Pandemic of Inhumanity – A Plea for a Humanity with Ego-Substance | Di Franz Ruppert

Essere soggetto o oggetto?

Un punto di vista di Franz Ruppert.

Gli esseri viventi sono soggetti, cioè si comportano verso il loro prossimo secondo i loro bisogni. Un essere vivente affamato reagisce in modo diverso alle offerte di cibo rispetto a uno che è pieno. Un essere vivente che teme per la propria vita agisce in modo diverso da uno che si sente al sicuro. Questo vale sia per il regno vegetale e animale che per gli esseri umani.

Le pietre non possono essere trasformate in un’eccitazione gioiosa con cibo gustoso. Né si può manipolarli spaventandoli facendogli credere che presto moriranno milioni di pietre. Le pietre sono oggetti. Pertanto, non devono resistere ad essere trattati come oggetti perché non ne hanno bisogno.

Anche i cellulari e i computer rimangono oggetti, anche se fingono di avere una vita propria, perché sono ancora attivi anche senza i nostri comandi di input. Tuttavia, essi sono controllati in background da altre macchine, che sono in ultima analisi il prodotto dell’uomo e quindi le sue esigenze.

Come organismi viventi, noi esseri umani siamo particolarmente capaci di essere soggetti. Non solo abbiamo numerose esigenze, possiamo anche dire “io”. Non solo siamo spinti da forze inconsce, ma abbiamo anche una volontà. Possiamo dire: io voglio questo e non voglio quello. Anche il cosiddetto “transumanesimo “1 è solo il risultato di bisogni umani e si pone sempre la domanda: quali sono questi bisogni? Umano, segnato dall’amore e dalla compassione? O disumano, motivato dalla paura e dalla rabbia?

Attacchi ai bisogni umani di base

La pandemia di Corona è un tentativo di trasformare noi umani in un branco di creature apparentemente senza me e senza volontà. Siamo degradati agli oggetti, come già si fa con i polli o i maiali nella produzione animale. Siamo ridotti al minimo nelle nostre esigenze di base dalle presunte misure di protezione dalla corona.

Nemmeno la respirazione libera è più possibile senza restrizioni. Tossire e starnutire per liberare il corpo da qualcosa di nocivo è quasi considerato antisociale e dovrebbe essere soppresso il più possibile. Chiunque abbia mai starnutito o tossito in una maschera sa di cosa sto parlando. Le maschere causano carenza di ossigeno e avvelenamento del cervello. Purtroppo, più il danno cerebrale progredisce, meno lo si nota. Che crimine incitare le persone a comportamenti autolesionistici! 2 3

Le nostre esigenze di contatto umano, di contatto con gli occhi, il corpo e la pelle sono improvvisamente presentate come altamente pericolose. Le nostre esigenze di comunicazione sono notevolmente ridotte o completamente soppresse da queste maschere indicibilmente brutte. Ci sediamo in silenzio su autobus e treni e ci perdiamo ancora di più nei mondi virtuali. Non siamo più tenuti a stare insieme e a fare conversazioni animate. Non dovremmo più cantare e ballare e cadere al collo con gioia quando il nostro club preferito ha segnato un gol.

Anche i nostri bisogni di autodeterminazione ci sono negati. Le persone non possono nemmeno uscire di casa quando vengono mandate in “quarantena” = custodia protettiva. Sì, dovrebbero anche rimanere chiusi in una famiglia in una stanza come una cella di una prigione. Il cibo dovrebbe essere passato loro dall’esterno o semplicemente posto davanti alla porta della loro cella. Libertà di movimento e di viaggio: se un paese o una città è definita come “area a rischio”, è meglio non andarci, in modo da non essere minacciati da questa custodia protettiva.

In “custodia protettiva” involontaria sono tutti coloro che ora possono vedere i loro parenti solo in case di riposo e di cura come un’eccezione e devono nascondersi dietro le pareti di plexiglas come se una visita ai loro partner, figli e nipoti fosse una visita in prigione. Inoltre, a molti non è più permesso uscire all’esterno, anche se sono abbastanza mobili per farlo. Ci si aspetta che subiscano la “morte sociale” che sicuramente accelererà la loro morte biologica.

Le madri devono partorire indossando maschere e ai loro neonati viene immediatamente somministrato un tampone per il naso in caso di sospetta presenza di corona. Probabilmente i neonati sono già morti.4

Di cosa o di chi dovrei avere paura?

In questo modo siamo tutti trattati come oggetti, con la presunta ragione di essere protetti da un pericolo mortale. Eppure questo pericolo mortale non esiste in questa pretesa totalità. Solo gli ultimi residui di virus corona vengono rilevati con milioni di test per far sembrare plausibile una minaccia pandemica. Coloro che risultano positivi, tuttavia, non sono automaticamente infettati. Chiunque potrebbe essere infetto è ben lungi dall’essere malato, ma ha a disposizione il suo sistema immunitario, che lo protegge a sufficienza. E anche se fossi malato, non infetti immediatamente le altre persone. Per farlo, avrebbe dovuto diffondere un numero considerevole di virus intorno a sé. Il mito del “superspreader” è uno dei tanti miti utilizzati per mettere in scena questa pandemia. Come se ogni graffio alla gola, ogni tosse e ogni raffreddore fossero già un segno inconfondibile di “Covid-19”. Non potrebbe essere più non scientifico, prevenuto e ideologico.

Questo costante panico-mongering è anche danni cerebrali. Per esempio, quando sono pieno di paura e di stress, a malapena riesco a ricordare i nomi. La paura ti rende mentalmente stupido. Dietro l’attuale messa in scena di una seconda ondata, voluta e sostenuta dai media, c’è ancora, come all’inizio della pandemia, l’intenzione di metterci tutti nella paura e nel terrore, in modo da farci desiderare la vaccinazione corona, che si suppone salvatrice. “Questa pandemia non finirà finché non sarà disponibile un vaccino”. Questo è stato affermato già a marzo. E’ anche sui giornali di chi vuole usare questa pandemia come strumento per i propri fini. Non è certo il benessere di tutti noi che è in gioco, altrimenti la salute fisica e mentale della popolazione mondiale non sarebbe messa a rischio in modo così massiccio. Anche i vaccini contro l’RNA, ancora completamente inesplorati, saranno tutt’altro che sicuri. Sono un esperimento umano con danni prevedibilmente irreparabili per molte persone vaccinate. Non è la SARS-CoV-2 che “uccide”, ma le presunte misure di protezione che vengono prese contro di essa.5 Quindi non è un virus che devo temere, ma coloro che strumentalizzano questo virus per perseguire il loro potere e i loro interessi commerciali su scala globale. Questa presunta pandemia di virus è una guerra delle élite del potere e del denaro contro l’intera popolazione mondiale.

La partecipazione è un must?

Questo gioco diabolico è facile da capire se rimango un soggetto come essere umano. Se invece mi permetto di diventare un oggetto, sono intrappolato. Ma nessuno può costringermi a leggere i giornali che alimentano il panico di Covid mentendo, imbrogliando e ingannando. Nessuno può dirmi di ascoltare questi talk show indicibili, in cui le stesse persone diffondono sempre le stesse menzogne. Nessuno può costringermi ad andare dal medico quando sento un graffio alla gola e ora in autunno mi cola di nuovo il naso. Nessun medico può essere indotto a fare immediatamente questo test PCR senza senso e senza senso e a testare tutti i suoi clienti “per la corona”.

Basta piangere quando un educatore descrive la situazione attuale degli asili con parole così chiare: “L’educazione è azione basata su scoperte filosofiche, sociologiche, psicologiche e, più recentemente, neurobiologiche. La pedagogia come disciplina teorica a sé stante è sempre stata discutibile e ora è ovviamente fallita. Corona ha dimostrato che non vale niente.

I buoni pedagogisti lo sanno da molto tempo: chi non ha cuore per i bambini dovrebbe tenere le mani lontano da queste professioni. Corona ha reso immediatamente visibile ciò che alcuni sospettavano: Ci sono educatori nella maggioranza che non hanno niente per i bambini. Sono intrappolati nelle loro stesse paure, manipolabili, compiacenti e non riflessivi. Non hanno un punto di vista proprio, quasi nessuna empatia e cacciano freneticamente e con obbedienza anticipata da una misura all’altra “6 .

Le società già gravemente traumatizzate si definiscono ora dall’alto in relazione alla SARS-CoV-2 come completamente malate: tutti sono potenzialmente infettivi e tutti possono potenzialmente infettare gli altri. Tutti sono impotenti alla mercé di questo presunto virus killer, il suo sistema immunitario non lo aiuta affatto e ha quindi bisogno di un salvataggio esterno: il vaccino! Tutte le persone sane sono malate, perché si possono infettare gli altri anche senza sintomi. La già ridotta comprensione della malattia nella medicina ortodossa viene portata ancora più in profondità. Una malattia apparentemente oggettiva – Covid-19 – che richiede un trattamento medico oggettivo e quindi fa di tutte le persone sane e senza segni di malattia l’oggetto di tali misure. I soggetti umani sono degradati a meri corpi in cui si possono cacciare a piacimento dosi redditizie di vaccino.

“Chi ha un martello cerca chiodi nel mondo!” Molte persone cadono inconsciamente in questa trappola psicologica. Essi applicano i loro schemi di pensiero e i loro metodi a tutto ciò che incontrano. Questo atteggiamento strumentale può anche essere consapevolmente abusato per i propri interessi. Ho qui il mio metodo di vaccinazione – dove sono le persone che posso vaccinare ora?

Per rimanere nella foto: La caccia a questo virus corona è infatti come inseguire una mosca con un martello. Non si prende la mosca, ma si demolisce l’intero appartamento.

La domanda del sistema è posta dal sistema

Esigere che noi umani mettiamo a rischio la nostra salute e la nostra esistenza per non sovraccaricare il sistema sanitario è un’ideologia di dominio senza cuore che mette tutto sottosopra. La gente dovrebbe essere presente per il sistema e non il sistema per la gente. Questa è la domanda più fondamentale dell’umanità: i sistemi politici ed economici sono per noi umani, o noi umani dobbiamo essere disponibili al dominio e agli interessi di profitto di tali sistemi, ora anche con il nostro corpo sano?

Se poi tutti coloro che espongono tali ideologie vengono insultati e sporcati, si dovrebbe conoscere un’altra legge psicologica di base. Le attribuzioni agli altri sono autodichiarazioni. Chi chiama gli altri “covidiota”, “radicale di destra” o “teorico della cospirazione” è tutto questo. La cui voce su Wikipedia è segnata da tali svalutazioni, il cui video su YouTube è stato censurato e cancellato, può essere sicuro di aver detto le verità che il potere dominante e le élite monetarie vorrebbero sopprimere.7 Dove la verità non può più essere detta, una società sprofonda nella follia e nella barbarie.

Poteri di autoguarigione umana

Dalle mie psicoterapeute, invece, so per certo: le persone diventano e rimangono sane quando i loro poteri di autoguarigione fisica e psicologica sono attivi. La vera guarigione viene dall’interno, da un soggetto che vuole vivere e crescere. Noi medici e psicoterapeuti possiamo solo dare lo spazio, il tempo e la nostra buona volontà per permettere che questi poteri di autoguarigione si sviluppino. Chi degrada le persone a oggetti ignora e blocca l’essenziale in loro: la loro volontà di vivere, le loro energie vitali e la loro gioia di vivere. Alla fine ne promuove la morte.

Essere un soggetto significa assumersi la responsabilità della propria vita. Essere un soggetto significa anche vedere le altre persone come soggetti e apprezzarle. Che bisogno dovrei avere come soggetto per degradare gli altri a un oggetto? Una cosa del genere accade a una persona solo se non vive se stessa come soggetto della sua vita, ma è guidata da impulsi interiori ai quali si sente impotentemente esposta. Secondo la mia esperienza terapeutica, questo ha molto a che fare con la traumatizzazione della prima infanzia. Solo coloro che sono stati feriti e ignorati nei loro bisogni primordiali dell’infanzia così presto non se ne accorgeranno da adulti quando umilieranno i propri figli o altri bambini come oggetti della loro educazione o delle loro presunte cure.

Guardate voi stessi

Spero quindi che tutti coloro che ora stanno orchestrando questa pandemia e che la considerano buona e che vi partecipano rivolgano finalmente la loro attenzione a se stessi e alla loro prima infanzia. Sulla loro vita nel grembo materno, sulla loro nascita e sui tre anni successivi. Sono sicuro che guarderanno in un abisso di paura, rabbia, vergogna e dolore. Purtroppo, però, la maggior parte delle persone, invece di guardarsi, cerca di distrarsi,

  • guardando verso l’esterno e verso gli altri.
  • pensando di dover risolvere i problemi degli altri che non li hanno.
  • evitando di essere il soggetto della loro vita e aggrappandosi a fatti apparentemente oggettivi che non esistono.

Il dolore di non essere stati notati e amati dalla propria madre da bambini è così profondo in molte persone che preferirebbero rinunciare ai propri bisogni o addirittura morire inconsciamente piuttosto che essere un peso per la propria madre. Inoltre, c’è un’enorme quantità di rabbia che non può essere espressa nei confronti della propria madre e del proprio padre, che di solito è anche traumatizzato, e che viene poi diretta contro i propri bisogni e quelli degli altri. In questo atteggiamento misantropo non rimprovero agli altri la loro felicità nella vita. Non dovresti stare meglio di me! Dovrebbero anche indossare queste maschere molto strette sulla bocca e sul naso, proprio come me! Non bisogna risparmiargli questa vaccinazione!

Per questo motivo lo dico qui volutamente a livello personale: non ho problemi con Corona e non ho bisogno di questo presunto aiuto e protezione! Neanche in questo caso mi farò convincere a parlare di un problema! Posso vedere con i miei occhi quando qualcosa è pericoloso per me o metterei in pericolo altre persone. Le strategie di sopravvivenza delle persone traumatizzate che interferiscono nella mia vita, la loro spietatezza traumatica e cieca, sono il pericolo più grande per me.

Questa è filantropia = “filantropia”?

Quindi, se ora gli amministratori e gli insegnanti delle scuole, i giudici e i funzionari di polizia, i dipendenti delle autorità sanitarie, i proprietari dei negozi e i loro dipendenti, i proprietari dei ristoranti e i loro camerieri controllano altre materie, cioè i bambini e i giovani, i clienti e gli ospiti, per vedere se indossano correttamente le loro maschere, sono esseri umani responsabili che rispettano la soggettività delle altre persone? Oppure sono solo gli scagnozzi di un cartello del potere e del denaro che agiscono in segreto con l’obiettivo di rendere tutte le persone su questa terra oggetto di vaccinazioni e di controllo totale? Che tipo di atteggiamento interiore è questo quando i creatori e i progettisti di sistemi disumani fanno riferimento a “vincoli pratici”?

Trasformare le persone in oggetti è disumano. Partecipare a questa disumanizzazione, sia come funzionario politico, giornalista o semplice cittadino, è irresponsabile nei confronti dell’umanità. Così, purtroppo, sorge l’assurdo che attualmente i soggetti umani si privino della loro dignità umana immaginando un presunto virus assassino. Disumanizzarsi e degradarli a oggetti. E questo in nome della tutela della salute! E questo in nome della “filantropia” = filantropia!

Mezzo anno fa non avrei osato pensare a quanto profondamente questa umanità possa ancora sprofondare nella sua ignoranza di se stessa e nella sua resistenza ad affrontare le proprie traumatizzazioni. A proposito, in questa pandemia inscenata apprendiamo anche che ci sono laboratori finanziati dallo Stato (ad esempio quello di Wuhan) dove si stanno facendo ricerche per progettare virus e batteri in armi mortali. Per esempio, si sta cercando di combinare i virus dell’antrace con i virus corona per renderli ancora più distruttivi.8 Il mio culo, quelli che hanno il potere e il denaro sono preoccupati per la salute delle loro popolazioni! Sono invischiati in dozzine di dinamiche tra perpetratori e vittime e stanno cercando con tutti i mezzi di trovare il modo migliore per uccidere i loro simili, che definiscono nelle loro menti come nemici – con l’energia nucleare? Con la chimica? Con la biologia? Che questo includa la distruzione collettiva sembra essere qualcosa di cui non si preoccupano. Hanno spezzato la compassione con se stessi, sono fisicamente congelati ed emotivamente congelati. Allora perché dovrebbero avere compassione per i loro simili?

Umanità con l’ego-sostanza

Finché sarà possibile, resisterò e alzerò la voce per non essere trascinato in questo abisso di cecità, stupidità, cinismo e presunta preoccupazione per il bene comune. So come voglio vivere e che voglio incontrare altre persone con amore e compassione. Non voglio mettere nessuno in soggezione e paura. Anche se mi arrabbio quando gli altri ignorano i miei bisogni e violano i miei limiti, non odio nessuno e sono sempre aperta alla soluzione costruttiva dei problemi. Se una cosa non mi piace e quindi non la voglio, non la faccio e non mi parlo di “vincoli di sistema”. Insieme ai miei colleghi eticamente responsabili, continuo ad offrire l’opportunità di guardare indietro al mio traumatizzante passato e di diventare libero per il mio ego e la mia volontà e per un autodeterminato, sano, perché amante della convivenza nel presente, dal quale c’è un futuro che vale la pena di vivere per tutti noi.

Fonti:

+++

Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Fonte dell’immagine: Jan H Andersen / shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

Supporta KenFM ora: https://www.patreon.com/KenFMde

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort