

La procedura deve naturalmente essere pubblica, deve essere trasmessa in diretta e salvata in file video su un server indipendente. Le trascrizioni e i riassunti devono essere creati e preparati per l’ulteriore elaborazione dei media.

Il finanziamento

Ora siamo giunti a un punto che probabilmente sarà il più grande ostacolo alla realizzazione di un tale tribunale: Il finanziamento. Il processo, che probabilmente richiederà mesi, costerà milioni. In passato, quindi, i tribunali sono sempre stati sponsorizzati da grandi organizzazioni o stati (8). Tuttavia, non dovremmo aspettarcelo nel caso in questione. Al contrario. Si farà tutto il possibile per evitare che il tribunale abbia luogo.

C’è ancora speranza per un donatore sconosciuto? Ciò darebbe immediatamente luogo all’accusa di influenza, che il processo dovrebbe poi dissipare. Naturalmente, una fonte alternativa o aggiuntiva di finanziamento potrebbe essere un progetto di crowd funding. In entrambi i casi, sarebbe utile che i depositi fossero deducibili dalle tasse come donazioni. Quindi, se il tribunale fosse organizzato da un’associazione senza scopo di lucro. Ma anche questo incontrerà la decisa resistenza dell’establishment. Si vede che sempre più scomode associazioni stanno perdendo il loro status di non profit (9), mentre per esempio le fondazioni dei partiti politici, anche se probabilmente con quasi un miliardo di euro, saranno presto finanziate con il denaro delle tasse, se si includono i fondi di progetto da cui le fondazioni finanziano il loro lavoro di lobbying (10).

Le possibili conseguenze

Naturalmente l’esito di un tribunale di questo tipo non ha conseguenze legali. Ma se fosse possibile istituire qualcosa come il “Tribunale di Corona della violazione della Costituzione”, l’eco nazionale e internazionale e le conseguenze per l’opinione pubblica non sarebbero sottovalutate.

Per gli organizzatori e i presunti “teorici della cospirazione”, un tale processo porterebbe solo vantaggi, indipendentemente dall’esito. Infatti, se il governo non è accusato di cattiva condotta, i “teorici della cospirazione” dovranno essere ammessi a partecipare a un processo neutrale con esito aperto. Tuttavia, se le tesi dei critici della politica del governo sono anche solo comprovate o confermate, dovrebbero essere finalmente riabilitate.

E questo è probabilmente proprio il motivo per cui i politici faranno tutto il possibile per evitare un simile tribunale. Per questo motivo, si dovrebbe considerare fin dall’inizio di tenere il tribunale non in Germania, ma in un paese vicino, o forse in Islanda. Perché l’Islanda? Perché l’Islanda ha una storia di resistenza contro la pressione del conformismo globale. Questo si può vedere nel trattamento completamente diverso della “crisi bancaria” e nello scandalo della persecuzione di Julian Assange e WikiLeaks.

Giurisdizione universale

La giurisdizione universale fa parte di un principio del diritto mondiale che è al di sopra del diritto degli Stati nazionali. Viene utilizzato principalmente per i crimini di guerra. Ma considerando le conseguenze delle azioni del governo tedesco, uniche nella storia della Germania del dopoguerra, l’accusa di migliaia di morti a causa della chiusura imposta dallo Stato, credo che si verifichi una situazione simile. Le conseguenze della chiusura, con migliaia, anzi decine di migliaia di morti, sono state davvero peggiori di quanto il coronavirus avrebbe mai potuto essere?

In un processo per crimini di guerra, si esamina se i mezzi utilizzati per uccidere le persone siano stati legittimati dalle presunte vittime temute. Lo stesso vale per le misure che il governo tedesco ha imposto alla popolazione tedesca.

La questione centrale che deve essere chiarita dal tribunale è se le misure adottate dal governo federale fossero giustificate e appropriate e, se così fosse, se fossero eventualmente necessarie a causa di una precedente negligenza del compito statale di fornire assistenza sanitaria.

Naturalmente, la base della giurisdizione universale non sarà riconosciuta dai media o dai politici. In caso di “condanna”, i documenti sarebbero stati consegnati a un tribunale che avrebbe potuto procedere. Ma questo non esiste. Perché tutti i possibili tribunali in Germania e nell’UE sono dominati dai partiti politici. Pertanto, l’unico tribunale possibile è la società tedesca, alla quale si dovrebbe poi chiedere, sulla base dei risultati del tribunale, di pronunciare una condanna per privazione di elezioni e quindi di legittimità, oppure di riconfermare il governo eleggendo i partiti che sostengono lo Stato.

E’ abbastanza certo che solo un cambiamento marginale della società si vedrà inizialmente nelle elezioni. Così come ci sono volute diverse legislature perché Democrazia Christiana in Italia degenerasse da primo partito al potere a partito di nicchia dopo che è stata dimostrata la sua collaborazione con la mafia (4). Poiché l’Italia, a differenza della Germania, ha una procura indipendente, non ci si può ovviamente aspettare che la magistratura tedesca intraprenda un’azione simile (5). Non ci si può aspettare che il ministro della Giustizia dia istruzioni a un pubblico ministero di indagare contro il governo.

I media

La reazione dei media sarà probabilmente decisiva per l’impatto di un Tribunale di Corona sulla politica tedesca. Se la falange dei “media di qualità” non si scioglierà, spetterà solo ai media alternativi diffondere il tribunale stesso e i suoi risultati. Ciò richiede un coordinamento che non è ancora evidente. Se le alternative riusciranno a farlo, potrebbe emergere un effetto del tutto simile a quanto riportato dai media ufficiali.

Naturalmente sono da aspettarsi ulteriori campagne di calunnia e di annientamento contro le alternative. Oltre ad aumentare ulteriormente la pressione di censura. Ma nel frattempo è evidente che gli utenti di Internet cominciano a sfruttare le scappatoie e a superare la censura. Al contrario, sembra quasi che ad ogni caso noto di censura, nuove persone si convincano di dover fare qualcosa. Si tratta di uno sviluppo incoraggiante.

La gente deve rendersi conto di essere sola. Non esiste una magistratura indipendente né una separazione dei poteri attraverso il controllo del governo in parlamento (6). E anche come elettori non hanno alcuna influenza sulla politica, come Angela Merkel aveva già notato nel 2010 (7). Pertanto, la società, da sola, è responsabile del fatto che un governo sia legittimato dagli elettori che si recano alle urne o delegittimato dagli elettori che rifiutano di esprimere il loro voto.

Se meno del 50% degli elettori ritirerà la propria fiducia nei partiti politici, si verificherà una crisi di legittimità, che potrà essere risolta solo con un cambiamento. E cambiare allora significa finalmente mantenere le promesse che la Legge Fondamentale ci ha fatto. Una costituzione sulla quale il popolo tedesco può votare, la criminalizzazione delle violazioni della costituzione e la realizzazione di una vera e propria separazione dei poteri.

Purtroppo, la delegittimazione attraverso il ritiro elettorale è l’unica arma che il popolo tedesco ha a disposizione dopo che i partiti politici hanno dirottato lo Stato e si sono resi sottomessi. I partiti politici hanno tutte le armi della superiorità dalla loro parte: i media, i presunti pilastri della separazione dei poteri, e infine le armi con cui si può uccidere non solo economicamente, intellettualmente o socialmente, ma anche fisicamente.

Proviamo la via del tribunale e cerchiamo di usare i pochi mezzi a nostra disposizione. Se non altro perché i nostri discendenti non debbano chiedersi di nuovo: “E tu cos’hai fatto?

Allo stabilimento

E, caro establishment, prendi questo ridicolo tentativo come un’opportunità per dimostrare quanto sei democratico e liberale, usa il tribunale come una foglia di fico.

Fonti:

  1. https://de.wikipedia.org/wiki/NSU-Untersuchungsaussch%C3%BCsse
  2. https://www.t-online.de/nachrichten/deutschland/innenpolitik/id_84106974/warum-bleibt-die-nsu-akte-120-jahre-unter-verschluss-.html
  3. https://de.wikipedia.org/wiki/Liste_der_Untersuchungsaussch%C3%BCsse_des_Deutschen_Bundestags
  4. https://de.wikipedia.org/wiki/Democrazia_Cristiana#Krise_und_Aufl%C3%B6sung_der_DC
  5. https://www.gewaltenteilung.de/
  6. https://kenfm.de/standpunkte-%E2%80%A2-die-einsaeulengewaltenteilung/
  7. https://kenfm.de/standpunkte-%E2%80%A2-das-primat-der-politischen-parteien/
  8. https://de.wikipedia.org/wiki/Kuala_Lumpur_War_Crimes_Commission
  9. https://www.tagesspiegel.de/berlin/vereinigung-nazi-verfolgter-nicht-mehr-gemeinnuetzig-holocaust-ueberlebende-schreibt-offenen-brief-an-olaf-scholz/25259718.html
  10. https://www.lto.de/recht/hintergruende/h/finanzierung-parteinah-stiftungen-organstreit-bverfg/

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Sybille Reuter / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort