Perdita della sovranità di interpretazione! | Di Anna Zollner

“Per quanto ne so… questo è adesso, immediatamente!

Un’opinione di Anna Zollner.

Quando Günter Schabowski lesse una nota nella conferenza stampa del 9 novembre, trasmessa in diretta dalla televisione e dalla radio della RDT, che gli era stata consegnata pochi secondi prima senza che fosse stato in grado di controllarla prima, fece la storia senza volerlo. Ha involontariamente annunciato che d’ora in poi ogni cittadino della RDT potrà lasciare il paese anche senza una speciale richiesta di partenza. Il regolamento, disse allora Schabowski – balbettando piuttosto che annunciarlo – “si applica immediatamente, per quanto ne so. Immediatamente!”

Così la RDT era storia. Il muro di protezione imperialista – o meglio la pralina di cemento più lunga del mondo – si era disintegrato, mettendo così in moto una gigantesca roccia geopolitica.

Il muro era più che il simbolo della divisione tedesco-tedesca e il Checkpoint Charlie più che un semplice posto di frontiera. La cosiddetta cortina di ferro correva lungo il confine tedesco-tedesco. Qui, in mezzo alla Germania, si sono incontrati due sistemi politici che si combattono fino alla morte. Ed entrambi hanno mostrato il loro rispettivo potenziale per sradicare il nemico a questo confine. La NATO, un’alleanza offensiva come possiamo vedere oggi, si opponeva al Patto di Varsavia, che, come la stessa CIA stessa ha poi confermato, era sempre e solo per difendere la Madre Russia. Anche i metodi scelti per questo sono stati tutt’altro che “il bel modo inglese”. Era anche un pugno brutalmente impressionante, che era sempre presente quando si adattava al Cremlino. Nel 1989, però, il Cremlino non era altro che una rovina intellettuale di se stesso, che, attraverso la nuova stella nel cielo sovietico, Michael Gorbaciov, ha cercato di salvare l’URSS dal crollo completo e soprattutto incontrollato.

Quello che è successo dopo è noto solo a pochi.

I consulenti occidentali, provenienti principalmente dagli Stati Uniti e dal settore dei servizi e della finanza, hanno utilizzato i successivi anni di incertezza e instabilità per sventrare il paese più grande del mondo in termini di superficie come un’oca di Natale. Il team della campagna di Clinton ha portato al potere il “contenitore di vodka” Boris Yeltsin ed è quasi riuscito a cedere tutte le riserve di petrolio e gas dell’ex URSS alla Exxon per 25 anni. In cambio, ai russi fu permesso di mantenere gli impianti di produzione, allora logori, dopo questi 25 anni. Secondo l’accordo con gli Stati Uniti, i russi non dovrebbero vedere un solo centesimo del profitto della vendita del petrolio.

Poco prima che il presidente russo Eltsin, sempre molto esitante, potesse firmare questo documento, ciò è stato impedito da un uomo che da allora è stato elencato come nemico pubblico n. 1 negli Stati Uniti, perché ha vanificato il più grande affare della storia degli Stati Uniti. Il suo nome: Vladimir Putin.

Putin aveva trascorso molti anni nella RDT durante la guerra fredda. Era un dipendente della CIA russa, cioè del KGB, parlava correntemente il tedesco e non era stato notato fino ad ora. Con il crollo del blocco orientale gli fu ordinato di tornare a Mosca. Era una luce molto piccola e attiva nella cerchia di Eltsin, ma, a differenza dei suoi compagni, non era ubriaco per sempre. Soprattutto Putin aveva quello che si chiama amore per la sua patria. Non poteva e non voleva vedere come la Russia morente veniva brutalmente sfruttata dall’Occidente. Ha raggiunto questo obiettivo. La Russia è tornata sulla scena mondiale e questo non rende più popolare quest’uomo dall’altra parte del grande stagno. Gli Stati Uniti avrebbero voluto conquistare il resto dell’URSS a un prezzo così basso come quella terra russa che oggi si trova sulla mappa del mondo sotto il nome di Alaska. Nel 1867, questo gigantesco paradiso russo passò di mano per un prezzo d’occasione di 7,2 milioni di dollari.

Torniamo in Germania nel 1989.

Ciò che allora non era scontato, la guerra fredda, secondo l’opinione unanime, era finalmente finita e si può solo dire che siamo stati fortunati ad essere sopravvissuti come famiglia umana. Parola chiave crisi di Cuba 1962.

Ora la pace nel mondo sarebbe all’ordine del giorno, ne erano certi, perché “la fine della storia” sarebbe la nuova grande opportunità per il disarmo globale. Sia classico che ideologico.

Quello che succede allora, la maggior parte non se ne sono resi conto fino ad oggi e che è voluto e reso in gran parte invisibile dalle masse statali e private.

Con il crollo dell’URSS e la caduta del Muro, la stampa di propaganda occidentale non è stata abolita, ma piuttosto caricata di un bi-turbo. L’élite occidentale, soprattutto l’aristocrazia ricca degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, ha riconosciuto il vuoto sul piatto eurasiatico che si era creato da un giorno all’altro. Quindi hanno fatto di tutto per accaparrarsi almeno una parte di questa torta.

Seguì l’espansione della NATO verso est e con essa una guerra criminale di aggressione contro il sovrano stato multietnico europeo della Jugoslavia. E la Germania appena riunificata? Proprio davanti.

I Verdi e la SPD hanno detto “sì” a 78 giorni di bombardamento di un paese europeo. In precedenza, i responsabili, Fischer e Schroeder, avevano fatto domanda a Bill Clinton a Washington per l’assistenza alla campagna elettorale.

L’accordo era semplice: i colleghi americani avrebbero usato i loro contatti nei mass media tedeschi per fare campagna per la SPD e i Verdi. Allora Helmut Kohl avrebbe dovuto dimettersi.

In cambio, i leader dell’SPD e dei Verdi sarebbero stati comunque presenti quando si sarebbe trattato di trasformare nuovamente i Balcani in un campo di battaglia. Interessi georeferenziati imperialisti in cambio delle carriere private di persone le cui cosiddette “convinzioni politiche” erano e sono soprattutto una questione di vanità personale. Se il Candidato X non fosse sicuro, un assegno in contanti potrebbe comunque contribuire al processo decisionale. Washington ne era certo.

L’unico obiettivo di tutte queste macchinazioni era quello di spostare gradualmente il confine militare della NATO controllata dagli Stati Uniti verso Mosca. Naturalmente, questa era solo una parte dell’esercizio, perché già allora era evidente il pericolo ben più grande per il nuovo ordine mondiale pianificato, cioè un impero americano che domina a livello globale.

Negli Stati Uniti, i geostrateghi hanno avuto la Cina sul loro radar per molto tempo e stavano già preparando tutto per resistere a Pechino, soprattutto nel Pacifico. Tutto questo avveniva ancora prima del lancio del più grande progetto di costruzione della storia dell’umanità: la nuova Via della Seta. Una strada una cintura.

Tutti questi piani a lungo termine sullo sfondo potrebbero essere preparati quasi inosservati, e questo solo perché i soliti sospetti potrebbero essere sicuri di una cosa. Le persone che già allora avevano capito la situazione generale, che avevano già decodificato i piani geopolitici dell’epoca, avevano assolutamente ragione, ma mancava loro qualcosa di cruciale. Non avevano accesso personale per raggiungere le masse in modo diretto e non filtrato, cioè “senza propaganda”. I mezzi di comunicazione di massa avevano una presa salda sull’opinione pubblica.

Quando gli Stati Uniti hanno cominciato a creare nuovi fatti in Medio Oriente con la seconda, poi terza guerra del Golfo, quando hanno tirato fuori tutti gli ostacoli con l’11 settembre 2001, per sincronizzare completamente la stampa occidentale in tutta la sua sfera di influenza, quando è stato proclamato il nuovo e finora valido motto “Chi non è per noi, è contro di noi”; quando tutto questo è successo, si è sviluppato anche Internet.

Sono emerse reti sociali autonome e autonome. Canali d’informazione privati. Chiacchiere. Con l’invenzione dello smartphone – un computer tascabile che può non solo inviare messaggi di testo, ma anche creare foto e video, con il quale è possibile trovare e distribuire qualsiasi informazione in rete in qualsiasi momento, e con il quale si è riusciti a trasmettere in streaming dal vivo per un bel po’ di tempo – al più tardi con questo armamentario tecnologico dell’omino, ci si sarebbe dovuti rendere conto in cima alla piramide che il monopolio dell’opinione costruita nel corso dei decenni non poteva essere mantenuto per molto tempo.

Con Internet e miliardi di utenti di smartphone, era emersa una mega macchina multimediale altamente individualizzata che non poteva più essere controllata.

Google, Facebook, Twitter, Instagram, TikTok, WhatsApp e Telegram, per citare solo i più noti, hanno involontariamente dato al cittadino medio la possibilità di armarsi intellettualmente in qualsiasi momento. E questo è esattamente ciò che i cittadini stanno facendo, perché anche la gamma dei cosiddetti media alternativi è cresciuta rapidamente.

La domanda che è stata a lungo nell’aria, ovvero quanto sia grande l’influenza di questi nuovi media, ha ricevuto una risposta inequivocabile dal 1° agosto 2020. È così grande che tra 200.000 e 800.000 persone provenienti da tutta la Germania si sono recate a Berlino, oltre a molte migliaia di cittadini svizzeri e austriaci, per resistere al regime di Berlino Corona.

Bisogna rendersi conto che i mass media hanno usato due metodi nella fase di preparazione all’evento per farne un flop. O hanno taciuto la chiamata di “Bündnis 711” da Stoccarda per andare a Berlino morto, oppure hanno cercato in tutti i modi di screditarla. Soprattutto le persone “indecise” dovrebbero essere impedite di venire.

Il colpo si è ritorto contro. Completamente.

Quando i media consolidati, i cani da guardia del sistema, si sono resi conto di quali masse si riversavano a Berlino, hanno inventato un numero di visitatori così assurdamente basso che ora anche l’ultima persona poteva vedere il panico negli occhi delle élite.

Le strade erano piene come ai tempi della Love Parade, l’umore era altrettanto pacifico, la gente era di buon umore, senza droghe, perché sperimentava l’effetto rinvigorente della democrazia viva e di prima mano; e i media parlavano di 17.000-22.000 persone contaminate che si erano recate nella capitale federale. Ma perché erano venuti qui? E chi erano queste persone?

Erano tutti covidioti? Erano negatori della Corona? Teorici della cospirazione, estremisti di destra, esoterici? Omeopati grezzi che hanno messo in discussione il diritto di Marte di esistere? Lizardmen? Putin-intenditori? Discepoli della briscola? Oppure erano ex allievi Waldorf con le cucine Boffi che ora erano controllate esternamente da Erdogan?

La risposta era così semplice che doveva essere nascosta collettivamente dai mass media. Erano semplicemente centinaia di migliaia di cittadini che volevano esprimere una sola cosa: Le misure di Corona sono del tutto eccessive e fanno più male che bene. Punto.

Ma è davvero necessario esprimere questo messaggio fondamentale attraverso la presenza personale davanti alla Porta di Brandeburgo?

La risposta è sì. Le immagini parlano più forte delle parole e le immagini prodotte erano gigantesche. Erano in diretta e per le strade della capitale tedesca. Perché lì? Perché non c’è altro modo di farsi sentire, perché dalla “crisi della Corona” i mass media sopprimono ogni voce che esprime dubbi sulle misure ufficiali. Anche gli esperti, i luminari nel campo della virologia o dell’epidemiologia non vengono ascoltati o i loro video nella stampa su Internet vengono cancellati. Anche questo fa parte delle misure igieniche?

Da mesi c’è solo un parere scientifico su Corona, ed è determinato da un virologo che è sul libro paga di Gates, da un veterinario che comanda l’RKI, da un banchiere che occupa il Ministero della Salute e da un fisico che ora soffre per la sua stessa gravità. Hanno tutti un’agenda comune e viene dall’esterno e dice: la normalità tornerà solo quando sarà stato trovato un vaccino contro la corona, e ogni bambino sa che i virus mutano.

Le nostre signore e i nostri signori del distretto governativo non lo sanno? Certo, ma Corona non riguarda Corona. Di cosa si tratta in realtà, tuttavia, si può supporre.

Il fatto è che Corona ha completamente diviso e intimidito il popolo tedesco. La gente vive isolata, indossa maschere in luoghi pubblici, parla molto meno con i vicini o li denuncia se le regole arbitrarie non vengono rispettate. Ufficio a casa, scuola a casa, tutti i termini inglesi. Le coincidenze sono totalmente in gioco.

Prima di Corona questo si chiamava isolamento o almeno arresti domiciliari. Gli anziani muoiono di solitudine, perché non possono più essere visitati dai loro parenti. I centri urbani tedeschi sono morti. Il commercio al dettaglio è ora gestito da giganti americani come Amazon o Ebay. Lavoro a tempo breve è la nuova parola per abbassare ulteriormente gli standard sociali. La violenza domestica è estremamente aumentata, il denaro contante viene sempre più respinto – per motivi igienici – presso un numero sempre maggiore di registratori di cassa.

E i media hanno riportato la stessa cosa su tutti i canali per settimane. Stanno mentendo. Con ogni parola. Costantemente. Sempre. Senza scrupoli.

Come fanno? Facendo passare senza dubbio i dati dell’RKI sulle nuove infezioni. Robert Koch oggi revocherebbe la licenza dell’istituto che porta il suo nome e farebbe causa ai responsabili.

È davvero così difficile da capire? È davvero così complicato? Chi fa più test, ottiene risultati più positivi. Se non si prova affatto, si potrebbe dire che Covid-19 è stato inventato. Si tratta sempre del rapporto tra i test e il resto della popolazione. Ed è chiaro da mesi che la pandemia è finita. Grazie a Dio.

Ma la pandemia non deve essere affatto finita, perché viene usata solo per qualcos’altro che sta succedendo in sottofondo. E cos’altro potrebbe essere?

Sia chiaro: l’economia globale soffre di sovrapproduzione e questa sovrapproduzione non viene quasi più ridotta, perché ciò che tradizionalmente veniva utilizzato a questo scopo si sta verificando sempre meno: le grandi guerre. Questo ha a che fare con l’aumento delle bombe nucleari. Chi fa esplodere una bomba atomica muore secondo.

Nonostante questo dilemma, le grandi società, che comprendono non solo le società di armamenti ma anche i gruppi farmaceutici, devono continuare a generare profitti crescenti. Perché non nell’industria farmaceutica, quando gli armamenti balbettano?

Chi si prende la briga di andare a pagina 90 del numero di luglio 2020 di Managermagazin rimarrà stupito. Si tratta dello stato dell’industria farmaceutica stessa, che a Corona ha contribuito a creare la sua grande opportunità per Reibach XXL. Non c’è praticamente nessuno stand di farmacie in cui Gates non abbia una grossa quota. Farà un grande profitto anche su Remdesivir, la nuova speranza contro Corona.

Nel libretto si legge che l’azienda produttrice si aspetta 5.000 dollari per paziente e per ciclo. Lo stesso Bill Gates ha detto nel Tagesthemen che il mondo – probabilmente intendeva il suo mondo degli affari – poteva tornare alla normalità solo quando 7 miliardi di persone erano state vaccinate.

Con cosa? Remdesivir? A un prezzo stracciato? Ma la cosa più importante della relazione in Manager Magazin è l’illustrazione di due barre, rossa e nera. Quelle rosse rappresentano le spese di ricerca dell’industria farmaceutica, quelle nere rappresentano il payout agli azionisti. È una coincidenza che tutte le barre nere siano in media un terzo o piuttosto il doppio di quelle rosse per la ricerca? No. I cosiddetti produttori di droga sono alla ricerca di denaro contante attraverso la banca. La salute è solo il modello di business.

Perché la crisi inventata può essere conclusa solo con un nuovo vaccino? Perché questo vaccino, quando sarà sviluppato, sarà stato trovato e finanziato con miliardi di soldi dei contribuenti. E nel corso del processo sono stati depositati innumerevoli brevetti, che apparterranno poi alla mafia farmaceutica privata.

Il contribuente finanzia i farmaci dei grandi giocatori e successivamente è obbligato dal suo stesso Stato ad acquistare la roba non sufficientemente testata a prezzi di fantasia? SÌ.

E tutto questo è sostenuto dai mass media, non facendo domande, ma piuttosto colpendo ogni cittadino E ogni collega che lo fa!

E un’altra cosa: la chiusura fa bene al clima. Il pianeta non ha mai salvato così tanti gas inquinanti come oggi. Ciò sarebbe necessario su base permanente. Ma come si potrebbe insegnare questo ad un sistema che dice costantemente alle stesse persone  Consumare, consumare, consumare! Ora la colpa è di Corona se domani il sistema andrà in crash e lo Stato dovrà introdurre un reddito di base molto limitato. Tutti possono ottenerlo se indossano una maschera e si vaccinano. Se non lo fanno, non otterranno nulla. Tutto questo è volontario!

Corona è solo un cavallo di Troia e ci porterà a pieno galoppo in una dittatura intelligente.

La nuova normalità è determinata dalle élite, proprio come quella vecchia, solo che ora chiunque può vederla, che si toglie la maschera dalla faccia e getta la TV fuori dalla finestra.

Nei media alternativi, a queste persone, che ora vedono di nuovo chiaramente, viene poi dato soprattutto l’indizio di non essere sole nel loro processo di risveglio. Ed è proprio qui che risiede il potenziale per un vero rinnovamento di questo Paese.

Il fatto che sempre più persone si stanno svegliando potrebbe essere visto chiaramente a Berlino il 1° agosto. Il fatto che i media sotto la Merkel abbiano taciuto o falsificato il tutto si addice alla donna che è stata socializzata dalla SED e che non ha mai attirato l’attenzione come un’opposizione nella RDT.  Merkel era ed è un seguace. Un apparatchik nel vero senso della parola. La sua vita è funzione, partito, ideologia.

Torniamo ai tempi del cambiamento.

Nell’89, quando migliaia di persone avevano già attraversato l’Ungheria, la televisione della RDT trasmetteva solo nuovi record nel raccolto di grano.

Merkel e Schabowski hanno qualcosa in comune: sono entrambi ideologicamente intrappolati e possono solo per caso contribuire a realizzare il cambiamento atteso da tempo, il vero punto di svolta.

È il momento di una vera democrazia. Democrazia diretta.

Il tempo della democrazia controllata dei partiti è finito e la perdita della sovranità di opinione non può essere invertita. Il Senato rosso-rosso-verde di Berlino ha condannato duramente la ribellione dei cittadini del 1° agosto 2020.

Il 1° agosto il TAZ, che ha fatto erigere un nuovo edificio per la redazione nella zona ad alto prezzo di Friedrichstrasse con sovvenzioni del Senato, non ha potuto fare nulla al riguardo. Il TAZ semplicemente non aveva la demo. Non una sola riga. Per non parlare del piombo.

La SPD contava su una manciata di nonne che cercavano di dichiarare diverse centinaia di migliaia di cittadini come diritti con il logo “Nonne contro Destra”. È pazzesco: come nonna, si è talmente ignari della storia che non si nota che la stampa è completamente sulla stessa pagina e che durante Corona siamo tutti finanziariamente messi in ginocchio, ma allo stesso tempo si cerca l’acquisto di 45 nuovi bombardieri americani. Il costo dei soli 30 F-18, 7 miliardi.

Il denaro avrebbe potuto essere investito anche in letti per terapia intensiva, personale infermieristico, respiratori o nell’assunzione di nuovi medici. Le nonne contro destra sembrano non averlo notato…

E anche l’Antifa ha avuto il suo grande giorno il 1° agosto 2020. Hanno radunato una truppa di 2.000 persone per manifestare contro la chiusura di un pub a Neukölln. Come sempre con il cosiddetto Antifa, indossavano più di una maschera. Sembravano completamente incappucciati e avevano con sé delle pietre da usare come argomentazione contro la polizia. Numerosi ufficiali sono rimasti feriti. La stampa tradizionale ha poi intelligentemente nascosto il numero esatto di questi feriti aggiungendoli al totale dei danni del 1° agosto.

Da notare: davanti alla Porta di Brandeburgo c’erano diverse centinaia di migliaia di cosiddetti teorici della cospirazione, spesso con carrozzine o cartelli come Gandhi, e non c’erano rivolte – a Neukölln, 2.000 cosiddetti sinistrorsi hanno causato molti poliziotti feriti, ma questo andava bene, perché i radicali indossavano maschere e cercavano di più che mantenere la distanza igienica dalla polizia. Potrebbe aver avuto a che fare con l’uso di gas lacrimogeni? Potresti voler vedere le foto di persona.

A questo punto va notato che quando decine di migliaia di persone si sono recate a Berlino in giugno, nell’ambito dei raduni della “Black Lives Matter”, erano molto più vicine che il 1° agosto alla Porta di Brandeburgo. È stato sciolto allora? Né a Berlino, né a Colonia, né ad Amburgo, né a Monaco di Baviera. Coincidenza? O intenzionale?

E ora? Il 1° agosto passerà alla storia, grazie ai media alternativi. Non importa se le immagini e il numero di visitatori sono stati poi riprodotti correttamente dalle notizie – cosa che non è avvenuta. Si è parlato di un massimo di 22.000 visitatori. Questi “professionisti” ovviamente non si erano ancora resi conto che già durante la manifestazione era sorvegliata da oltre un milione di persone attraverso vari flussi in diretta.

Lo capisci questo ad Amburgo? Milioni di persone lo hanno seguito in diretta su Internet. Sei arrivato troppo tardi.

Il Tagesschau avrebbe potuto benissimo iniziare la trasmissione in diretta di una partita di calcio tra Herta BSC e VfB Stoccarda, che VfB ha vinto segnando 7 gol senza subire un gol, il giorno dopo con il titolo Il gioco non ha avuto luogo. L’evento è stato interrotto dalla polizia alle 16.45.

Assurdo? No. È successo proprio così. Alle 16.45 era ufficialmente, quindi teoricamente, l’evento alla Porta di Brandeburgo si è sciolto. Solo che praticamente era impossibile.

Come possono meno di 1500 poliziotti sciogliere una folla di diverse centinaia di migliaia di persone? Le persone sono quindi rimaste sul posto fino a ben oltre le 19.30 e si sono scambiate informazioni, hanno realizzato video di prova per i loro amici e parenti e hanno pubblicato questi documenti orari in gran numero su Internet. Questo è successo molto prima che il cinegiornale si spostasse alla riunione di redazione. Questo si chiama “tempo reale”. Devi cercare su Google ad Amburgo.

Andiamo alla presunta cima della piramide! Amici lassù, quando vi renderete conto del potere dei nuovi media? Le persone si sono autonominate da tempo. Si sono spostati su Internet e hanno riposto la fiducia che i media consolidati hanno perso nei confronti dei media alternativi.

Questa è la nuova libertà di viaggiare. A Internet. E questa nuova libertà di viaggio vale, come direbbe Schabowski: “per quanto ne so … immediatamente. Immediatamente”.

Il 1° agosto 2020 è stato solo l’inizio, dottor Merkel. Lei e il suo regime avete perso la testa da tempo. Anche se non vuoi ammetterlo. Ecco com’è il potere. Ti rende anche cieco.

Il 1° agosto è stato solo l’inizio. Le cose si stanno muovendo velocemente, proprio come a Lipsia. La seconda ondata, la Dr. Merkel, che hanno annunciato solo perché da tempo è stata decisa da terzi al di fuori del loro modesto apparato di potenza, li spazzerà via personalmente.

Pensi di essere bloccato in sella? Lo pensavano anche il signore e la signora Honecker. Ma poi le cose sono andate in modo completamente diverso. Il nostro consiglio sarebbe quello di dimettersi ora con dignità. Ci dia le sue ragioni di salute… Corona.

E ai tanti che il 1° agosto si sono recati a Berlino per difendere non solo i propri diritti, ma anche quelli fondamentali dei loro figli, vorrei dire: Bravo! Finché ci saranno persone così coraggiose, il nuovo fascismo, non importa come si definisce attualmente, non ha alcuna possibilità. Se più come lei fosse sceso in strada nel 1933, il peggio si sarebbe potuto evitare. Avete imparato. Voi siete – anche se finora non la vedevate così – il nuovo movimento per la pace, perché vi opponete a un apparato che ha sottilmente dichiarato guerra a voi e alla prossima generazione.

Rimanete con lui! Fermo lì! State pronti! State all’erta! Rimanete per strada! Rimanete fino a quando il regime non se ne sarà andato! Abbiamo bisogno di una commissione d’inchiesta della Corona.

Indizi:

Eine Kommunikationspanne veränderte die Welt

https://www.youtube.com/watch?v=sNF_NwSySaU

Wahlkampfhilfe made in USA

https://www.journal21.ch/wahlkampfhilfe-made-in-usa

Schatzkammer zum Schnäppchenpreis

https://www.spiegel.de/geschichte/usa-kaufen-alaska-1867-von-russland-schatzkammer-als-schnaeppchen-a-1140752.html

Kubakrise 1962

https://de.wikipedia.org/wiki/Kubakrise

Francis Fukuyama: «Das Ende der Geschichte ist vertagt

https://nzzas.nzz.ch/notizen/francis-fukuyama-ende-geschichte-ist-vertagt-ld.152130

Belt and Road Initiative

https://www.beltroad-initiative.com/belt-and-road/

Krankenhäuser statt Kampfflugzeuge

https://www.lokalkompass.de/dortmund/c-politik/krankenhaeuser-statt-kampfflugzeuge_a1353639

Ausschreitungen bei Demo gegen Räumung von linker Szenekneipe

https://www.welt.de/vermischtes/article212700697/Syndikat-in-Neukoelln-Ausschreitungen-bei-Demo-gegen-Kneipenraeumung.html

tagesschau 02.08.2020 20:00 Uhr

https://www.tagesschau.de/multimedia/sendung/ts-38373.html

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Walter Cicchetti / Persiane

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort