Tentato attacco a Ken Jebsen

Un commento di Dirk Pohlmann.

Durante il discorso di Ken Jebsen alla fine della più grande manifestazione per i diritti fondamentali di Corona finora svoltasi a Stoccarda il 9 maggio di quest’anno, il 9 maggio scorso, un attacco a Ken Jebsen ha avuto luogo alle 18:13, presumibilmente ad opera di seguaci dell’Antifa. Un gruppo di persone incappucciate, la maggior parte con cappuccio, occhiali da sole e maschere di respirazione, distinguendosi così dai dimostranti, aspettava l’apparizione di Ken Jebsen a circa 30 metri dal palco. Poco dopo aver iniziato a parlare, la miccia di un cosiddetto petardo polacco è stata accesa e un uomo ha scagliato sul palco il dispositivo esplosivo lungo circa 30 cm con una precisione sorprendente. È atterrato a circa un metro da Ken Jebsen. Fortunatamente il petardo non è esploso.

La bruciatura della miccia fu notata da Sergej Filbert, che aveva nel naso il caratteristico odore di pirotecnica. Sergej Filbert raggiunge con i suoi video su YouTube un pubblico di milioni di persone in Russia, traduce principalmente contributi televisivi e video tedeschi in russo. La sua professione è la riparazione e la manutenzione di macchine da caffè professionali, ma la sua importanza come giornalista freelance è unica. Nessuno raggiunge così tanti spettatori in Russia con contributi tradotti in tedesco come Filbert con il suo canale YouTube Golos Germanii, la voce della Germania. Per inciso, il programma televisivo tedesco più popolare tra i russi è “Die Anstalt”, ma per motivi legali, la ZDF si era opposta, non gli è più permesso di tradurlo in russo.

Filbert era alla manifestazione a Cannstatt Wasen il 9 maggio per girare un contributo per il suo canale video. Stava per filmare gli spettatori con la fotocamera del suo cellulare quando ha notato l’odore della pirotecnica. Il suo colpo mostra la sottile nuvola di vapore di polvere da sparo che si è creata quando è stata accesa la miccia del petardo polacco.

Ma la sua attenzione non era rivolta al trabiccolo, ma al fulmineo dispiegarsi del grande striscione del gruppo incappucciato, largo più di 3 metri. Allo stesso tempo è sorto subito un tumulto. Questo a causa dell’iscrizione dello striscione. Lo striscione è stato arrotolato con la scritta sul retro. Si leggeva: “Lotta di classe invece del fronte trasversale”. Da un lato oscurava la visuale del lanciatore, che spariva immediatamente tra la folla, dall’altro serviva a distrarre dal crimine. Questo metodo di distogliere l’attenzione dello spettatore nel momento decisivo, che i maghi usano anche quando mostrano i loro trucchi sul palco, ha funzionato anche per Sergej Filbert. Non si era nemmeno accorto del lancio del petardo. Solo quando ha guardato il materiale a casa si è accorto che qualcuno tra la folla ha gettato qualcosa sul palco. E ha trovato materiale su Internet che mostrava che qualcosa è atterrato sul palco accanto a Ken Jebsen. Solo ingrandendo il filmato si è reso conto di ciò che era stato gettato.

Quando la miccia accesa si spegne di nuovo, sia che sia già in volo o che colpisca il palco, non è chiaro. In ogni caso, il petardo non è esploso. E’ stata una grande fortuna per Ken Jebsen e per il tecnico del suono Jürgen Heyl che era sul palco. Heyl aveva notato il petardo, lo aveva preso, aveva notato che era bruciato, ma non bruciava più, pensava che fosse un vecchio colpo di cannone sovradimensionato o una torcia bengalese bruciata, e lo aveva gettato di traverso fuori dal palco. C’erano altri oggetti che erano volati sul palco secondo la sua memoria, una bottiglia d’acqua da mezzo litro, un oggetto rosso che rimbalzava sui tamburi e cadeva a terra davanti al palco, e una pietra. Jürgen Heyl, proprio come Ken Jebsen, non era consapevole del pericolo quando ha tenuto in mano il petardo e lo ha guardato.

Un petardo polacco di queste dimensioni può strappare gli arti – o causare danni ancora peggiori. L’effetto dei grandi petardi polacchi, che di solito contengono speciali miscele esplosive con polvere metallica, cioè nessuna semplice polvere nera, può essere osservato in numerosi video su YouTube. Fanno dei buchi nel terreno, strappano la parte posteriore del veicolo in una valigia chiusa, creano delle fontane di terra sepolta e scuotono la terra intorno all’esplosione. Il petardo polacco che è stato lanciato a Ken Jebsen è uno dei più grandi di sempre.

Si deve quindi presumere che lo scopo dell’attacco non fosse un forte botto, ma almeno la mutilazione di Ken Jebsen.

Si tratta di un’operazione pianificata in dettaglio, in cui i membri del gruppo hanno proceduto in modo coordinato, riconoscibile per il contemporaneo svolgimento dello striscione durante il lancio del petardo.

Irritante per diversi testimoni dell’incidente è stato il fatto che una squadra della ZDF si sia allontanata dal palco proprio all’inizio del discorso di Ken Jebsen, invece di girare brevemente il suo discorso. In un estratto video, la squadra si è mossa parallelamente a una persona incappucciata, ma senza alcun contatto visibile, e ha assunto una posizione dalla quale è stata in grado di dispiegare lo striscione e girare il palco in un solo colpo poco dopo aver raggiunto il bersaglio. Un testimone ha detto: “Erano in piedi in modo molto appropriato al momento giusto”. A questo punto, nessuno dei testimoni aveva notato il trabiccolo in fiamme, si trattava dello striscione. Ho quindi fatto un’inchiesta di stampa alla ZDF, per sapere se c’era stato un accordo tra la squadra e il gruppo incappucciato, presunto Antifa Group per passare a questa posizione per stendere lo striscione, cosa che un portavoce della ZDF ha chiaramente negato. Il team della ZDF non aveva notato nulla di un crimine, gettando così il trabiccolo, così l’oratore sulla mia seconda domanda. Questo è credibile, ovviamente nessuno degli spettatori lo aveva in questo momento.

Siamo stati in grado di ricostruire il corso del tentativo di attacco a partire da varie registrazioni video di media alternativi. La situazione è chiara.  Si inserisce anche in altri due atti di violenza avvenuti una settimana dopo, ovvero l’attacco di persone mascherate contro tre manifestanti con l’intento di uccidere, come ha scoperto la polizia, e l’attentato dinamitardo e incendio doloso contro tre camion tecnici degli organizzatori, che sono completamente bruciati.

Il ruolo dei cosiddetti media di qualità in questi incidenti è irritante. Quasi tutti riportano apparentemente con riluttanza, alcuni banalizzano gli atti di violenza, molti media non hanno riportato affatto gli eventi.

Gli autoproclamatisi fact-checker di alcuni media hanno addirittura diffuso notizie false. Ad esempio, lo svevo, una pubblicazione su Internet, ha scritto che non ci sono stati attentati dinamitardi solo in caso di sospetto incendio doloso. Il tutto è stato combinato con un sondaggio tra il pubblico: “Quanto considerano pericolose le notizie false? Beh, dipende. In questo caso considero discutibile la notizia falsa, perché viene sminuita una vera ondata di violenza, che emana da un gruppo di cui non si parla molto. Cos’è che fa scattare questa riserva un po’ troppo aristocratica?

Ho anche chiesto alla polizia di Stoccarda, che non ha voluto dire nulla sull’attacco ai camion perché sono ancora sotto inchiesta. Questa è la prassi standard. Lasciare le cose come stanno, è una pessima ricerca. Non ho avuto problemi a telefonare da Berlino per parlare con testimoni che parlavano di persone incappucciate che avevano manomesso i camion, di esplosioni e di un’onda d’urto che avevano sentito. I telai metallici dei camion erano stati fusi, un abitante del luogo sostiene addirittura di aver notato un fusibile acceso.

Non c’è un solo rapporto, sempre per la cronaca, non c’è un solo rapporto nei cosiddetti media di qualità sul tentato attacco a Ken Jebsen. Invece, invece, c’è uno tsunami di articoli presumibilmente illuminanti su Ken Jebsen, in cui viene descritto come un pericoloso demagogo, mistico cospiratore e antisemita. Più e più volte, senza controllo, con la schiuma alla bocca. E’ associato in modo non veritiero all’attacco contro una squadra della ZDF a Berlino. Spiegel TV riporta il suo luogo di residenza, menzionando il suo nome iraniano e con il numero civico e l’insegna del campanello nella foto.

Si potrebbe avere l’impressione che azioni come il tentativo di attacco siano accettate con approvazione.

Immaginiamo che Ken Jebsen non fosse di origine semi-iraniana, ma si chiamasse David Weintraub, lavorasse per un sito web israeliano e che un tentativo di attacco contro di lui fosse avvenuto nel contesto di bombardamenti e attacchi con l’intenzione di uccidere.

È presuntuoso presumere che ci sarebbe stata una marea di notizie su un tentativo di attacco terroristico in tutti i media di qualità, compreso il commento nel Tagesschau, forse anche per diversi giorni, e che ci sarebbe stato un focus su ARD? Che ci sarebbe stata uniformemente grande indignazione morale e disgusto?

Ciò che c’è da pensare della moralità di questa sempre richiamabile e veemente indignazione può essere verificato quasi sperimentalmente.

È altamente selettivo, non avviene quando vengono attaccate le persone giuste, e quindi non è moralmente causato. Se l’atteggiamento di fondo dei giornalisti nelle pubblicazioni falsamente chiamate media di qualità fosse umanisticamente plasmato, se si trattasse di indignazione per la violenza politica, non sarebbe possibile che l’attacco a Ken Jebsen non venga affatto riportato.

Questo ha più a che fare con il fatto che è stato pubblicamente rinnegato, umiliato e rilasciato per aver sparato. Che questo giornalismo si svolga in branchi senza alcuna inibizione del morso. Non sono uno dei fan della performance di Ken Jebsen Joker. Abbiamo un atteggiamento diverso nei confronti di COVID-19 rispetto a KenFM nel terzo millennio. Ma il modo in cui Ken Jebsen viene trattato è indicativo della campagna stampa che viene erroneamente chiamata media di qualità.

I ripetuti attacchi contro di lui che è antisemita sono tanto piacevoli quanto falsi. Il corso dello scandalo alla RBB può essere letto dal nostro stimato collega Paul Schreyer. Questa è stata una campagna di Henryk M. Broder. Chiamare Ken Jebsen un negazionista dell’Olocausto dopo che aveva pubblicato per anni una rubrica settimanale sull’Olocausto, cosa che all’epoca era semplicemente impossibile, era una cosa che nemmeno la RBB faceva. Il vero motivo del suo licenziamento è stato un rapporto sul 911, che la dice lunga anche sui media tedeschi.

Chi pubblica propaganda antisovietica deve essere punito con le pene più severe… Aspetta un attimo, ti ho confuso. Chiunque critichi il più grande egemone del mondo non dovrebbe sorprendersi se… No, non funziona nemmeno così. Che ne dite di questo? Il giornalismo ha una responsabilità nei confronti dell’alleanza NATO. Suona meglio. Lo prendiamo.

L’accusa di antisemitismo non viene usata solo in modo inflazionistico, non ci si fa problemi a insultare la memoria delle vittime con la massa, con confronti inadeguati con reati minori, come spesso si ammonisce con monologhi preoccupanti. Ormai quasi sempre non è altro che la ricerca del discredito più efficace per ottenere un impatto politico. E’ un’arma d’attacco contro persone sgradevoli, una variante del maccartismo, non una difesa contro gli attacchi razzisti alla cultura ebraica. Lo stato d’animo da cui viene sferrato l’attacco non è quello dell’orrore e della difesa, ma del machiavellico godimento del potere e della gioia dell’effetto distruttivo dell’esistenza che si può ottenere con esso.

E l’accusa porta al fatto che alcuni attivisti si sentono chiamati ad agire. Questo porta a screditare gli attaccati in modo tale da renderli fuorilegge. Quando ho riferito dell’attacco su Facebook, un giornalista dello “Zeit” ha scritto un commento su di esso dicendo che Ken Jebsen non dovrebbe essere chiamato giornalista. Diffonde notizie false. Stanno commentando questo, non l’attacco. Un altro esempio dell’umanesimo selettivo dei giornalisti.

La selezione e l’umanesimo non vanno d’accordo, questo dovrebbe essere autoesplicativo.

Come gli organi della campagna, erroneamente chiamati media di qualità, si occupino del caso Ken Jebsen è una lezione. Date un’occhiata. Si può imparare qualcosa per tutta la vita. Ritiene che questi media lavorino meglio su altre questioni con potenziale conflittuale, come il 911, la Libia, la Siria, la Cina e la Nuova Guerra Fredda, se hanno sottostimato l’immagine in fila sulla porta d’ingresso?

Vi preghiamo di dare un’occhiata alla nostra relazione di circa sei minuti nel terzo episodio 45 del millennio sull’attacco su Youtube, che va dal timecode di 16 minuti. L’episodio non è facile da trovare con la funzione di ricerca su Youtube, YouTube cerca piuttosto di nasconderlo. Se volete saperne di più, guardate tutta la mezz’ora su questo argomento, o anche l’intero spettacolo. Riferiamo su argomenti importanti al meglio delle nostre conoscenze e dopo un’intensa attività di ricerca.

Ma vi prego di condividere quest’unico articolo con amici e conoscenti.

Non sapranno mai che c’è stato un attacco contro Ken Jebsen, ma continueranno a sentir parlare di quanto sia pericoloso Ken Jebsen.

In questo modo: Se al Jebsen è permesso di continuare a diffondere i suoi miti cospirazionisti antisemitici… In qualche modo c’è anche un collegamento con un attacco alla squadra della ZDF. Non è ancora completamente provato. Ma cose peggiori devono essere evitate a tutti i costi! Quindi non si può lasciare il lavoro sporco contro questo malvagio mezzo iraniano, che è anche un Putintroll, alla ZDF, al Süddeutsche, al Bild, così come alle forze di sicurezza e ai servizi!

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine:  ©KenFM0620

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort