Senza un nuovo Pearl Harbor…

Un commento di Dirk Pohlmann.

“Siamo stati testimoni del peggiore attacco che abbia mai colpito il nostro Paese. E’ il peggior attacco di sempre. È peggio di Pearl Harbor, peggio del World Trade Center, non c’è mai stato un attacco del genere”.

Con queste parole Donald Trump ha commentato il 6 maggio la crisi di Corona. Alle orecchie europee, sembra l’ennesimo errore del presidente americano, che non perde mai l’occasione di dimostrare di non essere uno statista. Sembra la tattica della “cattura del ladro”, come se Trump volesse distrarre dal suo fallimento nella crisi di Corona.

Ma è solo una delle tante dichiarazioni simili fatte da politici e giornalisti americani nei giorni scorsi.

Steve Bannon, ex capo stratega di Donald Trump e ancora oggi una delle eminenze grigie più importanti della sua cerchia di consiglieri, ha avuto l’opportunità di presentare il suo punto di vista al Washington Post. Ha scritto che gli Stati Uniti sono in guerra economica con la Cina e che è inutile pensare a dei compromessi. La Cina era la più grande minaccia possibile per l’economia e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. La questione della Cina e del coronavirus è stata anche la più importante ed efficace di tutte. Il suo consiglio a Trump per la campagna elettorale è: “Cina, Cina, Cina”.

Stuart Varney, commentatore economico di Fox News, fa una dichiarazione sotto il titolo “Come punire la Cina per il virus corona? Pensieri su come insegnare al nemico la sconfitta. “Non ci piace la loro risposta mendace al virus, non ci piace che ci rubino la nostra tecnologia. E non ci piace il loro desiderio di dominare le industrie chiave. Allora cosa faremo?”. Le risposte degli ospiti al suo show: “Gli facciamo causa! “Semplicemente non ripaghiamo i nostri debiti! Varney si preoccupa dell’affidabilità creditizia degli Stati Uniti di fronte alla proposta di billdodger, e raccomanda invece di spostare la produzione industriale negli Stati Uniti. Una pia speranza che la globalizzazione e la delocalizzazione del lavoro pratico in Cina sia il risultato degli interessi commerciali dei proprietari di aziende super-ricche negli Stati Uniti, non un’idea politica. Ma attraverso Corona questa opzione potrebbe diventare un’opzione realistica.

Il Ministro degli Esteri Mike Pompeo definisce la Cina un rischio reale per la sicurezza e la stabilità degli Stati Uniti in Fox News. Egli avverte il pubblico americano di essere vigile di fronte alla disinformazione e alla sovversione cinese.

Tre deputati repubblicani, Jim Banks, Dan Cranshaw e Lance Gooden, chiedono che la famigerata legge Magnitzky venga utilizzata per affrontare le “violazioni dei diritti umani” da parte di 10 cinesi, tra cui il portavoce del Dipartimento di Stato cinese Zhao Lijiang, che ha affermato che l’origine del virus dovrebbe essere scientificamente chiarita.

Potrei continuare questa lista per ore. Stranamente, nei nostri media si sente parlare molto poco della propaganda negli Stati Uniti. Né del fatto che l’offensiva propagandistica negli Stati Uniti abbia molto successo. Nel giro di poche settimane l’opinione pubblica americana ha convenuto che la Cina deve essere severamente punita. La differenza tra i sostenitori dei repubblicani e dei democratici è realisticamente piccola: alla fine di aprile, il 50 per cento dei cittadini statunitensi voleva che gli Stati Uniti condannassero la Cina ai danni, il 62 per cento dei democratici e il 72 per cento dei repubblicani hanno un atteggiamento negativo nei confronti della Cina, più del 90 per cento dei cittadini statunitensi considerano la Cina una minaccia. I due campi non sono mai stati così uniti. Analogamente alla propaganda contro la Russia, gli strateghi delle PR possono ripiegare su immagini nemiche coltivate nel corso di decenni che sono ancora virulente. Il desiderio di una reazione dura è accompagnato da una vanità offesa e da un risentimento nei confronti del concorrente di grande successo. La stragrande maggioranza degli americani non vuole immaginare che il suo paese non possa più essere la superpotenza indiscussa del pianeta.

Per decenni è stata considerata una verità che i comunisti non possono che produrre caos nell’economia, che sono nati fallimenti. E ora i cinesi si stavano affrettando a superare l’economia statunitense appena esistente, come Usaine Bolt che si affrettava a mettere in moto un team di senior. E stanno superando gli Stati Uniti nella scienza e nei brevetti. Ci deve essere di mezzo il doping, la frode e l’inganno?

La situazione è molto più pericolosa di una controversia tra grandi aziende industriali. Cento anni dopo la prima guerra mondiale, ci sono alcuni storici e scienziati politici che notano la somiglianza tra la Germania di allora e la Cina di oggi. Per esempio, lo storico Prof. Dr. Herfried Münkler, che è ben noto alla radio, alla televisione e alla scienza, è promosso a mistico cospirazionista con la mia citazione in una pubblicazione KenFM di McCarthy contact guilt.

Una volta era: “Una sola frase intelligente e sei comunista”. Oggi si possono sostituire i comunisti con i teorici della cospirazione. Così, ha detto il Prof. Dr. Münkler nel 2013 ha scritto: “Il “Regno di Mezzo” è caduto in una posizione geostrategicamente scomoda a causa della globalizzazione dell’economia. Nel frattempo, la Cina sta lavorando alla costituzione di una flotta da guerra, che da un lato è destinata a garantire le rotte di approvvigionamento attraverso le isole indonesiane e l’Oceano Indiano, e dall’altro rappresenta un fattore di rischio per le navi da guerra statunitensi che operano in queste zone. A lungo termine, questo può portare a un confronto cinese-americano che segue schemi simili al contrasto tedesco-britannico dell’inizio del XX secolo. Naturalmente, l’antagonismo tedesco-britannico non ha assolutamente portato alla guerra. Piuttosto, è stata “affilata” da un conflitto periferico, e questo potrebbe accadere anche nel caso del conflitto sino-americano.

È un’analisi molto sobria e molto accurata. Da alcuni anni gli storici anglosassoni, in particolare gli storici anglosassoni, indicano una circostanza che chiamano “trappola di Tucidide”. Tucidide, l’ingegnoso primo storico, che scrisse con esemplare sobrietà la sua eccellente storia della guerra del Peloponneso, analizzò in un certo modo politicamente reale il perché della guerra tra Sparta e la nascente Atene intorno al 400 a.C.: “La vera ragione, come poco si è detto di lui, era a mio avviso la paura dei lacedemoni della crescente potenza di Atene, che li spingeva alla guerra.

Ed è qui che siamo ora. Sia che si paragoni la Cina all’Impero tedesco all’inizio del XX secolo o ad Atene nel 430 a.C., gli Stati Uniti non accetteranno la sua abdicazione forzata come unica superpotenza. Il pericolo di guerra aumenta quando una potenza ne supera un’altra. Il declino degli Stati Uniti e l’ascesa della Cina, cioè la trappola di Tucidide. Le cose stanno diventando rischiose.

Il confronto di Trump con Pearl Harbor e l’11 settembre non è quindi un caso. Entrambi gli eventi sono stati la causa delle principali guerre americane. Prima di Pearl Harbour, la popolazione neutralista degli Stati Uniti non voleva partecipare alla seconda guerra mondiale, che è stata cambiata dalla cosiddetta “Giornata dell’Infamia”, cioè dall’attacco dei giapponesi, che erano stati tagliati fuori dalla fornitura di petrolio degli Stati Uniti. Pertanto l’attacco dei giapponesi espansionisti non è stato così sorprendente, è stato voluto e attivamente portato avanti.

Prima dell’11 settembre, politici di potere degli USA come Dick Cheney, Donald Rumsfeld, Robert Kagan e Paul Wolfowitz, nel “Progetto per un nuovo secolo americano”, pensavano a come l’egemonia degli USA dopo la fine della guerra fredda, che interpretavano come una vittoria sull’URSS, potesse essere immortalata. E hanno notato che le guerre necessarie per raggiungere questo obiettivo difficilmente potrebbero essere giustificate “senza un nuovo Pearl Harbor”.

Questo ha dato ad alcuni l’idea che la conquista terroristica di 19 arabi e di un cammello, cioè l’attacco al World Trade Center, avrebbe potuto essere desiderata, o addirittura realizzata, per rendere possibili 20 anni di “guerra al terrore” che ha trasformato il Medio Oriente.

E così si potrebbe anche pensare che il virus corona si inserisca molto bene nel panorama geopolitico odierno, vista la minaccia cinese. Sia come evento casuale utilizzato dai free-riders o come evento pianificato.

Questo è ciò che sembra quando si esegue questa teoria nella propria mente. Si prega di decidere se il seguente scenario è completamente astruso o ragionevole:

Che gli Stati Uniti sono i più colpiti dal fallimento del loro governo, con oltre 90.000 morti in questo momento. Sono circa 30.000 morti in più rispetto agli Stati Uniti nella guerra del Vietnam. Gli Stati Uniti devono essere la vittima più gravemente colpita dal presunto virus cinese per essere chiamati dalla popolazione a reagire con violenza. A questo proposito, anche l’inspiegabile inazione del governo statunitense fino al marzo 2020 non sarebbe stata un errore. Ha coperto le tracce negli Stati Uniti che indicano la presenza di infezioni precoci ed è il presupposto per il nuovo Pearl Harbor, che è destinato a garantire la supremazia degli Stati Uniti.

Il virus corona, questo errore analitico della maggior parte dei media alternativi offusca la vista, non è un’influenza, ma una pandemia talmente grave che richiede misure drastiche che rendono possibile l’attuazione di cambiamenti sociali senza una resistenza significativa. Senza la necessità di costringere i governi di tutto il mondo a introdurre misure di sorveglianza e lo stato di emergenza, lo faranno da soli, vista la logica della pandemia. Gli effetti del virus sono stati testati sperimentalmente in varie manovre ed esercitazioni statunitensi come Crimson Contagion e Dark Winter, questo non è un territorio sconosciuto, c’è esperienza.

La pandemia permette di riportare l’economia statunitense negli Stati Uniti con un pugno di ferro, contro i suoi interessi capitalistici, dal paese a basso salario e dal gigantesco mercato della Cina.

La pandemia permette di bruciare i ponti con la Cina. Non ci sarà né cooperazione scientifica né economica nel prossimo futuro, la cooperazione sta diventando fraternizzazione con il nemico, il tradimento.

Questo è il modo per annientare i vasi sanguigni capitalisti che hanno portato alla crescita della Cina, che nessuna azienda statunitense è disposta a sacrificare. La globalizzazione è stata la linfa vitale della Cina. Ora è stato chiuso. Corona lo rende possibile.

Quindi l’impero è ancora superiore agli interessi di profitto delle corporazioni. In questa situazione non si tiene conto del destino dell’individuo. Dopotutto, il fallimento non è la fine dell’esistenza se si è una delle parti sistemicamente importanti della popolazione. Charles Branson sarà in grado di superare la possibile scomparsa della sua compagnia aerea, la Virgin Atlantic. Non si guadagna da vivere con la prospettiva di Hartz IV.

Un test per questa teoria: sarebbe utile se nel prossimo futuro si potesse affermare che il virus è un Frankenstein segreto di Wuhan, che si è diffuso in tutto il mondo a seguito di un incidente di cui il Partito comunista cinese è responsabile. Allora la questione sarebbe davvero tonda. (I giornalisti che riferiscono sulle attività statunitensi riguardanti i virus Corona e i casi di COVID-19 negli Stati Uniti prima dell’epidemia di Wuhan avranno sicuramente grossi problemi. Quelle esistenziali nella migliore delle ipotesi. Oppure si uccidono come Gary Webb che ha denunciato il caso Iran Contra. e poi si è sparato due volte alla nuca).

Quindi scommetto che le informazioni sull’origine del laboratorio saranno presto diffuse dai media aziendali affiliati alla NATO.

Scommetto che sarà compito della NATO e soprattutto della Germania tenere militarmente sotto controllo il malvagio Putin e la Russia, in modo che gli Stati Uniti nell’Eurasia occidentale abbiano le spalle libere e possano dedicarsi militarmente ai cinesi nel Pacifico.

Noi tedeschi sentiremo sempre più spesso la propaganda anti-russa, gli appelli ad assumerci la responsabilità e noteremo una crescente discreditazione della Cina.

Il governo degli Stati Uniti probabilmente non sta pianificando una guerra nucleare, ma sappiamo quanto fosse stupido prima della prima guerra mondiale. “Sonnecchiare in un inverno nucleare” è una possibilità reale. Soprattutto se pensi di essere il più intelligente della storia del mondo. E con l’ex direttore della CIA Mike Pompeo come segretario di Stato, orgoglioso di aver “mentito, imbrogliato e rubato”. Di successo, vittorioso, impunito. Questo è arrogante.

Ho fatto qualche lavoro preliminare. Ecco un testo per Claus Kleber, che può leggere sul ZDF Heute Journal in occasione della scoperta del virus:

Il virus Corona SARS CoV-2 viene da un laboratorio cinese? Donald Trump lo rivendica da settimane. Ma il Presidente degli Stati Uniti non è considerato una fonte affidabile per una buona ragione. Per molto tempo, gli scienziati di tutto il mondo si sono rifiutati di credere che il virus avesse avuto origine in un laboratorio. Soprattutto, non volevano fare il gioco dei teorici della cospirazione, contro i cui miti si sono battuti per mesi. Hanno quindi invocato la tesi più probabile, quella apparentemente più ragionevole. Vale a dire, che il virus ha avuto origine in natura e si è diffuso da un animale all’uomo. Finora, scienziati ed esperti si sono trovati d’accordo quasi senza eccezioni: non c’è nulla a favore della tesi di laboratorio. Fino ad oggi. Ora ci sono davvero indicazioni che i ricercatori cinesi a Wuhan stavano sperimentando il virus corona. E – è possibile che qualcosa sia andato terribilmente male. Non vogliamo contribuire a diffondere teorie cospirative. Per questo motivo sottolineiamo che i dettagli non sono ancora del tutto chiari. Ma ci sono risultati di ricerca così inquietanti da parte di scienziati rinomati che dobbiamo segnalarli. Una cosa è certa: c’è una nuova risposta alla domanda sull’origine del virus che ha tenuto il mondo intero in sospeso per mesi. E potrebbe avere conseguenze drammatiche. Elmar Theveßen riferisce da Washington.

In conclusione: forse il virus Corona non è il peggiore attacco agli USA dai tempi di Pearl Harbor e dell’11 settembre, forse il corso della crisi Corona è più simile all’incidente nel Golfo del Tonchino. Un attacco dei motoscafi nordvietnamiti contro un cacciatorpediniere Usa, che in realtà non esisteva, ma che è servito comunque come occasione per la guerra del Vietnam, che è stata pianificata e decisa.

Quindi forse il virus Corona è il peggior attacco agli USA dai tempi del Golfo del Tonchino.

Tenete occhi e orecchie aperti. Vedi se non riesci a dimostrare che questa teoria è sbagliata. Ma non osate usare la vostra intelligenza senza l’assistenza esterna.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: KelseyJ / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort