Via a Berlino – Rimaniamo umani e non ci lasciamo riprogrammare in biorobot!

La follia sta andando – la nuova normalità sta arrivando

Un commento di Hermann Ploppa.

Berlino, Berlino, siamo qui! Siamo arrivati qui per la prima manifestazione centrale contro il regime di Corona, proprio alle porte di quei palazzi di cemento dove siedono le persone che hanno fatto tutto il casino. che stanno acclamando il nostro paese nel fango. Ma che sono solo gli agenti di quelle discrete signore e signori che dirigono il mondo. Siamo a Berlino per dirlo più chiaramente che mai: il regime della Corona è l’attacco più totalitario alla nostra libertà, alla nostra umanità, alla nostra natura mai perpetrato nella storia. Tutto è ancora strisciante, poco a poco. Ma ciò che è stato venduto alle persone al di fuori del paese come misura precauzionale temporanea per la durata di alcune settimane, ora si rivela sempre più uno stupro di massa a lungo termine. Quella che era iniziata come una quarantena sta diventando sempre più una presa in ostaggio dell’intera popolazione. E la fine non è ancora in vista.

Quindi ci sono buoni motivi per alzarsi in massa per la nostra dignità. Per la nostra libertà. Per la nostra umanità. Per la nostra umile esistenza come parte del mondo vivente. Non importa quanto saremo questa volta: siamo ancora troppo pochi di fronte alla minaccia totalitaria! Ma questo è l’inizio. E questo è ciò che conta.

Prima di Corona, le tante persone che ora si alzano non sognavano di diventare politicamente attive. La signora Merkel e la sua poco divertente troupe hanno ora politicizzato con la forza i migliori, i più intelligenti e i più creativi dal centro della nostra società e li hanno trasformati in combattenti per un ordine mondiale migliore. E queste sono persone che sono nel bel mezzo della loro vita professionale. Che non si arrendono così facilmente. Analizzano ciò che è andato storto e poi lo fanno meglio.

Tuttavia, almeno devo ammettere che non so ancora esattamente chi siano i principali responsabili del crimine di Corona. Quali sono i motivi di queste signore e signori discreti? Sicuramente l’hype Corona non può essere solo un modello di business dell’industria farmaceutica tanto intelligente quanto perfido? Sentiamo una pressione molto mirata. La situazione sta degenerando senza inibizioni. Senza considerare le perdite. Perdite con noi. Detto e ripetuto, ancora e ancora e ancora ampiamente ignorato “da loro”: non c’è più pandemia! Almeno non in Germania. E sicuramente questa dovrebbe essere l’unica questione rilevante per la nostra politica in Germania – anche se non siamo un’isola isolata e fondamentalmente immune alle pandemie. Ecco lo stato attuale al momento della stesura di questa dose giornaliera, ovvero il 30 luglio 2020, secondo l’Istituto Robert Koch: da Corona ci sono state 209.321 persone infette da Covid-19 confermate in Germania. Morti, un numero estremamente controverso fino ad oggi: 9.217 persone. E poi quelli di Covid-19 “convalescenti”: 191.781 persone. Perché lo metto tra virgolette? Perché la stragrande maggioranza di queste persone elencate come “convalescenti” non si sono mai ammalate, erano prive di sintomi e vivevano con il loro virus Covid in perfetta armonia. Come può un ente governativo “serio” come l’Istituto Robert Koch operare con un tale primitivo gioco di prestigio linguistico? Si tratta di una grossolana manipolazione con intento propagandistico. Dove siamo arrivati? Qualsiasi rivenditore di auto usate vicino allo sfasciacarrozze è più credibile, ecco qua.

E quante persone sono ancora vive quando Covid-19 viene trovato? Ti dispiace, appena trovato, non lottare con la morte? La mia calcolatrice dice: 17.540 persone in cui il virus (il virus è neutro!) è stato trovato solo grazie al controverso metodo PCR. E? Secondo Adam Riese e Eva Zwerg, cioè meno dello 0,1 PROMIGLIO della popolazione! E? Quindi 700.000 aziende, principalmente della classe media, si ridurranno a lavorare a orario ridotto? E 6,7 milioni di lavoratori e dipendenti tedeschi lavorano attualmente a orario ridotto. Chi fornirà effettivamente il necessario compenso per il lavoro a tempo parziale? Le multinazionali, come sappiamo, non lo fanno. Quindi ancora quelli, che hanno ancora un lavoro formale, insieme alle aziende industriali della classe media. Ma anche questi paganti stanno diventando sempre meno. I posti di lavoro vengono tagliati in oltre 126.000 aziende. E le insolvenze non diventeranno veramente visibili fino all’autunno. Al momento, le società già gravemente minacciate dall’insolvenza sono legalmente esenti dall’obbligo di denuncia. Di conseguenza, molte aziende ancora in buona salute stanno ora investendo i loro soldi in imprese già condannate a morire, e poi in autunno saranno loro stesse trascinate giù con loro dalla valanga di fallimenti.

Questo è un altro motivo per cui siamo a Berlino. Non molti mezzi di sussistenza sono ormai rovinati. Ora possiamo ancora aiutarci a vicenda. La necessità non deve assumere un’ampiezza tale per cui tutti si limitino a battere tutti gli altri in una lotta per la sopravvivenza. La nostra società non deve essere cannibalizzata.

Si dice che l’imperatore pazzo Nerone abbia dato fuoco alla sua capitale Roma e poi abbia cantato versi dall’Iliade di Omero alla lira. Seguì l’annientamento sanguinario dei cristiani a Roma. Che senso hanno le chiusure a corona istigate dalla follia in India o negli Stati Uniti? Nell’impero di Trump, la chiusura di Corona dovrebbe già causare una contrazione del prodotto interno lordo di un terzo nel secondo trimestre di quest’anno.

E più il complesso di Nero delle nostre élite globali avanza, più la macchina della propaganda viene accelerata. Proprio come un eroinomane o un cocainomane, dove la dose deve essere aumentata sempre di più per poter agire normalmente, i nostri media mainstream si impigliano in costruzioni sempre più gigantesche di menzogne. E questo dimostra l’effetto. La costrizione a indossare le maschere viene spinta in modo sempre più totalitario. Da questa settimana, chiunque abbia avuto un certificato medico lo esonera dall’indossare una maschera è stato sottoposto al peggior tipo di molestie, fino alla palese insinuazione che il certificato sia stato “in qualche modo tirato fuori da Internet”. Questo è anche, come la presa di potere nazista, la grande ora dei piccoli sadici e dei grandi informatori. Basta leggere le eccellenti memorie di Sebastian Haffner “Storia di un tedesco” per un confronto e rimarrete scioccati dai parallelismi con oggi. Nel treno due persone mascherate siedono una di fronte all’altra. Uno di loro nota sull’altro passeggero del treno che la sua maschera non gli coprirebbe completamente il naso. Poi scatta una fotografia della persona che si suppone non sia coperta. Un cliente del supermercato indossa una maschera in modo ben educato e la mette dietro la cassa. Immediatamente, cinque dipendenti si precipitano, circondano il cliente e lo trascinano fuori. Il carrello della spesa con la merce viene lasciato indietro. È successo ieri. La macchina della propaganda si surriscalda, e alcuni contemporanei impazziscono completamente.

Questo è un altro motivo per cui siamo a Berlino. Per prendere un respiro libero, come abbiamo fatto in altre demo di Corona, e per incontrare e scambiare idee con persone mentalmente ben organizzate.

Lì apprendiamo, per esempio, che Tina Romdhani si sta attivando contro le condizioni di pazzia nelle nostre scuole con l’iniziativa Parents Stand Up <1>: Un’insegnante è risultata positiva al test Covid-19. I suoi 46 studenti sono ora in totale isolamento e non possono lasciare le loro case per un certo periodo di tempo. A partire dal prossimo anno scolastico, gli alunni del Baden-Württemberg dovranno addirittura indossare una maschera in classe. E gli alunni che sono poi esonerati dall’obbligo di indossare una maschera a causa dell’asma, per esempio, non potranno più entrare nella scuola. Un chiaro caso di discriminazione. Le conquiste della civiltà, combattute faticosamente per oltre secoli, sono state rase al suolo da un apparato compiacente di politici corrotti e funzionari amministrativi dalla mentalità ristretta.

Uno psicologo ha appena pubblicato uno studio scientifico sulle conseguenze psico-sociali di una maschera che indossa <2>. A questo studio ha partecipato un numero di persone superiore alla media, sportive e attente alla salute, che pensano in modo critico e non hanno paura della corona. Queste persone soffrono soprattutto per l’estrema violazione dell’assurdo dovere della maschera. Sentono la costrizione della maschera come un’umiliazione personale. Sono così disgustati dal ballo in maschera kafkiano che si ritirano dalla vita pubblica. Il fatto che soprattutto le persone più brillanti si stiano ritirando dalla vita pubblica è grande per la mafia dei dirigenti della Corona, che non è stata ancora adeguatamente scoperta. Anche se è solo una minoranza del dieci per cento della nostra popolazione che pensa e si sente in questo modo, si stima che si tratti comunque di otto milioni di cittadini. Alcuni di loro sono oggi a Berlino per affrontare la follia in pubblico.

Siamo anche interessati a uno studio di ricercatori governativi dell’Università di Heidelberg. Uno psicologo, un professore di diritto e un politologo hanno indagato su come i cittadini tedeschi applicano le linee guida della Corona con obbedienza. E se riescono a trovare nicchie per crearsi abilmente uno spazio libero. I ricercatori di Heidelberg hanno scoperto che il 96 per cento delle 1350 persone interrogate rispettava le norme. Solo il quattro per cento non ha seguito le regole. Perché la gente si è comportata così bene? Ebbene, lo studio di Heidelberg afferma chiaramente: per pura paura! E più la gente pensava di essere “catturata” se non avesse seguito le regole del regime, più meticolosamente le applicava da sola. Per paura di essere “catturati”? Questo, direi, segue le regole di uno Stato autoritario e non i costumi di una democrazia liberale. I bambini dell’Alta Baviera Söder sono i più spaventati.

E quando si tratta di lasciare che il regime di Corona si avvicini al proprio corpo e alla propria vita, l’entusiasmo per il regime sta già diminuendo in modo significativo. Il tentativo di installare un’applicazione corona sui tedeschi si sta rivelando un flop. I ricercatori di Heidelberg stimano che il potenziale degli installatori di app sia stimato al sessanta per cento nel migliore dei casi. Questo non è sufficiente per il previsto tracciamento dei dati nazionali. E poi “solo” il 55 per cento dei cittadini tedeschi interrogati è disposto a sottoporsi alla vaccinazione corona. Questi 55 per cento probabilmente non sanno ancora che la vaccinazione prevista non è un’iniezione convenzionale di tetano, ma una nuova manipolazione massiccia dei loro stessi geni. Tuttavia, il calcio della prevista vaccinazione contro la corona sta proprio nel fatto che tutti i cittadini tedeschi saranno vaccinati e l’RNA sarà tecnicamente capovolto. Quindi, al momento, la situazione sembra negativa per Spahn & Co.

Cosa è più importante per i cittadini tedeschi interrogati: la protezione dal virus corona o la protezione della propria esistenza economica? Accettiamo per ridere la nostra rovina economica in modo che i nostri cari parenti e amici siano protetti dal virus insidioso? Prima temiamo per la vita dei nostri vicini a causa del virus, prima accettiamo la nostra rovina economica, i ricercatori di Heidelberg l’hanno scoperto. Nel soppesare le suddette difficoltà, un cambiamento di opinione è inevitabile. Chiedete con insistenza chi nella famiglia e nella conoscenza è effettivamente colpito in qualche modo da Covid-19. Possiamo essere sicuri di sentire qui solo risposte evasive. La questione di chi sta subendo perdite economiche a causa del regime di Corona, tuttavia, sta purtroppo – dobbiamo ammetterlo – diventando sempre più proficua.

Ecco perché ci incontriamo oggi a Berlino. Vogliamo contrastare la mania neroniana dei potenti con i segnali della ragione. Né vogliamo tornare alla follia radicale del mercato della vecchia normalità. Trasmetteremo il segnale che i potenti si sono chiaramente spinti troppo oltre. Che le élite autodichiarate, con la loro manifesta follia, entrino nei razzi progettati dal super-ricco Elon Musk e cerchino una nuova casa su Marte.

Noi restiamo qui. Stiamo dando l’esempio a tutta l’umanità. Un segno che anche le sorelle e i fratelli torturati in America, in Africa o in Asia, si spera, sentiranno: non sta arrivando una nuova guerra dalla Germania, ma la pace, la giustizia sociale e il rispetto per le persone e la natura. Berlino nel primo fine settimana di agosto del folle anno storico 2020: un faro di umanità.

Note

<1> https://www.youtube.com/watch?v=YCEJgTJG21w

<2> https://corona-transition.org/der-maskenzwang-ist-verantwortlich-fur-schwere-psychische-schaden-und-die

<3> Università di Heidelberg, Marsilius Kolleg: Peter Kirsch, Hanno Kube, Reimut Zohlnhöfer

L’accettazione di misure per contenere la pandemia di corona nella popolazione tedesca – Sintesi dei primi risultati

https://www.marsilius-kolleg.uni-heidelberg.de/fellows/Publikationfellows2020.html

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort