Verdi affamati di guerra avvelenano il nostro cervello con Novichok | Di Rainer Rupp

Un commento di Rainer Rupp.

A parte alcuni pazzi bootlicker statunitensi nei partiti di governo, come l’aspirante cancelliere della CDU Friedrich Merz, l’esperto di politica estera della CDU Norbert Röttgen e il grande cloud-candle Heiko Maas della SPD, le grida più forti per un maggiore confronto con la Russia – fino al rischio di un conflitto armato – provengono dal partito “The Greens”, fanatico della guerra.

Con tutte le loro forze stanno attualmente cercando di avvelenare il cervello della gente del nostro paese con la favola del veleno per i nervi di Novichok. Lo stanno facendo presentando, insieme ad altri guerrafondai transatlantici, il blogger russo Nawalny come vittima di un attacco con veleno che lo stesso Presidente Putin ha ordinato di compiere. Nel fare ciò, sono supportati da un enorme TamTam, il nostro autoproclamato “media di qualità”, che da tempo è degenerato in rottami.

Secondo il sito web berlinese Intellinews, specializzato in notizie economiche, Nawalny stesso ha dichiarato nel 2019 di soffrire di diabete. Questo pezzo del puzzle di Nawalny dà ulteriore credibilità alla spiegazione fornita dai medici della città siberiana di Omsk, che hanno trovato “nessun segno di veleno” a Nawalny. “Non sono stati trovati veleni o tracce di veleno nel suo organismo.” Secondo Anatoly Kalinichenko, vice primario della clinica di emergenza n. 1 di Omsk, la causa più probabile del suo collasso è stata “un disordine metabolico, probabilmente causato da un forte calo dei livelli di zucchero nel sangue”.

Ma ai russi malvagi non è stato permesso di farla franca così facilmente. Le opportunità devono essere colte! Tanto più che questa era un’opportunità per i guerrafondai tedeschi e gli avversari del gasdotto Nordstream 2 di fare l’amore a Washington. Soprattutto i Verdi irrazionali si sono distinti per il loro odio verso i russi, che sta già assumendo caratteristiche patologiche e razziste.

Non hanno sprecato un pensiero sul riferimento dei medici Omsker al diabete. Invece, gli odiatori transatlantici e verdi dei russi hanno accusato il presidente Putin fin dall’inizio di un crimine efferato che ha coinvolto il veleno nervino militare Novichok, assolutamente fatale anche in minima parte.

Il fatto che Novichok sia stato scelto come veleno presumibilmente usato non è stato un caso, perché gli specialisti delle agenzie di disinformazione transatlantiche non sono stupidi. Come è noto, il terreno dei media era già ben preparato per Novichok, anche in Germania. Perché a causa dell’oscuro caso Skripal a Salisbury, in Inghilterra, in cui sarebbero stati coinvolti anche agenti di Novichok e russi, anche il panorama politico e mediatico tedesco era stato avvelenato per anni dall’agitazione anti-russa.

Ovviamente i narratori transatlantici dei “cattivi russi” hanno preso il caso di Skripal come modello per la nuova campagna diffamatoria anti-russa basata sulla nawaligia. Perché, proprio come nel caso di Skripal, dove la credibilità e la plausibilità sono state messe da parte e la mancanza di prove non ha avuto alcun ruolo, i “media di qualità” e la maggior parte dei politici tedeschi credono nel resoconto ufficiale britannico degli eventi di Salisbury, nonostante l’abbondanza di contraddizioni e incoerenze eclatanti.

I “media di qualità” hanno tagliato i fili di queste contraddizioni nel caso Skripal, grazie alla formazione di criminologi e di esperti di intelligence di lunga data, che hanno sottolineato queste contraddizioni nel caso Skripal. Solo nei media alternativi hanno trovato un forum per pubblicare le loro scoperte, per poi essere liquidati in poco tempo dai “media spazzatura di qualità” come teorici della cospirazione, senza, ovviamente, rispondere alle solide argomentazioni avanzate.

Basta mentire con sufficiente fermezza, e la menzogna diventa col tempo verità storica. Questo non cambierà finché i grandi gruppi mediatici che dominano il mercato dell’informazione occidentale saranno controllati da pochi oligarchi, a loro volta strettamente legati alle élite politiche. Di conseguenza, i grandi media sono diventati da tempo organi di propaganda della politica di governo. L’impressione che ne deriva è che i cosiddetti “media di qualità” siano stati in gran parte allineati non è un caso.

Infatti, i propagandisti di una nuova Guerra Fredda contro la Russia, soprattutto i Verdi, sembrano essere giunti all’inconfutabile conclusione che non solo i russi sono idioti, ma che Putin è anche stupido, e che tutto questo è superato solo dalla stupidità del popolo tedesco, che dovrebbe credere a tutte le stronzate che circondano lo stupido romanzo poliziesco di Nawalny. La sceneggiatura di questo thriller poliziesco non sarebbe stata accettata nemmeno da un regista di scene del crimine totalmente idiota. Ma al popolo tedesco la favola viene presentata come la verità e nient’altro che la verità.

Per questo motivo i più grandi dilettanti sono nei servizi segreti russi. I suoi 007 agenti dei servizi segreti con licenza di uccidere si sono ripetutamente dimostrati totalmente incompetenti nell’eseguire i loro ordini di omicidio. D’altra parte, l’Occidente attribuisce poteri soprannaturali ai servizi segreti russi quando sostiene, ad esempio, che i russi sono stati in grado di neutralizzare il budget della campagna elettorale di Hillary Clinton di oltre mezzo miliardo di dollari nelle elezioni presidenziali americane del 2016 e poi, con qualche e-mail e brevi messaggi su Twitter, manipolare le elezioni in modo tale che Putin è riuscito a portare al potere l’outsider Trump di Washington.

D’altra parte, gli 007 killer russi falliscono costantemente nell’eliminare persone insignificanti e indifese che sono state stilizzate dai media e dai politici occidentali come importanti oppositori di Putin. A peggiorare le cose, i super-agenti russi hanno ripetutamente usato lo stesso veleno Novichok, con il KGB scritto a grandi lettere. E sebbene questo veleno, secondo gli esperti occidentali, sia assolutamente letale anche in quantità microscopiche, il veleno ha fallito miseramente sia con gli Skripals che con Nawalny, che si dice abbia bevuto la roba del diavolo anche da una bottiglia. Meraviglia su meraviglia!

Dopo la grande simpatia mediatica e politica e la musica di sottofondo anti-russa con il destino delle presunte vittime avvelenate di Putin, tutti coloro che ne sono stati colpiti si sono miracolosamente ripresi, per poi scomparire immediatamente dalla pubblica opinione, presumibilmente per proteggerli da ulteriori attacchi da parte dei malvagi russi, ma in realtà per proteggerli da spiacevoli domande.

A causa del finto attacco con armi chimiche nel caso Nawalny, l’Analena Baerbock del Partito Verde ha prontamente richiesto l’immediata demolizione del Nord Stream 2. L’ex leader del Partito Verde, Cem Özdemir, ha colpito lo stesso punto in un’intervista alla Berliner Zeitung: la Germania deve porre fine al progetto del gasdotto Nord Stream 2 “una volta per tutte”. Per il partner del progetto la Russia non è solo un “venditore di gas, ma anche un avvelenatore”. Anche Norbert Röttgen (CDU) ha chiesto di fermare il progetto del gasdotto. Bisognava parlare con Putin in una lingua che capiva. “Il linguaggio che capisce è il linguaggio del denaro, del gas e del potere. E Nord Stream è tutto insieme”, ha detto il portavoce di Washington nel gruppo parlamentare della CDU. E l’amico del partito CDU di Röttgen, l’autodichiarato “cittadino della classe media” con due aerei privati e i migliori collegamenti finanziari con gli USA, Friedrich Merz, ha mostrato come parlare a Putin: “immediata fermata dei lavori di costruzione di due anni” perché il presidente russo Vladimir Putin “purtroppo capisce solo questa lingua”. Durante il periodo di blocco delle costruzioni, l’Europa deve lavorare per “ridurre gradualmente la sua dipendenza dal petrolio e dal gas russo”.

E da dove arriverà il gas, con il quale il gasdotto Nord Stream 2 rifornirà la Germania e oltre una mezza dozzina di altri paesi dell’UE? Dagli Stati Uniti, naturalmente. Naturalmente, il gas di fracking statunitense dovrebbe prima essere liquefatto nei porti statunitensi e trasportato attraverso l’Atlantico in speciali navi cisterna e poi convogliato attraverso speciali terminali nei porti europei in una rete di gasdotti ancora da costruire. Dalle recenti trattative per la fornitura di gas di fracking statunitense alla Serbia, il Primo Ministro serbo ha riferito che il gas statunitense sarebbe due volte e mezzo più costoso da acquistare rispetto a quello russo, che fornirà la Serbia, tra l’altro, attraverso il gasdotto South Stream attualmente in costruzione.

I Verdi sono ben consapevoli di questi collegamenti, soprattutto del fatto che senza Nord Stream 2, le famiglie private tedesche dovranno pagare molto di più per i loro costi energetici e, oltre a tutto il resto, sovvenzioneranno l’industria del fracking statunitense, dannosa per l’ambiente. In un’intervista rilasciata al quotidiano “Tagesspiegel” nel febbraio di quest’anno, l’ex Green Jürgen Trittin aveva già dichiarato che negli USA “il gas deve essere prima fracassato con alta energia prima di essere liquefatto di nuovo con alta energia”, “per cui il prodotto finale è di solito molto costoso e ha un bilancio climatico più povero. In media, il gasdotto è molto più economico. Quindi capisco l’interesse degli Stati Uniti a tenere un concorrente più economico fuori da quello che è in linea di principio un mercato aperto. Questo è il punto. L’agenda politica di Trump è di uccidere la Russia economicamente”. Infine, Trittin ha ammesso che se Nord Stream 2 non andrà avanti, i tedeschi dovranno pagare di più per il gas.

Tuttavia, nel febbraio 2019, in un’intervista a “Die Welt”, l’Upper Green Katrin Göring-Eckardt aveva già aperto una porta di servizio verde per l’importazione di gas di fracking americano attraverso i terminali di gas naturale liquefatto dell’UE, rifiutando al contempo con decisione il gas del malvagio gasdotto russo Nord Stream 2. Questa è una citazione della signora Göring-Eckardt:

“Non c’è bisogno di sostituire il gas russo con il fracking americano. Non ne abbiamo bisogno. (…) Usciamo dal carbone e sovvenzioniamo l’importazione di un’energia fossile il cui bilancio di CO2 non è migliore di quello del carbone? Questo è assurdo. Lasciamo che sia il governo federale a fermarlo. Tanto più che i terminali GNL (gas naturale liquefatto) esistenti nell’UE sono ben lungi dall’essere pienamente utilizzati”. L’ultima frase è stata l’apriporta per il gas di fracking americano.

Il 21 giugno 2020 il blogger Thomas Röper ha chiarito sul suo sito web “anti-Spiegel” con il titolo “Fact Check: What do the Greens really stand for the Greens?” quanto siano ipocriti i Verdi, non solo quando si tratta di gas di fracking. Nelle loro dichiarazioni pubbliche sono infatti contrari al gas naturale in qualsiasi forma, sia dalla Russia che dagli Stati Uniti. E sono ancora più contrari a sovvenzionare il costoso gas di fracking proveniente dagli Stati Uniti. I Verdi trovano anche il fracking stesso – giustamente – terribile. Tanto orribile che hanno addirittura presentato una mozione al Bundestag dal titolo: “Vietate il fracking e non permettete la trivellazione del gas naturale nelle aree protette”.

Ma questi sono bei discorsi. Ma quando si tratta di fatti concreti, le decisioni dei Verdi sembrano molto diverse. Continua l’articolo di Röper:

“Il 7 giugno 2019, quattro mesi dopo l’intervista, il Bundesrat ha approvato l'”Ordinanza per migliorare le condizioni quadro per lo sviluppo dell’infrastruttura GNL in Germania”. Essa obbliga gli operatori di rete a collegare le loro reti di gas ai nuovi terminali di gas naturale liquefatto (GNL) che saranno costruiti nella Germania settentrionale. Con il sostegno finanziario dello Stato, naturalmente. (Il che significa che siamo noi contribuenti a pagare per questa sciocchezza.) Tutti gli stati federali in cui i Verdi sono al governo hanno approvato il regolamento. Hanno così spianato la strada al gas di fracking americano, che la signora Göring-Eckardt trova così “assurdo”.

“Come funziona insieme”, chiede Röper, e poi porta tutta una serie di esempi di come i Verdi mentono sfacciatamente ai loro elettori creduloni. Secondo Röper “nessun partito imbroglia i suoi elettori più sfacciatamente dei Verdi”. Se credete ai politici verdi e ai media di qualità, i Verdi sono a favore della pace e del diritto internazionale. Sono contro i combustibili fossili, contro le lobby e contro l’ingegneria genetica e per l’agricoltura biologica. Tutto questo non è vero se si guarda a ciò che i Verdi votano effettivamente nei parlamenti e a ciò che si può leggere nei loro documenti di posizione. Vale la pena leggere l’intero resoconto di Röper sui doppi standard dei Verdi sul suo sito web. Qui e qui dà altri esempi e sull’ipocrisia dell’attuale problema dei rifugiati a Lesbo.

Per quanto riguarda la favola che i Verdi sono impegnati a favore della pace e del diritto internazionale, è stato questo partito a rendere possibile la prima guerra di aggressione in Europa dopo gli orrori della seconda guerra mondiale. Nel frattempo, l’ex delinquente di Green Street e fallito professionista Joschka Fischer era salito alla carica di segretario di Stato nel governo di coalizione rosso-verde ed era stato il primo ad offrirsi in modo così invadente al segretario di Stato americano Madeleine Albright che molte persone lo avevano già localizzato sotto la gonna del suo nuovo capo a Washington.

Con il suo colpo di genio, ovvero che la democratica Bundeswehr avrebbe dovuto bombardare la capitale serba Belgrado proprio a causa del senso di colpa tedesco di Auschwitz, Fischer aveva trasformato con successo le parti verdi del movimento pacifista della Germania occidentale e le aveva trasformate in sostenitori della guerra verde oliva al servizio dell’imperialismo statunitense e della NATO. I Verdi sono rimasti così fino ad oggi. Da allora Fischer è stato un ospite gradito a Washington ed è stato ricoperto di onori.

“Mai più guerra” era stato il motto nella Germania del dopoguerra della Repubblica di Bonn per decenni, fino a quando la coalizione SPD/Governo Verde non ha inviato soldati tedeschi a partecipare alla guerra di aggressione della NATO contro il resto della Jugoslavia nel 1999, che era contraria al diritto internazionale. Da allora, almeno per i Verdi, si chiama “Mai più guerra senza di noi”.

Dal 1999 i Verdi hanno votato allegramente per ogni missione di guerra che gli USA hanno trovato grandiosa e hanno sostenuto ogni dispiegamento di soldati tedeschi in guerre in tutto il mondo, commenta Röper. “Anche l’allora cancelliere Schröder ammise apertamente che la guerra contro la Jugoslavia nel 1999 era contraria al diritto internazionale. E che fosse basato su menzogne è stato addirittura rivelato nel 2001 in un documentario ARD (ARD-Doku) che valeva la pena di vedere. Solo i Verdi e il nostro Ministro degli Esteri Maas trovano ancora completamente OK lo sforzo bellico del 1999 contro la Jugoslavia”.

In sintesi, è grazie a Fischer e ai Verdi che gran parte del movimento per la pace tedesco è diventato un entusiasta sostenitore dell’imperialismo dei diritti umani USA/NATO. Tuttavia, le contorsioni mentali necessarie a questo scopo erano possibili solo perché negli anni precedenti, i Green masterminds avevano già coltivato con successo il terreno intellettuale per le nuove guerre. Per esempio Cora Stephan con il suo libro sulla buona guerra. Cora Stephan ha iniziato la sua carriera verde al boccaglio di Francoforte della scena verde sponti sinistra “Pflasterstrand” sotto la direzione del redattore responsabile e dello speciale di Joschka Fischer Daniel Cohn-Bendit

In un’intervista alla radio Deutschlandfunk nel gennaio 1999, pochi mesi prima della criminale guerra di aggressione della NATO contro la Jugoslavia con la partecipazione della Germania, in cui l’ancora molto venerata Dr. Cora Stephan è stata presentata con una nuova visione delle guerre come una “vecchia e purificata 68enne”, ha detto

“La guerra in sé non è una cosa amorale”. Nel suo libro intitolato: ‘The Craft of War’ Cora Stephan distingue tra guerre buone e guerre proibite e spiega che in futuro la situazione nel mondo richiederà sempre più l’impiego di soldati tedeschi per le guerre buone.  Citazione: “Dobbiamo quindi dire addio all’immagine di guerra coltivata dalla sinistra in Germania dopo la seconda guerra mondiale e durante la guerra fredda”.  Nel caso delle democrazie occidentali, non si tratta di “demonizzare e distruggere l’avversario, ma di portargli valori democratici e di integrarlo nella comunità (occidentale) degli Stati e nelle sue istituzioni”. Il neocolonialismo manda i suoi saluti.

Dieci anni dopo, e non impressionata dalle conseguenze delle buone guerre americane in Afghanistan e in Iraq, Cora Stephan ha scritto in un articolo intitolato “Wir Friedensverwöhnte” (Noi, popolo amante della pace): “La memoria storica in questo Paese è arrivata alla Guerra dei Trent’anni con una deviazione nelle notti di bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Questo significa per il quadro della guerra: pensiamo alla massima devastazione e distruzione della popolazione civile. Questa immagine della guerra è ciò che rende il dibattito sul dispiegamento in Afghanistan così altamente emotivo. … Le vittime civili sono difficili da evitare in Afghanistan perché sono ricercate dall’altra parte – questo è il segno distintivo di una guerra asimmetrica. (Stephan in FAS 06.12.2009: 13). Il dottor Stephan è ovviamente un vecchio 68enne totalmente purificato, perché per lei non è l’aggressore, ma la persona aggredita ad avere la colpa delle vittime, che sono create dalla sua resistenza.

Questa contorta idea della buona guerra si è nel frattempo affermata nei cervelli annebbiati dei Verdi e attualmente la leadership dei Verdi sta addirittura facendo un passo avanti. In questo contesto, Röper, tra gli altri, sottolinea che in un documento di posizione verde per il nuovo programma di base, gli autori chiedono apertamente una violazione del diritto internazionale: “Si dice che le guerre devono essere fatte anche se sono in contrasto con il diritto internazionale e non sono approvate dal Consiglio di sicurezza dell’ONU con una risoluzione”. I dettagli, compreso un link al giornale della Fondazione Heinrich Böll, si trovano qui”.

Dato che l’esercito statunitense lotta sempre per cose buone come la libertà, la democrazia e il capitalismo selvaggio in tutto il mondo, va da sé che i Verdi tedeschi sono diventati i più fedeli sostenitori degli Hawks a Washington. Ciò è attualmente evidente anche dall’iniziativa dei parlamentari verdi dell’UE contro la Cina. Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno scoperto la Cina come nuovo nemico principale. “E con grande gioia, il membro del Partito dei Verdi Reinhard Bütikofer è saltato sul carro dei falchi americani. Non deve piacervi la Cina, ma che dire degli interessi tedeschi o europei? La Cina è molto importante per noi come partner commerciale e con la migliore volontà del mondo non riesco a pensare a nulla che la Cina avrebbe dovuto fare di male alla Germania o all’UE”, dice Röper.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Foto-berlin.net / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort