Corona virus – Game over: l’eccesso di denaro non impedirà il crash

Un commento di Ernst Wolff.

Il virus corona si sta diffondendo rapidamente al di fuori dei confini della Cina e ha ormai raggiunto più di trenta altri paesi. In Corea del Sud, entro domenica sono state registrate seicento infezioni e cinque morti. Nella città di Daegu (grande più o meno come Amburgo o Monaco di Baviera), che ospita milioni di persone, ai residenti è stato detto di non lasciare le loro case. A Gumi, uno dei più grandi siti di produzione di telefoni cellulari della multinazionale Samsung, ha sospeso il lavoro fino a nuovo avviso. A Icheon, il fornitore di Apple Hynix ha inviato ottocento dipendenti a casa dopo la scoperta di un caso di infezione. Il livello di allarme più alto è in vigore in tutto il paese da domenica.

Lo sviluppo sta accelerando anche in Medio Oriente e in Europa. I primi casi sono stati registrati in Libano e in Israele. L’Iran ha riportato otto morti, 43 infezioni accertate e 750 casi sospetti entro domenica. Nella città iraniana di Ghom, tutte le scuole e le università sono state chiuse; gli 1,2 milioni di abitanti sono stati esortati ad evitare inutili contatti fisici. Iraq, Turchia e Pakistan hanno chiuso il confine con l’Iran e, come in Qatar, hanno sospeso il traffico aereo.

In Italia, tre persone infette sono morte entro domenica. Venerdì le autorità di dieci città del nord Italia hanno ordinato la chiusura di scuole, uffici governativi e altri edifici pubblici. Anche i negozi di alimentari, i bar, le discoteche e i centri sportivi devono rimanere chiusi per almeno una settimana nelle zone colpite. Sabato sera è stato emanato un decreto che vieta a 53.000 abitanti delle zone colpite di lasciare il loro posto sotto la minaccia di una pena detentiva di tre mesi.

La Cina ha ora limitato la libertà di movimento di 760 milioni di persone. Nella provincia di Hubei in Cina, il centro dell’epidemia, questa settimana sono state segnalate centinaia di nuove infezioni da ospedali e prigioni. Più di 300.000 container si stanno accumulando nei porti cinesi, poiché a molti lavoratori migranti non è ancora permesso di tornare al lavoro. I cargo si affollano davanti ai porti, e le spedizioni dalla Cina verso l’Europa e l’America sono già diminuite di oltre il cinquanta per cento.

Le autorità di Hubei hanno escluso la riapertura delle fabbriche prima del 10 marzo. È più che discutibile che la produzione possa essere effettivamente ripresa l’11 marzo. Il presidente Chi, che solo una settimana fa aveva annunciato l’imminente “vittoria sul virus”, ha parlato venerdì di una “situazione cupa e grave” a Hubei.

Anche le prospettive in tutti gli altri Paesi colpiti sono fosche e gravi, poiché attualmente non c’è un solo Paese al mondo il cui sistema sanitario sia preparato ad un’affluenza di pazienti della portata di quello che sta vivendo la Cina.

Soprattutto, anche le prospettive economiche per i lavoratori di tutto il mondo sono tetre e serie. La situazione di stallo in Cina si farà sentire pesantemente in tutto il mondo nelle prossime settimane a causa delle interruzioni del commercio e delle catene di approvvigionamento. La globalizzazione degli ultimi decenni, che ha portato a una stretta interconnessione transnazionale di tutti i processi economici, avrà effetti drammatici. Intere industrie si troveranno ad affrontare problemi di approvvigionamento e risponderanno con lavori a breve termine e licenziamenti. Allo stesso tempo, ci si può già aspettare che il calo dell’offerta dovuto alle strozzature dell’offerta porti ad un aumento dei prezzi in molti settori se la domanda rimane costante.

Si deve anche presumere che i grandi investitori cercheranno di trarre profitto dalla crisi acquistando grandi quantità di beni, riducendo così ulteriormente l’offerta già in calo e offrendo successivamente i beni a prezzi gonfiati.

In altre parole: questa crisi colpirà anche e soprattutto la popolazione attiva – e questo in un momento in cui la disuguaglianza sociale sta assumendo proporzioni sempre più gigantesche. All’inizio di febbraio, Elon Musk, che possiede il 19 per cento delle azioni di Tesla, ha aumentato il suo patrimonio in un solo giorno di un aumento del 17 per cento del prezzo delle azioni Tesla di 4,5 miliardi di dollari. Questo è stato il più alto aumento della ricchezza di una singola persona in tutta la storia dell’umanità.

A causa di questa intensificazione delle disuguaglianze sociali, non si possono più escludere grandi conflitti sociali. Il timore di questi sconvolgimenti è probabilmente uno dei motivi per cui quasi tutti i governi hanno finora reagito allo stesso modo – del tutto inadeguato alla gravità della situazione:

Invece di emettere avvertimenti, hanno minimizzato i pericoli e fornito al pubblico informazioni insufficienti o fuorvianti. In Cina, ad esempio, la scorsa settimana è stato introdotto il quinto cambiamento nei criteri utilizzati per la compilazione delle statistiche ufficiali sulla malattia di Covid-19 – con il risultato che la popolazione, seriamente preoccupata, mette sempre più in dubbio l’esattezza delle cifre. In Iran, fino a quando non sono stati segnalati i primi decessi, il governo ha negato che ci fossero state infezioni.

Negli Stati Uniti, dove sono stati segnalati anche i primi casi di infezione, diversi stati non dispongono ancora dei test necessari per individuare l’infezione. Altri Stati hanno già annunciato che non pubblicheranno statistiche sulle infezioni e sui decessi, citando la protezione dei dati. A New York, un post su Facebook dei vigili del fuoco sull’ammissione di un uomo tornato a casa dalla Cina con sospetti su Covid-19 è stato cancellato dopo poco tempo – con il pretesto di non voler allarmare il pubblico. Invece di informare il pubblico in modo adeguato, gli vengono negate informazioni estremamente importanti.

Non diversamente dai governi, l’industria finanziaria ha finora reagito alla crisi della Corona. Indipendentemente da tutti gli aspetti e le conseguenze umanitarie, si stanno preparando ulteriori iniezioni di denaro nel sistema per mantenerlo in vita in questi tempi di crisi e per garantire che gli ultra-ricchi abbiano una fonte di ulteriore ricchezza.

Guardando avanti a ciò che ci aspetta nel settore finanziario, la Cina, dove la scorsa settimana la banca centrale ha tagliato il tasso di interesse chiave e ha annunciato che allenterà i requisiti di riserva per le banche per fornire credito a basso costo alle aziende in difficoltà. A seguito della misura, i mercati azionari di Shenzhen e Shanghai sono aumentati rispettivamente dell’1,6% e del 2%. In altre parole, la misura non è andata a vantaggio delle imprese in difficoltà, ma ha invece innescato un altro giro di speculazioni sui mercati azionari.

Tuttavia, gli eventi in Cina mostrano anche la situazione senza speranza in cui le banche centrali hanno manovrato se stesse attraverso la loro politica monetaria sciolta. Dopo dodici anni di garanzia che abbiamo a che fare con il più grande casinò finanziario di tutti i tempi, tutte le misure che stanno adottando hanno un solo effetto: alimentare ulteriormente questo casinò.

Chiunque pensi che questo possa andare avanti all’infinito si sbaglia. L’interruzione delle catene di approvvigionamento metterà presto l’economia reale in difficoltà in tutto il mondo. L’incuria dell’economia reale ha trasformato molte aziende in cosiddette aziende zombie. Sono fondamentalmente poco redditizi, ma sono stati in grado di tenere la testa fuori dall’acqua a causa del denaro a basso costo e dell’aumento del debito.

Se i finanziatori si renderanno conto che queste aziende sono in difficoltà esistenziali a causa dei problemi di fornitura dalla Cina, richiederanno il loro denaro. Il risultato sarà che queste società non avranno altra scelta che prestare il giuramento di divulgazione. E’ quindi molto probabile che nel prossimo futuro si verifichi un crollo del sistema globale delle carte di credito. Se le banche centrali cercassero di evitarlo, l’unica cosa che potrebbero fare sarebbe aprire tutti i money-lock e introdurre contemporaneamente tassi di interesse negativi. Ma un tale flusso di denaro rischia di distruggere definitivamente la fiducia della gente nel sistema monetario.

Di conseguenza, non vi è alcuna via d’uscita dalla situazione attuale per le banche centrali. Il virus corona è diventato rapidamente un acceleratore di incendi per i problemi del sistema finanziario globale, e la questione cruciale oggi non è più se, ma solo quando si verificherà il crollo.

C’è un modo per evitarlo? No, la valanga è già iniziata, la sua discesa non può più essere fermata. C’è un modo per proteggersi? Sì, in più di un modo. In considerazione della minaccia medica, è assolutamente sensato, al momento, prepararsi per un eventuale periodo di quarantena più lungo acquistando maschere facciali e disinfettanti virucidi per le mani, oltre a fare scorta di generi alimentari. Dato che gran parte dei farmaci con cui commerciamo provengono dalla Cina e che sono prevedibili strozzature e fallimenti nelle consegne, i pazienti affetti da malattie croniche dovrebbero ricevere immediatamente farmaci di vitale importanza.

Poiché in caso di crollo è da aspettarsi un giorno festivo, cioè una chiusura temporanea delle banche (basti pensare alla Grecia e a Cipro), è consigliabile tenere una certa quantità di contanti in magazzino. Per assicurarsi i propri risparmi, è consigliabile scommettere sull’oro, il cui prezzo è in aumento da diverse settimane, nonostante tutte le manipolazioni del settore finanziario. Per essere preparati alla svalutazione del denaro nella vita di tutti i giorni, è consigliabile tenere in magazzino le monete d’argento.

Chi attualmente scommette sulle valute criptate dovrebbe sapere che potrebbe affrontare la stessa sorte del denaro contante. In ultima analisi, il denaro contante non è altro che carta stampata, mentre la moneta elettronica è solo un record di dati. In entrambi i casi, il pagamento funziona solo finché il destinatario è convinto del valore del denaro che gli viene dato. Questa convinzione rischia di svanire rapidamente in tempi di crisi.

Soprattutto, però, è importante creare dei social network per non rimanere soli in caso di emergenza. Chi vive in isolamento troverà molto più difficile sopravvivere ai tempi a venire e certamente ai tempi difficili, almeno un po’ indenne.

Queste proposte sono esagerate, sono tattiche spaventose? No, certo che no, perché quello che stiamo affrontando è senza precedenti. L’influenza spagnola, ad esempio, con cui spesso si confronta la pandemia di Corona, si è verificata in un’epoca in cui la produzione era ancora locale e regionale, in cui non c’era traffico aereo e la gente viaggiava raramente. Quello a cui stiamo assistendo ora sono le conseguenze di una globalizzazione sfrenata che da decenni porta a pochi profitti mozzafiato, ma che si è svolta in modo spietato e senza alcun senso di responsabilità nei confronti della maggioranza delle persone e anche delle generazioni future, e che ora sta portando a una situazione in cui lo scoppio di una malattia in un mercato in Cina minaccia il benessere delle persone in tutto il pianeta.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: olympuscat / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin:18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort