Nord Stream 2: nella headlock degli USA

Un commento di Hermann Ploppa.

Ted Cruz, senatore repubblicano del Congresso di Washington, candidato permanente alla presidenza degli Stati Uniti, e il suo collega Ron Johnson non esitano a scrivere e inviare una lettera di ricatto contro Edward Heerema. Heerema è direttore della società svizzera Allseas Group, che sta conducendo la costruzione del controverso gasdotto Nord Stream 2 in un consorzio. Sebbene non abbia accesso al mare, il gruppo svizzero Allseas Group possiede la nave più potente al mondo per la posa di tubi del gas sul fondo del mare. Nel migliore dei modi, i senatori Cruz e Johnson hanno minacciato il CEO svizzero con un forte stress se non avesse immediatamente smesso di posare tubi per oleodotti nel Mar Baltico.

In precedenza, il repubblicano Ted Cruz e la sua collega democratica Jeanne Shaheen avevano già stilato la cosiddetta “legge per proteggere la sicurezza energetica dell’Europa” in entrambe le sedi del Congresso di Washington. Una legge, onorevoli colleghi, non una risoluzione. Ora immaginate se il Bundestag tedesco approvasse all’unanimità una “legge per far rispettare la giustizia sociale nello stato americano del Texas”. Sarebbe bizzarro, e la comunità mondiale scuoterebbe giustamente la testa per una tale aberrazione dello spirito umano. Ma il fatto è che gli Stati Uniti sono qualcosa di diverso da un solo Stato tra tanti altri. Gli Stati Uniti hanno semplicemente il diritto del più forte dalla loro parte e si considerano invulnerabili. Finora ha funzionato bene, tranne che in Vietnam e in Iran.

E anche se il nostro ministro degli Esteri Heiko Maas deve tutto ciò che rappresenta in politica alle squadre filoamericane del nostro Paese, anche lui ha notato la palese violazione delle norme internazionali nel caso della politica sanzionatoria statunitense. Ha detto alle manovre di ricatto degli Stati Uniti: “La politica energetica europea è decisa in Europa e non negli Stati Uniti … Rifiutiamo gli interventi stranieri e le sanzioni con effetto extraterritoriale in linea di principio.

Il Dipartimento del Commercio di Altmeier era già più lassista: si prende atto “con rammarico” della legge del Congresso degli Stati Uniti (1). E la signora Merkel ha fatto capire che non si voleva mettere in moto la “spirale delle sanzioni” con le proprie contromisure (2). Molto umano. Sì, 2.100 chilometri dell’impressionante rete di gasdotti da Vyborg in Russia a Lubmin vicino a Greifswald sono già stati completati. Mancano ancora 300 chilometri, compreso il tratto dal confine danese ad Hannover. In realtà dovrebbe essere finito per l’ultimo dell’anno. Ma poi il governo danese era stato riluttante per un po’ di tempo a far passare un tratto del Nord Stream 2 nelle loro acque territoriali, cosa che ha richiesto molto tempo per essere completata. Questo è importante perché, alla fine dell’anno, scade un contratto con l’Ucraina, che aveva permesso il passaggio del gas russo in quel paese. Le disposizioni per la successione non sono ancora state prese.

È chiaro, quindi, che la lunga mano del nostro grande alleato, gli Stati Uniti, sembra arrivare abbastanza lontano nelle decisioni dei piccoli Stati europei confinanti con l’Europa. Ma poiché questo gioco temporaneo non può davvero fermare Nord Stream, ora questa legge di sanzioni. A proposito, la legge statunitense riguarda anche la tangenziale sud del Turkstream (3). Un altro progetto di gasdotto che trasporterà il gas russo attraverso il Mar Nero attraverso l’Ucraina verso i clienti dell’Europa occidentale. È tanto più comprensibile che il governo russo, qualunque sia la sua posizione sulle questioni di diritto internazionale, non abbia potuto lasciare la Crimea anche alla NATO. Turkstream sarebbe probabilmente caduto sotto le ruote della forza navale marittima della NATO. E’ dubbio che sia saggio da tali aspetti geostrategici che gli Stati Uniti abbiano costantemente lottato con la Turchia, la seconda potenza più forte della NATO, dopo il fallito colpo di stato contro Erdogan nel 2016. In generale, l’egemone malato e benevolo sta combattendo con sempre più “partner” in tutto il mondo, proprio come un alcolizzato che si è fatto portare via la sua ultima birra. Cina, Iran, Russia, Turchia – e ora anche l’Unione Europea. Solo frettolosamente dagli Stati Uniti i nuovi regimi fascisti installati in Brasile, Bolivia e chissà dove altri seguono ovunque sincronizzati ciecamente con il governatore del mondo in tutti gli errori e la confusione della geopolitica.

I combustibili fossili sono il succo della vita del dominio del mondo angloamericano (4). Gli Stati Uniti hanno imposto con estrema forza la fissazione di tutto lo sviluppo industriale sull’energia fossile. Con questa fissazione Pax Angloamericana aveva creato una macchina per stampare denaro. Per far rispettare il paradigma dei fossili sono state necessarie due guerre mondiali. Anche la Germania è stata colpita. Dopo la prima guerra mondiale, i due Stati paria Germania e Unione Sovietica si unirono e strinsero non solo un’alleanza militare strettissima con il Trattato di Rapallo nel 1922. La Germania si è procurata anche il petrolio sovietico, che è stato commercializzato in Germania in oltre 2000 stazioni di servizio, tra l’altro, dalla catena di stazioni di servizio sovietica DEROP. Dopo il colpo di stato del Reichstag, Adolf Hitler e la sua organizzazione nazista non solo hanno rotto l’alleanza militare con l’Unione Sovietica, ma anche l’efficientissima catena di stazioni di servizio DEROP per fare spazio alle compagnie petrolifere angloamericane. Sotto Hitler, il 90% dell’industria petrolifera tedesca era ora sotto il controllo angloamericano.

Dopo la seconda guerra mondiale, la Repubblica Federale Tedesca, recentemente rafforzata, iniziò ad acquistare gas naturale e anche petrolio greggio dall’Unione Sovietica. Già allora gli Stati Uniti hanno imposto all’Unione Sovietica un cosiddetto embargo sulle tubature. A quanto pare, come spesso accade, gli interessi di sicurezza europei sarebbero stati minacciati se il gruppo tedesco Mannesmann avesse venduto i tubi sovietici per le sue condutture. L’industria tedesca fu indignata quando l’allora cancelliere tedesco Konrad Adenauer cedette alle pressioni degli Stati Uniti e tradusse le sanzioni nelle sue leggi. Adenauer l’ha fatto solo per uscire a modo suo dall’impasse americana attraverso l’alleanza franco-tedesca con de Gaulle. Nella fase di distensione, i tubi della Germania occidentale potevano poi essere forniti all’Est, e da allora l’Europa occidentale ha ottenuto il suo gas principalmente dall’Unione Sovietica, da cui poi sarebbe emersa la Russia. E quando il nuovo guerriero del freddo Ronald Reagan ha cercato di intimidire ancora una volta l’Europa occidentale e ha chiesto la cessazione delle importazioni di gas dall’Est, gli europei hanno semplicemente ignorato le esortazioni del cowboy di Washington su larga scala.

Oggi, purtroppo, le carte sono mescolate in modo un po’ diverso. Dove un tempo il blocco sovietico e la Comunità europea erano vicini diretti, una cintura di Stati fedeli agli Stati Uniti separa ora la vecchia Europa dalla Russia. Dopo l’implosione del blocco sovietico, gli transatlantici hanno impiantato nuove élite negli ex Stati satelliti dell’Unione Sovietica, che sono state addestrate e istruite negli Stati Uniti. Oggi, gli Stati dell’ex Patto di Varsavia sono dominati da forze politiche che hanno un cuore molto più americano e sono anche molto più radicali sul mercato rispetto alle élite dell’ex Europa occidentale, che l’ex Segretario della Difesa statunitense Donald Rumsfeld ha deriso come “Vecchia Europa”. Vale a dire: gli Stati dell’Europa occidentale moderatamente proamericana con le loro politiche sociali ed economiche orientate al consenso sono modelli obsoleti.

Mentre in passato la Repubblica Federale Tedesca era lo studente modello degli americani, oggi gli Stati Uniti hanno grandi speranze per la Polonia. I governi polacchi, sia liberali che populisti di destra, stanno facendo grandi sforzi per portare a Washington ogni bastone immaginabile. Offrono miliardi di dollari agli Stati Uniti per l’apertura di basi militari in Polonia. Il governo polacco è riuscito da tempo ad aumentare il bilancio militare del paese a oltre il due per cento del prodotto interno lordo. Per poter acquistare con i soldi, naturalmente, solo attrezzature militari di produzione americana. Quando il presidente americano Trump ha visitato la Polonia, il governo ha annunciato che avrebbe acquistato volentieri grandi quantità di gas di fracking americano. Il denaro sprecato per gli Stati Uniti manca ovviamente nel bilancio sociale polacco. La qualità della vita in Polonia è ancora piuttosto modesta e l’esodo verso l’Occidente continua senza sosta. Allo stesso tempo, gli strateghi di Washington e di Varsavia stanno armeggiando con una nuova alleanza di Stati all’interno dell’UE, ovvero l’Intermarium. Intermarium è il nome latinizzato della parola polacca: “Miedzymorze”, che significa: tra i mari. Gli strateghi polacchi hanno riportato alla luce un concetto del loro ex politico Pilsudski, ovvero un’alleanza di Stati intorno alla Polonia dal Baltico al Mar Nero. Così, gli stati baltici di Estonia, Lettonia e Lituania, più Ucraina, Romania e Bulgaria, che girano intorno al sole polacco come pianeti.

Se questo concetto di matrimonio tra coniugi assumesse una forma più concreta, l’Europa occidentale, e la Germania in particolare, sarebbe ermeticamente isolata dai mercati dell’Asia e dell’Europa orientale. Si tratterebbe di un headlock geopolitico che potrebbe facilmente portare al totale soffocamento economico della Germania. Questa è la base del calcolo statunitense alla base degli attuali sforzi sanzionatori. E dobbiamo essere chiari su una cosa: la Russia ha tutte le opzioni possibili per muoversi verso l’Asia. Il nuovo sistema di alleanza della Shanghai Cooperation Organization (SCO) e la promettente opzione della Via della seta sono un biglietto sicuro per un futuro migliore per la Russia. Il presidente russo Putin può guardare con serenità gli ultimi atteggiamenti da cowboy di Washington.

Tuttavia, le cose si fanno più difficili per l’economia tedesca. E una casta tedesca di politici, quasi il novanta per cento dei quali proviene ormai da think tank e gruppi di pressione filo-americani, è completamente inadatta a compiere scioperi di liberazione contro la guerra economica americana contro la Germania. La guerra contro la VW, l’acquisto della marcescente società Monsanto da parte della Bayer per incomprensibili impulsi suicidi; la guerra contro la banca tedesca; e ora la guerra contro l’arteria energetica sotto forma di Nord Stream 2. Se la popolazione tedesca non forza ora un radicale cambiamento di paradigma, la headlock americana, lo sottolineo ancora una volta, si trasformerà in un soffocamento finale. Un’economia tedesca scollegata dai suoi mercati futuri è già in caduta libera, come è già evidente nell’industria automobilistica. A un certo punto la Germania esporterà solo orologi a cucù e i tedeschi guadagneranno i loro soldi come guide turistiche che guidano i turisti cinesi e russi attraverso il Duomo di Colonia.

Fonti:

  1. https://www.handelsblatt.com/politik/international/umstrittene-gaspipeline-feindlicher-akt-der-usa-bundesregierung-kritisiert-sanktionen-gegen-nord-stream-2/25327544.html
  2. https://www.tagesspiegel.de/politik/streit-ueber-nord-stream-2-merkel-will-keine-sanktionen-gegen-die-usa/25349702.html
  3. http://turkstream.info/
  4. Die nachfolgenden Darstellungen sind ausführlich erläutert in Hermann Ploppa: Der Griff nach Eurasien – Die Hintergründe des ewigen Krieges gegen Russland. Marburg 2019.

+++
Grazie all’autore per il diritto di pubblicazione.

+++

Riferimento immagine: Ksanawo / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni sulle possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort