Segretezza sospetta | Da CORVELVA

Un punto di vista da CORVELVA.

Un’associazione italiana chiede al governo di fornire documenti che possano far luce sullo sfondo dell’emergenza Corona.

L’Italia ha sofferto ancora più della Germania per la quasi totale privazione della libertà sotto Corona. Ci sono stati esempi ripugnanti e spaventosi di azione dittatoriale da parte del potere statale.

Tutte le decisioni prese dal Governo italiano per affrontare l’emergenza si sono basate sul parere del Comitato Tecnico Scientifico (CTS). Un piccolo numero di persone ha così plasmato l’agenda del governo – dalla durata del blocco alle maschere, all’allontanamento sociale e ad altre misure. Sarebbe ora molto istruttivo per le persone interessate poter guardare dietro le quinte di questo processo decisionale. Ma il governo sta trattenendo i verbali del Comitato tecnico-scientifico di febbraio, marzo e aprile. Un’iniziativa della società civile sta lanciando un appello:

“Chiedete ai vostri governi di accedere ai dati tecnici e scientifici dell’emergenza Covid-19!”

Ci rivolgiamo a tutte le associazioni (e ai cittadini) i cui Paesi hanno sperimentato e sperimentano misure restrittive come l’Italia. Dobbiamo dirvi un fatto inaccettabile e vorremmo invitare gli altri cittadini del mondo a prendere misure per far luce sulle molte ombre che circondano la situazione di emergenza che stiamo affrontando.

Siamo un’associazione italiana (1). Dal 1993 ci battiamo per la libertà di scelta nel campo delle vaccinazioni e delle terapie, ma oggi ci rivolgiamo anche a quelle associazioni che non sono pienamente d’accordo con il nostro modo di pensare e di vivere.

La popolazione italiana ha attraversato la pandemia di Covid 19 rigorosamente secondo le regole imposte. Gli italiani hanno rispettato le restrizioni e le norme imposte dal governo, ma tuttavia, da mesi guardiamo programmi televisivi che mostrano droni, elicotteri e navi delle forze dell’ordine che seguono e identificano i singoli cittadini che viaggiano su strade deserte o spiagge vuote (2, 3, 4, 5, 6, 7) e anche le forze dell’ordine escludendo le funzioni religiose.

I media hanno puntato il dito contro i corridori, i cittadini comuni hanno corso da soli e sono diventati improvvisamente terribili portatori di peste e una delle principali cause di infezione, secondo il racconto dei media tradizionali.

Accettiamo tacitamente che l’economia del nostro Paese stia cadendo a pezzi, e dovremmo almeno aspettarci che il nostro governo, responsabile delle misure restrittive imposte, sia chiaro alla gente e disposto a fornire prove e risposte.

Ogni singola decisione del Governo italiano di affrontare l’emergenza Covid-19 si è basata sul parere del Comitato Tecnico Scientifico (CTS). Un piccolo numero di persone ha citato l’agenda del governo, dalle forme e la durata della chiusura alle maschere, all’allontanamento sociale e a tutte le leggi di regolamentazione, che sono state sempre emanate “previa consultazione con il CTS”.

Recentemente, tre avvocati che fanno parte di una fondazione hanno deciso di depositare una FOIA (richiesta di accesso ai documenti), in particolare per consultare i verbali del Comitato tecnico-scientifico del 18 febbraio, 1° marzo, 7 marzo, 30 marzo e 9 aprile. I dati e le opinioni espresse e raccolte nel presente verbale sono essenzialmente la ragione, l’impulso e la base per l’adozione da parte del Governo di tutte le misure relative alla gestione delle emergenze di Covid-19.

Dopo che la domanda è stata respinta in primo grado, gli avvocati hanno dovuto presentare una nuova domanda in tribunale. Il 23 luglio 2020 il TAR del Lazio ha deciso di pubblicare i documenti entro il 21 agosto ( 8 ).

Ed ecco il fatto scioccante e, per noi, inaccettabile: il 31 luglio il governo italiano, tramite la Procura della Repubblica, ha deciso di non farlo (9).

La sentenza della Corte di giustizia (TAR) lo giustificava con il fatto che la pubblicazione avrebbe causato “danni reali all’ordine pubblico e alla sicurezza, che, divulgando il protocollo CTS in questa fase dell’emergenza, avrebbero portato sia a valutazioni tecniche che a orientamenti generali da parte dell’organismo tecnico (…)” (10).

Il 5 agosto 2020 abbiamo appreso da fonti giornalistiche (11 ) e dagli stessi avvocati che hanno richiesto l’accesso ai documenti (12 ) che il Governo italiano avrebbe pubblicato questi protocolli, ma le domande rimangono invariate:

  • Perché non ha reso immediatamente trasparente ciò che è realmente accaduto nell’emergenza?
  • Se il Governo italiano ha reagito alle perizie, perché si è rifiutato di pubblicare i dati?
  • Qual è il contenuto di questi rapporti che dovrebbero causare danni?
  • Perché ci si dovrebbe aspettare un danno all’ordine pubblico e alla sicurezza?

Nei prossimi giorni informeremo tutti del contenuto di questi verbali e, insieme a molti esperti che lavorano con noi, verificheremo se le linee guida di emergenza sono state correttamente attuate, se sono state eque o eccessive o sproporzionate, almeno fino alla fine del protocollo.

Siamo molto preoccupati per lo stato di emergenza e per il fatto che il governo si sia rifiutato di rilasciare documenti che dovrebbero essere pubblici. Ricordiamo che la notizia della pubblicazione del Processo verbale, se analizzata con onestà intellettuale, dimostra che è stata fatta solo per conflitti politici con l’opposizione parlamentare, non per un autentico ascolto e trasparenza verso la cittadinanza.

Tutti voi che ci leggete, cittadini comuni e associazioni, avete uno strumento che è stato sviluppato per questo tipo di azione: la legge sulla libertà di informazione (13). Questa è la legge che garantisce la libertà di informazione e l’accesso pubblico ai dati in possesso dei governi nazionali!

Chiunque può fare una richiesta di accesso ai documenti da parte di un team legale, ma anche in modo indipendente, allo stesso modo, per verificare in quali condizioni, in quali protocolli, in quali documenti i diversi Paesi hanno emanato decreti e leggi varie, e il contesto dell’emergenza Covid 19, ovviamente in relazione a quegli atti che erano la controparte delle restrizioni economiche e delle libertà personali.

A nostro avviso, ciò è necessario non per una sfiducia a priori, ma per un adeguato senso di cittadinanza e per un ruolo di controllo che si esercita democraticamente con gli strumenti disponibili proprio per questi scopi.

Se ritenete che sussistano le condizioni per legittimi dubbi sulla gestione di Covid-19 e il vostro governo non ha pubblicato tutti i dati, le opinioni e i “consigli” degli esperti dedicati all’emergenza Covid-19, che ha portato all’adozione di leggi con inevitabili forti ripercussioni sulla vita dei cittadini a breve e lungo termine, chiedete in prima persona l’accesso ai dati e ai rapporti originali!

La ripresa di questo provvedimento in vari Paesi aumenta la possibilità di far luce su come affrontare questa situazione di emergenza in relazione a Covid-19, dove il governo italiano ha posto il veto, almeno per il momento, a questa possibilità.

Siamo qui per sostenere tutte le parti interessate. In conformità con le nostre capacità, forniremo ulteriori chiarimenti e la nostra assistenza per capire meglio come è stata fatta la richiesta e come il governo ha deciso di rispondere.

Un’azione coordinata è particolarmente importante e utile perché dà un chiaro segnale del bisogno e della volontà di risposte delle persone e aumenta le possibilità di ottenere dati e risposte a questo proposito.

Grazie a tutti.

+++

Nota editoriale: Questo appello è stato pubblicato il 5 agosto 2020 con il titolo “Appello internazionale all’azione: Chiedete ai vostri governi di accedere ai dati tecnici e scientifici dell’emergenza Covid 19” sulla homepage dell’associazione italiana Corvelva.

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Degimages / scuriera

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort