L’RKI sta ingannando il pubblico? | Di Peter Frey

Se non lo facciamo, abbiamo chiuso con noi. La mascherata deve finire!

Un commento di Peter Frey.

L’alta politica non è affatto pensare di abbandonare la sua – intesa per noi – “nuova normalità” come concetto di società. Gli “allentamenti” – amministrati secondo lo stile dei governanti feudali – sono ingannevoli, perché parte del gioco consiste nel temporeggiare la popolazione fino all’arrivo della “seconda ondata”. Almeno a Berlino, la gente aspetta che il paradosso si verifichi. Paradosso perché non c’è mai stata una “Prima Ondata”, se non quella che è stata lavata nella mente e nel cuore della gente con le paure che ha diffuso.

Tradizionalmente, l’inizio di un’altra stagione influenzale sarà annunciata anche nell’autunno del 2020. La stagione influenzale è un nome simbolico per il periodo di raffreddore, raffreddore febbrile e grandi eruzioni cutanee nelle reazioni del sistema immunitario. Come in ogni stagione influenzale, ciò costerà la vita alle persone, soprattutto agli anziani, ai malati gravi e ai deboli. La vita è possibile solo perché c’è anche la morte. Il numero di persone di cui piangiamo la perdita aumenterà stagionalmente. Questo anche perché i fattori climatici, insieme alle nostre condizioni di vita, giocano a favore di un indebolimento delle funzioni protettive del nostro corpo.

Quest’anno, però, sarà diverso, a meno che un forte movimento della popolazione non comprometta i piani. Il 9 aprile di quest’anno il politico tedesco di fatto più alto in classifica ha brillato con Fake News:

“Anche se i numeri migliorano di un giorno, la pandemia non scomparirà finché non avremo davvero un vaccino per immunizzare la popolazione”. (1)

Perché questo possa essere trasferito come notizia falsa – la trasmissione di notizie che non corrispondono alla realtà – non dovrebbe essere un problema per la mente vigile. Perché se fosse così, come dice Angela Merkel, non ci sarebbe già nient’altro che una popolazione mondiale malata e languente. Consideriamo l’autoconcezione della classe dirigente (enfasi dell’autore):

“… un vaccino con cui possiamo immunizzare la popolazione”.

I governanti come sudditi, la popolazione come oggetti incapaci. In questo caso particolare: la completa ignoranza, cioè l’incompetenza, degli aspetti dell’immunizzazione come caratteristica del pensiero dei governanti; parlato dalla bocca del Cancelliere tedesco. Un’altra falsa notizia di Angela Merkel, volentieri diffusa dai cosiddetti media di qualità:

“Il Cancelliere è stato citato per dire che finora è riuscito a non sovraccaricare il sistema sanitario. Per esempio, ora ci vuole più tempo perché il numero di persone infette raddoppi. (2)

Il Cancelliere non era a conoscenza del numero di persone infette, anzi non lo è ancora. Perché? Perché semplicemente non ci sono indagini, studi di base, test rappresentativi. Questi mancano ancora oggi, all’inizio di luglio, sei mesi dopo lo scoppio della pandemia. È premeditazione o stupidità?

Ecco una falsa notizia da Springers Edelblatt, che chiama Lothar Wieler, il capo del Robert Koch Institute (RKI):

“Anche il capo del RKI Wieler è allarmato. Il numero di nuove infezioni è ancora ad un “alto livello”.

Tutte accuse evocate, succhiate con le dita e prive di fondamento. I falsi reportage sono il lavoro quotidiano dei mass media. Un pensiero opportunistico, ma soprattutto acritico, conforme al sistema è la causa di questa sistematica diffusione di notizie false. Se così non fosse, il mondo si sta alesando intensamente in questi giorni al più tardi, quasi un quarto di anno dopo la notizia che ho appena citato dal giornale. Perché anche lei ha scritto:

“L’RKI sta ora pianificando di lanciare importanti studi nazionali sugli anticorpi sulla diffusione del coronavirus. Questi studi hanno lo scopo di determinare quante persone sono già state infettate e sono quindi immuni al virus, almeno per un certo periodo di tempo. (4)

Il giornale ha così accennato al problema della mancanza di informazioni che ha trasformato gli slogan politici commentati sopra in notizie false: la mancanza di un database. Naturalmente, già in aprile il mondo non si è chiesto come mai un database così rappresentativo non fosse disponibile già da tempo. Lo stesso giorno, l’RKI ha riportato sul suo sito web (enfasi dell’autore):

“Studio sieropidemiologico rappresentativo della popolazione a livello nazionale: determinando gli anticorpi contro la SARS-CoV-2 in un campione rappresentativo a livello nazionale, si dovrebbero meglio stimare la diffusione effettiva, l’immunità, la percentuale di infezioni asintomatiche, il tasso di mortalità effettivo e i fattori di rischio per un decorso grave della popolazione in Germania. Lo studio coinvolgerà 15.000 persone di età pari o superiore ai 18 anni in 150 sedi di studio. Ai soggetti verranno inoltre chieste informazioni sui sintomi clinici, sulle malattie precedenti, sul comportamento sanitario, sulle condizioni di vita e sulla salute mentale. Lo studio dovrebbe iniziare a metà maggio 2020, i primi risultati sono previsti per giugno 2020”. (5)

L’RKI avrebbe potuto aggiungere, sì, avrebbe dovuto:

“Finché questi dati non saranno disponibili, non possiamo fare dichiarazioni serie su una possibile epidemia, né sulla sua diffusione e pericolosità”.

Ma è esattamente quello che hanno detto a una popolazione spaventata in tutti questi mesi!

Ma notate qualcosa, cari lettori?

Siamo a luglio. Ma non trovo alcun rapporto – consegnato dai media in alto e a grandi lettere, analizzato e quindi reso ampiamente disponibile alla popolazione – che indichi i risultati di questi test, così importanti, così importanti, che non riesco a scoprire. Quanto è stato onesto l’annuncio dell’RKI ad aprile?

Per niente pigro, ho fatto una ricerca, e ho anche trovato qualcosa sull’argomento all’RKI. Ora vi preghiamo di attendere (sottolineatura dell’autore):

“Determinando gli anticorpi contro la SARS-CoV-2 in un campione rappresentativo a livello nazionale, sarà possibile stimare meglio l’effettiva diffusione, l’immunità, la percentuale di infezioni asintomatiche, il tasso di mortalità effettivo e i fattori di rischio per un decorso grave nella popolazione tedesca. Lo studio è in fase di progettazione”. (6)

Gli studi rappresentativi – realizzati con l’obiettivo di ottenere un quadro approssimativo ma realistico di una situazione epididemiologica – possono essere effettuati in poche settimane o addirittura in giorni. Tali studi possono essere continuati come un processo continuo, correggendo e perfezionando così i risultati. Gli studi di base, inoltre, non costano le somme di denaro che sono state spese per mesi per i folli e inaffidabili test di massa.

Gli studi rappresentativi dovrebbero essere di routine per un istituto di epidemie come l’RKI, e i primi risultati avrebbero dovuto essere disponibili già nel marzo 2020! Ma non sono stati nemmeno avviati fino ad oggi – anche se sono stati annunciati dall’istituto tre mesi fa!

Possiamo essere tutti certi che questi risultati – se fossero finalmente disponibili – non ci farebbero paura. Ma i risultati non ci sono, e questa è l’intenzione politica. Sono invece in corso ulteriori campagne per effettuare test di massa più che discutibili (7). Si tratta di un’attività estremamente redditizia, tanto per cominciare. Ma d’altra parte, questi test e i rapporti che li riguardano mantengono l’atmosfera allarmistica di falsa notizia di cui i nostri politici hanno così urgentemente bisogno per stabilire realmente e permanentemente la “nuova normalità” nelle persone.

Solo sulla base di tali menzogne permanenti si possono ancora vendere maschere come gesto ipocrita di solidarietà, ma in realtà simbolo di sottomissione e di incapacità.

Conclusione: ci viene mentito, sistematicamente e continuamente. Ci viene anche mentito su come, dove, quando e perché la gente in Germania sarebbe morta a causa di Covid-19. Siamo invitati a non tollerarlo più.

Si prega di rimanere in allerta.

Osservazioni e fonti
Dieser Beitrag erschien zuerst bei Peds Ansichten.

(Allgemein) Dieser Artikel von Peds Ansichten ist unter einer Creative Commons-Lizenz (Namensnennung – Nicht kommerziell – Keine Bearbeitungen 4.0 International) lizenziert. Unter Einhaltung der Lizenzbedingungen – insbesondere der deutlich sichtbaren Verlinkung zum Blog des Autors – kann er gern weiterverbreitet und vervielfältigt werden. Bei internen Verlinkungen auf weitere Artikel von Peds Ansichten finden Sie dort auch die externen Quellen, mit denen die Aussagen im aktuellen Text belegt werden.

(1,2) 09.04.2020; Welt; Merkel zur Coronalage; https://www.welt.de/politik/deutschland/article207167375/Merkel-zu-Corona-Solange-wir-keinen-Impfstoff-haben-wird-das-gelten.html

(3,4) 09.04.2020; Welt; “Von einer Entspannung kann man nicht wirklich ausgehen”; https://www.welt.de/politik/deutschland/article207160681/RKI-mit-Zahlen-zu-Coronavirus-Von-Entspannung-kann-man-nicht-ausgehen.html

(5) 09.04.2020; RKI, Pressemitteilung; Wie viele Menschen sind immun gegen das neue Coronavirus? Robert Koch-Institut startet bundesweite Antikörper-Studien; https://www.rki.de/DE/Content/Service/Presse/Pressemitteilungen/2020/05_2020.html

(6) 26.06.2020; RKI; SARS-CoV-2: Antikörperstudien des RKI; https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/N/Neuartiges_Coronavirus/Projekte_RKI/Antikoerper-Studien.html

(7) 30.06.2020; ARD-Tagesschau; Was Bayern will und was die Kritiker sagen; https://www.tagesschau.de/inland/corona-tests-123.html

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicare

+++

Fonte dell’immagine: Shutterstock / ralphmeiling

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort