“Reddito di base incondizionato” – una trappola pericolosa | Di Ernst Wolff

Un commento di Ernst Wolff.

Il mondo ha raggiunto una svolta storica con il crollo dei mercati finanziari nel marzo/aprile 2020. Dopo il crollo del prezzo del petrolio a seguito della recessione incipiente, il sistema finanziario globale ha potuto essere salvato solo creando la più grande offerta di denaro fino ad oggi e abbassando i tassi di interesse chiave a zero o quasi zero.

In altre parole, il prossimo crollo richiederebbe l’investimento di somme di denaro ancora maggiori e l’abbassamento dei tassi di interesse a livelli negativi per rilanciare il sistema. Ma dato che abbiamo già a che fare con le più grandi bolle dei mercati azionari, obbligazionari e immobiliari, queste scoppierebbero sicuramente e farebbero crollare il sistema per sempre. I tagli dei tassi d’interesse nell’area negativa, invece, rappresenterebbero la fine certa del settore bancario e quindi del core business tradizionale delle banche.

Entrambe le opzioni non sono quindi più un’opzione. Ma questo non è ancora l’intero dilemma che i responsabili si trovano ad affrontare. A ciò si aggiungono le conseguenze del blocco, ovvero licenziamenti, fallimenti di imprese e una crescita esponenziale del già insopportabile onere del debito, nonché la digitalizzazione in rapido progresso, che sta distruggendo sempre più posti di lavoro in tempi sempre più brevi.

Il crollo storico, quindi imminente, del mercato del lavoro porterà a un crollo senza precedenti della domanda e costringerà i governi a garantire che le persone che perdono il lavoro continuino comunque a consumare. Tuttavia, poiché le casse pubbliche sono vuote, ciò non può più essere fatto nel modo tradizionale, vale a dire pagando le indennità di disoccupazione e l’assistenza sociale dal bilancio nazionale, ma solo con la creazione di nuovo denaro da parte delle banche centrali.

È proprio qui che entra in gioco il progetto attualmente più importante dell’industria finanziaria, un progetto che viene portato avanti a ritmo serrato e che difficilmente viene notato dal pubblico: La creazione di moneta digitale della banca centrale.

Il piano è il seguente: Trasformare radicalmente il sistema bancario tradizionale, che non può più funzionare nelle condizioni che si stanno evolvendo. L’attività di deposito e di prestito da parte delle banche commerciali deve essere completamente abolita, e invece dei soliti conti correnti, di capitale o di risparmio, ogni cittadino avrà un solo conto presso la banca centrale.

Gli stipendi e i salari saranno versati su questo conto, le tasse saranno automaticamente detratte da esso e le sanzioni saranno trattenute in caso di violazione della legge. I titolari del conto potranno effettuare pagamenti solo attraverso questo conto. Tutte le transazioni diventeranno così trasparenti e comprensibili, e questo è il più completo controllo statale dei cittadini da parte dello Stato.

Naturalmente, un progetto di questo tipo incontrerebbe una notevole resistenza da parte della maggioranza della popolazione. Tuttavia, per superare questa situazione, i politici hanno già fornito alle banche centrali una bozza ripida: Le conseguenze del blocco, così come tutte le misure che si suppone siano state adottate per contenere la pandemia, permettono di dichiarare la valanga di crolli aziendali e licenziamenti di massa una “crisi della corona” pandemica, di cui non è colpa della politica ma di una malattia.

Si apre così la storica opportunità di introdurre la moneta digitale della banca centrale attraverso la porta di servizio: I politici potrebbero fingere di voler alleviare le sofferenze della popolazione causate dalla disoccupazione di massa e dall’impoverimento con l’aiuto delle banche centrali attraverso il “reddito di base incondizionato” sotto forma di denaro della banca centrale – e far sembrare la creazione del conto un atto di aiuto umanitario.

Se questo accadrà effettivamente non si può dire al momento. L’unica cosa certa è che il sistema monetario attuale è alla fine e che non c’è alcuna possibilità realistica di tenerlo in vita artificialmente a parte la moneta digitale della banca centrale.

Tuttavia, anche il denaro digitale della banca centrale non sarebbe una soluzione permanente, perché una volta arrivato nell’economia reale spingerebbe i prezzi verso l’alto e porterebbe direttamente a un rapido aumento dell’inflazione. Si tratta quindi fondamentalmente solo di un altro modo per ritardare i problemi senza risolverli.

Il presunto reddito di base “incondizionato”, anche se richiesto da molti benintenzionati, non è certo un progresso sociale, ma fondamentalmente una pericolosa trappola da cui sarà quasi impossibile sfuggire: Se la maggioranza vi cade dentro, allora, dopo le drastiche restrizioni democratiche degli ultimi mesi, sarà anche privata della sua libertà più importante, cioè della sovranità personale sulle proprie finanze.

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Peshkova / shutterstock

+++

Supporta KenFM ora: https://www.patreon.com/KenFMde

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort