New Normal Gleichschaltung | Di Mathias Bröckers

Un commento di Mathias Bröckers.

“Nuovi Normali” o “totalitaristi della Corona” è ciò che il satirico statunitense CJ Hopkins, con sede a Berlino, chiama la stragrande maggioranza dei suoi contemporanei, “il cui programma ideologico non ha più nulla a che fare con un virus attuale o con una minaccia attuale per la salute pubblica”. Perché è ormai perfettamente ovvio per chiunque non abbia ancora perso la testa che l’apocalittica ‘pandemia di coronavirus’ è stato un cavallo di Troia per introdurre la ‘nuova normalità’…”.

pastedGraphic.png

Nessuna parola gentile ed eretica in tempi in cui la Chiesa della Paura predica il pandemismo incondizionato da tutti i pulpiti dei media e non tollera dubbi o addirittura contraddizioni. Hopkins ha mostrato questa “Nuova Gleichschaltung normale” con l’esempio della recente “Tempesta del Reichstag”, di cui ho già indicato qui la goffa messa in scena. Goffo, perché anche una sola foto rende chiaro come una zanzara del Reich Citizen Mosquito (in alto a sinistra nella foto aerea collegata) sia stata qui trasformata in un elefante nazista, ma estremamente efficace, perché la stampa mondiale potrebbe semplicemente far svanire l’elefante nel distretto governativo, le pacifiche proteste di massa contro le ordinanze d’emergenza. Oppure – perché le sue dimensioni erano semplicemente impossibili da trascurare – poteva essere messo in un sacco con la messinscena nazista, che poteva poi essere meravigliosamente battuto. Al punto che non è stato nemmeno necessario chiedersi perché centinaia di migliaia di persone scendono in strada e se o in che misura le loro richieste e preoccupazioni siano giustificate.

Le domande sono pericolose, possono minare la vera fede banalizzando i pericoli diabolici e mortali dai quali solo i comandamenti e i rituali introdotti dalla Chiesa della Paura possono proteggere.  Così come la lotta contro la pericolosa illusione che l’avvertimento di un grande pericolo apocalittico si sia nel frattempo rivelato un falso allarme. Questi falsi allarmi si verificano sempre e ovunque e non sono una vergogna, certamente non per chi reagisce ad essi e adotta misure adeguate per scongiurare il pericolo. Dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato la pandemia e gli esperti internazionali hanno previsto una crescita esponenziale e milioni di morti, i governi non hanno avuto altra scelta se non quella di partire da questo “caso peggiore” e adottare misure di emergenza adeguate. Anche se queste sono le più drastiche restrizioni dei diritti fondamentali da quando è nata la Repubblica Federale Tedesca, l’obbligo di blocco/mascheramento/regolamentazione della quarantena era comprensibile: la diffusione esponenziale e il sovraccarico dei sistemi sanitari erano minacciati. Poiché le case di riposo e le case di cura non hanno potuto reagire in tempo al nuovo virus influenzale “Sars Cov-2” perché le maschere e i disinfettanti scarseggiavano, la stragrande maggioranza delle “morti per corona” proveniva da tali istituzioni e gruppi di età. Da maggio, tuttavia, lo spettro è finito, il tasso di mortalità è inferiore a quello degli anni precedenti senza Covid e 124 dei 34.000 letti di terapia intensiva in Germania sono attualmente occupati da pazienti Covid. La situazione è simile nella maggior parte dei paesi europei: I decessi sono quasi scomparsi dalle statistiche della corona, e questo nonostante “l’aumento di nuove infezioni”.

Si potrebbe facilmente giungere alla conclusione che il rischio di queste “infezioni” è piuttosto basso e chiedersi se le ordinanze di emergenza e le restrizioni legali siano ancora adeguate. Ma già tali domande sono pura blasfemia tra i “Testimoni di Corona” inviati dalle orchestre di panico nazionali, la nuova normalità non tollera alcuna deviazione e se fossero ancora predicate nel palazzo dello sport: “Volete una protezione totale contro le infezioni? La solidarietà e l’unità nella “guerra contro il virus” sono un must, chi non le rispetta si rende colpevole di aver sconvolto i militari e di aver messo a rischio vite umane. Anche se la grande manifestazione del 1° agosto non ha portato al sovraffollamento degli ospedali e nemmeno dei cimiteri, e nemmeno quella del 29 agosto lo farà, il Senato di Berlino non si illude di ordinare maschere obbligatorie per le future manifestazioni contro il ballo in maschera.

Eppure la fine del circo sembra essere in vista: il 3 settembre, l’Istituto Robert Koch segnala per la prima volta una diminuzione dei decessi: due vittime di Corona sono state apparentemente risuscitate. Tuttavia, le brutte battute su un attacco degli zombie covidi apparentemente non possono porre fine alla “situazione epidemica di importanza nazionale” proclamata dal governo federale a marzo, così come il fatto che il numero di “morti corona” è diminuito del 97% dal picco di marzo, la loro quota di tutti i morti è attualmente inferiore all’1%. Questo drastico crollo non ha però impedito ai chiromanti ufficiali della corona dell’RKI di valutare “il pericolo per la salute della popolazione in Germania come alto, per i gruppi a rischio come molto alto” da marzo. Tuttavia, dal momento che quasi nessuno è più gravemente malato o addirittura morente di Covid, si sta discutendo con “un numero crescente di casi” – con un qualche tipo di pericolo imminente, i “Testimoni della Corona” devono essere tenuti in linea.

Ma anche questo pilastro della pandemia comincia a sgretolarsi, perché dopo 6 mesi, anche il New York Times ha ormai notato quello che i critici di Corona come Wolfgang Wodarg hanno sempre detto: che i test PCR non misurano un’infezione o una malattia, ma solo la presenza di una navetta di DNA, che Drosten et.al. hanno attribuito al virus Sars-Cov2 e Covid19. Anche il premio Nobel per la scoperta della “reazione a catena della polimerasi”, Karry Mullis, aveva sempre sottolineato che il suo metodo PCR è uno strumento di laboratorio per l’analisi genica e non uno strumento diagnostico per le malattie. Un test positivo, quindi, non dice assolutamente nulla sul fatto che il virus si sia insediato nell’organismo e che la sua quantità sia sufficiente ad infettare gli altri. I “casi” o le “nuove infezioni” con il cui numero la popolazione è quotidianamente spaventata non sono quindi affatto presenti, perché questo test non è in grado di misurare se qualcuno è infetto o contagioso. Ma tutte le norme di emergenza e di quarantena si basano solo su questa discutibile base.

“Ma se, alla fine, i “Covidioti” hanno ragione?” ha chiesto la settimana scorsa alla “Neue Zürcher Zeitung”, avvertendo che “la comunicazione sul virus è crollata” deve essere ricostruita. Come ho già detto, non è una vergogna reagire a un falso allarme e prendere misure per scongiurare il pericolo, ma è scandaloso continuare questa protezione civile quando non c’è più nessuna catastrofe. I governi, però, sembrano essersi resi conto che in una chiesa della paura è possibile governare bene e, grazie alla “nuova normalità”, stanno ricevendo tassi di approvazione che altrimenti non oserebbero nemmeno sognare. Quando è successo che l’80% della popolazione pensa che le misure drastiche del governo vadano bene e il 20% vorrebbe vedere misure ancora più severe nell’igiene della corona? La novità della “nuova normalità” è che questa approvazione dell’80% apparentemente non è sufficiente; l’igiene del “totalitarismo patologizzato” (CJ Hopkins) richiede il 100%. Pertanto, la minoranza degli scettici, dei dubbiosi e dei critici deve essere resa ancora più piccola di quanto non sia e – se questo non funziona davvero in una manifestazione di massa – screditata per mezzo della messa in scena del Reichstag Storm.

Quindi non si tratta di una soppressione della comunicazione, che omette il grido di “dittatura Merkel”, così come quello di “Corona denari”, e non riduce più il conflitto a posizioni così assurde ed estreme. Perché nel mezzo c’è un gran bisogno urgente di chiarimenti – soprattutto l’adattamento delle misure alla situazione di pericolo reale e l’allontanamento dal panico multimediale con coriandoli numerici arbitrari. E tale chiarimento deve arrivare presto, perché la grande fine della pandemia deve ancora arrivare. Non sotto forma di “seconda ondata”, ma di una vera e propria crisi economica pandemica. I debiti e le conseguenze di serrate e quarantene sono ancora imbiancati e i mercati finanziari sono artificialmente ventilati dalle macchine per la stampa del denaro delle banche centrali, ma nell’economia reale il Crah è già arrivato. E rispetto a questa crisi, Corona era solo un preludio piuttosto innocuo, quasi come una normale influenza…

+++

Si ringrazia l’autore per il diritto di pubblicare l’articolo.

+++

Fonte dell’immagine: Veles Studio / Shutterstock

+++

KenFM si sforza di ottenere un ampio spettro di opinioni. Gli articoli di opinione e i contributi degli ospiti non devono necessariamente riflettere il punto di vista della redazione.

+++

Ti piace il nostro programma? Informazioni su ulteriori possibilità di supporto qui: https://kenfm.de/support/kenfm-unterstuetzen/

+++

Ora potete anche supportarci con Bitcoins.

Indirizzo BitCoin: 18FpEnH1Dh83GXXGpRNqSoW5TL1z1PZgZK

Auch interessant...

Kommentare (0)

Hinterlassen Sie eine Antwort